Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Tolino Vision 4 HD recensione: un ottimo eReader piccolo e compatto

Tolino Vision 4 HD recensione: un ottimo eReader piccolo e compatto

Adempiendo doverosamente allo scopo per cui è stato creato, Tolino Vision 4 HD si dimostra un prodotto versatile, leggero, compatto e dalla lunga autonomia / Ultima modifica il

Tolino Vision 4 HD è la risposta al settore degli eReader in questa fine 2016. Tutte le grandi realtà in questo settore hanno rilasciato la loro personale versione di quello che potrebbe essere il vero blockbuster del momento. L’abbiamo visto con il Kobo Aura One e anche con l’Amazon Kindle versione 2016.

Come sempre gli eBook Reader sono il compagno ideale per chi ama leggere – oppure per chi, come il sottoscritto, lo fa poco ma preferisce farlo come Dio comanda quando vuole passare qualche ora immerso nella lettura – avendo l’opportunità di vedere alcune particolari funzioni “pompate” rispetto alla lettura nuda e classica, su carta.

Il Tolino Vision 4 HD riprende alcune particolari caratteristiche che erano presenti nella precedente versione andando però a migliorarne altre. Alcune cose sono dei piccoli aggiustamenti, altri, invece, permettono di godere meglio la lettura dei propri autori preferiti. In questa recensione cercherò di mettere a nudo le qualità del piccolo eReader, inquadrare i punti deboli del prodotto – tutti hanno qualche neo più o meno vistoso – e tenterò di immaginare cosa è possibile andare a migliorare per rendere il Tolino Vision 4 HD l’eBook Reader migliore di quanto non lo sia già adesso.

Design: compatto ma con cornici troppo generose

Il lavoro svolto da Tolino per il nuovo Vision 4 HD è davvero interessante. Si tratta di un eReader con diagonale da 6 pollici evidentemente pensato per chi è alla ricerca di un prodotto con questa tipologia di ingombro. Mi preme sottolineare quanto sia estremamente incastrato in una sorta di dualismo per quanto riguarda l’ergonomia del Tolino Vision 4 HD.

Vi spiego il perché: è chiaro che l’azienda ha puntato tutto sul rendere il Vision 4 HD un eReader da tasca. Le dimensioni così compatte ed il peso estremamente leggero, lo rendono un compagno ideale se si vuole portare con sé una grande libreria di autori, sia se si ha a disposizione una piccola borsa a disposizione o anche le classiche tasche del cappotto.

Da questo punto di vista non posso che congratularmi con tolino per la giusta scelta portata avanti. Quello che mi lascia un po’ di amaro in bocca è l’ottimizzazione delle cornici non proprio eccellente. Basta dare un’occhiata ad una foto frontale per rendersi conto che la disponibilità di schermo è tagliata via da delle cornici davvero importati, soprattutto nella zona inferiore.

Se posso chiudere un occhio per le cornici lungo i lati lunghi, non posso nascondere un certo fastidio nel constatare che una grande fetta del display viene messa da parte per dare spazio ad una cornice davvero troppo ingombrante. Inferiormente è presente un piccolo elemento retroilluminato che si illumina quando il Tolino Vision 4 HD è messo sotto carica e funziona anche da tasto home per tornare rapidamente alla schermata iniziale.

Penso che non sarebbe stato un grossissimo problema ingegneristico andare a limare un po’ questa cornice per lasciare giusto lo spazio adatto a integrare il tasto home. In questo modo lo schermo avrebbe avuto a disposizione almeno 1 centimetro/1 centimetro e mezzo in più da regalare al display. Come detto poco più su, si tratta di un problema mio personale, di gusto, che potrebbe non sussistere per altre persone.

Spostandoci a discutere il resto del design, apprezzo ancora una volta la scelta di aver integrato la classica cover gommata ad abbracciare il retro del dispositivo. Anche questa volta si tratta di una soluzione di buona qualità, resistente agli urti, alla polvere – è molto difficile trovare polvere o pelucchi incastrati nella matrice gommata – anche se un po’ troppo facile da graffiare, ma soprattutto estremamente utile per l’ergonomia generale del prodotto.

Tolino Vision 4 HD, con la sua diagonale da 6 pollici, è fondamentalmente un libro tascabile con un display montato sopra. Questo lo rende immediatamente utilizzabile con una mano e la presenza della cover gommata non fa altro che dare una maggiore sensazione di sicurezza, anche in metro o mentre si legge all’impiedi con l’altra mano occupata a fare altro. Il retro è unicamente occupato dal piccolo logo posto nella porzione mediana superiore mentre gli unici tasti fisici sono rilegati alla porzione superiore dell’eReader.

Lungo gli angoli destro e sinistro, trovano posto i tasti per accendere/spegnere e bloccare/sbloccare il Tolino Vision 4 HD ed il tasto per il controllo della luminosità generale. Quest’ultimo lo trovo di estrema utilità anche se avrei preferito avere una diversa gestione della retroilluminazione potendo giocare su altri piccoli settaggi. Infatti, per come è stato realizzato il Tolino Vision 4 HD, la pressione del tasto attiva/disattiva la retroilluminazione; niente di più.

Sarebbe stato estremamente utile avere la possibilità di passare rapidamente lungo altri settaggi. Magari ulteriori gradi di illuminazione in scaglioni da 25%, perché no, per modulare rapidamente il grado di luminosità del pannello. Penso che la soluzione possa essere facilmente integrata tramite un aggiornamento firmware ma forse si tratta unicamente di un piccolo desiderio che non troverà mai riscontro nella realtà.

Ultima piccola nota negativa mi preme spenderla per quanto riguarda la pressione dei tasti fisici. Essi sono piccoli, facilmente raggiungibili ed estremamente compatti – sporgono dalla cornice per mezzo millimetro o qualcosa di più. Mi avrebbe fatto piacere trovare una corsa più solida, con un click sordo a conferma dell’avvenuta pressione del tasto. Il sistema riconosce immediatamente cosa fare all’attivazione del tasto hardware premuto, ma come utente avrei preferito un feedback più corposo, che desse proprio senso di aver premuto realmente un tasto fisico.

Mettendo da parte questi piccoli nei, il Tolino Vision 4 HD offre un design ed un’ergonomia che lo rendono estremamente godibile in qualsiasi contesto. È utile per leggere mentre si è in movimento, magari durante piccoli spostamenti – penso ai gli studenti fuori sede o ai lavoratori pendolari -, ma anche per allietare i noiosi pomeriggi domenicali in questa fase finale dell’autunno. Utilizzarlo con una mano è sempre un piacere, non stanca il polso ed è perfetto anche per chi non ha mani grandi.

In più, grazie alla presenza della tecnologia Tap2Flip (ne parleremo meglio più in là) è ancora più semplice scorrere le pagine del proprio libro preferito.

Display: 300 PPI e tecnologia SmartLight

Trattandosi di un eBook Reader, pare quasi scontato sottolineare che forse il punto cruciale del Tolino Vision 4 HD è proprio il display. Come ho detto già ad inizio recensione, il nuovo dispositivo integra un display da 6” con display E-Ink Carta da 300 PPI e risoluzione pari a 1444 x 1072 pixel. Specifiche a parte, si tratta di un pannello estremamente risoluto, certamente indicato a chi cerca una esperienza di lettura il più vicina possibile alla carta vera e propria.

I 300 PPI di densità di pixel rendono l’esperienza di lettura estremamente soddisfacente, riuscendo a nascondere completamente la trama di pixel che si muove al di sotto del pannello touch. Si tratta di una specifica che ormai si trova praticamente in tutti gli eBook Reader presenti in circolazioni ed è stata abbracciata come la condizione minima per chi si vuole affacciare a questo particolare settore.

La lettura è sempre particolarmente appagante, soprattutto quando è attiva la retroilluminazione che, evidentemente, premia un utilizzo del Tolino Vision 4 HD anche quando si è nel letto, alla sera, oppure in ambienti poco illuminati. Non vi sto a raccontare quanto ho apprezzato rivivere l’esperienza di lettura di “Cell” di Stephen King difronte ad un bel camino scoppiettante, in piena assenza di luce ad eccezione del bagliore delle fiamme e della retroilluminazione del pannello.

Quest’ultima è garantita da una doppia serie di 13 LED nella cornice bassa che si occupano di modificare automaticamente (o a piacimento) la temperatura del display al fine di offrire la migliore illuminazione in relazione all’ambiente circostante oppure all’orario in cui si legge. Sì, avete capito bene. Questo perché, proprio come abbiamo visto all’interno della recensione Kobo Aura One, anche il Tolino Vision 4 HD integra una particolare tecnologia impiegata per modulare sapientemente la luminosità e la temperatura del display.

La tecnologia SmartLight offre il classico viraggio di temperatura che abbiamo imparato ad apprezzare dapprima sui pannelli LCD dei nostri computer e smartphone (vedi f.lux e Night Shift su iOS), seguendo sempre il classico “movimento del Sole” per quanto riguarda la temperatura del pannello E-Ink Carta. Infatti, come hanno dimostrato numerosi studi a riguardo dell’effetto che la luce blu ha sul ritmo circadiano e sulla melatonina, la presenza di questa onda luminosa stimola il nostro cervello a restare vigile.

Ha importati risvolti durante le ore di veglia, di lavoro, o comunque quando non abbiamo “abituato” il nostro organismo al riposo; di contro, si comporta da “antagonista del sonno” – passatemi il termine, siate clementi – nella condizioni in cui siamo pronti per abbandonarci a Morfeo. In questa situazione, la presenza della luce blu contrasta il nostro ritmo circadiano rendendo più difficile mantenere il giusto ciclo sonno-veglia.

SmartLight con il suo variare della temperatura – tendente al blu al mattino, chiara durate le ore di pranzo e calda la sera, al tramonto – accompagna la nostra lettura senza intralciare i normali ritmi che ognuno di noi possiede. La tonalità della temperatura del display può essere scelta a proprio piacimento, direttamente dal classico menù di controllo, oppure lasciata direttamente alla impostazioni automatiche del Tolino Vision 4 HD.

Durante la mia esperienza non è stato mai necessario agire personalmente sul grado di calore del display; il Tolino Vision 4 HD ha impostato la giusta temperatura permettendomi di riposare senza andare incontro a particolari difficoltà – è probabile che questa “fortuna” venga meno per il vostro caso, in tal caso non abbiate paura a regolare la temperatura verso colorazioni ancora più vicine a quella di una candela.

Il mio consiglio è quello di lasciare fare il tutto a Tolino Vision 4 HD che, da solo, tenderà a modulare la temperatura del display senza che voi ve ne rendiate conto; l’esperienza è ancora più marcata tanto più saranno le ore passate alla lettura di un libro. Per tutto il resto, per tutto quello che riguarda l’utilizzo del display che evidentemente sfocia dalla lettura, devo dire che non posso che essere estremamente soddisfatto dal lavoro portato avanti dall’azienda.

La risoluzione del display mixata con la grande ergonomia rendono il Tolino Vision 4 HD un piccolo grande piacere se si vuole passare del tempo a leggere il proprio autore preferito.

Hardware e software: 6000 libri in 8 GB si spazio

Spostandomi a parlare del comparto hardware, devo dire che la componentistica interna permette di leggere PDF, libri  e altri formati senza alcun tipo di compromessi. Il processore è un Freescale i.MX6 da 1 GHz affiancato da 512 MB di RAM.

Com’è possibile controllare anche su dispositivi concorrenti, su per giù siamo difronte ad un hardware pressoché basilare, sviluppato per essere sfruttato proprio in questi contesti. Le grandi qualità del Tolino Vision 4 HD sono certamente altre, non quelle hardware, e si tratta di una affermazione che trova riscontro in praticamente tutti gli eReader presenti sul mercato – o almeno quelli che non montano particolari sistemi operativi o muniti di funzioni estremamente complesse.

La batteria integrata è da 1500 mAh e permette di coprire più di 2 settimane di utilizzo senza particolari accortezze. Certamente avere il Tolino Vision 4 HD sempre in sync con il cloud nel caso in cui aveste un libro o un testo sullo spazio messo a disposizione dall’azienda, impatta negativamente sulla batteria ma, anche in questo caso, sono piccolezze che non inficiano così tanto l’esperienza utente.

Durante le mie settimane di prova ho utilizzato il Tolino Vision 4 HD senza alcun tipo di riserve, senza centellinare la luminosità del pannello così come il caricamento di diversi libri. Da questo punto di vista e per la prima volta, il Tolino Vision 4 HD vede la presenza del nuovo connettore micro USB easy2connect. In tutto e per tutto si tratta di un comune connettore micro USB ma smussato su entrambi i lati; questa particolare lavorazione permette di collegare il cavo su entrambe le facciate, proprio come avviene con i cavi Lightning per dispositivi iOS oppure con i nuovi cavi USB Type-C.

Il vantaggio è ovviamente più di risparmio di tempo che altro, ma è segno di una particolare attenzione ai più piccoli dettagli da parte di tolino. Scegliere questo eBook Reader offre particolari vantaggi anche per quel che riguarda la liberà di utilizzo in termini di formati supportati. È parecchio comoda la possibilità di agganciare il cavo micro USB al proprio computer per vedere il Tolino Vision 4 HD montato come una comune unità di archiviazione di massa, immediatamente pronta ad essere riempita di file tramite un semplice drag & drop.

I formati supportati sono EPUB con e senza DRM, PDF con e senza DRM, TXT ed è certamente utile il sistema di unione delle biblioteche tramite cui accedere a tantissimi titoli dalle varie fondazioni che cooperano con tolino, come IBS, Libraccio e Indiebook. La lettura vera e propria mostra limitazioni per quanto riguarda la gestione dei PDF oppure formati estremamente complessi che richiedono spesso di utilizzare la funzione pinch in e pinch out. Qui, come sempre, è presente la classica limitazione dei display E-Ink Carta che hanno un refresh estremamente più lento rispetto ai classici pannelli che invece troviamo nei nostri smartphone e tablet.

Il software presente nel Tolino Vision 4 HD è la versione 1.9.0 e permette di conoscere rapidamente il quantitativo di batteria residua così come la disponibilità dello spazio a disposizione. All’interno delle impostazioni è possibile controllare importanti aree del Vision 4 HD come le impostazioni di lettura – attivare o meno la funzione Tap2Flip oppure l’aggiornamento dello schermo durante la lettura -, gestire la illuminazione dello schermo, impostare un codice di sicurezza (è sempre utileattivare un ulteriore livello di sicurezza) e le impostazioni avanzate in cui è presente il menù per controllare l’attivazione della quantità di tempo minima per attivare il risparmio energetico in modalità notturna.

Direttamente a livello della lettura di un documento PDF, è particolarmente interessante la funzionalità di estrazione del testo, evidenziata tramite l’icona “TXT” nel menù attivabile tramite un tap centrale. La funzione, com’è evidente dal nome stesso, estrapola il testo da un PDF mettendo da parte tutte quelle informazioni (grafici, immagini e via discorrendo) che evidentemente non corrispondono al criterio impostato.

Su un testo di circa 500 pagine, il Tolino Vision 4 HD è riuscito a “ripulire” il tutto in una manciata di secondi, segno che, quando necessario, il processore è comunque in grado di processare gli input senza troppe esitazioni. Piccola nota negativa: la funzione appena descritta funziona in entrambe le direzioni, ovvero è possibile tornare indietro per riavere il PDF originale ma a patto di perdere la formattazione del testo. Quest’ultima permette di scegliere fra sei diversi font, tre configurazioni di interlinea, tre allineamenti e tre formati di margine diversi.

Applicando un tap prolungato su una parola o una frase comporta l’attivazione del classico pannello per evidenziare il testo, inserire una nota, tradurre o cercare il significato nel caso in cui fossero presenti dei dizionari – possono essere installati tramite il pannello delle impostazioni generali. Le pagine che vengono salvate con il classico segnalibro trovano corpo all’interno di una specifica sezione del software etichettata come “I miei appunti. Si tratta di un escamotage rapido e ingegnoso che aggrega tutte le nostre note in un unico punto, facilmente individuabile e riconducibile al testo di pertinenza così come all’orario di modifica.

In pieno stile Tolino, anche la nuova generazione offre la certificazione HZO, ovvero la sicurezza che il prodotto può reggere senza problemi il contatto con l’acqua. Sebbene l’eReader sia una categoria di prodotto che potrebbe difficilmente entrare in contatto con i liquidi, sicuramente molto meno rispetto ad uno smartphone, un imprevisto è sempre dietro l’angolo. Anche se la stagione è ormai lungi dall’essere adatta al passare qualche ora in riva al mare, acquistare un Tolino Vision 4 HD potrebbe essere la giusta strategia per affrontare la prossima stagione certi di poter allietare l’afa dell’estate con il proprio autore preferito.

Tolino Vision 4 HD: le nostre conclusioni

Come abbiamo visto all’interno di questa recensione, il Tolino Vision 4 HD serve perfettamente lo scopo di chi è alla ricerca di un prodotto estremamente duttile, compatto, leggero, ergonomico e dalla lunga autonomia. Nonostante i piccoli nei che ho cercato con fatica di mettere nero su bianco, il lavoro di Tolino è ancora una volta magistrale. Il display è estremamente luminoso, la tecnologia Tap2Flip è una manna dal cielo per chi si muove tanto e non può tenere l’eBook con entrambe le mani e la feature SmartLight premia la lettura in tutte le ore del giorno e della notte, perfetta per chi non riesce a staccarsi dalla lettura anche quando il sole è tramontato da un pezzo. Lo storage interno, poi, permette tranquillamente di immagazzinare diverse migliaia di titoli e, nel caso in cui foste dei famelici divoratori di libri, l’azienda mette a disposizione altri 5 GB sul cloud per immagazzinare qualche altro migliaio di libri. Questo conferisce al tolino e, per riflesso, a chi sceglie il Vision 4 HD, una grandissima libertà di azione; non si è obbligati a muoversi all’interno di paletti come avviene ad esempio per gli eReader di Amazon. Per 179€ su IBS il Tolino Vision 4 HD è l’eBook Reader che consiglio di acquistare anche in previsione di queste vacanze natalizie. È un prodotto completo sotto tanti punti di vista, offre qualcosa in più rispetto agli altri concorrenti che si muovono all’interno dello stesso settore e polliciaggio e non sarebbe onesto non includerlo nella nostra personale selezione del migliori ebook reader.

Pro
Solido e compatto
Ottima autonomia
Certificazione HZO
Tecnologia smartLight
Tap2Flip comodo e reattivo
Storage da 8 GB
Contro
Cornici troppo generose
Gestione PDF poco ottimizzata
valutazione finale9