Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Xbox Series X vs Xbox Series S: le due console a confronto

Xbox Series X vs Xbox Series S: le due console a confronto

di Federico Parravicini
Specialist Migliore console
aggiornato il 16 ottobre 2020
2 utenti hanno trovato utile questa guida
2 utenti hanno trovato utile questa guida
N.B. La guida Xbox Series X vs Xbox Series S è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Ottobre 2020.

Con Xbox Series X e Xbox Series S, Microsoft ha deciso per la prima volta di lanciare una nuova generazione di console con ben due modelli, che si differenziano non solo per le caratteristiche tecniche, ma proprio per il loro target. All’interno del confronto Xbox Series X vs Xbox Series S potrai trovare le caratteristiche e le differenze delle due più recenti console di Microsoft appartenenti alla famiglia Xbox. Una guida definitiva, dunque, per aiutarti nella scelta della migliore console per te.

Xbox Series X vs Xbox Series S: caratteristiche tecniche a confronto

Xbox Series X scheda tecnica

Nel confronto diretto tra Xbox Series X vs Xbox Series S, il primo modello rappresenta il modello di punta della rinnovata famiglia Xbox. Oltre alle maggiori potenzialità dal punto di vista tecnico, Series X rappresenta anche il modello più vicino al classico concetto di console casalinga. La scheda tecnica indica Xbox Series X come la console più potente in assoluto, puntando in larga parte su una configurazione hardware molto vicina ad un PC da gaming. Partiamo, dunque, con le specifiche nel dettaglio:

  • CPU: AMD Zen 2 a 7 nanometri Enhanced, octa-core con 16 thread logici; 8 core a 3,8 GHz (3,66 GHz con SMT)
  • GPU: Chip custom basato su hardware RDNA2 da 12,15 TFLOP e 52 CU a 1825 GHz
  • Supporto alla risoluzione 8K
  • Supporto ray-tracing via hardware
  • Memoria: SSD Custom NVMe da 1TB (2,4 GB/s in Raw, 4,8 GB/s compresso); memoria espandibile tramite SSD da 1 TB proprietario; supporto a HDD esterni tramite USB 3.2
  • RAM: 16 GB GDDR6 320 bit
  • Lettore Blu-Ray Ultra HD
  • Chip AMD per audio 3D
  • Retrocompatibilità con tutti i giochi Xbox One

Come anticipato, anche la sola presenza di un lettore ottico Blu Ray 4K rende Xbox Series X molto vicina al classico concetto di console da gaming. Questa presenza, in abbinamento alla totale retrocompatibilità con i titoli della precedente generazione di Xbox One, rende il passaggio a questo modello molto più morbido rispetto al passato.

Naturalmente, i dati che balzano più all’occhio sono sicuramente quelli relativi alla brutale potenza di calcolo, capace di garantire un notevole boost in termini di prestazioni e risoluzione. Non a caso, uno degli aspetti più criticati in passato era l’instabilità di diversi titoli a livello di framerate, spesso fino ad influenzare negativamente l’esperienza di gioco.

Framerate e risoluzioni supportati

In questo caso, invece, il mix tra potenza di CPU e GPU insieme alle altissime velocità garantite dalle nuove memorie SSD NVMe proprietarie permette di ottenere prestazioni decisamente più stabili e fluide, anche con titoli precedentemente impensabili. Il muro dei 60 fps, ad esempio, può essere infranto in diversi casi proprio con Series X per raggiungere valori di 120 fps precedentemente possibili solo su PC.

Dal punto di vista della risoluzione, nel confronto Xbox Series X vs Xbox Series S la prima variante promette esperienze di gioco fino ad una risoluzione 8K. Ovviamente si tratta di una questione di possibilità, più che di garanzia. Oltre al mercato dei TV 8K che ancora non riesce a prendere piede, specialmente per costi non proprio amichevoli, la questione della risoluzione 8K all’interno dei giochi si dovrebbe limitare a titoli molto specifici, più che alle produzioni tripla A. Questi ultimi, infatti, si divideranno tra esperienze 4K a 60 fps o 2K/1080p a 120 fps in base alle possibilità di sviluppo e, soprattutto, al genere.

Xbox Series S scheda tecnica

Passando al modello “entry level” della nuova famiglia di console Microsoft, Xbox Series S punta ad un’utenza decisamente più digitale. In questo caso, quindi, il passaggio da una console casalinga più tradizionale potrebbe risultare più complicato, puntando più che altro ad un focus sui servizi digitali. Prima di entrare nel dettaglio, elenchiamo le specifiche tecniche di Xbox Series S:

  • CPU: Processore AMD custom 8-core a 7 nanometri da 3,6 GHz (3,4 GHz con SMT)
  • GPU: Chip custom basato su hardware RDNA2 da 4 teraflops a 1550 GHz
  • Supporto risoluzione 1440p e 4K
  • Supporto Ray Tracing via hardware
  • Memoria: Memoria: SSD Custom NVMe da 512 GB
  • RAM: 10 GB GDDR6
  • Lettore ottico non presente
  • Chip AMD per audio 3D
  • Retrocompatibilità con tutti i giochi Xbox One

Partiamo, dunque, con l’aspetto che sicuramente differenzia immediatamente Series S da Series X, vale a dire l’assenza di un lettore ottico Blu Ray. Ciò significa che, esattamente come sperimentato già in passato con Xbox One S All Digital, questa console punta unicamente sulla riproduzione di giochi e contenuti in formato digitale. Il passaggio da Xbox One S a Xbox One X a Series S, quindi, comporta l’impossibilità a riprodurre tutti quei giochi che si possedevano precedentemente in edizione fisica. Al contrario, tutti i contenuti digitali possono essere tranquillamente utilizzati sulla nuova console.

Ovviamente, il focus principale sul mercato digitale pone in primo piano un servizio fondamentale come quello del Game Pass. Grazie alla corposa libreria offerta da questo servizio, basta una connessione a banda larga per poter accedere a tantissimi titoli in maniera rapida e decisamente più funzionale. Allo stesso modo, anche le dimensioni stesse della console giovano in questo caso di una riduzione drastica dell’ingombro, ma ne parleremo più nel dettaglio nella parte relativa al design di Xbox Series S.

Framerate e risoluzioni supportati

Per quanto riguarda, invece, le differenze sotto il profilo delle specifiche tecniche, Xbox Series S sacrifica in maniera decisa alcuni aspetti come processore e chipset grafico. Se, quindi, Xbox Series X punta tutto sulla potenza bruta fino a garantire prestazioni stabili a 4K e 60 frame al secondo, nel confronto tra Xbox Series X vs Xbox Series S, quest’ultima ha come obiettivo principale quello dei 1080p a 120 fps o dei 1440p a 60 fps. La presenza della stessa unità SSD NVMe, invece, non comporta alcun tipo di sacrificio dal punto di vista delle velocità di caricamento.

Xbox Series X vs Xbox Series S: caratteristiche e differenze di design

Nel confronto Xbox Series X vs Xbox Series S, in entrambi i casi il design delle console viene rinnovato in maniera importante, ma senza snaturare la filosofia alla base della precedente generazione Microsoft.

Xbox Series X design

Partendo proprio da Xbox Series X, il richiamo alla precedente Xbox One X è davvero forte, sia sotto il profilo delle linee, sia della colorazione. Mantenendo, infatti, una verniciatura nera opaca, Series X innova in maniera importante sulle dimensioni e sul form factor, pensato in questo caso per un utilizzo prevalentemente verticale.

La console di presenta con una forma a monolite, perfettamente regolare e liscia nelle linee ed offrendo un colpo d’occhio davvero affascinante. Un plus è rappresentato sicuramente dal sistema di dissipazione, che riprende ciò che di buono ed apprezzato era stato fatto precedentemente con il sistema di Xbox One X.

Sulla parte superiore, nello specifico, è presente una griglia di ventilazione, al di sotto della quale spicca un modulo in colorazione verde che, in abbinamento proprio alla griglia, simula un vero e proprio cuore pulsante verde fluo in puro stile Xbox.

La parte frontale, invece, mantiene un’estrema semplicità, con la presenza di un vano per il lettore Blu Ray, un pulsante per l’estrazione del disco, il pulsante di accensione posto direttamente sul logo Xbox e, infine, una porta USB di tipo A. Sul fondo, inoltre, è già presente un piedistallo pre-installato per facilitare il posizionamento verticale. Quest’ultimo non è removibile, ma rimane comunque ben nascosto anche nel caso si decida di posizionare la console orizzontalmente.

Xbox Series S design

La seconda versione della rinnovata famiglia Xbox, dal canto suo, punta tutto sulla compattezza. Se da una parte l’altezza delle due console è quasi del tutto paragonabile, con Series S leggermente più bassa, è proprio nello spessore generale che l’edizione digitale spicca per dimensioni più portatili. In buona sostanza, è quanto di più vicino si possa trovare rispetto alla precedente Xbox One S, di cui Series S riprende anche la colorazione bianca.

Una differenza sostanziale, al di là della già citata assenza del lettore ottico Blu Ray, è nel sistema di dissipazione, in cui la griglia assume in questo caso una colorazione nera che crea un contrasto netto all’interno delle linee della console.

Porte e collegamenti

Dal punto di vista delle possibilità di collegamento, il confronto Xbox Series X vs Xbox Series S non porta sostanziali differenze tra le due varianti. In entrambi i casi è presente sul retro una nuova porta HDMI in versione 2.1. Rispetto allo standard precedente, le porte HDMI 2.1 supportano i 120 Hz anche ad una risoluzione 4K, ed è al momento supportata unicamente da TV di ultimissima generazione e di fasci decisamente elevata.

Naturalmente, anche con TV e monitor provvisti di una classica porta HDMI 2.0 è possibile utilizzare sia Xbox Series S, sia Xbox Series X, ma limitando la risoluzione massima a 4K e 60 Hz. A questo si aggiungono altre due porte USB 3.1, una porta Type-C, un ingresso Ethernet per la connessione cablata e la porta per l’alimentatore. Quest’ultimo è già integrato all’interno del case in entrambi i modello di Xbox.

Un’ultima porta, proprietaria, è riservata all’espansione di memoria tramite schede ad hoc. Al momento è Seagate a proporre sul mercato soluzioni compatibili con questo formato, con un modello da 1 TB proposto al prezzo di listino di 259€.

Controller

Dal punto di vista delle novità nel controller, quest’ultimo aggiunge qualche piccola funzionalità senza però rinnovare integralmente il design di base. Il form factor rimane pressoché identico: sulla parte dorsale si segnalano unicamente la presenza di un tasto centrale aggiuntivo per la condivisione rapida di contenuti come screenshot e registrazioni video, mentre la croce direzionale assume un design più circolare per agevolare movimenti più fluidi.

Un’importante novità, invece, è presente sul retro, in cui la connessione Micro USB lascia finalmente spazio ad una porta USB Type-C reversibile. Per quanto riguarda l’alimentazione, invece, il controller di Xbox Series X e Xbox Series S mantiene ancora una volta un vano per due batterie di tipo AA, preferibilmente ricaricabili. In alternativa, è comunque venduto separatamente un kit play and charge con batteria al litio ricaricabile che promette meno difetti rispetto alla proposta della scorsa generazione di Xbox One.

Xbox Series X vs Xbox Series S: quale comprare

Una volta viste le caratteristiche principali di ogni modello della nuova famiglia Xbox, la domanda definitiva è quale comprare delle due?

Perché comprare Xbox Series X

Principalmente, Xbox Series X è indirizzata ad un’utenza che si aspetta un passaggio più tradizionale rispetto alla passata generazione, puntando ancora una volta sull’acquisto di giochi sia in formato digitale, sia in formato fisico su disco. Secondariamente, Xbox Series X è la console per chi punta su un cambio generazionale anche sotto il profilo dell’evoluzione tecnica, cercando uno stacco più netto a livello di prestazioni e di qualità grafica.

Una considerazione importante da tenere a mente è: ho bisogno di Xbox Series X in abbinamento ad un PC da gaming? In questo caso la risposta è no, considerando l’intenzione di Microsoft di estendere tutte le proprie esclusive anche al mercato PC anche tramite la piattaforma Xbox Game Pass Ultimate.

L’acquisto di Xbox Series X, dunque, è indirizzato in particolar modo a chi cerca la miglior casalinga senza compromessi, da utilizzare comodamente dal proprio divano e collegato alla TV del salotto. Una console che punta tutto sulla qualità e sulle prestazioni, ma senza sacrificare nulla dal punto di vista della quantità di funzioni e servizi.

Perché comprare Xbox Series S

Per quanto riguarda Xbox Series S, invece, il modello All Digital di Microsoft rappresenta la soluzione migliore per chi cerca la massima immediatezza nell’esperienza di gioco; senza quindi puntare la maggiore attenzione sullo stacco grafico. Pur garantendo un aumento nelle prestazioni e puntando ad una risoluzione superiore di 1440p, Series S è di fatto la console del Game Pass.

Considerando la quantità di giochi disponibili su questa piattaforma e la possibilità di contare sul nuovo servizio di cloud gaming integrato al lancio, Xbox Series S è perfetta se si cerca una console dove giocare comodamente dal proprio salotto, ma in alternativa lasciando la possibilità di passare immediatamente ad un PC da gaming sincronizzando in pochi secondi i progressi di gioco.

Xbox Series X vs Xbox Series S: differenze di prezzo e disponibilità

Vediamo, infine, le possibilità di acquisto, il prezzo e il periodo di lancio delle due console.

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

Xbox Series X prezzo e data uscita

Xbox Series X sarà disponibile a partire dal 10 novembre 2020, al prezzo di 499€. In confezione, oltre alla console, è presente il controller wireless e la cavetteria necessaria ai vari collegamenti. Al momento non sono previsti bundle in accoppiata a giochi o servizi, ma ci aspettiamo in ogni caso che anche la confezione base contenga un periodo di prova gratuita di Game Pass.

Puoi acquistare Xbox Series X su Gamestop.

Xbox Series S prezzo e data uscita

Passando a Xbox Series S, anche in questo caso la data di uscita è fissata al 10 novembre 2020. A differenza di Series X, però, il prezzo è in questo caso decisamente più interessante. Potete acquistare Xbox Series S, infatti, al prezzo base di 299€.

Puoi acquistare Xbox Series S su Amazon o se preferisci su Gamestop

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

2 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Federico Parravicini tramite i commenti.