Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Sony Xperia XZ3

Sony Xperia XZ3

di Luca Pierattiniaggiornato il 22 marzo 2019
attesamedia
La storia del prodotto
Questa pagina raccoglie tutte le news a tema Sony Xperia XZ3 ed è costantemente aggiornata. Il contenuto in cima è il più recente e l'ultimo aggiornamento risale al 18 Luglio 2019.
Quant'è valido Sony Xperia XZ3? La nostra anteprima da IFA 2018

Sony Xperia XZ3 caratteristiche: tutto quello che c’è da sapere

Sony annuncia ad IFA 2018 il suo nuovo Sony Xperia XZ3, l’ultimo top di gamma giapponese che punta a rilanciare la presenza del brand in ambito mobile. Finalmente bello e concreto, il nuovo smartphone ha tutte le carte in regola per affermarsi come un’alternativa di punta, provando a riportare Sony nel posto che più le compete. Vediamo la scheda tecnica, il prezzo e la data di uscita in Italia.

Design

Dopo uno Xperia XZ2 finalmente senza l’ingombrante design squadrato che aveva contraddistinto fin lì la serie XZ, Sony continua a raffinare i propri dispositivi, limando ulteriormente bordi e cornici dal pannello frontale, che si evolve da LCD a OLED per garantire la massima luminosità possibile e la miglior gestione dei neri e del bilanciamento dei colori. Questa volontà di ridurre le appendici dal proprio design punta ad avere un monitor a tutto schermo: difatti Sony ha potuto inserire un pannello da 6 pollici nello stesso corpo in vetro che a febbraio ospitava uno schermo da 5,7 pollici.

Ma è dietro la principale novità in termini di design: il vetro 3D curvato nella parte anteriore e posteriore si fonde al corpo del device per creare un elegante design senza confini, generando bellissimi riflessi e sfumature da ogni angolazione. Ma soprattutto viene attenuata la curvatura posteriore, consentendo al device di adattarsi perfettamente al palmo della tua mano senza perdere nulla in termini di bellezza complessiva.

La sottile cornice di 3mm in alluminio di Sony Xperia XZ3 non compromette l’aspetto della durabilità grazie al vetro Corning Gorilla Glass 5 e alla certificazione IP65/IP68, grazie alla quale il telefono non teme gli schizzi.

Display

Sony Xperia XZ3 è dotato di un fantastico display OLED QHD+ (1440 x 2880 pixel) da 6 pollici HDR e ottimizzato in termini di luminosità e di gestione del contrasto dei colori e della nitidezza grazie all’esperienza oramai biennale dei giapponesi con i televisori Bravia OLED. Questo ti permette di accedere ad un’esperienza ancora più immersiva grazie al display in 18:9, armonizzato dall’avanzato sistema X-Reality per mobile, che converte i contenuti in SDR raggiungendo una qualità prossima all’HDR (High Dynamic Range), in modo tale da offrire una riproduzione di alta qualità con una maggiore risoluzione, una gamma di colori più ampia e un contrasto migliorato.

Sotto questo punto di vista, il punto di forza è il Dynamic Vibration System che valorizza ulteriormente musica, film e giochi aumentando l’esperienza tattile del display: in buona sostanza, questa funzionalità sincronizza la vibrazione con il “ritmo” del telefono accentuando l’azione e dando vita ai contenuti in una maniera completamente unica.

Prestazioni

Sotto la scocca Sony conferma quanto di buono visto nello XZ2, inserendo dentro al Sony Xperia XZ3 il processore Qualcomm Snapdragon 845 insieme a 4 GB di RAM – quindi non c’è il salto sperato nei rumors della vigilia di arrivare ai 6 GB – e a 64 GB di spazio di archiviazione, espandibile via micro SD. Un pacchetto che fornisce agli utenti la connessione più veloce al mondo, a 1.2 Gbps.

Lo smartphone introduce anche la nuova interfaccia user-friendly Side sense, che attraverso l’intelligenza artificiale fornisce accesso facile e comodo alle app preferite. Con un semplice doppio tocco laterale su XZ3, il dispositivo sarà in grado di predire e mostrare le app che si vogliono usare, posizionandole in maniera comoda da raggiungere, senza doverle cercare. Progettato per un grande display, Side sense permette di compiere comodamente operazioni con una sola mano. Lato software, Sony Xperia XZ3 sarà uno dei primissimi dispositivi ad essere in vendita direttamente con Android 9 Pie.

Batteria

Visto che non è cambiato il SoC, Sony è dovuta intervenire per adeguare la batteria al nuovo display (che consuma più energia): per questo ha inserito un modulo più grande da 3300 mAh, rispetto al vecchio 3180 mAh dello XZ2.

Inoltre, l’esperienza immersiva è studiata per durare tutto il giorno, grazie a diverse funzionalità della batteria come Smart Stamina, modalità Stamina, plus Battery Care e la tecnologia Qnovo Adaptive Charging per aiutare a mantenere la batteria in condizioni ottimali e garantirne un ciclo di vita più lungo.

Fotocamera

Nuova funzionalità di XZ3 è Smart launch con intelligenza artificiale che attiva istantaneamente la fotocamera quando il telefono è posizionato in modalità panoramica, consentendo di cogliere l’attimo perfetto per lo scatto. Smart launch, insieme alle già esistenti funzionalità con IA quali Superior Auto, Predictive Capture, Predictive Autofocus e Smile shutter permettono alla fotocamera di XZ3 di assicurare scatti perfetti. Solo la fotocamera Motion Eye di Sony, infine, offre la possibilità di registrare in modalità 4K HDR – per catturare video in altissima qualità – e in Super slow motion Full HD a 960fps per video da brivido.

Non c’è l’atteso salto verso la doppia fotocamera posteriore, Sony sceglie la strada della continuità, inserendo nel dispositivo lo stesso sensore principale da 19 megapixel e dotato di flash LED, stabilizzazione digitale, HDR e apertura focale f/2.0. Ad affiancarlo c’è una camera frontale da 13 MP sviluppata per catturare selfie in modalità ritratto con effetti bellezza e bokeh per scatti davvero creativi. Inoltre, l’avanzato 3D Creator ora consente agli utenti di aggiungere la mimica facciale alle proprie scansioni, sia riprese dalla fotocamera frontale sia da quella principale, rendendole ancora più realistiche.

Multimedia

L’intrattenimento è esaltato dall’eccellente expertise di Sony nel comparto audio: gli speaker S-Force Front Surround Sound sono ancora più potenti e offrono un’intensità del suono superiore del 20% rispetto al precedente modello. La tecnologia Hi-Res Audio permette di ascoltare la musica nella qualità d’incisione, mentre la tecnologia DSEE HX permette di riportare i file compressi ad una qualità prossima all’Hi-Res Audio e LDAC permette un ascolto wireless senza precedenti.

Completano la scheda tecnica una connettività Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, Bluetooth 5.0, oltre al chip NFC e all’ingresso USB Type-C.

Sony Xperia XZ3 anteprima

Abbiamo provato il nuovo Sony Xperia XZ3 in anteprima ad IFA 2018. Esteticamente, il dispositivo assomiglia tanto allo XZ2 uscito a febbraio: bel display ampio, cornici ancora più sottili e tutta la qualità del pannello OLED. Insomma, è un bel telefono da vedere, più leggero rispetto al passato e con ottimi materiali di costruzione. Dietro, la prima grande novità: se lo XZ2 ci era sembrato davvero troppo stondato sul retro – a tal punto che se lo appoggiavi sulla scrivania e provavi a girarlo, lo smartphone cominciava a ruotare da solo come una trottola; ora i giapponesi hanno messo una pezza al problema rendendo più lineare la cover, che ora si impugna ancora meglio ed è ancora più ergonomico.

Il sensore per le impronte digitali conserva una posizione più bassa rispetto alla media degli altri produttori: per alcuni è un vantaggio, per altri è meno comodo da utilizzare. Secondo noi, è una soluzione da premiare perché riteniamo possa essere più facile da utilizzare per sbloccare velocemente il telefono. Il display è davvero bello: l’OLED rende i neri profondissimi e i colori ancora più bilanciati; da rivedere l’oleofobicità, un pizzico sotto la media.

Dal punto di vista delle prestazioni, si capisce subito a colpo d’occhio che ci troviamo di fronte al nuovo Android 9 Pie, seppur “soffocato” da tante app pre-installate come da migliore tradizione Sony. Nel corso della nostra prova veloce il multitasking scorre bene e rapido, anche se il processore comincia a scaldare quasi subito: sicuramente un punto a sfavore che può compromettere le prestazioni del dispositivo alla lunga. Se il design è diventato un punto di forza del dispositivo, il cavallo di battaglia di tutti i Sony Xperia è la fotocamera e lo XZ3 si inserisce perfettamente in questa tradizione grazie ad un buon autofocus, un’ottima stabilizzazione e una buona resa complessiva, anche da parte della fotocamera anteriore.

Complessivamente il telefono è bello, funziona bene ed ha un design moderno con buoni materiali di costruzione: impossibile non consigliarlo quindi? Dipende dal prezzo, tallone d’Achille di Sony da sempre, non ufficializzato in sede di presentazione. Se fosse sotto i 500-600 euro, il Sony Xperia XZ3 potrebbe diventare un’ottima alternativa a buon prezzo, se fosse al di sopra, perderebbe buona parte del suo potere d’acquisto.

Sony Xperia XZ3 prezzo e data di uscita

Sony Xperia XZ3 è disponibile a partire da inizio ottobre ed è tra i primi dispositivi a integrare l’ultima release Android 9 Pie. Potrai acquistarlo in tre colori, con finiture strabilianti per riflettere il proprio stile: Black, White Silver e Forest Green.

Il nuovo smartphone giapponese arriva in Italia al prezzo di 799€: un costo sicuramente eccessivo per le dotazioni tecniche del telefono, seppur in linea con i principali top di gamma in circolazione, rispetto ai quali XZ3 deve ancora recuperare terreno.

Cosa sappiamo del prossimo Sony Xperia XZ3

Sony Xperia XZ3 rumors

A meno di sei mesi dall’uscita di Sony Xperia XZ2, il colosso giapponese è già pronto ad aggiornare il proprio top di gamma, cercando di rintuzzare gli attacchi degli avversari e provando a migliorare i difetti riscontrati sul dispositivo. Per questo le caratteristiche del nuovo Sony Xperia XZ3 non dovrebbero discostarsi molto da quelle del modello uscito al Mobile World Congress di Barcellona: lo schermo dovrebbe rimanere invariato (da 5,7 pollici con risoluzione Full HD a 2160 x 1080 pixel), così come la dotazione hardware che confermerà il processore Qualcomm Snapdragon 845 con un salto verso i 6 GB di RAM e i 64 GB di spazio di archiviazione, espandibile tramite micro SD.

Quello che dovrebbe migliorare è il design e la batteria: il primo sarà rivisto e corretto per rendere le linee più morbide ed eleganti, cercando di eliminare la “bombatura” posteriore che sullo XZ2 era portata all’estremo; la seconda dovrebbe essere più capiente – da 3240 mAh – e con la possibilità di una ricarica ancora più rapida. L’altra grande novità dovrebbe consistere nell’arrivo della doppia fotocamera posteriore da 19+13 megapixel che faccia schizzare il telefono in cima alle graduatorie di riferimento, portando quindi i due sensori al debutto in una serie che non sia la versione Premium.

Sony presenterà Sony Xperia XZ3 ad IFA 2018 e dovrebbe fare il suo debutto sugli scaffali intorno alla seconda metà di settembre ad un prezzo che dovrebbe oscillare intorno ai 700€. Vedremo a fine mese, durante la fiera berlinese, se queste indiscrezioni verranno confermate dall’evento di lancio dei giapponesi.

1 agosto 2018