Xiaomi smartwatch: scopriamo quali sono i migliori sul mercato

Xiaomi smartwatch: scopriamo quali sono i migliori sul mercato

L'Amazon Prime Day 2021 sta per iniziare! Segui solo le VERE offerte sulla nostra pagina dedicata alle offerte Amazon Prime Day. Ricordati che per aderire alla campagna è necessario attivare un abbonamento Amazon Prime, gratis per i primi 30 giorni.

N.B. Questa guida all'acquisto, proprio come tutte le altre, è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo.

In questo articolo parliamo di Xiaomi smartwatch. L’obiettivo è offrivi una panoramica completa dei diversi prodotti in modo da aiutarvi nella scelta del dispositivo wearable che meglio soddisfa le vostre esigenze.

Xiaomi smartwatch: quale comprare

Se fino a a qualche tempo fa Xiaomi non produceva in modo diretto smartwatch, relegando il compito alle varie sussidiarie, oggi possiamo dire che c’è stata una svolta. Nascono infatti i Mi Watch nel 2020, e l’azienda finalmente si lancia nel settore, ma in modo molto furbo: per anni ha raccolto quelli che sono i risultati grazie a Huami e al suo brand Amazfit, ormai sul mercato da un po’ di anni.

Il brand Amazfit, anche grazie alle spalle forti di Xiaomi, ha saputo in questi anni capire quali sono le carte vincenti sul microsegmento degli indossabili. Se da una parte Amazfit è stata utilizzata per sperimentare, ad oggi possiamo però includerla tranquillamente tra i prodotti Xiaomi e sempre altrettanto validi rispetto ai Mi Watch ufficiali.

Vediamo però dunque ora di seguito quali sono i prodotti Xiaomi smartwatch che vi suggeriamo di acquistare.

La storia dietro Xiaomi smartwatch: parola d’ordine “Huami”

Xiaomi smartwatch

Il motivo per cui spesso si parla di “Xiaomi smartwatch” è legato alla collaborazione che il noto brand cinese ha avviato ormai da anni con l’azienda Huami. Tale collaborazione è nata con la commissione della produzione di un dispositivo importante per il settore, cosa che Xiaomi ha spesso fatto per i suoi nuovi “esperimenti”. Il dispositivo in questione era la prima Mi Band, braccialetto smart che abbiamo da sempre associato solo e soltanto a Xiaomi. Huami, con esperienza nel settore, l’ha confezionata generando un successo davvero notevole.

Da allora, i prodotti che casa Huami ha confezionato per Xiaomi sono stati svariati, fino alla recentissima Xiaomi Mi Band 5. Il rapporto tra Xiaomi e Huami continua, ma nel corso del tempo l’azienda che ha avuto la manifattura delle smartband del colosso cinese ha realizzato un nuovo brand: Amazfit. Gli “Xiaomi smartwatch” non esistono, ma quelli dell’azienda che ha prodotto le smartband di Xiaomi sì, e sono proprio gli Huami Amazfit, ormai conosciuti solo col brand “Amazfit”.

In questa guida approfondiremo dunque tutti i migliori modelli fra quelli che oggi l’immaginario classico associa ai modelli di Xiaomi smartwatch. La nostra cernita si basa sul seguire alcuni criteri di selezione al fine di far emergere solo i wearable più interessanti.

Display

Abbiamo iniziato prendendo in considerazione la qualità del display. Gli smartwatch, così come gli smartphone, prevedono un utilizzo davvero intensivo del pannello touch. Tramite esso non solo abbiamo modo di leggere le notifiche in arrivo, ma anche di avviare applicazioni, rispondere a messaggi, impostare profili di allenamento e controllare i dati raccolti durante tutta una giornata di attività fisica.

Selezionando gli Xiaomi smartwatch abbiamo così focalizzato la nostra attenzione nello scegliere wearable muniti di un display luminoso, di buona risoluzione, con la possibilità di essere utilizzato senza compromessi anche sotto la luce diretta del sole – cosa non di poco conto se si considera l’enormità di smartwatch economici che diventano quasi inutilizzabili all’aperto, proprio perché muniti di pannelli molto poco luminosi e non adatti al loro utilizzo sotto il sole. Utenti spinti dalla necessità di acquistare uno smartwatch spendendo poco possono fare affidamento all’Amazfit Bip, ovviamente munito di un display di buona qualità ma privo di alcune feature tipiche di Xiaomi smartwatch più costosi.

Sensori

Ulteriore criterio di selezione è la presenza di sensori di qualità. Lo smartwatch è sempre più un prodotto pensato per aiutare la gente a prendersi cura del proprio corpo. Tutti i dati raccolti durante la vita di tutti i giorni (passi, distanza percorsa, calorie bruciate, frequenza cardiaca, qualità del sonno, e molto altro), sono utilizzati per aiutare l’utente a muoversi di più, abbracciare uno stile di vita sano, abbandonare vecchie abitudini che a lungo andare potrebbero influire negativamente sul proprio corpo.

Questo lavoro può essere portato avanti solo se ci si affida a smartwatch con sensori precisi. Abbiamo quindi messo da parte tutti quei prodotti i cui sensori non fossero in grado di garantire qualità e precisione. Spesso, infatti, per tenere giù i costi di produzione, si preferisce inserire moduli discretamente abili nel tracciare i parametri visti poco più sopra, con il rischio di non dare all’utente un quadro completo della situazione. Se la presenza di tanti sensori non è il tuo obbiettivo primario, puoi tranquillamente fare affidamento ai primi smartwatch presenti nella guida; di contro, continuando a scorrere la guida, troverai soluzioni più costose ma con un numero superiore di sensori.

Autonomia

L’autonomia, infine, è l’ultimo aspetto che ci ha guidati nella scelta di Xiaomi smartwatch di qualità. Proprio per la natura di questi dispositivi, è davvero difficile oggigiorno trovare wearable con un modulo batteria capace di durare giorni e giorni. Spesso elementi come il GPS sono in grado di buttare giù la batteria in una manciata di ore, cosa che abbiamo tenuto bene a mente per evitare di consigliarvi smartwatch con una scarsa autonomia.

Durante la nostra selezione siamo quindi andati ad isolare prodotti con un’autonomia che non ti costringerà a ricaricare lo smartwatch ogni sera, o ad utilizzarlo avendo sempre il timore di ritrovarti con pochissima carica residua dopo qualche ore di attività fisica all’aperto. Ovviamente, però, puntando a soluzioni economiche come il Bip, potrai fare affidamento ad uno smartwatch con un’autonomia di qualche settimana, cosa che cambia puntando l’attenzione su Xiaomi smartwatch più costosi e muniti di tutta una serie di sensori che hanno un peso sulla batteria.

Capiti i criteri selettivi, passiamo ora ai dispositivi selezionati per voi all’interno della nostra guida.

Xiaomi smartwatch: i modelli ufficiali

Xiaomi Mi Watch Lite

Xiaomi Mi Watch

Xiaomi smartwatch: i modelli AmazFit

Amazfit GTS 2 Lite

Amazfit GTS 2

Amazfit GTR 2

Lascia un commento