Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Sony A7R III

Sony A7R III

di Marco Rotunnoaggiornato il 10 agosto 2018
valutazione finale9
La storia del prodotto
Questo articolo raccoglie tutte le news su Sony A7R III presentate o in arrivo nelle prossime settimane e sarà costantemente aggiornato per non farvi perdere nulla sui nuovi dispositivi. L’ultimo aggiornamento risale al 19 Settembre 2018.
Sony A7R III è stata inserita in svariate guide all'acquisto

Sony A7R III consigliata per l’acquisto

Sulla base della storia, delle caratteristiche e della sua qualità, abbiamo deciso di inserire Sony A7R III all’interno delle nostre guide all’acquisto, entrando di conseguenza a far parte delle selezioni dei migliori prodotti della categoria. Per le esigenze e le caratteristiche specifiche per cui Sony A7R III viene consigliato all’acquisto, vi invitiamo a controllare la sezione Ridble Awards all’inizio di questa pagina.

Sony A7R III firmware

Attualmente è stato rilasciato l’aggiornamento firmware per Sony A7R III che prende il nome di versione a 1.10. Questo aggiornamento apporta delle lievi miglioramenti che migliorano l’esperienza di utilizzo e il potenziale della mirrorless Sony. In particolar modo notiamo l’aggiunta dell’opzione di intervallo che è selezionabile dal menu per il multi-scatto Pixel Shift da 0.5 secondi. È stato aggiunto il supporto per la modalità peaking quando si registrano contenuti in S-Log; il bracketing è disponibile anche durante la modalità di scatto silenzioso con RAW non compresso; l’AF sugli occhi è stato migliorato dal momento che erano stati riscontrati dei problemi ed infine è stata migliorata la stabilità complessiva della fotocamera. Il nome specifico di questo aggiornamento firmware è: ILCE-7RM3 alla Ver.1.10, disponibile sia per Windows che per Mac.

Sony A7R III miglior prezzo e offerte

Sony A7R III è una mirrorless abbastanza costosa visto il suo target specifico e la massima qualità della serie Alpha che riesce ad offrire. Questa fotocamera Sony è disponibile all’acquisto sui maggiori siti di e-commerce a prezzi molto interessanti. Grazie ai costi vantaggiosi con cui è acquistabile sugli store principali online, la mirrorless si riesce ad ottenere un rapporto prezzo-prestazioni più vantaggioso che rende questa fotocamera un must per chi cerca la migliore mirrorless con sensore full frame attualmente presente sul mercato. Inoltre sarà possibile beneficiare di una garanzia ed assistenza post vendita direttamente dai migliori siti di e-commerce che abbiamo selezionato.  Scegliete di acquistare Sony A7R III al miglior prezzo con la maggiore garanzia e sarete sicuramente soddisfatti della scelta.

Puoi acquistare il prodotto su Amazon o se preferisci su eBay

Sony A7R III
Prezzo consigliato: € 3330Prezzo: € 2411
È online la nostra recensione di Sony A7R III

Sony A7R III recensione

Sony A7R III è la mirrorless Sony che gli utenti stavano aspettando, inutile negarlo. Per chi ha esigenze molto alte sia per le foto che per i video non potrà che far piacere tutto ciò che il produttore ha integrato e migliorato in questo modello già di successo. Ci siamo trovati in molte situazioni in cui mettere alla prova Sony A7R III e in nessuna di queste la piccola mirrorless ha dato segni di cedimento, soprattutto nei momenti più “difficili” dove altre fotocamere sarebbero tranquillamente andate in crisi.


Il sensore CMOS full frame da 42.4 megapixel assicura una qualità dei dettagli e una nitidezza fuori dal comune e i punti di messa a fuoco rendono l’esperienza di scatto davvero piacevole. La modalità AF Eye tracking è ideale per la fotografia di ritratto e funziona davvero molto bene anche su soggetti in movimento. Segno che Sony ha saputo lavorare molto anche sulla parte puramente tecnologica del prodotto e offrire risultati straordinari. Il mirno elettronico è pazzesco e offre una luminosità e una qualità dei contrasti fuori dal comune, si tratta di uno dei migliori EVF in circolazione. Il fattore di lag è praticamente inesistente e sembra quasi di scattare con un mirino ottico per la fluidità con cui scorrono le immagini, con tutti i benefici però del mirino elettronico. Anche la durata della batteria non è affatto male, si tratta comunque di una delle mirrorless più performanti di sempre e trovare su un modello simile un’autonomia vicina ai 600 scatti è davvero un fattore da lodare.

Nella nostra prova e recensione di Sony A7R III potete notare tutti i nostri pareri e commenti. Si tratta ovviamente di un modello ultra professionale, dal costo alto e non alla portata di tutti, ma si tratta di una spesa più che giustificata nel momento in cui avete davvero bisogno della massima qualità in ogni ambito. Un vero peccato la mancanza delle applicazioni che ci avevano fatto amare la serie A7 di Sony fin da subito, ma si tratta comunque di una delusione già “aperta” con Sony a9 e la più piccolina Sony A7 III. Speriamo che il produttore cambi idea sotto questo punto di vista, perché per time lapse e molto altro le applicazioni erano una vera comodità.

Sony A7R III vs Sony A7 III

Dal momento che attualmente le mirrorless con sensore a pieno formato sono tutte Sony, i paragoni che andremo a fare saranno propro tra i vari modelli della serie Alpha. Questo perché il tipo di sensore è la prima scelta che dovete fare, e una volta scelto su quale tipo di formato di sensore orientarvi potete fare i diversi paragoni. Non avrebbe molto senso, infatti, paragonare una mirrorless con sensore full frame con una con sensore APS-C o micro 4/3. La sfida più interessante riguarda quindi i due modelli che sono stati rivoluzionati proprio quest’anno: Sony A7R III contro Sony A7 III.

La prima differenza sostanziale riguarda sicuramente il numero di megapixel sul sensore, la versione R può contare su 42.4 megapixel, quasi il doppio della versione basic che è dotata di 24.2 megapixel. Questo fattore comporta a delle foto più nitide per la Sony A7R III, ma se consideriamo la resistenza ad alti valori ISO vince la più piccolina, Sony A7 III. Questo perché i molti megapixel della versione R sono più soggetti alla sensibilità che si va ad aumentare e portano un rumore digitale più accentuato se si alzano troppo i valori. Per questo motivo il range esteso della Sony A7 III parte da 50 fino ad arrivare a 204800, mentre la versione R arriva a massimo 102400. Se avete bisogno quindi di ottenere foto con valori ISO alti è meglio scegliere la versione basic, se cercate invece foto con nitidezza molto elevata allora meglio la versione R. Strano ma vero, il numero di punti di messa a fuoco a rilevamento di fase è maggiore sulla mirrorless basic, che conta ben 693 arrivano a coprire il 93% dell’aera, proprio come la più costosa e performante Sony A9. La versione R può contare invece su 399 punti che coprono il 63% dell’immagine. Si tratta comunque di un numero altissimo che permette di assicurare un alto livello di efficienza in molte situazioni. Considerando invece i punti a rilevamento di contrasto si arriva allo stesso risultato per entrambe: 425.

La versione R ha un piccolo vantaggio pari a 0.5 stop in più grazie ad uno stabilizzatore a 5 assi che garantisce migliori performance. Per quanto concerne la raffica di scatto, notiamo che entrambe le fotocamere arrivano a 10 fps, ma vince Sony A7 III che grazie ad un numero di megapixel inferiore è in grado di registrare 177 file jpeg oppure 89 file RAW. Sony A7R III arriva invece a 76 file sia jpeg che RAW di fila, un numero comunque ottimo e che non si discosta molto dalla A7 III se prendiamo in considerazione il paragone per il file RAW. Il mirino elettronico invece è decisamente migliore sulla versione R, che integra un  eccellente OLED Tru-Finder Quad-VGA da 3.690.000 punti ad alta risoluzione che offre immagini naturali e ad alta precisione con un refresh rate di 100/120fps.Si tratta probabilmente di uno dei migliori mirini elettronici in assoluto presente sul mercato. Sony A7 III ha invece ereditato il mirino dalla versione precedente: un EVF OLED da 2,360 milioni di punti e un refresh rate da 60fp. L’esperienza di scatto con il mirino è quindi decisamente maggiore su Sony A7R III. Infine se consideriamo la durata della batteria vince ovviamente la versione basic, questo perché i due modelli integrano la stessa batteria, ma la versione R consuma di più. Nel dettaglio le stime fatte sa Sony indicano una durata che va dai 710 scatti ai 650 con EVF attivo per la Sony A7 III, contro i 650 e 530 con EVF attivo per la mirrorless R della serie Alpha.

Quale scegliere quindi tra i due modelli?La differenza di prezzo tra i due modelli è di circa 1300€. La versione R offre una qualità complessiva migliore, una nitidezza e qualità dei dettagli eccezionale e un’esperienza di utilizzo superiore grazie a un mirino elettronico e un display di qualità quasi doppia rispetto al modello basic. Dall’altra parte però ci troviamo di fronte ad una mirrorless con un rapporto qualità prezzo praticamente unico nel suo genere. La resistenza ad alti valori ISO è maggiore sulla versione basic così come la quantità di foto che possono essere fatte in raffica di scatto. La decisione finale spetta quindi a voi in base alle vostre esigenze, sicuramente Sony A7 III è più che sufficiente per la maggior parte dei fotografi e videomaker professionisti e per chi necessita di scattare ad alti valori ISO, mentre la versione R è per chi cerca il top per quanto concerne la nitidezza e la qualità dei dettagli.

Sony A7R III vs Sony A9

Potremmo definire questo uno scontro tra titani dal momento che si tratta di un paragone con le due mirrorless attualmente più potenti di Sony e sul mercato delle mirrorless in generale. Sony A9 è un vero mostro per quanto riguarda la potenza e la messa a fuoco, mentre Sony A7R III si difende bene ed è in grado di scattare a 42,4 megapixel con una risoluzione delle immagini pazzesca. Entrambe le mirrorless hanno un costo elevato e per un professionista potrebbe essere giusto chiedersi se per le proprie esigenze vale la pena spendere ancora di più e portarsi a casa il modello più performante della serie Alpha oppure risparmiare qualcosina ma senza rinunciare agli alti risultati che potrebbe ottenere con la versione R. Vediamo quindi le principali caratteristiche tra i due modelli.

La prima differenza evidente e sostanziale tra la Sony A9 e la A7R III riguarda sicuramente il sensore. Entrambi i modelli montano un sensore full-frame Exmor CMOS retroilluminato ma la risoluzione di Sony A7R è quasi il doppio: 42,4 megapixel contro i 24,2 di Sony A9. Quello che però A9 perde in risoluzione lo guadagna in velocità nel processare le immagini, dal momento che grazie alla combinazione con il processore BIONZ X e il sensore Exmor RS stacked con velocità Hi-speed risulta 20 volte più veloce di Sony A7R II, quindi supponiamo che sia almeno 10 volte più veloce della nuova Sony A7R III. Anche per quanto riguarda la sensibilità ISO il sensore di Sony A9 vince contro A7R III, dal momento che tutti quei megapixel hanno un po’ di difficoltà in condizione di luce difficile.

L’otturatore elettronico su Sony A9 è semplicemente magnifico grazie alla tecnologia anti-distorsione che immortala il momento proprio come se si trattasse di un otturatore meccanico. Anche la velocità che è in grado di raggiungere questo otturatore è assurda e arriva fino a 1/32000s, contro l’1/8000 di Sony A7R III. La velocità di scatto è esattamente del doppio dal momento che Sony A9 arriva a 20 fps con formato RAW piena risoluzione mentre la versione R a 10 fps. Ma fin qui nulla di nuovo, è risaputo che Sony A9 è la mirrorless più veloce e potente che esiste fino ad ora. Una piccola rivincita che si prende Sony A7R III è per quanto concerne lo stabilizzatore d’immagine che con la nuova tecnologia di compensazione riesce a guadagnare 0.5 stop in più. Anche la tecnologia Pixel Shift Multi scatto è presente solo sulla versione R che permette di combinare più scatti e ottenere una gamma dinamica maggiore con una qualità dei dettagli unica. In definitiva chi cerca la massima risoluzione possible dovrebbe orientarsi su Sony A7R III, se invece cercate la massima potenza, velocità e reattività allora Sony A9 è il modello giusto su cui puntare.

Sony Alpha 7R III news su disponibilità e prezzo

Sony Alpha 7R III prezzo e uscita in Italia

Sony Alpha 7R III è senz’altro un prodotto tanto di punta quanto e professionale: non ci aspettavamo di certo un prezzo basso (visto anche il prezzo del modello precedente e il mantenimento del valore). Questa nuova fotocamera mirrorless è disponibile ad un prezzo di listino pari a circa 3.500€ per il solo corpo. La mirrorless Sony a7R III è disponibile fin da dicembre 2018, pronta a soddisfare i fotografi più esigenti che cercano la massima qualità e nitidezza dai propri scatti. Considerando che attualmente non esistono mirrorless rivali in grado di competere con questa fotocamera, non possiamo fare nessun paragone circa il prezzo, sicuramente si tratta di un prezzo più che ragionevole se consideriamo la sua unicità e qualità professionale.

Puoi acquistare il prodotto su Amazon o se preferisci su eBay

Sony A7R III
Prezzo consigliato: € 3330Prezzo: € 2411
Sony Alpha 7R III news: tutto sulla nuova fotocamera mirrorless di Sony

Sony a7R III caratteristiche: tutto quello che c’è da sapere

Sony ha senz’altro appreso molto da Sony a9 (potete scoprire di più nella nostra recensione di Sony a9) sia per quanto concerne la rapidità di scatto, sia per quanto concerne l’autonomia della batteria e molto altro. Effettivamente in a9 abbiamo visto importanti miglioramenti che sapevamo sarebbero prima o poi arrivati nella serie A7, ed effettivamente non ci siamo sbagliati.

Sony a7R III è una novità sotto molti punti di vista dedicata ai professionisti e a coloro i quali puntano tutto sulla qualità d’immagine. Essa integra lo stesso sensore full frame del modello precedente, vale a dire un Exmor R CMOS da 42,4 megapixel che senz’altro non ha tuttora nulla da invidiare alla concorrenza. I miglioramenti sono stati fatti al sistema di messa a fuoco, la reattività e velocità di scatto, al processing delle immagini e all’autonomia della batteria, da sempre grande problema per questo modello.

Insomma, gli interventi degli ingegneri Sony sono stati molto mirati, raccogliendo i feedback degli utenti, professionisti o amatori, e cercando di accontentare tutti con delle migliorie importanti. Sony a7R III è ora molto più reattiva nell’accensione, nella messa a fuoco e nell’utilizzo, tre importanti fattori che ci avevano fatto storcere il naso nella nostra recensione di Sony a7R II. Per quanto concerne la velocità di elaborazione, è sempre presente il buon Bionz X, arrivato alla sua ennesima evoluzione e che è in grado di assicurare una velocità migliorata di 1,8 volte. Avrete quindi una fotocamera mirrorless molto più reflex con reattività aumentata e minori possibilità di perdere l’attimo nello scatto di una foto.

Migliorata anche la raffica di scatto: si arriva a 10fps con focus tracking continuo sia con otturatore meccanico sia con otturatore elettronico che aggiunge in più la modalità di scatto silenziosa esattamente come la sorella maggiore Sony a9.

Allora amerete anche la nuova modalità Pixel Shift che vi permetterà di scattare 4 foto leggermente spostate tra loro e che potranno poi essere ricomposte con il software in dotazione. Tale funzione vi permetterà di comporre foto di risoluzione quadrupla arrivando alla bellezza di circa 169,60 megapixel. Sono sicuro che Pixel Shift sarà una funzione amata dai fotografi di architettura e di fotografia Still Life.

Non dimentichiamoci però di una cosa importante: Sony a7R III ha una nuova batteria con una capacità raddoppiata rispetto al modello precedente e in grado di fornire finalmente un’autonomia valida. Questa caratteristica non vediamo l’ora di provarla per capire se effettivamente il cambiamento c’è e si vede. Non mancherà, supponiamo, la possibilità di ricaricare la fotocamera tramite caricabatterie portatile. È stata aggiunta anche la capacità di rilevare la frequenza di sfarfallio di fonti di illuminazione PWM al fine di minimizzare effetti sgradevoli e problematiche varie.

Autofocus

Troverete inoltre un nuovo autofocus che arriva ora fino a 425 punti a rilevamento di contrasto (sempre però disponibile quello a 399 punti a rilevamento di fase) e un chip d’acquisizione potenziato in grado di raddoppiare la velocità di lettura del sensore. È stata inserita e migliorata la modalità autofocus Eye AF che si evolve rispetto al modello precedente con una precisione e rapidità doppia. Questa modalità che permette di individuare e mettere a fuoco l’occhio di un soggetto è due volte più immediata ed efficace anche sui soggetti in movimento.

Design

Il look minima e compatto di Sony A7R III segue direttamente quello del modello precedente, anche se, dopo una seconda vista più accurata, noterete sicuramente dei dettagli aggiuntivi importanti; piccole migliorie che migliorano di molto l’esperienza di utilizzo perché fatte seguendo proprio il feedback degli utenti dopo alcuni problemini con i modelli precedenti. Per quanto riguarda i primi miglioramenti sul design notiamo che è stato inserito anche il doppio slot per scheda SD. La nuova Sony A7R III ha anche una nuova impugnatura che risulta più ergonomica dei modelli precedenti. È stata inserita anche una microUSB 3.1 che funziona sia per la ricarica che per il trasferimento dati / video. Il corpo è costruito in magnesio ed è resistente agli agenti atmosferici (tropicalizzato). Pesa 657 grammi, qualcosa in più rispetto al modello precedente, ma è giustificato dalle grandi differenze di prestazioni rispetto al passato.

Mirino e display

Per quanto riguarda il display LCD TFT da 3″ , non ci sono state grandi variazioni. Il modello mantiene lo stesso angolo angolo regolabile di 107° verso l’alto e 41° verso il basso. Alcuni utenti avevano richiesto un angolo più amplio per le regolazioni ma a causa dell’invadente mirino EVF non è stato possible. Questa scelta è stata fatta probabilmente perché questa fotocamera si rivolge a un pubblico altamente professionale che probabilmente preferisce utilizzare un monitor esterno da tenere sulla slitta Hotshoe al fine di regolare la ripresa. Il mirino elettronico inserito è invece un eccellente OLED Tru-Finder Quad-VGA da 3.690.000 punti ad alta risoluzione che offre immagini naturali e ad alta precisione. I vantaggi in termini di funzionalità dell’EVF sono un’alta qualità che offre visualizzazioni naturali e realistiche su un display brillante.

Video

Anche lato video ci sono delle novità importanti: rimane il formato 4K@30fps che sfrutta l’intera superficie del sensore. Sony a7R III registra video senza Pixel Binning e viene quindi registrata in realtà una clip in 5K con un oversampling al fine di permettere all’utente di avere il massimo della qualità in registrazione. Sono ora disponibili i nuovi profili S-Log2 e S-Log3 al fine di correggere al meglio alte luci, ombre e molto alto in fase di registrazione ma è stata anche aggiunta la possibilità di registrare video in 4K in HDR con un profilo dedicato chiamato “Instant HDR” che di fatto effettua un grading automatico sulle immagini al fine di aumentare la gamma dinamica e migliorare i colori.

Sony A7R III obiettivi

Sicuramente gli obiettivi da scegliere per ottenere il massimi da Sony A7R III sono obietitivi di alta qualità e che garantiscono una resa professionale. Sarebbe un vero peccato non sfruttare tutti quei megapixel che uniti alla modalità pixel shift multi shooting generano immagini uniche per nitidezza e risoluzione.L’azienda Sony ha comunque un corredo di ottiche molto buone e praticamente tutte valide che su questa fotocamera risulterebbero ancora più interessanti. Inoltre ce ne sono davvero di tutti i tipi e dipende molto da ciò che volete fotografare, se paesaggio e architettura, eventi e matrimoni, naturalistica o sportiva. Trovare gli obiettivi perfetti è quindi molto difficile perché si tratterebbe di una scelta soggettiva dettata dal tipo di fotografia che si vuole fare.

Un obiettivo che non dovrebbe sicuramente mancare da abbinare con Sony A7R III è il Sony FE 16-35mm f/2.8 GM. Questo zoom grandangolare permette di riprendere un vasto tipo di scene, da quelle wide per paesaggi e architettura con il 16 mm fino ad arrivare al 35mm, formato standard per la street photography e la fotografia di eventi. Inoltre la sua apertura molto luminosa a f 2.8 garantisce un’ottima resa anche in condizioni di luce difficili, e splenditi effetti bokeh. Questa lente è molto adatta anche per i video proprio per l’apertura e gli splendidi sfocati che riesce a garantire. La nitidezza è molto buona e il peso è più che accettabile con i suoi 680 grammi.

Un’altro obiettivo davvero interessante per chi utilizzerà Sony A7R III per fare ritrattistica è il Sony FE 85mm f/1.4 GM. La sua apertura assoluta e la qualità costruttiva della lente rendono questo obiettivo una vera manna dal cielo per i ritrattisti. Anche questo obiettivo lavora benissimo per la parte video, e riesce a garantire bokeh straordinari e unici, con una qualità e una nitidezza degli scatti che sfruttano ogni singolo megapixel di Sony A7R III.

Sony A7R III news: anteprima

Poco più di due anni sono passati dalla presentazione di Sony a7R II, una fotocamera che fece scalpore per l’incredibile sensore da 42 megapixel in grado di offrire una qualità senza paragoni e soprattutto senza rivali in campo mirrorless. Dopo due anni questo modello gode di un gran successo ed è ancora molto apprezzato ma, effettivamente, gli utenti iniziavano a chiedersi quando potesse essere possibile vedere o acquistare il nuovo modello. Oggi debutta la tanto attesa Sony a7R III, fotocamera mirrorless ammiraglia per quanto concerne la fotografia (per il lato video c’è la serie “S”, ancora in attesa di una nuova evoluzione) e che senz’altro farà parlare a lungo di sé. Vediamo le novità presentate grazie alla nostra prova in anteprima.

La prima caratteristica che abbiamo provato riguarda la modalità di messa a fuoco AF Eye Tracking che assicura una messa a fuoco sull’occhio del soggetto che si vuole riprendere. Questa modalità è davvero interessante e volevamo capire se il suo funzionamento a livello pratico fosse effettivamente soddisfacente e utile nelle diverse situazioni. C’è da dire che siamo rimasti positivamente colpiti da questa modalità, ha centrato l’occhio dei soggetti in movimento quasi sempre, anche se all’inizio bisogna farci l’abitudine. Poi abbiamo voluto provare la qualità del sensore con tutti i suoi megapixel e la modalità pixel shift multi shooting per vedere l’effettiva differenza prima e dopo. Troverete maggiori dettagli nella recensione.

La batteria effettivamente ha retto molto bene, l’abbiamo anche provata in un concerto corale e siamo riusciti a fotografare tranquillamente per quasi 3 ore. In definitiva si tratta di una mirrorless davvero interessante e unica che permette di raggiungere una qualità degli scatti straordinaria. Avrete maggiori informazioni, notizie e prove nella nostra recensione.

Sony A7 III: i rumors della nuova mirrorless

Sony A7R III rumors

Nonostante il nostro impegno a seguire assiduamente la categoria, non abbiamo individuato alcun rumor su Sony A7R III antecedente alla fase di annuncio effettivo. Pertanto, la fase dedicata ai rumors è rimasta priva di indiscrezioni: date direttamente un’occhiata alle caratteristiche ufficiali nella fase sovrastante!