Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
The Last of Us 2

The Last of Us 2

di Federico Parraviciniaggiornato il 13 giugno 2018
La storia del prodotto
Questo articolo raccoglie tutte le news su The Last of Us 2 presentate o in arrivo nelle prossime settimane e sarà costantemente aggiornato per non farvi perdere nulla sui nuovi dispositivi. L’ultimo aggiornamento risale al 23 Giugno 2018.
The Last of Us Part 2 si mostra finalmente con il primo gameplay all'E3 2018

Com’era lecito aspettarsi, sul palco dell’E3 2018 è tornato, anzi quasi si è mostrato per la prima volta nel suo gameplay reveal l’attesissimo The Last of Us 2. Un’occasione per scoprire finalmente le carte da parte di Sony e Naughty Dog con un titolo decisamente interessante, ma che manca forse ancora di alcune informazioni fondamentali; prima fra tutte una possibile finestra di lancio.

The Last of Us 2 news: tutto quello che c’è da sapere sul gioco

Il trailer presentato sul palco dello showcase Sony all’E3 2018 ci ha permesso non solo di apprezzare per la prima volta il gameplay di The Last of Us 2, ma anche di tentare qualche piccolo collegamento con la storia del gioco, ancora avvolta abbondantemente nel mistero. Ma facciamo un passo indietro, e proviamo a ricostruire il mistero che ancora avvolge il titolo partendo dal suo primo trailer di presentazione del 2016.

The Last of Us Part 2: la storia e i possibili risvolti

Perché, prima di tutto, The Last of Us Part II e non semplicemente The Last of Us 2? Un quesito apparentemente banale, ma che in realtà potrebbe nascondere una volontà precisa da parte di Naughty Dog. Spesso abbiamo assistito allo sviluppo e al rilascio di sequel in perfetto collegamento con i loro predecessori, ma senza che ogni singolo capitolo potesse definirsi a suo modo autoconclusivo. Pensiamo, ad esempio, alla stessa saga di Uncharted, i cui capitoli si sono sempre ricollegati cronologicamente andando a creare un continuum temporale tra i diversi titoli, pur mantenendo una singola conclusione dell’avventura in ognuno di essi. Con The Last of Us Part II, dunque, le motivazione appaiono subito chiare: non si tratta più di andare a proporre un seguito in piena regola, ma una vera e propria continuazione, andando a sviluppare una conclusione che in un certo senso il primo The Last of Us non ha mai avuto. E se provate a pensare al significato dello stesso titolo, la risposta potrebbe diventare ancora più cristallina.

C’è da chiedersi, a questo punto, se Naughty Dog abbia già una strada tracciata per quanto riguarda la storia che ci vedrà nuovamente protagonisti in questo nuovo titolo; e in questo senso un elemento presente all’interno del trailer ci ha fatto profondamente riflettere: Ellie e la sua chitarra. Forse non molti lo ricorderanno, ma nelle ultime fasi di sviluppo prima del lancio ufficiale di The Last of Us cominciò a rincorrersi una voce, secondo la quale in occasione di un evento a porte chiuse sarebbe stato mostrato un finale alternativo – o meglio una scena bonus al termine dei titoli di coda – rappresentato da una scena con protagonista proprio Ellie ed una chitarra.

Un’indiscrezione ben presto diventata leggenda metropolitana, ma che in un certo senso ha saputo trovare vita proprio nelle immagini di questo primo trailer di The Last of Us 2. Che sia stata una cosa voluta, un easter egg o qualcosa di più, purtroppo, non è ancora dato saperlo.

Passando a quelle che potrebbero essere le vere e proprie novità all’interno del prossimo The Last of Us Part II – che si vocifera abbia anche una modalità multigiocatore, di cui purtroppo non si sa ancora nulla – un punto chiave all’interno del filmato mostrato è l’estrema concentrazione sul personaggio di Ellie, che potremmo aspettarci come vera e propria protagonista di questo secondo capitolo. Dobbiamo comunque ammettere che, almeno a livello narrativo, Ellie sia sempre stata la vera protagonista di questa struggente storia, nonostante un’interazione diretta molto più scarsa con il giocatore rispetto a Joel. Eppure, il profondo sentimento d’odio che trasuda dalle espressioni della ragazza, dalle sue mani e dalle sue parole, parlano chiaramente di un avanzamento narrativo fondamentale all’interno dello sviluppo della trama. Ed è proprio per questo motivo che la stessa figura di Joel nel trailer di The Last of Us 2 ha suscitato non poche domande: l’eroe del primo capitolo, infatti, ha fatto anch’esso la sua comparsa all’interno della presentazione, seppur brevemente e mai ripreso in viso. Ed è stato proprio questa decisione a scatenare la suddetta teoria, che vorrebbe proprio Joel morto nello stacco temporale tra i due episodi ed Ellie pronta a vendicarlo spinta da un odio incolmabile per la perdita dell’amico, quasi del padre. Joel, dunque, potrebbe davvero tornare anche in The Last of Us 2, ma in veste di presenza spirituale, di supporto alla missione di Ellie che, ancora una volta, si trova ad essere completamente sola in un mondo che non è più lo stesso.

Chi avesse già giocato e completato l’ultimo titolo rilasciato da Naughty Dog, vale a dire Uncharted 4: Fine di un Ladro, ricorderà sicuramente un curioso easter egg a tema The Last of Us. Uno dei poster presenti su una parete nelle fasi finali di gioco, infatti, raffigura una locandina di un fumetto intitolato The Last of Us: American Daughters. Naughty Dog – ammettiamolo – è sempre stato uno tra i migliori studi in termini di citazionismo ed easter eggs, e anche in questo caso la suddetta locandina è riuscita a far navigare la nostra immaginazione su un possibile The Last of Us 2. Consideriamo da una parte la presenza di una ragazza incinta (Ellie?) sulla locandina di American Daughters, mentre dall’altra una Ellie ben più asciutta e provata nel trailer di Part 2, ma accecata da un odio tanto forte dal non fermarla di fronte a nulla. Aggiungiamo a questi elementi anche la significativa presenza, all’interno del filmato, del simbolo delle Luci: in questo caso è pur vero che di simboli simili è plausibile poterne trovarne in giro anche dopo il duro colpo subito da parte di Joel, tuttavia il fatto che abbiano voluto mostrarlo in maniera così evidente ci ha fatto riflettere ancora una volta. E se American Daughters facesse riferimento proprio a Ellie in attesa di un figlio, con le Luci riorganizzate e pronte a portarglielo via? A questo punto avremmo trovato una nuova possibile motivazione alla sete di vendetta della nostra protagonista.

La Paris Games Week 2017 è stata poi l’occasione di Sony per mostrare un nuovo interessante trailer su The Last of Us 2. In questo caso le carte in tavola si sono decisamente rimescolate, mostrando una serie di personaggi assolutamente inediti per l’universo sviluppato da Naughty Dog.

Nella macabra scena a cui assistiamo – trovate il trailer completo più in basso – due donne stanno affrontando un misterioso gruppo di sopravvissuti, i quali stanno organizzando quella che sembra essere una sorta di rituale. La terribile tortura viene interrotta da un misterioso ragazzo che risolve la situazione, ma anticipa di poco l’arrivo degli infetti che portano il filmato alla conclusione shock. Un trailer, dunque, che potrebbe anticipare delle meccaniche molto interessanti, come la possibilità di giocare storie parallele a quella dei due protagonisti – Joel ed Ellie – che abbiamo incontrato nel filmato di presentazione di The Last of Us 2.

The Last of Us 2 trailer: analizziamo il primo gameplay reveal del titolo

Rispetto a quanto discusso precedentemente, ciò che è stato mostrato proprio all’E3 2018 ci riporta su una strada decisamente più classica, con la nostra Ellie protagonista in prima persona del primo vero gameplay reveal. Nessun collegamento, in questo senso, è stato fatto per ciò che riguarda i personaggi mostrati proprio nel trailer precedente della Paris Games Week, tuttavia i primi minuti del video ci hanno permesso subito di sfatare una leggenda metropolitana che si è fatta sempre più insistente nei mesi precedenti.

Stando ai dialoghi tra Ellie ed il ragazzo presente alla festa con cui esordisce il trailer, infatti, Joel è vivo e vegeto. Non viene in alcun modo fatto il suo nome in maniera diretta, tuttavia il riferimento – parlando con Ellie – a «You’re old man» lascia poco spazio alla fantasia. Viceversa, dopo la scena del ballo tra Ellie e la sua compagna, Dina, apprendiamo immediatamente che altro non era che un flashback, facendoci precipitare nuovamente nel desolato ed ostile mondo esterno, al di fuori di quel rifugio apparentemente sicuro dei primi istanti di filmato. Naturalmente, quello che può essere successo tra questo momento ed il precedente non ci è ancora dato saperlo.

Le novità del gameplay

Se da una parte non possiamo far altro che aspettare per vedere delle vere e proprie conferme dal punto di vista della trama, ciò che maggiormente ci ha interessanto in occasione della presentazione all’E3 2018 è senza dubbio il gameplay.

Naturalmente, non abbiamo potuto che notare in prima battuta un comparto tecnico spaventoso, che ci conferma quanto gli sviluppatori di Naughty Dog riescano veramente a spingersi dopo i già maestosi risultati raggiunti con gli ultimi capitoli di Uncharted. Entrando nel vivo dell’azione, invece, Ellie ci ha fatto ricoprire un mondo di gioco tetro, violento e decisamente crudo, in assoluto collegamento con quelle che erano state le atmosfere del primo capitolo di The Last of Us, ma ancora più amplificato.

L’azione di gioco si è rivelata anch’essa fedele all’originale, ma decisamente più dinamica. In questo senso, non sappiamo se attribuire questo ritmo ad un gameplay “pilotato” appositamente per il trailer o ad una vera evoluzione in termini di fisica e di interazione con l’ambiente di gioco. Le fasi di stealth offrono sicuramente maggiori possibilità di movimento, così come il combattimento corpo a corpo riesce a dimostrare la potenza del comparto tecnico con una serie di animazioni decisamente realistiche.

Pochi cambiamenti, confermando che la semplicità non vuol dire mancanza di idee, per quanto riguarda tutte le meccaniche legate al crafting e all’equipaggiamento, mostrando anche un HUD di gioco decisamente fedele a quello del primo The Last of Us. Come detto, rimane qualche lecito dubbio circa quello che ci troveremo veramente di fronte una volta preso il pad in mano ed iniziato con il vero The Last of Us 2, tuttavia quello che abbiamo potuto vedere si è rivelato un passo in avanti che non può far altro che aumentare l’attesa per questo gioco.

The Last of Us 2 uscita e prezzo in Italia

Purtroppo, anche dopo la terza presentazione riservata al titolo, The Last of Us 2 non ha ancora una finestra di lancio ufficiale, per quanto la nostra speranza rimanga quella di poterlo vedere entro la fine del prossimo 2019. Un lancio che potrebbe comunque slittare al primo trimestre del 2020, chiudendo col botto la generazione PS4 e aprendo la strada verso la successiva generazione di console Sony.

12 giugno 2018