Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Sony A7 III

Sony A7 III

di Marco Rotunnoaggiornato il 27 agosto 2018
valutazione finale9.5
La storia del prodotto
Questo articolo raccoglie tutte le news su Sony A7 III presentate o in arrivo nelle prossime settimane e sarà costantemente aggiornato per non farvi perdere nulla sui nuovi dispositivi. L’ultimo aggiornamento risale al 19 Settembre 2018.
Sony A7 III è stata inserita in svariate guide all'acquisto

Sony A7 III consigliata per l’acquisto

Sulla base della storia, delle caratteristiche e della sua qualità, abbiamo deciso di inserire Sony A7 III all’interno delle nostre guide all’acquisto, entrando di conseguenza a far parte delle selezioni dei migliori prodotti della categoria. Per le esigenze e le caratteristiche specifiche per cui Sony A7 III viene consigliato all’acquisto, vi invitiamo a controllare la sezione Ridble Awards all’inizio di questa pagina.

Sony A7 III firmware

Pochi giorni dopo la data di uscita è stato subito rilasciato un aggiornamento firmware per Sony A7 III che porta la versione a 1.01. Questo aggiornamento apporta delle lievi correzioni che si sono riscontrate subito dopo l’uscita ufficiale della fotocamera. Queste correzioni integrano una migliore stabilità complessiva della fotocamera, e risolve due principali problemi: il primo è il fenomeno dei “pixel lampeggianti” che risultava nella parte inferiore dell’immagine quando si registrava in modalità XAVC S 4K (PAL 25p); il secondo problema riguardava il pannello di sfioramento che in alcuni casi non rispondeva, ora con l’aggiornamento dovrebbe essere tutto a posto. Il nome specifico di questo aggiornamento firmware è: ILCE-7M3 alla Ver.1.01, disponibile sia per Windows che per Mac.

Sony A7 III miglior prezzo e offerte

Sony A7 III è una mirrorless che già con il prezzo di listino integra un rapporto qualità prezzo straordinario. Questa fotocamera Sony è disponibile all’acquisto sui maggiori siti di e-commerce a prezzi ancora più interessanti. Grazie ai costi decisamente vantaggiosi con cui è acquistabile, la mirrorless si riesce ad ottenere un rapporto prezzo-prestazioni assoluto che rende questa fotocamera uno dei migliori prodotti per qualità prezzo. Inoltre sarà possibile beneficiare di una garanzia ed assistenza post vendita direttamente dai migliori siti di e-commerce che abbiamo selezionato.  Scegliete di acquistare Sony A7 III al miglior prezzo con la maggiore garanzia e sarete sicuramente soddisfatti della scelta.

È online la nostra recensione di Sony A7 III

Sony A7 III recensione

Sony A7 III è stata definita dall’azienda stessa la mirrorless basic della serie Alpha 7. Guardando la scheda tecnica del modello ci si rende conto di come questa definizione sia una provocazione, dal momento che la fotocamera integra funzioni e prestazioni impensabili per un modello di gamma basic.

Il concetto che è passato da questa fotocamera è stato riassunto dall’azienda con due semplici parole: expect more. Questo perché Sony dice di essere solo all’inizio di un nuovo percorso che ha come protagonista proprio Sony A7 III, la mirrorless full frame basic che ridefinisce i nuovi standard di questa particolare categoria di fotocamera. Infatti la chiave di lettura di questa mirrorless consiste proprio nel comprendere che anche se si tratta di un prodotto “basic”, che apre quindi le porte al mondo delle mirrorless Sony full frame, è comunque in grado di offrire prestazioni elevatissime ed una qualità decisamente alta.

Non cambia il numero di pixel presenti sul sensore rispetto al modello precedente, ma viene fatta una grossa implementazione grazie al sensore CMOS retroilluminato, novità assoluta su una mirrorless basic, che quindi permette una resistenza agli ISO decisamente elevata. Questa resistenza è praticamente al pari della molto più costosa A9, che rimane invece una mirrorless pensata per i professionisti di fotografia sportiva e naturalistica che hanno bisogno della massima velocità presente sul mercato. I punti di messa a fuoco sono 693, proprio come la Sony A9, ed è anche da questo numero che Sony vuol far comprendere il suo nuovo concetto di ridefinizione degli standard su una fotocamera basic. I 10 fps in modalità full frame permettono di scattare ad una raffica impressionante, che non arriva ai 20 fps della A9, ma che colpisce comunque per la sua reattività. Il mirino elettronico è decisamente buono, il lag è praticamente inesistente e permette quindi un’esperienza di scatto davvero ottima.

A completare il tutto c’è una modalità video decisamente professionale grazie al 4K HDR a 24p che sfrutta l’oversampling, ovvero registra un video in 6K per poi ridurlo e ottenere immagini ancora più dettagliate e nitide. Presenti anche S-Log2 e S-Log3 per una gestione dei colori a livello professionale. Inoltre sono presenti 5 assi di stabilizzazione che permettono spesso di effettuare riprese a mano libera, una vera comodità in molti contesti. Infine troviamo una durata della batteria che arriva a coprire i 720 scatti, un numero altissimo per una mirrorless, che va a raggiungere le reflex abbattendo un altro limite che divide le fotocamere senza specchio da quelle con il pentaprisma. 

Sony A7 III vs Sony A7R III

Dal momento che attualmente le mirrorless full frame presenti sul mercato sono tutte Sony, i paragoni che andremo a fare saranno per forza tra i vari modelli della serie Alpha. Questo perché il tipo di sensore cambia l’esperienza di utilizzo e le foto che è possible ottenere, e di conseguenza non avrebbe senso paragonare una mirrorless con sensore full frame con una con sensore APS-C o micro 4/3. La sfida più interessante riguarda quindi i due modelli che sono stati rivoluzionati proprio quest’anno: Sony A7 III contro Sony A7R III.

La prima differenza sostanziale riguarda sicuramente il numero di megapixel sul sensore, la versione basic è infatti dotata di 24.2 megapixel contro quasi il doppio per la sorella maggiore R che può contare su 42.4 megapixel. Anche se questo comporta a delle foto più nitide per la Sony A7R III, se consideriamo la resistenza ad alti valori ISO vince Sony A7 III che con il range esteso parte da 50 fino ad arrivare a 204800, mentre la versione R arriva a massimo 102400. Questo perché come alcuni di voi sapranno, un maggior numero di megapixel è più soggetto ad alti livelli di rumorosità in condizioni di luce scarse quando si alza il valore degli ISO, se avete bisogno quindi di ottenere foto con valori ISO alti è meglio scegliere la versione basic, se cercate invece foto con nitidezza molto elevata allora meglio la versione R. Strano ma vero, il numero di punti di messa a fuoco a rilevamento di fase è maggiore sulla mirrorless basic, che conta ben 693 arrivano a coprire il 93% dell’aera, proprio come la più costosa e performante Sony A9. Sony A7R III invece ha 399 punti che coprono il 63% dell’immagine. Anche se sembrano pochi rapportati alla A7 III, si tratta comunque di un numero elevatissimo. Mentre se consideriamo i punti a rilevamento di contrasto si arriva allo stesso risultato per entrambe: 425.

Un’altra distinzione riguarda lo stabilizzatore interno a 5 assi, che è presente su entrambi i modelli ma con maggiori performance sulla serie R, dal momento che è in grado di guadagnare 5.5 stop, mezzo stop in più rispetto alla sorellina basic. Se consideriamo la raffica di scatto, notiamo che entrambe le fotocamere arrivano a 10 fps, ma vince Sony A7 III che grazie ad un numero di megapixel inferiore è in grado di registrare 177 file jpeg oppure 89 file RAW. Sony A7R III arriva invece a 76 file sia jpeg che RAW di fila, un numero comunque ottimo e che non si discosta molto dalla A7 III se prendiamo in considerazione il paragone per il file RAW. Il mirino elettronico invece è decisamente migliore sulla versione R, che integra un EVF OLED da 3,686 milioni di punti con un refresh rate di 100/120fps. Sony A7 III ha invece ereditato il mirino dalla versione precedente, senza variazioni, trovandosi quindi con un EVF OLED da 2,360 milioni di punti e un refresh rate da 60fp. L’esperienza di scatto con il mirino è quindi decisamente maggiore su Sony A7R III. Infine se consideriamo la durata della batteria vince ovviamente la versione basic, questo perché i due modelli integrano la stessa batteria, ma la versione R consuma di più. Nel dettaglio le stime fatte sa Sony indicano una durata che va dai 710 scatti ai 650 con EVF attivo per la Sony A7 III, contro i 650 e 530 con EVF attivo per la mirrorless R della serie Alpha.

Quale scegliere quindi tra i due modelli? Sicuramente un fattore che influenzerà di molto la scelta è il prezzo, dal momento che ci sono circa 1300€ di differenza tra la versione basic più economica e la Sony A7R III. Quest’ultima offre una qualità complessiva migliore, una nitidezza e qualità dei dettagli eccezionale e un’esperienza di utilizzo molto superiore grazie a un mirino elettronico e un display di qualità quasi doppia rispetto all’altro modello. Dall’altra parte però ci troviamo di fronte ad una mirrorless con sensore full frame dalle prestazioni eccellenti e con un rapporto qualità prezzo praticamente unico nel suo genere. La resistenza ad alti valori ISO è maggiore sulla versione basic così come la quantità di foto che possono essere fatte in raffica di scatto. La decisione finale spetta quindi a voi in base alle vostre esigenze, sicuramente Sony A7 III è più che sufficiente per la maggior parte dei fotografi e videomaker professionisti.

Sony A7 III vs Sony A7 II

A questo punto cerchiamo di capire se è meglio acquistare la versione aggiornata e migliorata oppure spendere qualcosina meno per prendere la versione precedente, Sony A7 II, un modello che offre comunque ottime prestazioni. Abbiamo deciso di non fare il confronto invece con Sony A7s II dal momento che quest’ultima fotocamera è in realtà un modello molto particolare pensato quasi esclusivamente per video e fotografia notturna, è chiaro che se avete bisogno di un’altissima resistenza ad alti ISO è meglio optare per Sony A7s II.

Tornando ai due modelli basic della serie Alpha, notiamo che ci sono stati davvero molti miglioramenti per Sony A7 III rispetto al modello precedente. La prima differenza sostanziale rimane il sensore, che vanta lo stesso numero di megapixel, ma nel caso della nuova versione si tratta di un sensore Exmor R CMOS retroilluminato. Questo ne migliora la gamma dinamica e permette di guadagnare uno stop in condizioni di luce uguali rispetto alla versione precedente. Tutto ciò migliora inevitabilmente anche la resistenza ad alti valori ISO, che è quindi migliore nel caso di Sony A7 III. Per quanto concerne l’autofocus non c’è storia: Sony A7 III grazie all’eredità di Sony A9, la mirrorless dall’autofocus più performante in assoluto, ha una copertura del 93% dell’area con 693 punti a rilevamento di fase. La vecchia versione ne conta invece solo 117 e 25 a rilevamento di contrasto, un numero decisamente molto più rispetto alla serie III.

Anche la velocità di scatto ha subito dei miglioramenti significativi: come abbiamo visto Sony A7 III è in grado di scattare a 10fps fino a 177 jpeg di fila e 81 RAW. La versione II arriva invece a 5 fps fino a un massimo di 50 jpeg e 20 RAW. Inoltre sulla versione aggiornata è presente anche la modalità di scatto silenziosa, che può essere davvero utile se fotografate ad esempio matrimoni, eventi o foto naturalistiche dove è opportuno cercare di fare meno rumore possible. Entrambi i modelli hanno 5 assi di stabilizzazione, ma la tecnologia è ovviamente più avanzata sul nuovo modello che guadagna 5 stop contro i 4.5 della versione precedente. La qualità del video invece è imparagonabile: abbiamo visto come Sony A7 III arrivi dino al 4K sfruttando l’oversampling, Sony A7 II invece arriva al massimo alla qualità Full HD 50/60p. Questo porta la vecchia versione a non essere adatta ai videomaker che vogliono raggiungere la qualità professionale. Un ultima differenza riguarda la capacità della batteria, coma abbiamo visto Sony A7 III sfrutta la stessa batteria della più potente A9 e arriva a 710 scatti, un numero elevatissimo per una mirrorless. Sony A7 II non arriva invece neanche alla metà con i suoi 350 scatti.

Anche in questo caso il vero fattore decisionale è il prezzo, che rispecchia abbastanza le differenze prestazioni. Infatti come abbiamo visto Sony A7 III integra prestazioni che la rendono praticamente il doppio migliore della versione precedente, e se guardiamo il prezzo che si trova online ci rendiamo conto che in effetti la Sony A7 II costa la metà della versione aggiornata. Se cercate una mirrorless con il miglior rapporto qualità prezzo, che sia in grado di offrirvi risultati professionali anche tra qualche anno, allora la scelta dovrà ricadere per forza sulla nuova versione. Sony A7 II può essere invece interessante se la trovate a un buon prezzo che non superi i 1200/1300€, perché vi permette di sperimentare la qualità di un sensore full frame, ed è in grado di offrire comunque ottime prestazioni in grado di soddisfare anche alcuni amatori evoluti.

Sony Alpha 7III news su disponibilità e prezzo

Sony Alpha 7III prezzo e uscita in Italia

Sony A7III  è disponibile da aprile del 2018 ad un prezzo pari a 1999$ (circa 1620€) per il solo corpo macchina, 2200$ (circa 1783€) con il kit FE 28‑70 mm F3.5‑5.6. Per quanto concerne il mercato italiano ed europeo la cifra si aggira intorno ai 2000€ per il solo corpo macchina. Che dire, funzioni da pro in un corpo compatto, con una durata della batteria assurda e ad un prezzo molto molto interessante. Nella fascia di prezzo delle mirrorless full frame, non ci sono rivali: Sony A7III si prepara per diventare una delle mirrorless più popolari e apprezzate di sempre.

 

Puoi acquistare il prodotto su Amazon o se preferisci su eBay

Sony A7 III
Prezzo consigliato: € 2300Prezzo: € 2265
Sony A7III: è davvero la migliore mirrorless dal rapporto qualità prezzo?

Sony A7III caratteristiche: tutto quello che c’è da sapere

Era da molti mesi che aspettavamo questo momento, e finalmente con un po’ di ritardo rispetto ai tempi dichiarati dai rumors è arrivata. Stiamo ovviamente parlando si Sony A7III, l’evoluzione dell’A7II dopo anni di onorato servizio. Come abbiamo visto nel nostro articolo dedicato alla serie Alpha delle mirrorless Sony, questa gamma di fotocamere con mirino elettronico ha riscontrato un enorme successo grazie ai suoi sensori full frame e l’attenzione dedicata ai professionisti. Inoltre la tecnologia sfruttata per il sistema di autofocus è decisamente superiore alla concorrenza così come la qualità video. Vediamo quali sono le importanti novità che sono state inserite su questa fotocamera, che la rendono probabilmente una delle mirrorless più interessanti in assoluto.

La nuova mirrorless si presenta come una sorta di Sony A9 in miniatura. Infatti anche se è dichiarata come la mirrorless “base” della serie alfa con sensore full frame, guardando le nuove caratteristiche non sembra affatto una fotocamera base, anzi si tratta di una vera e propria potenza.

Sony A7III integra un sensore full frame BSI CMOS da 24 megapixel affiancato dal processore BIONZ X.  La gamma ISO è pari a 100-51200 ma è estendibile fino a 204800. La raffica di scatto è pari alla metà della Sony A9, che in questo caso e pari a 10 fps, numeri comunque altissimi per una mirrorless di questo livello. Troviamo poi un sistema di stabilizzazione a 5 assi che fa guadagnare fino a 5 stop di vantaggio.

Troviamo anche un mirino elettronico ad alta risoluzione e contrasto da 2.3 megapixel, un sistema di connettività avanzato grazie alla presenza di una porta USB SuperSpeed e il chip WiFi. Se pensate tutte queste prestazioni di alto livello incidano nettamente sulla durata della batteria vi sbagliate di grosso: Sony A7III è in grado di scattare fino a 710 foto con una sola ricarica, un numero impressionante per una mirrorless che in questo modo va a competere a livello di batteria anche con le reflex.

Autofocus

La prima caratteristica che si nota è il suo sistema di autofocus, che può contare su ben 693 punti di messa a fuoco andando a coprire il 93% della scena, proprio come la più costosa Sony A9. Questo sistema di autofocus sfrutta anche la tecnologia 4D Focus e permette di raddoppiare l’efficenza e la precisione dell’autofocus del doppio in condizioni di luce difficile. Ci sono inoltre tantissime possibilità di messa a fuoco come la vasta, a zone, Centrata, Spot Flessibile, Spot flessibile espanso e Lock On. Potrete anche decidere la reattività dell’autofocus, in modo da dire alla fotocamera in quanto tempo deve reagire ad un cambio di soggetto o di scena. Grazie a tutte queste caratteristiche l’autofocus si dimostra estremamente rapido e reattivo, nella recensione lo abbiamo confrontato con quello della Gh5 rendendoci conto di come un’autofocus che sembrava più che buono sulla fotocamera micro 4/3 diventa imparagonabile contro la reattività e velocità di quello della Sony A7 III.

Design

Le mirrorless Sony della serie Alpha 7 sono sempre state molto leggere e compatte. Questo fattore seppur molto richiesto quando si cerca una fotocamera mirrorless ha creato qualche scomodità per molti professionisti che si sono trovati con corpi macchina molto performanti ma un po’ “scomodi” da utilizzare. Sony A7 III è stata progettata anche per quanto riguarda il design ascoltando il feedback degli utenti, ecco perché  è dotata di un grip più grande e confortevole; molti bottoni sono più grandi e offrono un feedback migliore, le ghiere sono più “pronunciate” è comode da usare; ci sono due slot per SD con funzioni di backup automatico o utilizzo in eccedenza; funzione Auto-ISO implementata, personalizzazione dei tasti più facile e, soprattutto, un miglior rapporto qualità prezzo. Un’altra grande novità rispetto al modello precedente è la presenza del Joystick che rende l’esperienza di utilizzo molto più pratica e comoda.

Mirino e display

Come abbiamo visto gran parte delle caratteristiche della nuova mirrorless sono state rivoluzionate rispetto al modello precedente, ad eccezione del mirino e del display che sono rimasti praticamente identici all vecchio modello. Sony A7 III ha infatti ereditato il mirino dalla versione precedente: un EVF OLED da 2,360 milioni di punti e un refresh rate da 60fp. Si tratta di un buon mirino ma non eccellente, che permette comunque di offrire una buona esperienza di utilizzo. Il display è un modello touch ribaltabile che può essere orientato verso l’alto o verso il basso: manca la possibilità di orientarlo verso la parte frontale, cosa che rende questa fotocamera poco adatta per i Vlog.

Video

La nuova mirrorless oltre ad avere 5 assi di stabilizzazione può contare anche sulla capacità di registrare video in 4K a 24p sfruttando l’oversampling, ovvero registrando un video in 6K per poi ridurlo e ottenere immagini ancora più dettagliate e definite. Presenti anche S-Log2 e S-Log3 per una gestione dei colori a livello professionale. Troviamo poi un doppio slot per la scheda SD indispensabile per registrate video in 4K. La fotocamera inoltre integra vari tipi di risoluzione e mbps, tra cui ad esempio il 1080 a 120fps per slow motion importanti e di qualità. Infine è dotata di tutto ciò che serve realmente a un professionista per lavorare come il jack per il microfono esterno, jack per le cuffie, hdmi out, autofocus prestante, zebra, focus peaking e diversi profili flat tra cui scegliere.

Sony A7III obiettivi

Diventa davvero difficile trovare gli obiettivi perfetti per Sony A7 III. Questo perché l’azienda ha un corredo di ottiche molto buone e praticamente tutte valide che su questa fotocamera risulterebbero ancora più interessanti. Inoltre ce ne sono davvero di tutti i tipi e dipende molto da ciò che volete fotografare, se paesaggio e architettura, eventi e matrimoni, naturalistica o sportiva. Insomma è molto difficile in questo caso trovare gli obiettivi ideali, il parametro che abbiamo scelto per cercare degli obiettivi da abbinare alla perfezione con Sony A7 III riguarda l’utilizzo professionale.

Un obiettivo che ad esempio non dovrebbe mancare da abbinare con questo modello è il Sony FE 16-35mm f/2.8 GM. Questo zoom grandangolare permette di riprendere un vasto tipo di scene, da quelle wide per paesaggi e architettura con il 16 mm fino ad arrivare al 35mm, formato standard per la street photography e la fotografia di eventi. Inoltre la sua apertura molto luminosa a f 2.8 garantisce un’ottima resa anche in condizioni di luce difficili, e splenditi effetti bokeh. Questa lente è molto adatta anche per i video proprio per l’apertura e gli splendidi sfocati che riesce a garantire. La nitidezza è molto buona e il peso è più che accettabile con i suoi 680 grammi.

Un’altro obiettivo che non dovrebbe mancare se fate ritrattistica è il fantastico Sony FE 85mm f/1.4 GM. La sua apertura straordinaria e la qualità costruttiva della lente rendono questo obiettivo una vera manna dal cielo per i ritrattisti. Anche questo obiettivo lavora benissimo per la parte video, e riesce a garantire bokeh straordinari e unici, con una qualità e una nitidezza degli scatti che sfruttano ogni singolo megapixel di Sony A7 III.

Sony A7III news: anteprima

In occasione dell’arrivo nei negozi in questa settimana, Sony ha deciso di inaugurare la nuova mirrorless mettendola a disposizione degli esperti in anteprima in Villa Reale di Monza. Molto interessante anche la funzione Eye tracking, che può essere inserita su un tasto funzione a scelta tra i numerosi presenti sulla fotocamera, e permette di inquadrare esattamente l’occhio del soggetto. Abbiamo potuto provare questa funzione scattando con l’85 mm f/1.4 su due ballerini di tango, e siamo rimasti molto soddisfatti dei risultati ottenuti e della precisione e facilità con cui la mirrorless è on grado di mettere a fuoco.

 Non abbiamo potuto provare la qualità video, che arriva al 4K HDR, così come non abbiamo potuto testare la durata della batteria, la stessa di Sony A9 ma che su questo modello arriva a coprire fino a ben 710 scatti, un numero praticamente mai visto su una mirrorless. Per valutare anche questi aspetti sarà necessaria una recensione più approfondita, per il momento dall’anteprima siamo rimasti davvero colpiti e decisamente soddisfatti della fotocamera. L’unica pecca è l’assenza del PlayMemories, lo store esclusivo delle mirrorless Sony che permette di scaricare applicazioni direttamente sulla fotocamera, permettendo in molti casi di evitare l’uso di accessori esterni. Non è ancora chiaro il motivo di questo passo indietro, sta di fatto che per il resto si tratta di una mirrorless davvero interessante, in grado di convincere anche i più scettici. Se consideriamo il prezzo poi, possiamo davvero permetterci di dire che si tratta di una delle mirrorless con il miglior rapporto qualità prezzo presenti sul mercato, e che entrerà sicuramente in molte delle nostre guide all’acquisto.

Oltre a questo Sony ha anticipato l’uscita di un nuovo servizio per i professionisti, che partirà ad aprile, e prenderà il nome di Sony Pro. Questo servizio comprenderà diversi benefici come un help desk per il supporto da remoto, 2 pulizie del sensore gratuite all’anno, la sostituzione della fotocamera durante il periodo di assistenza e il servizio pick up gratuito per il ritiro e la spedizione. Appena avremo maggiori dettagli saremo in grado di darvi maggiori informazioni.

18 maggio 2018
Sony A7 III: i rumors della nuova mirrorless

Sony A7 III rumors

Nonostante il nostro impegno a seguire assiduamente la categoria, non abbiamo individuato alcun rumor su Sony A7 III antecedente alla fase di annuncio effettivo. Pertanto, la fase dedicata ai rumors è rimasta priva di indiscrezioni: date direttamente un’occhiata alle caratteristiche ufficiali nella fase sovrastante!