Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
TicWatch Pro

TicWatch Pro

di Giovanni Matteiaggiornato il 15 giugno 2018
attesaalta
La storia del prodotto
Questo articolo raccoglie tutte le news su TicWatch Pro presentate o in arrivo nelle prossime settimane e sarà costantemente aggiornato per non farvi perdere nulla sui nuovi dispositivi. L’ultimo aggiornamento risale al 15 Agosto 2018.
TicWatch Pro è il nuovo smartwatch con doppio display, per un'autonomia più lunga

TicWatch Pro caratteristiche: tutto quello che c’è da sapere

Mobvoi, con la linea TicWatch (S ed E), ha dimostrato che è possibile creare un piccolo scompiglio nel settore degli smartwatch, soprattutto nella fascia medio-bassa, se si pianifica la nascita di un nuovo prodotto con una strategia chiara e solida. Infatti, il TicWatch S (così come il suo gemello TicWatch E), è stato da molti indicato – compreso noi di Ridble – come il miglior smartwatch Android attualmente in circolazione.

Forte di questo piccolo grande successo, l’azienda è tornata nuovamente a far parlare di sé dopo aver mostrato al pubblico il suo ultimo lavoro: il TicWatch Pro. Come spesso accade, il nome anticipa in qualche modo il tipo di prodotto che andremo a vedere dal vivo, ed il suffisso “Pro” non è stato scelto a caso. Come mostrano le immagini, il TicWatch Pro ricorda il design dei due dispositivi sopracitati ma lo migliorare in alcuni punti.

Si parte dalla corona, sempre circolare ma adesso munita di due tasti fisici laterali e non più da uno. La lavorazione della cassa ha virato completamente verso l’adozione dell’alluminio (finalmente!), adesso in grado di esprimere al meglio la qualità estetica del TicWatch, soprattutto se affiancato ad un bel cinturino in vera pelle. Al di là del puro aspetto estetico, sappiamo ancora un po’ poco del nuovo TicWatch Pro. L’elemento al momento più interessante è certamente la presenza di un secondo display trasparente posizionato direttamente al di sopra del pannello OLED principale.

Sebbene la compagnia sia stata un po’ restia dall’ufficializzare tutte le specifiche sul nuovo smartwatch, non ci è difficile prevedere che il TicWatch Pro monterà il nuovo Wear OS (peraltro già disponibile sui modelli S ed E) alimentato quasi sicuramente dal classico Qualcomm Snapdragon Wear 2100.

Display

Chi è possessore di uno smartwatch sa bene che il display può essere uno degli elementi che maggiormente influiscono sulla durata della batteria. Infatti, togliendo componenti interni come il GPS (ad oggi etichettato come il colpevole delle prestazioni della batteria non proprio stellari), il display dello smartwatch può contribuire in maniera sostanziale nella gestione dell’autonomia del dispositivo wearable.

Nel tempo le varie compagnie hi-tech hanno adottato soluzioni prese in prestito dal mercato degli smartphone per contenere questo problema. Non è un caso che la stragrande maggioranza degli smartwatch presenti oggi sul mercato sia munita di display OLED. Questa tecnologia – senza entrare in inutili tecnicismi – permette di “accendere” selettivamente una serie di pixel, diversamente da quanto accade sui pannelli IPS dove tutti i pixel sono costantemente alimentati.

Questo permette di risparmiare qualcosa in termini di resa della batteria, ma non può fare miracoli. Mobvoi con il suo nuovo TicWatch Pro cerca di risolvere il problema prendendo spunto dagli orologi digitali di un tempo. Infatti, il TicWatch Pro integra un pannello FSTN LCD trasparente posizionato direttamente sopra il display OLED principale. L’utilità di questa soluzione è duplice: da una parte abbiamo una impronta sulla batteria minore, a beneficio dell’autonomia, dall’altra una intelligente strategia di utilizzo dello smartwatch.

L’azienda ha predisposto che il pannello secondario entri in funzione solo quanto il dispositivo è in fase di stand-by; in questo caso l’utente può avere sempre a disposizione alcune informazioni vitali come data e ora, battito cardiaco, conteggio dei passi e altro.

Batteria

Trattandosi di un prodotto particolare di cui ancora non conosciamo a fondo alcuni dettagli importanti – vedi appunto tutta la questione legata alla componentistica interna -, non abbiamo dati certi per esprimere un parere certo sulla batteria. Però, possiamo fare un piccolo ragionamento su quanto diramato dalla compagnia e dalla presenza del secondo display FSTN. Mobvoi pubblicizza il TicWatch Pro come uno smartwatch in grado di garantire una durata minima di due giorni dosando l’utilizzo del pannello secondario a quello primario.

In questo modo è un po’ come se ci volesse dire che il TicWatch Pro può raggiungere questo piccolo primato solo se il display OLED principale non viene utilizzato in maniera massiccia. In caso contrario è molto probabile che lo smartwatch si comporti come un po’ tutti gli altri prodotto presenti sul mercato. Inoltre, per chi volesse un’autonomia ancora più lunga, il TicWatch Pro monterà di fabbrica la funzione “Essential Mode” che di fatto mette completamente da parte la parte software (Wear OS) incrementando ulteriormente l’autonomia del wearable.

Questa funzione è unica nel suo genere: attualmente sul mercato non è presente uno smartwatch in grado di spegnere le funzioni del proprio OS lasciandone attive solo alcune (data, ora, sensore HR e poco altro).

Sensori e connettività

Per quanto riguarda i sensori, anche qui possiamo fare lo stesso discorso fatto nel capitolo precedente inerente alla batteria. Le informazioni in nostro possesso sono minime e cercare di spingersi troppo in là con le ipotesi potrebbe essere rischioso. Nonostante questo, è possibile guardare a cos’ha fatto la compagnia con gli altri componenti della famiglia “TicWatch” per capire cosa troveremo nel nuovo TicWatch Pro.

Sicuramente non mancherà il sensore HR per il battito cardiaco, elemento ormai integrato di default in ogni dispositivo wearable, anche nei prodotti più economici e basilari. Stessa cosa vale per il modulo GPS; sarebbe troppo strano vedere la versione “Pro” del TicWatch orfana di questo componente, soprattutto considerando che lo troviamo incluso nella variante “S”. E per quanto riguarda gli altri moduli? Cosa possiamo aspettarci? Sicuramente il modulo Bluetooth (magari LE per non pesare troppo sull’autonomia della batteria) e il Wi-Fi.

TicWatch Pro prezzo e uscita in Italia

Al momento il produttore non ci ha dato notizie certe sul prezzo ufficiale del nuovo TicWatch Pro. Nonostante questo, inizia a circolare la voce che lo smartwatch potrebbe effettivamente arrivare sul mercato ad un prezzo di poco inferiore ai 300$ (poco più di 250€ al cambio). Se così fosse, ci troviamo ad un aumento di prezzo di circa 50€ rispetto ai modelli TicWatch S e TicWatch E, al momento gli unici smartwatch in commercio.

11 giugno 2018
Tutto quello che sappiamo sul TicWatch Pro

TicWatch Pro rumors

Nonostante il nostro impegno a seguire assiduamente la categoria, non abbiamo individuato alcun rumor sul TicWatch Pro antecedente alla fase di annuncio effettivo. Pertanto, la fase dedicata ai rumors è rimasta priva di indiscrezioni: date direttamente un’occhiata alle caratteristiche ufficiali nella fase sovrastante!

11 maggio 2018