Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
TV Box Android migliore: la nostra guida all'acquisto

TV Box Android migliore: la nostra guida all'acquisto

di Federico Parravicini
Specialist Smart Home
aggiornato il 21 febbraio 2020
2 utenti hanno trovato utile questa guida

Iniziamo questa nuova stagione con una musica completamente diversa e, soprattutto, in HD! Arriva Amazon Music HD, il servizio di streaming audio che spinge tutto sulla risoluzione massima ULTRA HD. Più di 60 milioni di brani a vostra disposizione, con un prezzo pari a 14,99€ al mese per tutti i clienti Amazon, oppure di 5€ aggiuntivi al mese per tutti i clienti Amazon Music Unlimited (abbonamento individuale o family).

Non sapete se ne vale davvero la pena? Se avete delle buone cuffie o un bell’impianto audio, vi assicuriamo di sì ma… non temete, potete provarlo senza impegno. Sì, come al solito Amazon permette di provare il servizio in anticipo e senza impegno, in questo caso fino a ben 90 giorni di utilizzo. Volete attivare la prova? Vi basta recarvi a questa pagina informativa e procedere eventualmente con l’avvio del periodo di prova!

N.B. La guida TV Box Android migliore è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Settembre 2020.

La seguente guida ti supporterà nella scelta del TV Box Android migliore per te. Potrai trovare in questo articolo un’analisi approfondita di questa categoria di prodotti per aiutarti nell’acquisto del miglior decoder Android.

TV Box Android migliore: quale comprare

Nonostante la crescita esponenziale delle Smart TV all’interno delle case di tantissimi utenti, i TV Box rappresentano ancora una scelta saggia non solo per ottimizzare le spese evitando l’acquisto di altre Smart TV all’interno della propria abitazione, ma anche per accedere ad alcune interessanti funzioni che molte Smart TV di fascia medio/bassa non possiedono. Tra tutte le possibili varianti nella cateogoria dei set top box, l’acquisto del miglior TV Box Android rappresenta ad oggi la scelta più sensata.

Il sistema operativo di Google ottimizzato per le TV, è pur vero, non è nato sotto la migliore stella. Da una parte, la comodità di poter accedere a tante applicazioni con una versione ad hoc del Google Play Store, ma dall’altra una serie di limitazioni che non permettevano di sfruttare pienamente Android TV. Negli ultimi anni, in ogni caso, Android TV è cresciuto esponenzialmente sia come diffusione, ma soprattutto come qualità del servizio, rappresentando ad oggi il sistema più completo per un box TV.

TV Box Android, ossia come trasformare TV in Smart TV

La necessità principale che porta l’utente ad acquistare il miglior TV Box Android sul mercato è molto semplice: trasformare la propria TV in una Smart TV con una spesa decisamente più contenuta, almeno nella maggior parte dei casi. Per quanto il mercato dei televisori dotati di funzioni Smart si sia decisamente ridimensionato verso prezzi più abbordabili, non in tutti i casi si ha la possibilità o il desiderio di sostituire la propria TV di vecchia generazione con una Smart TV. Per questa evenienza l’acquisto del TV Box Android migliore è una scelta più che giustificata, grazie alle tante possibilità di questa categoria, in grado di soddisfare ogni tipo di esigenza in termini di funzioni e di spesa.

Ma vediamo ora quali caratteristiche bisogna considerare nell’acquisto del TV Box Android migliore.

Processore

Il vero cuore pulsante di ogni decoder Android è senza dubbio il processore. Negli anni si sono susseguiti diversi prodotti dotati dei processori più disparati, compresi alcuni esemplari dotati di CPU Intel Atom. Oggi il TV Box Android migliore è sicuramente quello dotato di processore ARM, architettura con cui vengono sviluppati la maggior parte dei processori per smartphone. In questo modo viene garantita grande compatibilità in termini di applicazioni e giochi, specialmente per quelle app che dispongono di una versione universale sia per smartphone, sia per Android TV.

Dispositivi come Fire Stick TV e Mi Box dispongono proprio di questa architettura, con CPU Cortex in grado di gestire ogni tipo di servizio senza particolari rallentamenti; sempre se supportati da un buon quantitativo di memoria RAM, che analizzeremo in seguito.

L’unica eccezione importante è rappresentata da Nvidia Shield e dal suo processore proprietario Tegra. L’architettura è appartenente alla stessa famiglia ARM, tuttavia i processori Tegra, in particolare l’ultima versione Tegra X1, spicca per una potenza nettamente superiore alla media.

Memorie RAM

Altra importante caratteristica da valutare per l’acquisto di un decoder Android è la memoria RAM. Un errore comune, tuttavia, è quello di considerare il TV Box Android migliore come quello con il maggior quantitativo di RAM. A differenza del processore, che è il vero motore che fornisce reattività e fluidità al sistema, la memoria RAM è detta “volatile”. Cosa significa? Maggiore è il quantitativo di RAM, maggiori sono le possibilità del sistema di mantenere in memoria più applicazioni contemporaneamente. Se si è abituati a passare rapidamente da un’applicazione all’altra in maniera rapida e senza perdere il momento in cui la si è lasciata all’ultimo utilizzo, la RAM è fondamentale.

Viceversa, se si utilizzano poche applicazioni e per la maggior parte una per volta, in questo caso si può anche scendere a qualche compromesso per spendere una cifra inferiore. Per fare qualche numero, in ogni caso, è quantomai sconsigliato acquistare un decoder Android con un quantitativo inferiore a 1 GB di RAM. Con 2 GB si avrà certamente il TV Box Android migliore per ogni tipo di necessità.

Spazio di archiviazione

Lo spazio di archiviazione di un decoder Android ha un’importanza assolutamente relativa. Di base, il TV Box Android migliore dispone generalmente di una memoria interna da 8 o 16 GB; 4 GB nel caso di dispositivi più economici. Principalmente lo spazio di archiviazione serve per l’installazione di applicazioni e per il sistema operativo, tuttavia si può incontrare la necessità di caricare sul decoder Android file multimediali come musica, foto e video.

In questo caso è consigliabile optare per il TV Box Android migliore dal punto di vista delle porte USB a disposizione, in modo da affidare ad un hard disk esterno il compito di archiviare tutta la propria libreria multimediale.

Connettività

La connettività Wi-Fi è una funzione praticamente imprescindibile quando si cerca il TV Box Android migliore. La possibilità di collegarsi alla rete è necessaria non solo per i servizi di streaming, ma anche per la prima configurazione del dispositivo e per i successivi aggiornamenti.

Per questo motivo, la quasi totalità dei decoder Android è provvista, ovviamente, di questa specifica; ma anche in questo caso si può voler optare per soluzioni più o meno performanti. La prima variabile da considerare è la presenza di una scheda Wi-Fi Dual Band, ossia con la possibilità di collegarsi ad una rete con banda 2,4 GHz e 5 GHz. Questo perché, in presenza di diversi prodotti collegati alla stessa rete, la banda a 5 GHz permette di ridurre le interferenze ed ottenere un ambiente di rete più stabile per la riproduzione dei contenuti.

Secondariamente, un’altra caratteristica da ricercare nel TV Box Android migliore è la presenza di un ingresso Ethernet. La possibilità di collegarsi ad una rete in maniera cablata, infatti, permette di ottenere le massime prestazioni in termini di velocità e stabilità, ma permette anche di facilitare la creazione di un server multimediale tramite Kodi o Plex.

Porte

Anche in questo caso si devono considerare delle presenze fondamentali sul TV Box Android migliore. La prima, naturalmente, è la presenza di una porta HDMI. Inutile aggiungere che una porta HDMI è alla base del funzionamento di un decoder Android e, in caso voleste collegare il TV Box ad un vecchio apparecchio sprovvisto di un ingresso HDMI l’impresa si rivelerebbe del tutto impossibile. Non esistono, infatti, decoder Android dotati di uscite VGA o Component per questo tipo di utilizzo.

La seconda caratteristica è la presenza di porte USB. In questo caso vale il discorso fatto per la memoria di archiviazione. Le porte USB consentono di espandere la memoria interna del TV Box, sia come memoria primaria per l’installazione di nuove applicazioni, sia per utilizzare una pen drive o un hard disk esterno come libreria multimediale. Inoltre, è necessario controllare che le porte USB presenti rispettino lo standard USB 3.0 per poter garantire le migliori prestazioni quando si vuole riprodurre un contenuto multimediale; specialmente in presenza di filmati ad alta risoluzione come il 4K ad alto bitrate.

Sistema operativo

Potrebbe sembrare una banalità parlare di sistema operativo nel momento in cui si è alla ricerca del TV Box Android migliore. L’OS Android, infatti, è alla base di questa selezione. Tuttavia questa non è una voce da sottovalutare, specialmente dal punto di vista della versione del sistema operativo.

Oggi, la versione più recente di Android è la 10, detta anche Android Q. Tuttavia, per quanto riguarda la versione Android TV dedicata proprio ai decoder Android, il software è ancora fermo alla versione 9.0 Pie. In linea di massima, tutti i dispositivi di questa categoria con Android 8.0 e successivi permette di ottenere un’esperienza decisamente completa, con una perfetta integrazione anche con i principali assistenti vocali; in particolare con Google Home.

Discorso a parte, invece, per quanto riguarda Fire Stick TV. In questo caso il TV Box di Amazon monta una versione totalmente personalizzata del sistema operativo chiamata, appunto, Fire OS. La base su cui si fonda questa versione è comunque Android, con tutte le applicazioni presenti sullo store Amazon del tutto equiparabili a quelle disponibili su Google Play Store in un qualunque decoder Android.

TV Box Android migliore per qualità/prezzo

Fire TV Stick

Inizialmente, una delle soluzioni più comode e compatte per trasformare una vecchia TV in una Smart TV era sicuramente Google Chromecast. Il piccolo dongle HDMI di Mountain View aveva dalla sua il vantaggio di nascondersi dietro il televisore e di poter condividere sul grande schermo ogni tipo di contenuto proveniente dal proprio smartphone. Tuttavia, un grande svantaggio era proprio la convivenza forzata con lo smartphone, che ne limitava le possibilità di dispositivo stand alone.

In questo senso, Amazon ha trovato una risposta assolutamente perfetta con Fire TV Stick. La filosofia di base rimane la stessa: offrire tutte le possibilità di una smart TV all’interno di un dispositivo compatto e capace di nascondersi direttamente dietro il televisore. Tuttavia, a differenza di Chromecast, in questo caso ci troviamo di fronte ad un decoder Android totalmente indipendente.

Per quanto Fire Stick TV non monti il classico OS Android TV, la base rimane esattamente la stessa, con la possibilità di accedere alle medesime applicazioni Android direttamente dallo store Amazon accessibile dal dispositivo. Tra queste non mancano, ovviamente, tutte le principali piattaforme di streaming e On Demand come Prime Video, Netflix, Rai Play, Infinity e tante altre.

A livello di connettività, Fire TV Stick presenta un sistema Wi-Fi Dual Band a doppia antenna, abbastanza potente da collegarsi ad un router posto anche ad una considerevole distanza. Non manca il Bluetooth, in versione 4.1, con cui è possibile collegare dispositivi esterni come cuffie wireless o sistemi audio dotati di questo tipo di connessione. In dotazione è presente anche un comodo telecomando Bluetooth che integra tutte le principali funzioni per comandare a distanza Fire TV Stick.

Oltre alle funzioni basilari per controllare la riproduzione dei contenuti, la nuova versione di questo decoder Android presenta anche un pulsante dedicato alla ricerca vocale. Fire TV Stick, infatti, si integra alla perfezione con l’ecosistema Amazon Alexa.

Non manca qualche piccola nota negativa. Tra queste, l’assenza di una porta USB che impedisce l’espandibilità della memoria interna. Secondariamente, la connessione tramite ethernet è possibile, ma solo tramite un adattatore apposito e venduto separatamente. Nonostante queste piccole mancanze, Fire TV Stick rimane il TV Box Android migliore per rapporto qualità/prezzo.

In alternativa Fire TV Stick è disponibile nella variante Fire Stick TV 4K.

TV Box Android migliore per il 4K

Xiaomi Mi Box S

Per chi è alla ricerca di un decoder Android completo in tutte le funzioni e caratteristiche, compreso l’abilitazione ai contenuti 4K e HDR, Xiaomi Mi Box S è la risposta più economica, ma non per questo qualitativamente scarsa. Rispetto a soluzioni più compatte come Fire TV Stick, Mi Box S ha l’aspetto di un vero e proprio decoder Android, da posizionare direttamente a fianco del proprio TV.

Il primo vantaggio di Xiaomi Mi Box S, rispetto a tanti altri TV Box Android di marca cinese, risiede nelle certificazioni. Il dispositivo, infatti, è pienamente certificato per Netflix e Prime Video (quest’ultima disponibile con un aggiornamento molto recente), sia per quanto riguarda i servizi base, sia per ciò che concerne i contenuti in 4K HDR. A bordo è presente il sistema operativo Android TV in versione 8.1, perfettamente integrato con tutti servizi Google. Tra questi, la possibilità di eseguire ricerche vocali tramite Google Home, con il tasto dedicato presente direttamente sul telecomando in dotazione.

A livello di connettività non manca nulla, con un modulo Wi-Fi a 2,4 e 5 GHz, porta ethernet per la connessione cablata e Bluetooth 4.2, con cui è possibile utilizzare non solo il telecomando, ma anche cuffie e sistemi audio wireless esterni. Un’altra importante caratteristica è la presenza di una porta USB sul retro del dispositivo, rendendo Xiaomi Mi Box S, in questa fascia di prezzo, il TV Box Android migliore per gestire la propria libreria multimediale locale tramite Kodi o Plex.

Per quanto dotato di funzioni avanzate, Xiaomi Mi Box S non è il più reattivo dei decoder Android. Nonostante la memoria RAM di 2 GB ed il processore Cortex-A53 Quad-core a 64 bit, il software non è ottimizzato alla perfezione. In parole povere, se si è alla ricerca di un TV Box per un uso intensivo, Mi Box S potrebbe perdere saltuariamente qualche colpo. Altra nota negativa è la qualità dell’immagine, che risulta leggermente più scura del normale, nonostante le diverse possibilità di personalizzazione all’interno delle impostazioni di sistema.

Puoi acquistare Xiaomi Mi Box S su Amazon o se preferisci su eBay

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

NVIDIA Shield TV

Nvidia Shield TV è riconosciuto ancora oggi come il TV Box Android migliore in senso assoluto. Dopo l’ottimo successo delle prime due versioni, il decoder Android di Nvidia ha visto una nuova revisione nel 2019, proponendo una versione “base” decisamente interessante.

Il nuovo Nvidia Shield TV propone un design completamente rinnovato, con dimensioni estremamente più compatte e perfette per nascondere il dispositivo direttamente dietro il televisore. Sui lati di questo decoder Android dalla particolare forma cilindrica sono presenti una porta HDMI 2.0, un lettore di memorie micro SD, un ingresso per l’alimentatore e una porta Ethernet. Tutto il necessario, dunque, per avere un sistema assolutamente completo in forma quasi tascabile. A bordo troviamo l’ultimo processore Nvidia Tegra X1+, in questo caso a 32 bit, 2 GB di memoria RAM e 8 GB di memoria interna espandibile, appunto, con micro SD.

Nvidia Shield TV si rivela il TV Box Android migliore dal punto di vista della compatibilità. Ogni tipo di servizio è certificato al 100% (sempre che sia disponibile su PlayStore), da Netflix a Prime Video. Il dispositivo supporta, inoltre, ogni tipo di codec video e audio, dalla riproduzione in formato Dolby Digital Plus e Dolby Atmos per la parte audio, fino al supporto 4K con HDR 10 e Dolby Vision completo. A patto, in questo caso, che si possieda un televisore dotato di ingressi HDMI 2.1 (per la massima resa in HDR) o 2.0.

Oltre al già consolidato sistema operativo Android TV in versione 9.0, integrato con Google Home e Amazon Alexa, Nvidia Shield TV offre alcuni servizi esclusivi e decisamente interessanti. Il principale è sicuramente GeForce Now, una piattaforma di streaming dedicato all’universo del gaming. Questa applicazione permette di accedere alla propria libreria di Steam, o di noleggiare alcuni titoli direttamente all’interno del servizio, e riprodurre il tutto direttamente da server remoto fino alla risoluzione 4K a 60 frame al secondo. Una proposta molto interessante, specialmente se non si ha a disposizione un PC di ultima generazione per potersi godere al meglio i titoli più recenti.

Rimanendo in tema di gaming, la prima nota negativa riguarda l’assenza di un processore a 64 bit, esclusiva a questo giro della versione Pro. Ciò significa che non è possibile accedere alla libreria Shield Games per acquistare e giocare alcuni ottimi titoli direttamente sul dispositivo.

Il secondo punto negativo è la perdita delle porte USB 3.0 per la connessione di chiavette e hard disk esterni. Una mancanza che comporta parecchie difficoltà nella configurazione di librerie multimediali Plex o Kodi. Nonostante questo, rimane possibile utilizzare delle schede micro SD per questo scopo, ma la spesa va ad aumentare decisamente di più rispetto al costo medio di un hard disk esterno.

Puoi acquistare NVIDIA Shield TV su Amazon.

TV Box Android migliore per il gaming

NVIDIA Shield TV Pro

Nvidia Shield TV Pro, nella sua edizione 2019, rappresenta il TV Box Android migliore senza alcun tipo di compromesso; né in termini di resa, né in termini di budget. Il design, in questo caso, riprende quello già visto con le edizioni precedenti, con le sue linee spigolose e ben rifinite e l’ormai iconico LED verde di accensione.

Alle già ottime caratteristiche presenti sulla versione base di Nvidia Shield, con la piena compatibilità a 4K HDR, Dolby Vision e Dolby Atmos, questa edizione Pro aggiunge funzioni e potenza di calcolo in più. Prima di tutto, il processore Nvidia Tegra X1+ è qui gestito con architettura a 64 bit ed è abbinato a 3 GB di RAM, rispetto ai 2 dell’edizione base, e 16 GB di spazio di archiviazione interno. In buona sostanza, Nvidia Shield TV Pro è un decoder Android con le specifiche hardware di una console Nintendo Switch.

Non a caso, Nvidia Shield TV Pro rappresenta ad oggi il TV Box Android migliore per il gaming, grazie alla possibilità di installare e giocare alcuni titoli più o meno recenti direttamente sul dispositivo. A questo si aggiunge il già citato servizio di streaming GeForce Now interamente dedicato al gaming; e finalmente disponibile in versione ufficiale dopo la lunga fase di beta. Per questo tipo di utilizzo, inoltre, Shield TV Pro include un ottimo controller da gaming wireless in confezione.

Anche il telecomando in dotazione si rinnova nel design e nelle funzioni, abbandonando il sistema a gesture per integrare più pulsanti e più funzioni. Oltre alle possibilità di controllo della riproduzione e di ricerca vocale, il nuovo telecomando di questo decoder Android offre un sistema di retroilluminazione che permette un comodo utilizzo anche al buio.

Altra gradita differenza rispetto alla versione base, infine, è l’aggiunta di due porte USB 3.0 sul retro. In questo modo l’espandibilità della memoria risulta molto più facile con chiavette e hard disk esterni, oltre ad avere un sistema facilitato per configurare librerie su server multimediale con Kodi e Plex.

Se si può trovare un punto dolente per questo decoder Android, quello è sicuramente il prezzo. Nonostante le ottime potenzialità di Shield TV Pro, è bene pensare a quali operazioni si vogliono effettuare con questo tipo di prodotto prima di effettuare una spesa simile. Detto questo, Shield TV Pro rimane la prima scelta in termini di qualità se si cerca il TV Box Android migliore.

Puoi acquistare NVIDIA Shield TV Pro su Amazon.

TV Box Android migliore: FAQ

Cosa si può fare su un TV Box Android?

Cosa si può fare su un TV Box Android, dunque? Se il vostro TV è dotato di una porta HDMI, è sufficiente collegare il dispositivo al televisore e, naturalmente, ad una presa di corrente per poter iniziare ad utilizzare il TV Box. L’altro requisito imprescindibile è una connessione Wi-Fi o Ethernet. Se il TV Box è dotato di una delle ultime versioni di Android TV, anche la configurazione iniziale è estremamente rapida. Basta collegare il TV Box alla stessa rete a cui è collegato il proprio smartphone Android per sincronizzare gli account, le principali impostazioni e la rete di connessione.

Una volta configurato, è possibile accedere al Google Play Store per effettuare il download delle proprie app preferite da utilizzare. Tra queste, naturalmente, sono presenti le principali piattaforme di streaming come Netflix, Prime Video, YouTube, Infinity e tante altre. A queste si aggiungono diversi media player da configurare con dispositivi USB esterni come chiavette e HDD esterni. O ancora, applicazioni di TV On Demand come Rai Play.

Il miglior TV Box Android è in grado, ad oggi, di offrire un numero di servizi tale da equiparare se non superare anche i migliori Smart TV sul mercato. Ci sono, in ogni caso, alcune limitazioni che andremo ad analizzare di seguito. Prima di tutto, la selezione dei prodotti che seguirà terrà conto solo del TV Box Android migliore per quantità di certificazioni ufficiali, in modo da poterti offrire una gamma completa di applicazioni e funzioni. Tanti TV Box Android, anche di fascia alta, potrebbero nascondere dei tranelli proprio nelle certificazioni, impedendoti di utilizzare applicazioni e servizi che normalmente si darebbero presenti con certezza.

Netflix TV Box: attenzione alle sorprese

Basta una rapida ricerca sui principali eCommerce per trovarsi di fronte ad una selezione pressoché infinita di TV Box Android, la maggior parte dei quali proposta a cifre quasi irrisorie. Se, tuttavia, si parte del presupposto che “Android è sempre Android, dell’hardware mi importa poco” si potrebbe commettere un errore elementare. Da una parte sì, Netflix è disponibile nativamente su Google Play Store per Android TV e sì, in caso di dispositivi particolarmente limitati è comunque possibile installare l’applicazione di Netflix seguendo “vie alternative”. Tuttavia, solo i migliori TV Box Android sono in grado di sfruttare Netflix in maniera davvero completa.

Il motivo principale di questo avvertimento risiede, ancora una volta, nella questione delle certificazioni. Netflix, infatti, ha una lista ben precisa di dispositivi su cui può funzionare, ed una lista ancora più ristretta di TV Box Android su cui può funzionare al 100% delle sue possibilità. Non basta, dunque, acquistare il TV Box Android migliore solo perché è certificato per il 4K, ma è necessario prima informarsi se è certificato per Netflix in 4K.

Prime Video su TV Box Android: vale lo stesso discorso

Anche per Prime Video bisogna stare molto attenti quando si cerca il TV Box Android migliore per sfruttare la piattaforma di streaming di Amazon. Tantissimi dispositivi, esattamente come per Netflix, potrebbero non essere certificati per Prime Video. Ciò significa che, una volta eseguito l’accesso a Google Play Store, l’applicazione non sarà presente in lista. E anche passando per vie alternative (apk esterni) il più delle volte è possibile sfruttare il servizio solo ad una risoluzione SD, escludendo ogni forma di streaming in HD o 4K.

Per questo motivo, anche in questo caso abbiamo debitamente tenuto conto di questi rischi per selezionare solo dispositivi in grado di eseguire nativamente Prime Video al meglio delle sue possibilità.

Sky online TV Box: è possibile vedere i contenuti della piattaforma satellitare su Android TV?

In questo caso il discorso si complica particolarmente. La piattaforma satellitare Sky offre ai propri abbonati un grande vantaggio con l’applicazione Sky Go. Quest’ultima, disponibile per PC e smartphone Android e iOS, permette di vedere in streaming e On Demand tutti i contenuti inclusi nell’abbonamento Sky, ma quando si tratta di TV Box Android il discorso si complica.

L’applicazione Sky Go, infatti, non è disponibile su nessun Box TV, dal più economico fino al TV Box Android migliore sul mercato. Il motivo è semplice: Sky non vuole permettere la visione dei propri contenuti su un altro televisore quando la stessa compagnia offre la stessa possibilità (a pagamento, ovviamente) con il nuovo Sky Q e precedentemente con il programma Sky Multivision. Inizialmente, infatti, era possibile sfruttare Sky Go sulla propria TV tramite alcuni accorgimenti. Uno di questi era l’utilizzo con una Google Chromecast. L’alternativa era il mirroring dello smartphone su TV abilitate tramite cavo o servizi di share. Entrambe le possibilità sono ora bloccate perché Sky Go ha ottenuto un’ulteriore protezione HDCP.

Il limite dell’HDCP

HDCP è, per chi non conoscesse questo termine, un blocco del segnale per tutti quei contenuti protetti che potrebbero essere trasmessi da un dispositivo di input video (in questo caso lo smartphone con Sky Go) ad uno di output (vale a dire il televisore). Allo stesso modo, anche sfruttare apk alternativi da installare manualmente sul proprio TV Box Android non sortirebbe alcun effetto, per lo stesso motivo del blocco HDCP.

In quale caso non esiste blocco HDCP per poter guardare Sky su TV Box? Attualmente, l’unico metodo valido per poter utilizzare Sky Go su un televisore richiede per forza un PC. In questo caso, il televisore deve essere collegato al PC tramite cavo HDMI e sfruttato come vero e proprio monitor. Se utilizzato in questo modo, infatti, Sky Go risulta perfettamente visibile su un qualsiasi televisore, Smart o no e anche senza la presenza di un TV Box.

Quali sono le alternative a pagamento per vedere Sky sui decoder Android?

Al di là dei blocchi appena descritti nell’utilizzo della piattaforma Sky su TV Box Android, esistono comunque delle alternative per vedere diversi contenuti Sky su decoder Android. Prima di procedere, è bene specificare che queste soluzioni non vanno in collegamento diretto con l’abbonamento Sky. In tal senso, anche se si è già clienti della piattaforma satellitare queste alternative rimangono comunque a pagamento.

Now TV

La prima alternativa è rappresentata da Now TV. Questa recente piattaforma gestita direttamente dal gruppo Sky include buona parte dei principali contenuti come sport, serie TV e cinema, direttamente in streaming. Non si tratta di un’applicazione destinata all’On Deamnd, come Sky Go, ma di un vero e proprio servizio di Streaming al pari di Netflix e Prime Video. Caratteristica interessante di questo servizio è la possibilità di accedere ai propri contenuti preferiti con dei pass limitati. Se, ad esempio, si vuole vedere una singola partita di Serie A o Champions League, Now TV permette l’acquisto di un pass giornaliero “usa e getta” ad hoc.

Le note dolenti: come altri servizi di questo tipo, anche Now TV non è disponibile nativamente sui decoder Android, almeno non nativamente. Da una parte sono disponibili vie alternative (apk) per installare Now TV su alcuni prodotti come Fire Stick TV, dall’altra una comoda soluzione è rappresentata da Google Chromecast. Il piccolo dongle HDMI, infatti, permette di effettuare il mirroring diretto da smartphone a TV senza alcun tipo di limitazione.

Timvision

La seconda alternativa è Timvision. A differenza di Now TV, la piattaforma di streaming di Tim è disponibile per tutti i TV Box Android grazie all’app scaricabile da Google Play Store. Anche in questo caso parliamo di un servizio su abbonamento, che tra gli altri contenuti include anche diverse possibilità collegate all’universo Sky. Canali come Sky Uno, Sky Atlantic e Sky Sport sono disponibili direttamente su Timvision anche in diretta On Demand. I clienti Tim linea fissa hanno già il servizio base di Timvision incluso nell’abbonamento, tuttavia per accedere ai contenuti di Sky è necessario possedere un abbonamento a Timvision Plus.

Posso guardare Rai Play su TV Box Android?

La piattaforma On Demand firmata RAI è uno dei servizi più apprezzati sul TV Box Android migliore per sostituirsi alla classica TV su digitale terrestre. Disponibile direttamente su Play Store per Android TV o utilizzabile in mirroring con Chromecast, Rai Play offre l’accesso alle dirette di tutti i canali RAI, oltre alla possibilità di vedere i migliori contenuti della rete in differita in qualunque momento.

Rai Play risulta, inoltre, una delle applicazioni meglio integrate nei decoder Android, grazie alla possibilità di inserire direttamente nell’home page del dispositivo una selezione dei contenuti più consigliati da poter riprodurre in maniera rapida e facile.

Smart TV box DAZN: calcio e sport su tutti migliori decoder Android

Il discorso appena fatto per Ray Play si applica allo stesso, identico modo anche per DAZN. La piattaforma che ha visto il suo esordio nel 2018 si è da subito distinta per la sua ampia compatibilità con tantissimi dispositivi. Tra questi, non mancano all’appello tutti i principali TV Box Android, che permettono di scaricare l’app di DAZN direttamente da Google Play Store. Una volta effettuato l’accesso, DAZN mette a disposizione una serie di funzioni che si integrano perfettamente con i decoder Android. Ad esempio, è possibile impostare delle notifiche in avvicinamento ai propri eventi sportivi preferiti, oppure inserire i consigli migliori direttamente sulla home page del proprio dispositivo.

È possibile utilizzare i decoder Android come Kodi TV Box Android?

Kodi è la nota piattaforma open source con cui è possibile configurare un server multimediale per la riproduzione di contenuti in locale o in streaming. Per quanto riguarda la compatibilità di Kodi con i principali decoder Android, basti pensare che la vera evoluzione di questa piattaforma ha visto la sua nascita proprio su questi dispositivi. La quasi totalità dei TV Box Android, dunque, è pienamente compatibile con i sistemi Kodi, scaricabile gratuitamente da Play Store o direttamente dal sito ufficiale.

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

2 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Federico Parravicini tramite i commenti.