Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Sony RX100 VI

Sony RX100 VI

di Carlo Carlinoaggiornato il 14 giugno 2018
attesaelevata
La storia del prodotto
Questo articolo raccoglie tutte le news su Sony RX100 VI presentate o in arrivo nelle prossime settimane e sarà costantemente aggiornato per non farvi perdere nulla sui nuovi dispositivi. L’ultimo aggiornamento risale al 23 Giugno 2018.
Sony RX100 VI: la compatta premium superzoom

Sony RX100 VI caratteristiche: tutto quello che c’è da sapere

Sony, in modo abbastanza inaspettato, ha presentato la nuova fotocamera compatta della serie RX100, una gamma che si è sempre contraddistinta per le prestazioni professionali racchiuse in un corpo molto contenuto. Con la nuova Sony RX100 VI l’azienda è riuscita a migliorare una fotocamera molto amata dagli utenti. Ora la compatta premium dell’azienda giapponese è più dinamica ed è dotata di uno zoom molto ampio.

Sony RX100 VI condivide con il vecchio modello il performante sensore CMOS Exmor RS da 1″ con 20,1 megapixel. Si tratta di un sensore che, come abbiamo avuto modo di constatare sulla RX100 V, riesce a restituire file di grande qualità nonostante le sue piccole dimensioni. La gamma ISO parte da 125 e si estende fino a 12.800 con una sorprendete tenuta del rumore digitale; grazie a questa caratteristica è possibile scattare foto e video anche in situazioni di bassa illuminazione senza perdere nitidezza. Sony RX100 VI ha preso in prestito componenti anche dall’ammiraglia delle mirrorless, la Alpha 9. Infatti su questa piccola compatta sono presenti due processori: il BIONZ X e il front-end LSI. Questa accoppiata migliora la precisione di Face Detecion e rilevamento dello sguardo oltre a velocizzare il rilevamento di autofocus e esposizione. Come abbiamo già detto la nuova Sony RX100 VI è molto dinamica. La macchina è infatti capace di scattare fino a 24 foto al secondo con tracking AF/AE. È quindi possibile utilizzare questa fotocamera compatta anche in contesti sportivi, grazie anche alla lente superzoom. Una delle più grandi novità di questa Sony RX100 VI è proprio l’obiettivo, un ZEISS Vario-Sonnar T* 24-200 mm f/2.8-4.5. Rispetto al modello precedente ha un’estensione più ampia ma allo stesso tempo è meno luminoso. Inoltre la stabilizzazione ottica StadyShot è stata migliorata, ora è possibile recuperare fino a 4 stop quando si utilizza l’estensione massima di 200 mm equivalenti, caratteristica che sarà apprezzata sia da fotografi che da videomaker. L’otturatore della RX100 VI può essere utilizzato sia in modalità meccanica che elettronica ed è dotato di una speciale funzione anti-distorsione che permette di evitare oggetti deformati anche quando si scatta alla velocità massima di 1/32.000 di secondo. Infine la Sony RX100 VI è dotata di WiFiBluetooth 4.1 e NFC grazie ai quali è possibile condividere i file con altri dispositivi e comandare la fotocamera da remoto. La batteria è la NP-BX1 che, a quanto comunicato dal produttore, dovrebbe assicurare circa 240 foto o 75 minuti di riprese continue.

Autofocus

Il sistema di messa a fuoco è sempre stato molto performante sui modelli di questa serie e la Sony RX100 VI ne è la conferma. È dotata di un sistema AF ibrido che offre una risposta di 0,03 secondi e un’ottima velocità in modalità tracking. I punti AF sono ben 315 e coprono circa il 65% dell’area dell’immagine; sarà quindi possibile mettere a fuoco oggetti di piccole dimensioni o in rapido movimento in modo molto più semplice. Grazie alla modalità Eye AF è possibile mettere a fuoco lo sguardo del soggetto (perfetto per i ritratti) anche quando quest’ultimo guarda in basso o altrove e quando i volti sono retroilluminati o parzialmente in ombra. Durante la registrazione dei video è possibile utilizzare l’AF continuo per una messa a fuoco precisa e fluida. È inoltre possibile regolare la velocità AF e la sensibilità del tracking AF per ottenere delle transizioni della messa a fuoco più creative.

Design

Una delle principali caratteristiche estetiche delle RX100 è l’aspetto da fotocamera economica. I materiali utilizzati non sono ovviamente paragonabili alle fotocamere ultra economiche ma le linee e i comandi le hanno sempre rese un po’ anonime. Per alcuni utenti questa scelta può risultare positiva: un corpo anonimo che passa inosservato ma un cuore da ammiraglia. La Sony RX100 VI è praticamente identica alle versioni che l’hanno preceduta. Il corpo è molto compatto e resistente ed integra una lente retrattile con ghiera sul barilotto che può essere utilizzata per molteplici impostazioni. Posteriormente oltre ai tasti per muoversi nei vari menù è presente una ghiera che consente di cambiare i parametri di scatto e un display completamente orientabile. Non manca l’iconico mirino elettronico pop-up posizionato a sinistra della parte superiore, dove di solito trova posto il flash che in questo caso è stato spostato in corrispondenza dell’obiettivo. Le misure di questa RX100 VI sono 101,6 x 58,1 x 42,8 mm e il peso è di appena 301 grammi. Grazie a questa compattezza è possibile tenerla tranquillamente in tasca e, all’occorrenza, tirarla fuori per scattare foto o video professionali.

Mirino e display

Come detto sopra la Sony RX100 VI è dotata sia di schermo che di mirino elettronico. Il display posteriore è un LCD TFT Xtra Fine da 3″, è dotato di 921.600 punti definizione ed è touchscreen e orientabile. Si tratta di un display perfetto per tutte le situazioni: può essere ribaltato di 180° per scattare selfie o registrare vlog oppure può essere inclinato di 90° per effettuare riprese più complicate (come ad esempio le riprese dall’alto). Offre un’ottima definizione e grazie al touchscreen è possibile decidere il punto di messa a fuoco con un semplice tocco. Inoltre quando si adopera il mirino è possibile cambiare il punto di messa a fuoco utilizzando il display come un touch pad. Questa feature permette di mantenere l’occhio sul mirino per non perdere il momento decisivo della scena. Per quanto concerne il mirino la Sony RX100 VI è dotata di un Tru-Finder OLED da 2.350.000 punti definizione. Grazie ad un pulsante posto sul lato sinistro della fotocamera è possibile estrarre il mirino in modo veloce e semplice; si tratta di un mirino già molto amato dagli utenti nelle precedenti versioni di questa compatta. Offre un’anteprima molto chiara e nitida ed è molto utile da utilizzare in condizioni di forte illuminazione per scattare fotografie.

Video

Con la RX100 V Sony ha dimostrato di essere in grado di realizzare una compatta che registra video professionali, caratteristica che si rispecchia nella nuova Sony RX100 VI. L’ultima compatta professionale dell’azienda è in grado di registrare filmati in 4K Ultra HD a 30fps con lettura completa dei pixel. Questa tecnologia consente di raccogliere un volume di informazioni di circa 1,7 volte superiore alle normali riprese in 4K. Per quanto riguarda i miglioramenti rispetto al modello precedente ora è possibile utilizzare i profili S-Log3, S-Log2  HLG (Hybrid Log-Gamma). Grazie all’utilizzo di questi profili è possibile realizzare video in HDR (che possono essere riprodotti direttamente su le TV compatibili collegandole alla fotocamera) e tarare a proprio piacimento i colori in post-produzione. RX100 VI offre anche funzionalità professionali per aiutare i videomaker nella realizzazione di filmati professionali, tra cui Gamma Display Assist (che permette di avere un’anteprima in tempo reale del profilo che si sta utilizzando), Zebra (che aiuta ad esporre la scena) e uscita HDMI chiara. Tutte queste funzionalità sono state riprese dalle mirrorless professionali di Sony che vengono utilizzate dai professionisti del settore. Infine, come sulla RX100 V, la Sony RX100 VI è in grado di registrare video in slow motion fino a 960fps, cioè 40 volte più lenti. Con queste caratteristiche video Sony punta anche ai videomaker che vogliono riprendere momenti di vita quotidiana con una qualità eccezionale.

Sony RX100 VI obiettivi

La novità più importante di questa Sony RX100 VI, che ad alcuni utenti potrebbe non piacere, è l’obiettivo superzoom. Sulla gamma RX100 Sony ci ha sempre abituati ad obiettivi con una buona escursione focale e con un’apertura massima del diaframma molto elevata a tutte le lunghezze focali. Con la sesta generazione l’azienda giapponese ha preferito puntare ad un’escursione focale molto più estesa a discapito dell’apertura massima del diaframma. Ora l’obiettivo ZEISS Vario-Sonnar T* compre una distanza focale equivalente pari a 24-200 mm e un’apertura del diaframma di f/2.8-4.5. Questo cambiamento permette di utilizzare la Sony RX100 VI in più ambiti rispetto alle precedenti versioni. È inoltre presente la tecnologia Clear Image che consente di effettuare uno zoom digitale pari a 16x con una perdita di qualità minima. Non manca la stabilizzazione SteadyShot ottica che consente di compensare le vibrazioni della fotocamera fino a 4 stop anche quando si utilizza l’escursione massima di 200 mm. Sony ha migliorato la stabilizzazione per compensare la lente più buia, in questo modo si possono ottenere filmati e foto nitidi anche in condizioni di bassa illuminazione.

Sony RX100 VI prezzo e uscita in Italia

L’uscita di Sony RX100 VI è prevista per giugno 2018. Per quanto riguarda il prezzo non è stato comunicato dall’azienda ma ci aspettiamo una cifra intorno ai 1300€, un costo del tutto giustificato viste le caratteristiche di questa Sony RX100 VI.

11 giugno 2018
Sony RX100 VI cosa sappiamo sulla fotocamera compatta premium

Sony RX100 VI rumors: le nostre aspettative

Da qualche giorno circolano in rete alcuni rumors riguardanti una Sony che è stata registrata in Cina. Non si sa esattamente qual è il modello che la casa giapponese presenterà nel corso dei prossimi mesi, l’unico indizio che abbiamo è il codice WW771132. Noi di Ridble, come altri siti del settore, pensiamo si possa trattare della nuova Sony RX100 VI, in quanto l’attuale Mark V è stata presentata nel lontano 2016. Non ci resta quindi che attendere qualche mese per scoprire se Sony riuscirà a migliorare una fotocamera compatta professionale già ottima.

4 giugno 2018