Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa

SteamVR e HTC Vive: cerchiamo di fare chiarezza

di Federico Parraviciniaggiornato il 28 marzo 2016

L’inizio del 2016 è stato caratterizzato con un avvenimento decisamente cruciale: HTC ha ufficialmente aperto i pre-ordini per il loro ambizioso visore per la realtà virtuale, HTC Vive. Presentato per la prima volta nel 2014, Vive ha rappresentato sin da subito la piattaforma che si sarebbe dovuta mettere in competizione diretta con l’ormai noto Oculus Rift, visore prodotto dall’azienda omonima poi acquisito dal colosso Facebook. Escludendo PlayStation VR, applicato esclusivamente al ramo delle console casalinghe di casa Sony, e Microsoft Holo Lens, destinato in gran parte al mercato business, Vive e Oculus Rift rappresentano al momento gli unici visori per la realtà virtuale ad essere strettamente indirizzati al gaming su PC.

Tuttavia, se nel caso di Oculus Rift sarà presente una piattaforma indipendente sviluppata dalla stessa società con uno store dedicato, Vive si è fatto carico di una missione ben più ambiziosa: portare la sconfinata piattaforma di Steam all’interno dell’universo VR. Non a caso, HTC Vive è il prodotto di una partnership molto importante tra il colosso di Taiwan e Valve, eppure ancora oggi – a pochi mesi dal lancio ufficiale – questo dispositivo porta con sé diversi quesiti a cui molti non sono ancora riusciti a rispondere. Uno su tutti: ma HTC Vive e SteamVR sono effettivamente la stessa cosa? Cerchiamo dunque di fare chiarezza sulla questione.

HTC Vive e SteamVR sono in realtà due facce della stessa medaglia. Da una parte Vive copre il lato hardware, dall’altra Valve pensa alle tecnologie e al supporto softwareHTC Vive – o HTC Vive Pre, vale a dire l’ultima generazione presentata al CES 2016 – rappresenta semplicemente il lato hardware di un progetto a 360° che prende proprio il nome di SteamVR. I due termini sono quindi in rapporto di interdipendenza, non potendo esistere uno senza l’altro. Senza la piattafroma software sviluppata da Valve, Vive rappresenterebbe semplicemente un oggetto molto costoso e senza la possibilità del minimo utilizzo. Pertanto possiamo tranquillizzare tutti gli utenti che credevano che SteamVR fosse la versione di HTC Vive – un visore VR indipendente, quindi – dedicata esclusivamente al gaming. Infatti, come le diverse aziende che producono mini PC registrati tutte come Steam Machine, HTC Vive rappresenterà il primo sistema in assoluto per SteamVR.

Una volta chiarito questo primo punto, sorge spontaneo chiedersi cosa offrirà e come funzionerà esattamente SteamVR come piattaforma.

Prima di tutto, se da un lato HTC ha sviluppato tutto il comparto hardware di Vive, Valve ha sviluppato in prima persona tutte le tecnologie per il funzionamento della realtà virtuale. Questo comprende le tecnologie di movimento a 360° e in profondità, oltre all’interazione del visore con l’accessoristica necessaria. Tra questi, i due controller di movimento che saranno inclusi nella confezione di lancio e i sensori per determinare la posizione del giocatore e la profondità di campo all’interno dell’ambiente di gioco. In aggiunta alle tecnologie sviluppate per Vive, SteamVR garantisce tutto il supporto software per offrire la migliore esperienza di realtà virtuale possibile: ciò significa sviluppare l’ambiente perfetto per poter applicare la realtà virtuale ad un esteso catalogo di titoli giocabili; in sostanza, prendere gli accordi con le software house di terzi per lo sviluppo del comparto VR all’interno dei loro giochi. Al momento, SteamVR garantisce un catalogo di lancio con più di un centinaio di giochi pronti per l’utilizzo immediato con HTC Vive.

Non dimentichiamoci, poi, che SteamVR in quanto piattaforma software è inevitabilmente legato ad un PC che possa garantire determinate performance. Considerando le specifiche tecniche di Vive e la maggiore richiesta da parte dei giochi in VR per garantire un’esperienza sempre fluida (con un framerate minimo di 90fps), dovremo poter contare su un PC di fascia alta. Già da adesso è possibile scaricare da Steam un test delle performance per constatare l’effettiva compatibilità del nostro PC con la prossima esperienza della realtà virtuale.

Nonostante non integri direttamente SteamVR, anche Oculus Rift potrà essere utilizzato con la libreria Steam, ma dipenderà direttamente dalle software houseIn ogni caso, è necessario specificare che il fatto che l’esperienza di SteamVR sia stata sviluppata appositamente per HTC Vive non significa che i titoli con supporto alla realtà virtuale che saranno lanciati su Steam prevedano questa funzione unicamente con questo device. Lo stesso Oculus Rift, infatti, sarà pienamente supportato dai titoli che includeranno le funzionalità VR, ma sarà unicamente a discrezione delle diverse software house sviluppare il supporto per garantire il funzionamento. Al contrario, SteamVR si occuperà in prima persona dell’ottimizzazione e dell’integrazione con HTC Vive nelle fasi di sviluppo dei nuovi giochi. E sebbene Oculus Rift non prevede al momento il supporto all’esperienza SteamVR, Valve assicura che altri visori in futuro – esattamente come per le Steam Machine – potranno entrare a far parte del programma.

In realtà uno di questi si conosce già: OSVR, il progetto di visore VR Open Source sviluppato da Razer. Come annunciato pochi giorni fa, infatti, il sistema per la realtà virtuale dell’azienda nota per gli accessori dedicati al PC gaming integrerà la piattaforma SteamVR, comprensiva già da ora – per i dev kit attualmente in commercio – di titoli firmati Valve come Half Life 2 e Team Fortress 2. Trattandosi di un progetto Open Source, tuttavia, OSVR non rispecchia chiaramente le aspettative tecniche di HTC Vive – questo può comunque aiutare a capire SteamVR non si limiti ad un solo prodotto, ma ad un progetto molto più esteso, il cui destino sarà inevitabilmente legato alla presa sul pubblico di questa tecnologia.

In definitiva, quando ci riferiamo a SteamVR non indichiamo un device particolare, un visore a se stante o una semplice piattafrome software, ma al vero e proprio universo della realtà virtuale pensato appositamente da Valve, un punto di riferimento assoluto quando si parla di gaming. Vedremo nei prossimi anni in cosa si concretizzerà.