Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Smartwatch Apple: scopriamo quali sono i migliori

Smartwatch Apple: scopriamo quali sono i migliori

di Giovanni Mattei
Specialist Smartwatch
aggiornato il 12 agosto 2020
2 utenti hanno trovato utile questa guida
2 utenti hanno trovato utile questa guida
N.B. La guida Smartwatch Apple è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Ottobre 2020.

In questo articolo ci tuffiamo alla ricerca del miglior smartwatch Apple. L’obiettivo è offrivi una panoramica completa dei diversi prodotti presenti sul mercato in modo da aiutarvi nella scelta dello smartwatch da affiancare al vostro iPhone.

Smartwatch Apple: quale comprare

Gli smartwatch Apple sono realtà da relativamente pochi anni, ovvero dal 2014, anno in cui l’azienda di Tim Cook ha presentato la prima generazione di Apple Watch. Come spesso capita quando si parla di Apple, l’azienda di Cupertino è arrivata nel campo degli smartwatch con netto ritardo rispetto i competitor. Samsung, ad esempio, aveva rilasciato la prima generazione di Gear un anno prima, attirando l’attenzione di tutti verso una nuova categoria di prodotti che, qualche anno dopo, avrebbe generato miliardi di dollari di fatturato.

Nonostante l’iniziale svantaggio, gli smartwatch Apple hanno generato talmente tanti ricavi da diventare una delle principali fonti di guadagno per Apple. Nel giro di poco tempo, gli Apple Watch hanno garantito ad Apple il podio come secondo produttore mondiale di orologi (in quanto a fatturato) dopo Rolex. Questa è la classica magia targata Apple: entrare in un mercato nuovo, in ritardo, e riuscire a scalarlo fino alla vetta affossando realtà commerciali ritenute inamovibili. Rispetto alla concorrenza, gli smartwatch Apple sono profondamente legati all’ecosistema Apple, pertanto risultano inutilizzabili se ad esempio affiancati ad uno smartphone Android.

Se da un lato abbiamo il classico problema di mancato supporto per tutto ciò che non sfoggia un “made by Apple” sul retro, dall’altro registriamo una perfetta e invidiabile sincronia con i dispositivi iOS supportati. Gli smartwatch Apple sono specchio di tutto ciò che avviene sull’iPhone e permettono di controllare alcune applicazioni o funzioni anche quando il telefono è lontano. Ma come scegliere il miglior smartwatch Apple che faccia al vostro caso? Guardiamo i criteri selettivi che abbiamo individuato per voi.

Display

Il primo criterio selettivo da considerare quando si acquista uno smartwatch, ma anche nel caso degli smartwatch Apple, è senza dubbio il display. Più si va avanti, più l’industria riesce a confezionare pannelli ottimizzati sia in termini di leggibilità, sia in quelli di rapporto “screen to body“. Le cornici si assottigliano dunque, portando con sé un quadrante frontale ben più visibile e spazioso. In questo caso scegliete dunque in base con questa tipologia di criterio: se volete “più schermo”, dovrete investire di più sui modelli più costosi.

C’è inoltre da dire che, con la Series 5, Apple ha introdotto anche la tecnologia always-on che consente di visualizzare a schermo sempre l’orario ed altre informazioni, in base alle proprie esigenze. Da questo criterio selettivo abbiamo sviscerato i prodotti per andare incontro sia ai più che ai meno esigenti.

Materiali

Un altro criterio selettivo importante nella scelta di uno smartwatch Apple è quello dei materiali. Come saprete infatti, gli orologi della casa di Cupertino non vengono realizzati tutti con gli stessi materiali: le varianti di cinturino e costituzione della cassa sono molteplici. Da questo punto di vista è necessario scegliere in base ai propri gusti. Se ritenete secondario la tipologia di materiale, visto che di base si parla di un ottimo alluminio spazzolato, allora proseguite al prossimo criterio selettivo.

Se invece il ruolo dei materiali gioca un ruolo importante, colorazioni a parte soggette al gusto personale, sappiate che spendendo delle cifre più importanti è possibile portarsi a casa uno smartwatch Apple anche in acciaio inossidabile, ceramica ed addirittura in titanio. Ovviamente in base ai materiali scelti la cosa comporta dei costi differenti.

Sensori

Altro criterio selettivo importante quando si sceglie uno smartwatch Apple è senza dubbio la natura dei sensori. Escludiamo infatti tutto ciò che riguarda Bluetooth 5.0 (o 4.2 che sia, poco influente in questa categoria), Wi-Fi e simili: parliamo di cose che hanno ormai tutti gli orologi. Ciò che va a cambiare sensibilmente in base ai modelli negli smartwatch Apple è senza dubbio la gamma di sensori. Il cardiofrequenzimetro è sempre presente, così come il GPS o barometro. C’è però da dire che, in base a quanto volete spendere, potete portarvi a casa un’edizione che dispone della bussola, oppure del cardiofrequenzimetro elettrico per eseguire la misurazione ECG (elettrocardiogramma).

Da questo punto di vista è necessario stabilire quanto volete andare a fondo nel monitoring di voi stessi: nei casi di persone di una certa età, la scelta di un dispositivo di almeno Serie 5 con il suo ECG non può essere che un must-have, così come la bussola per chi va in escursione. Non manca inoltre, sempre nell’edizione più costosa, il rilevamento delle cadute grazie all’accelerometro, con possibilità di chiamata SOS istantanea. Se non vi serve nulla di tutto ciò ma potete “accontentarvi” di un set di sensori classici, allora potete anche risparmiare prendendo il Watch di serie più datata.

Batteria

Chiudiamo con l’autonomia. Casa Apple in questo caso procede con la sua solita strategia di non comunicare troppi dettagli tecnici sui moduli utilizzati. Gli smartwatch Apple sono comunque pensati per avere un funzionamento continuo pari a 18 ore di autonomia, dunque necessitano di essere ricaricati mediamente ogni notte come gli smartphone. Se siete abituali a stressare particolarmente il GPS o ad eseguire spesso scanning di diagnosi, aspettatevi una batteria che non arriva facilmente a sera.

In questo caso il nostro lavoro è quello di garantirvi una autonomia in grado di arrivare fino a sera ad utilizzo medio, dunque abbiamo scartato tutti gli Apple Watch di precedente generazione scarsi su questo aspetto.

 

Capiti quali sono i criteri selettivi, procediamo ora alla scelta del miglior smartwatch Apple per voi!

Smartwatch Apple: i modelli su cui puntare

Apple Watch Series 3

Iniziamo la nostra guida agli smartwatch Apple con un modello che ha qualche anno alle spalle ma che rappresenta una ottima soluzione anche per un regalo da fare senza spendere troppo. Se volete il miglior smartwatch per iPhone ma non volete andare oltre ai 300€ circa di spesa media, allora Apple Watch Series 3 non può che essere una scelta molto interessante.

Non ha molto da invidiare rispetto al modello nuovo; il concept del form factor rimane sempre lo stesso, con cassa a faccia quadrata ma estremamente stondata ai vertici. Il corpo è in alluminio, ed è resistente ai graffi o agli urti grazie anche ad un ottimo vetro che ricopre il pannello frontale. Come ogni Apple Watch, il prodotto è disponibile in due edizioni differenti in termini di dimensioni: parliamo di 38 millimetri o di 42 millimetri, più compatti rispetto al fratello maggiore.

Frontalmente abbiamo un display OLED Retina da 312 × 390 pixel per il modello più grande da 1.65″, o 272 × 340 pixel per quello più piccolo da 1.5″. Oltre all’interfaccia touch, abbiamo di lato la corona rotante con cui interagire con watchOS, sistema operativo proprietario. All’interno del nucleo abbiamo processore S3 dual‑core abbinato ad un modulo Apple W2, GPS sempre attivo, barometro e cardiofrequenzimetro sempre attivo. Gestibili direttamente da polso tutte le varie notifiche in modo ottimale.

Non mancano Wi-Fi e Bluetooth 4.2. Consigliamo questo smartwatch Apple a chi vuole spendere poco e puntare magari sul modello più minuto.

Puoi acquistare Apple Watch Series 3 su Amazon o se preferisci su eBay

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

Apple Watch Series 5

Proseguiamo con il modello top di gamma: lo splendido Apple Watch Series 5. In questo caso ci troviamo di fronte al modello da scegliere se volete fare un vero e proprio investimento per qualche anno, e soprattutto se vi piacciono le cose ricercate. Esteticamente lo smartwatch Apple non è cambiato, intendiamoci, ma è stato particolarmente ottimizzato sotto tutti i punti di vista. I formati da poter scegliere sono rispettivamente da 40 o 44 millimetri, con un display dal polliciaggio da 1.57″ o 1.78″ e risoluzioni rispettivamente di 324×394 pixel e 368×448 pixel. Parliamo di display mai visti così grandi sugli smartwatch dal form factor a faccia quadrata, caratterizzati dalla presenza di un display LTPO OLED dalla luminosità spaventosa di ben 1000 nits. È il primo ad avere anche la funzionalità always-on per Apple.

All’interno troviamo un processore S5 dual‑core, chip wireless W3, Bluetooth 5.0, Wi-Fi ac e la classica corona fisica sul lato destro dello chassis. Il telaio, oltre che in alluminio, può essere scelto anche in acciaio inox, ceramica o addirittura titanio. Ciò che troviamo lato sensori è però davvero splendido: oltre a barometro, cardiofrequenzimetro e GPStroviamo la bussola, il rilevamento delle cadute e cardiofrequenzimetro elettrico per eseguire l’ECG.

Praticamente lo smartwatch Apple per chi non vuole davvero rinunciare a nulla, ottimo anche per le persone più anziane che puntano alla semplicità di iOS e watchOS. La batteria punta ad essere ricaricata quotidianamente.

Puoi acquistare Apple Watch Series 5 su Amazon o se preferisci su eBay

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

2 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Giovanni Mattei tramite i commenti.