Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Smart Home prodotti: come e quali scegliere

Smart Home prodotti: come e quali scegliere

di Simone Sala
Specialist Smart Home
aggiornato il 5 marzo 2019
5201 utenti hanno trovato utile questa guida

Che aspetti? Fino al 27 marzo puoi approfittare dei nuovi “Imperdibili di eBay“: tantissime offerte su svariate categorie, con sconti fino al 50% per innumerevoli prodotti di spicco. Inoltre, usando nel carrello il codice “PIT50EURO” su una spesa minima di 20€, puoi ottenere il 5% di sconto (fino a 50€ massimi) su tutti gli acquisti per il settore di tecnologia, videogiochi, casa e fotografia.

Intanto vi segnaliamo:

 

Voglia di luci intelligenti e dispositivi domotici? Amazon ha un’offerta per voi! Con il codice SMARTHOME otterrete il 25% di sconto, direttamente nel carrello, sui prodotti presenti a questa pagina. Inserite il codice in fase di checkout, per vedere la riduzione di prezzo applicata al totale del vostro carrello.

N.B. La guida Smart Home prodotti è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Marzo 2019.

Se nell’ultimo decennio abbiamo trasferito le potenzialità di un computer dalla scrivania alle nostre tasche (con gli smartphone) e poi fin sui nostri polsi (con gli smartwatch), ora sembra essere giunto il momento di diffondere tecnologia e connettività in tutta la casa, trasformandola di fatto in una casa intelligente, una smart home. Rendere le nostre abitazioni più tecnologiche e automatizzate è l’intento che si è sempre posto il settore della domotica, tuttavia con grandi difficoltà a diventare capillare nella diffusione. Un impianto demotico di vecchia generazione non era di facile realizzazione: si doveva necessariamente basare su una progetto tecnico qualificato, sottostare a lavori di cablaggio non indifferenti, e soprattutto era poco scalabile e aggiornabile dall’utente. Oggi invece, grazie alla diffusione di chip sempre meno esosi di risorse energetiche ed alla connessione alla rete onnipresente, sono fioriti sul mercato tanti prodotti per la smart home semplici da acquistare, installare (se necessario), configurare e gestire, con prezzi per tutti i gusti. All’interno di questa guida “Smart Home prodotti” vediamo i migliori accessori, delle principali categorie, per la casa intelligente e connessa.

Smart home prodotti: quale comprare e come sceglierli

Quando si decide di iniziare il processo di trasformazione della propria abitazione da una casa tradizionale ad una smart home bisogna prima di tutto porsi due domande: perché lo faccio? e come lo faccio?

Cerchiamo di dare subito una risposta al primo quesito. Rendere la propria casa una smart home non è solo una smania tecnologica fine a se stessa, ma una scelta che si ripercuote positivamente sul benessere degli occupanti e sul risparmio energetico. Avremo modo di parlarne più approfonditamente quando discuteremo dei singoli prodotti ma, per fare un esempio pratico, una dotazione di lampadine smart che modifichino durante le 24 ore la temperatura colore della luce emessa (luce più tendente ai toni bianco-azzurrini o giallo-arancioni) può avere un benefico effetto sul nostro ciclo circadiano (sonno-veglia) e quindi sulla concentrazione. E ancora: un set di teste termostatiche smart per termosifoni, grazie all’app installata sullo smartphone e a tecniche di geofencing (una localizzazione approssimativa non basata sul GPS), sono in grado di sapere se ci troviamo in casa o meno, e addirittura se ci stiamo recando verso di essa, regolando autonomamente il flusso di acqua calda e la temperatura dell’ambiente, di conseguenza massimizzando il benessere e minimizzando qualunque spreco energetico (e i risparmi in bolletta si fanno sentire).

In merito al come trasformare un’abitazione in una smart home, la prima cosa importante da sapere è che si tratta di un processo semplice come acquistare un qualsiasi accessorio tecnologico, e soprattutto effettuabile di volta in volta, investendo sui prodotti e sugli ambiti che più ci interessano – illuminazione, piuttosto che clima o sicurezza. La cosa interessante è che molti prodotti, anche di brand diversi e acquistati in momenti differenti, si troveranno a dialogare perfettamente tra loro e saranno controllabili utilizzando sistemi di input simili. Questo perché esistono alcuni ecosistemi, come Apple HomeKitGoogle Assistant e Amazon Alexa che permettono tale interoperabilità, andando in molti casi a rendere quasi superflua l’app dedicata di ciascun accessorio. Durante la fase d’acquisto di un prodotto bisognerà quindi fare attenzione all’eventuale supporto di uno o più di questi ecosistemi – cosa che non mancheremo mai di specificare nella nostra guida all’acquisto per i prodotti smart home – sapendo che l’ecosistema Apple HomeKit è vincolato all’uso di un dispositivo iOS.

Un altro aspetto che tocca molti prodotti per smart home sono i protocolli di comunicazione. Solitamente siamo abituati a far dialogare tra loro i dispositivi attraverso il Wi-Fi ed il Bluetooth. Tuttavia esistono altri protocolli pensati specificamente per alcuni accessori molto utilizzati in ambito smart home, con consumi energetici minori e maggior capacità nell’attraversare ostacoli e pareti (grazie alla frequenza più bassa delle onde elettromagnetiche utilizzate). I due protocolli più noti e diffusi si chiamano Z-Wave e ZigBee. Non è certo il caso di entrare troppo nel dettaglio di queste tecnologie, ma è bene sapere che i migliori prodotti sfruttano questi standard, soprattutto nell’ambito dell’illuminazione, dove sono sfruttati per garantire reattività nel controllo delle luci e un’ottima durata della batteria di interruttori e telecomandi wireless.

In questa guida ai migliori smart home prodotti, troverete gli accessori da noi selezionati per diverse categorie, dove illuminazione, clima, sicurezza sono certamente le più importanti. A contorno di queste abbiamo aggiunto diversi altri prodotti smart home per il monitoraggio della qualità dell’aria, alcune prese smart ed altri accessori intelligenti più particolari che riteniamo utili.

Per le categorie illuminazione e sicurezza troverete due opzioni di prodotto: per prima una premium, seguita da una più economica, ma comunque valida. Abbiamo inoltre tenuto conto delle diverse esigenze in merito di ecosistemi, inserendo sempre un prodotto compatibile con i tre più grandi (Apple HomeKit, Google Assistant ed Amazon Alexa), ed indicando chiaramente la presenza o mancanza di questo tipo di supporto. Per la categoria climatizzazione sono stati selezionati due brand che hanno in catalogo sia termostati che termovalvole, in grado quindi di adattarsi alle esigenze di quasi qualunque abitazione. Si differenziano comunque per alcune funzionalità, come descritto nel capitolo dedicato al clima. Per gli altri prodotti smart home della guida, abbiamo selezionato quelli che riteniamo attualmente la miglior scelta come rapporto qualità/prezzo.

Illuminazione

La prima categoria “smart home prodotti” che andiamo ad affrontare sono quelli destinati all’illuminazione, tra cui spiccano ovviamente le lampadine smart a LED.

Philips Hue

Philips è il brand con più esperienza nel settore delle lampadine smart connesse, ed anche quello che offre la più alta qualità in assoluto, cosa che giustifica il prezzo mediamente un po’ elevato. Per utilizzare le lampadine della linea Philips Hue dobbiamo in primo luogo acquistare il Bridge, indispensabile per far dialogare tra loro lampadine, faretti, strisce a LED, telecomandi e altri sensori, come quello di movimento. Tutti questi accessori dialogano tra loro sfruttando il protocollo ZigBee, mentre il Bridge si occuperà del collegamento alla rete internet in modo da poter gestire l’illuminazione anche dallo smartphone o da uno smart speaker. Piuttosto che acquistarlo singolarmente, conviene iniziare ad entrare nel mondo Philips Hue procurandosi uno Starter Kit, che include già il Bridge oltre a diverse lampadine ed eventualmente un telecomando. Ne esistono comunque di diversi tipi, vista anche la varietà dell’offerta della linea Philips Hue.

Le lampadine ad uso più comune sono certamente quelle dotate di attacco E27 (Edison grande), e se ne possono acquistare di tre tipi diversi che Philips definisce: White, White Ambiance e White and Color Ambiance. La prima tipologia comprende quelle lampadine che emettono luce solo ad una certa temperatura colore (2700K), che viene definito bianco caldo. Nonostante sia un “bianco caldo”, è anche vero che nelle ore serali i nostri occhi e il nostro cervello preferiscono una luce il più lontano possibile dallo spettro blu, facendo risultare questo colore ancora troppo freddo per una camera da letto o per un ambiente vissuto la sera. Per questo motivo consiglio di installare in tutti gli ambienti che non siano di servizio almeno delle lampadine della serie White and Ambiance, che hanno la possibilità di mutare la loro temperatura colore tra i 2200K (un gallino-arancio) e 6500K (blu ghiaccio). Per maggiori informazioni sullo Starter Kit con lampadine RGB a vite grande, e sul sensore di movimento, vi invitiamo alla lettura della nostra prova completa: Philips Hue White and Color E27 recensione.

Inoltre esistono le lampadine di tipo RGB, le White and Color Ambiance, che possono riprodurre una vasta gamma di colori e sfumature (16 milioni) oltre a quelle tradizionali del bianco. Tutte le lampadine consumano circa 9.5W ed emettono intorno agli 800 lumen di potenza luminosa, che è un buon valore anche se non da record. Oltre agli Starter Kit si possono poi acquistare lampadine singole o pacchetti di più lampadine, anche con attacchi diversi come l’E14 (lampadine a candela con Edison piccolo) e i faretti con attacco GU10, in grado di offrire 750 lumen di potenza luminosa a fronte di un consumo di circa 6.5W. Bisogna ricordare infine che tutti prodotti Philips Hue visti fin qui hanno la possibilità di effettuare il dimmering della luce, ovvero di regolare l’intensità luminosa.

Puoi acquistare Philips Hue Starter Kit White and Color E27 + bridge su Amazon o se preferisci su eBay In alternativa Philips Hue Starter Kit White and Color E27 + bridge è disponibile nelle varianti Philips Hue Starter Kit White and Ambiance E27 + bridge + telecomando o nella variante Starter Kit White and Color E27 + bridge + telecomando.

Un altro prodotto interessante è la striscia a LED Lightstrip da 2 metri, estendibile fino a 10 metri. La striscia a LED di Philips è la soluzione ideale per creare un’ottima luce indiretta d’atmosfera. È possibile installarla sopra un mobile alto, facendo riflettere la luce – bianca o colorata – sul soffitto, oppure dietro ad un televisore, sotto un tavolo o ad illuminare il piano di lavoro della cucina installandola sotto i pensili. Poiché un metro di striscia LED riesce ad emettere circa 800 lumen, si può arrivare a generare un’illuminazione indiretta da ben 8000 lumen (10 metri di striscia). Per iniziare è necessario acquistare il kit da 2 metri dotato di alimentatore, e poi proseguire con le estensioni da 1 metro.

Puoi acquistare Philips Hue Lightstrip striscia a LED RGB 2m su Amazon o se preferisci su eBay In alternativa Philips Hue Lightstrip striscia a LED RGB 2m è disponibile nella variante Lightstrip estensione 1m.

Abbiamo fin qui visto i più comuni prodotti per l’illuminazione della serie Philips Hue, ma parliamo per un attimo degli accessori per il controllo. Come abbiamo detto, smartphone e comandi vocali con gli assistenti virtuali sono due modi per regolare le luci, ma potremmo essere interessati anche a sistemi di controllo più tradizionali (immaginate di avere un ospite in casa che voglia accendere la luce del bagno). Se i punti luce sono direttamente collegati al nostro impianto elettrico, al posto delle tradizionali lampadine, potremmo pensare di controllarli con gli interruttori che già abbiamo a disposizione… ma questa non è poi una così buona idea. Infatti utilizzando l’interruttore principale per spegnere un punto luce, questo si troverà completamente staccato dalla rete elettrica e non sarà più controllabile in alcun modo se non dopo averlo riacceso dall’interruttore principale.

Per questo motivo Philips ha nel suo catalogo alcuni interruttori e telecomandi che possono sostituire in toto quelli classici. I due prodotti di questa categoria si chiamano Interruttore Dimmer e Interruttore Tap. Il primo, il Dimmer, è costituito da una placchetta di supporto da attaccare al muro, su cui è magneticamente agganciato un sottile telecomando dotato di quattro pulsanti. Attraverso questo è possibile accendere e spegnere i punti luce a cui è abbinato e regolarne l’intensità luminosa. Qualora necessario è possibile rimuoverlo dal supporto a muro e portarlo in giro per casa.

L’Interruttore Tap è invece di forma cilindrica e presenta quattro pulsanti, da associare ad altrettante scene personalizzabili. In questo modo con un solo click è possibile ottenere l’atmosfera giusta per l’attività che si sta svolgendo. Anche questo accessorio è montabile a parete, ma a differenza dell’Interruttore Dimmer non presenta nessuna batteria all’interno e si alimenta grazie all’energia cinetica fornita dai click dell’utilizzatore. Questa peculiarità è resa possibile proprio dal protocollo di comunicazione ZigBee, che richiede pochissime risorse energetiche a fronte di un’ottima reattività e portata del segnale.

Un altro accessorio della linea Philips Hue è il sensore di movimento, ulteriore strumento per il controllo delle luci. In questo caso il suo utilizzo può essere particolarmente utile per l’accensione automatica delle luci al passaggio in un corridoio, scale o altri ambienti poco illuminati. Presenta anche un sensore di luminosità ambientale, e questo secondo dato può essere sfruttato per personalizzare meglio il comportamento delle luci. Oltre a questi accessori Philips ha nel suo catalogo anche lampadari, lampade da tavolo e faretti di vario tipo.

I prodotti Philips Hue sono compatibili con gli ecosistemi Apple HomeKit e Google Assistant, ed è presente ovviamente anche un’app proprietaria per iOS a Android. Inoltre, grazie alla utility Hue Sync per Windows 10 e macOS, è possibile utilizzare le luci RGB di Philips in modo che si coordinino con quanto mostrato sullo schermo del PC durante la visione di un film, una sessione di gioco o l’ascolto di musica.

Puoi acquistare Philips Hue Interruttore Dimmer su Amazon o se preferisci su eBay In alternativa Philips Hue Interruttore Dimmer è disponibile nelle varianti Interruttore Tap o nella variante Sensore di movimento.

Yeelight

Se si è alla ricerca di un’alternativa più economica dei prodotti Philips Hue, ci si può rivolgere ad Yeelight, ramo indipendente del gruppo Xiaomi. La seconda generazione delle lampadine Yeelight hanno ricevuto diverse migliorie ed ora emettono una potenza luminosa di 800 lumen, come le Philips. Esistono due varianti: il bulbo a luce bianca, regolabile nella sua temperatura colore tra 2700 e 6500 Kelvin, e il bulbo RGB che può riprodurre tutto lo spettro cromatico. Entrambe queste lampadine sono dotate di attacco E27 e consumano circa 10W.

La grande differenza rispetto alle Philips Hue è il protocollo di connessione, non più ZigBee ma il classico Wi-Fi (e solo a 2.4GHz). Da una parte questo porta con sé diversi svantaggi: tempi di risposta più lenti, impossibilità di utilizzare telecomandi e interruttori wireless, nonché consumi più elevati anche a lampadina spenta. Tuttavia bisogna riconoscere che questa scelta aiuta a mantenere i costi più bassi, anche grazie alla totale assenza di un bridge, obbligatorio invece nella soluzione Philips. Le lampadine Yeelight sono certamente un prodotto dall’ottimo rapporto qualità prezzo, e possono soddisfare le esigenze d’illuminazione smart di molti.

Oltre a queste lampadine, Yeelight offre una serie di altri prodotti per l’illuminazione. Prima fra tutti la plafoniera da soffitto LED Ceiling Light. Questa, con temperatura colore regolabile, apporta un flusso luminoso fino a 1800 lumen per un consumo di 28W. A differenza delle lampadine viste sopra, utilizza un doppio protocollo di comunicazione, che aggiunge al Wi-Fi anche il Bluetooth Low Energy. Proprio per questo motivo è possibile utilizzare anche il telecomando Yeelight Remote Control per controllare la Ceiling Light in tutte le sue funzioni di base: accensione e spegnimento, regolazione dell’intensità luminosa e della temperatura colore.

Puoi acquistare Yeelight lampadina E27 RGB su Amazon. In alternativa Yeelight lampadina E27 RGB è disponibile nelle varianti Yeelight lampadina E27 White o nella variante Yeelight Smart LED Ceiling Light.

Anche nel catalogo Yeelight è presente una striscia a LED RGB, la Aurora Lightstrip Plus. Questa funziona alla stregua delle lampadine viste all’inizio, quindi sfruttando il solo Wi-Fi, anche se è possibile controllarne le funzioni attraverso un pulsante posto sull’alimentatore. La striscia è lunga 2 metri, ed è possibile estenderla con moduli di 1 metro, per arrivare fino a 10 metri di lunghezza complessiva.

Per un gradevole effetto d’atmosfera si può valutare la Candlelight, che emette luce a 1600 Kelvin e funziona grazie ad una batteria da 2100mAh in grado di garantire fino a 8 ore di autonomia. Questa è una lampada portatile che vuole simulare l’effetto di una candela tradizionale, in chiave moderna e smart. È possibile anche acquistare un gran numero di Candlelight e mantenerle collegate tra loro grazie al nuovo protocollo Bluetooth Mesh, e in questo modo si possono controllare tutte all’unisono dall’app Yeelight.

Il principale vantaggio dei prodotti Yeelight è la loro economicità, ma nonostante questo dispongono di un’app ben fatta e della piena compatibilità con Google Assistant e Amazon Alexa. Non è invece presente il supporto ad Apple HomeKit.

Puoi acquistare Yeelight Aurora Lightstrip Plus 2m su Amazon. In alternativa Yeelight Aurora Lightstrip Plus 2m è disponibile nelle varianti Yeelight Aurora Lightstrip Plus - estensione 1m o nella variante Lampada Candlelight.

Climatizzazione

Un altro grande ambito “smart home prodotti” dove diversi accessori possono intervenire nel migliorare il confort domestico, è quello del riscaldamento e del raffrescamento. Qui inoltre, il beneficio di utilizzare termostati e valvole termostatiche smart si fa sentire nettamente anche sul risparmio energetico.

Prima di vedere quali sono i migliori prodotti smart home per la climatizzazione, dobbiamo fare una premessa che vi aiuterà a capire meglio quale dispositivo si adatta di più al vostro ambiente. Se siete dotati di riscaldamento autonomo, con una vostra caldaia, sarete già forniti di un termostato o di un più moderno cronotermostato. In questo caso potete pensare di sostituirlo con uno smart, come quelli che vi proponiamo qui di seguito. Se la vostra casa è ampia e volete gestire autonomamente il riscaldamento di diverse zone potete pensare di abbinare al termostato anche delle teste smart per valvole termostatiche, in modo da controllare più capillarmente la temperatura di ciascuna stanza.

Viceversa se utilizzate il riscaldamento centralizzato, la scelta giusta è quella di montare le teste termostatiche smart su ogni radiatore di casa, con una spesa iniziale più alta rispetto all’acquisto del termostato ma a cui si accompagna una forte riduzione dei costi in bolletta.

Netatmo

La prima linea di prodotti da consigliare è quella dell’azienda francese Netatmo, nel cui catalogo presenta sia un termostato che delle teste termostatiche smart dal design firmato Philippe Starck. Sia il montaggio del termostato che quello delle teste termostatiche può essere svolto autonomamente seguendo le tante guide i videoguide messe a disposizione del produttore. È bene notare che nel caso di acquisto delle teste termostatiche, queste andranno montate sulle termovalvole che già dovreste avere – come a norma di legge – andando a sostituire, appunto, solo la testa di queste.

Il sistema Netatmo (qualunque abbiate scelto) andrà a collegarsi – attraverso un bridge – alla rete internet, rendendo così possibile controllare dallo smartphone la temperatura di casa. Ovviamente non solo questo, perché Netatmo ha sviluppato un algoritmo intelligente che studierà il comportamento della vostra abitazione durante la prima settimana di utilizzo, andando a capire ad esempio come questa disperde il calore, o quanto tempo ci vuole per portate alla giusta temperatura un certo ambiente. Tutto questo viene poi combinato con altri dati, come le condizioni meteo, e soprattutto rapportato alle nostre abitudini (a che ora ci alziamo, a che ora rientriamo in casa la sera). Il termostato Netatmo si preoccuperà di mantenere la giusta temperatura dell’ambiente, evitando sprechi energetici.

Oltre alla presenza di una buona app proprietaria di Netatmo, è bene ricordare che termostato e termovalvove smart sono pienamente compatibili con tutti i maggiori ecosistemi: Apple HomeKit, Google Assistant e Amazon Alexa, rendendo i prodotti una scelta ideale sia per gli utenti iOS che Android.

Tuttavia se non siete persone abitudinarie nei loro spostamenti potrebbe non essere la soluzione più adatta a voi. Ovviamente è sempre possibile accendere e spegnere il riscaldamento da remoto, ma se si volesse lasciar gestire tutto all’intelligenza di Netatmo, questa si troverebbe in difficoltà con spostamenti dentro e fuori casa improvvisi e non consueti. Questo perché con Netatmo non è previsto alcun meccanismo di geofencing, ovvero il sistema non è in grado di adattare la temperatura in base alla nostra posizione. In questo caso è allora meglio ricorrere alla soluzione proposta da Tado°.

Puoi acquistare Netatmo - Termostato Intelligente su Amazon o se preferisci su eBay In alternativa Netatmo - Termostato Intelligente è disponibile nelle varianti Teste termostatiche - Kit di base o nella variante Testa aggiuntiva.

Tado°

L’azienda tedesca Tado° offre anch’essa sia la soluzione con il termostato che quella con le teste termostatiche connesse, a cui si aggiunge anche un terzo sistema dedicato al controllo dei climatizzatori estivi.

A differenza di quanto avviene con Netatmo – il cui termostato può essere collegato sia via fili alla caldaia, sia in modalità wireless collegando il relè a questa e poi utilizzando il termostato in modalità stand alone – qui con Tado° siamo obbligati al primo tipo di collegamento, mentre il secondo viene reso possibile solo con l’acquisto del cosiddetto kit di estensione, ovvero un relè da collegare alla caldaia e che comunicherà via onde radio con il termostato.

L’opzione delle teste termostatiche smart è invece del tutto analoga a quella di Netatmo, con un kit di base che include due teste e l’internet bridge, a cui si possono aggiungere altre teste per coprire tutti i radiatori di casa. Per maggiori dettagli su questo prodotto potete anche visionare la nostra prova completa: Tado Testa Termostatica Intelligente V3+ recensione.

La grande differenza da sottolineare è la disponibilità, in questo caso, delle funzionalità di geofencing. Grazie al rilevamento della nostra posizione approssimativa (non viene utilizzato il GPS) sullo smartphone, l’app di Tado° è in grado di sapere se ci troviamo in casa o meno, e addirittura se ci stiamo recando verso di essa. In questo modo la gestione del clima diventa completamente automatizzata: noi non dovremo preoccuparci di nulla e quando arriveremo all’abitazione saremo accolti con la giusta temperatura, consapevoli però di non aver sprecato energia (e soldi) mentre ci trovavamo fuori. Con la nuova versione V3+ Tado° offre anche l’Assistente Climatico, in grado di offrire preziosi consigli come gestire al meglio il clima di casa, per evitare un ambiente poco salubre, magari a causa di una elevata umidità. I prodotti Tado° si integrano con tutte le principali piattaforme per smart home, compresa Apple HomeKit.

Puoi acquistare Tado° Termostato - Kit di base (V3+) su Amazon o se preferisci su eBay In alternativa Tado° Termostato - Kit di base (V3+) è disponibile nelle varianti Tado° Teste termostatiche - Kit di base (V3+), Tado° Testa termostatica aggiuntiva o Kit di estensione .

L’altro interessante plus dell’azienda tedesca è Tado° Climatizzazione Intelligente, un accessorio per smart home in grado di gestire il climatizzatore di casa. Il requisito fondamentale è però che il climatizzatore controllato sia dotato di un telecomando con display – o comunque che appaia tra quelli indicati come compatibili dalle pagine di supporto Tado°. Il dispositivo comanderà il climatizzatore facendo le veci del telecomando, ma con il vantaggio di rendere il tutto controllabile da app, con gli assistenti virtuali e da remoto, nonché sfruttando gli automatismi sopra visti.

I prodotti Tado° per il riscaldamento sono compatibili con i maggiori ecosistemi: Apple HomeKit, Google Assistant e Amazon Alexa, oltre ad IFTTT. Mentre il device per il controllo del climatizzatore manca del supporto ad Apple HomeKit, ma è ovviamente utilizzabile anche dagli utenti iOS sfruttando l’app proprietaria di Tado°.

Puoi acquistare Tado° Climatizzazione Intelligente (v2) su Amazon o se preferisci su eBay

Sicurezza e sorveglianza

Il terzo ambito “smart home prodotti” di interesse  è quello della sicurezza, che si può garantire in primo luogo attraverso i sistemi di sorveglianza. Se fino a qualche anno fa un sistema di videosorveglianza era qualcosa destinato ad uffici e ville di lusso, oggi con un spesa più o meno ridotta tutti possono garantirsi questo tipo di sicurezza – tra l’altro dalla semplicissima installazione.

Netgear Arlo

La prima serie di telecamere di cui voglio parlarvi è quella realizzata da Netgear con il brand Arlo. Sono senza dubbio tra le migliori telecamere smart in circolazione, ma purtroppo il prezzo non è dei più concorrenziali. Arlo ha in catalogo alcune telecamere da interno, dotate di alimentazione cablata, come la Arlo Q e la Arlo Q Plus – dove quest’ultima sfrutta l’alimentazione PoE (Power over Ethernet), quindi direttamente tramite il cavo di rete. Entrambe registrano video in Full HD e sono dotate di visione notturna agli infrarossi e audio bidirezionale a due vie, cosa che permette di dialogare in tempo reale – tramite lo smartphone – con chi si trova davanti alla telecamera.

Puoi acquistare Telecamera Arlo Q su Amazon o se preferisci su eBay In alternativa Telecamera Arlo Q è disponibile nella variante Arlo Q Plus.

Le telecamere Arlo di maggior successo sono tuttavia quelle per esterni. Qui troviamo in vendita tre diverse serie. La più basica Arlo, la Arlo Pro e la nuova versione Arlo Pro 2.

Il design delle tre è molto simile e anche il principio di funzionamento analogo. Tutte hanno la possibilità di sfruttare la batteria, ma mentre le versioni Arlo Pro presentano una batteria ricaricabile e l’opzione per essere collegate all’alimentazione cablata, la videocamera Arlo più basica funziona unicamente con quattro pile tipo CR123, non ricaricabili. Molto comodo è poi il sistema di fissaggio magnetico, che permette di rimuoverle dal supporto con facilità e di orientarle comodamente.

Fondamentale per il loro utilizzo (ad eccezione di Arlo Q) è la Base Station da collegare al router e che comunicherà con tutte le videocamere via Wi-Fi. Questa è anche dotata di una potente sirena d’allarme da oltre 100dB di pressione sonora. La telecamera Arlo registra a 720p ed è ovviamente dotata di visione notturna e del rilevamento del movimento, questo attiva contestualmente la registrazione ed invia una notifica allo smartphone. La versione Arlo Pro, oltre alle differenze già viste sulla batteria, vanta un obiettivo con angolo di visuale più ampio (130°), l’audio bidirezionale e un rilevamento dei movimenti più accurato. Ogni telecamera è anche dotata di una sirena interna che si aggiunge a quella della Base Station.

Puoi acquistare Arlo Base Station + 1 telecamera su Amazon o se preferisci su eBay In alternativa Arlo Base Station + 1 telecamera è disponibile nella variante Arlo Pro Base Station + 3 telecamere .

Infine la versione più aggiornata, la Arlo Pro 2, migliora la risoluzione del sensore (1080p) e abilita diverse funzioni avanzate, come il rilevamento dei suoni che si aggiunge a quello dei movimenti. Tutte le altre funzioni sono invece disponibili solo se si sfrutta la telecamera in modalità cablata e non a batteria. In questo caso ci si può avvantaggiare del rilevamento dell’attività in zone del campo visivo selezionate, della possibilità di guardare indietro nel tempo per 3 secondi prima di un rilevamento oppure, opzione più completa che richiede un abbonamento cloud apposito, la registrazione no stop 24/7.

Incluso con l’acquisto di una telecamere Arlo vi è il piano cloud base, che prevede il mantenimento sui server di Netgear delle registrazioni attivate da movimenti o suoni per un periodo di 7 giorni e per un massimo di 5 telecamere contemporaneamente. Viceversa è possibile sottoscrivere piani più completi per mantenere le registrazioni più a lungo o per attivare – con la Arlo Pro 2 – la registrazione continua.

Purtroppo le telecamere Arlo non possiedono alcuna integrazione con gli ecosistemi Apple HomeKit e Google Assistant, mentre la sola Arlo Pro 2 è compatibile con Amazon Alexa.

Puoi acquistare Arlo Pro 2 Base Station + 2 telecamere su Amazon. In alternativa Arlo Pro 2 Base Station + 2 telecamere è disponibile nella variante Arlo Pro 2 - Telecamera aggiuntiva .

YI Technology

Dopo aver visto le telecamere Arlo, vi propongo una serie di prodotti del brand YI, un tempo parte di Xiaomi ed ora del tutto indipendente. La prima grande differenza tra le due proposte è nel prezzo. Se con Arlo tocchiamo cifre fra le più alte della categoria, la proposta di YI si pone invece nella fascia bassa del mercato, ma con un rapporto qualità/prezzo da far invidia a qualunque concorrente.

Anche YI propone sia telecamere da interni che da esterni. In questo caso però il funzionamento a batteria non è previsto, e dunque è sempre necessario predisporre il collegamento alla rete elettrica. La linea di telecamere indoor è piuttosto ampia e quindi andiamo a selezionare qui solo quelle più degne di nota.

In primo luogo la Home Camera 720p, che è la più semplice ed economica delle telecamere YI per interni. Nonostante questo è dotata di tutte le feature basilari che si possano desiderare, come la visione notturna e il rilevamento del movimento. Non manca nemmeno l’audio a due vie e il suo design semplice e sottile è tutt’altro che cheap. L’angolo di visione non è tuttavia particolarmente ampio con i suoi 111°.

Se si desidera qualcosa in più è possibile passare alla YI Home Camera 2, che sebbene simile nell’aspetto presenta molte più funzioni. In primo luogo aumenta la risoluzione del sensore, questa volta Full HD, l’angolo di visuale cresce fino ai più che adeguati 130°, e anche la qualità complessiva dell’immagine migliora grazie all’HDR, alla correzione della distorsione della lente grandangolare e alla possibilità di effettuare lo zoom (digitale) sui dettagli. È presente anche il riconoscimento delle figure umane nonché quello del pianto di un neonato – rendendo all’occorrenza la telecamera anche un discreto baby monitor.

Puoi acquistare YI Home Camera 2 su Amazon o se preferisci su eBay

Il meglio delle telecamere YI indoor si raggiunge con la serie Dome, come la YI 1080p Dome Camera. Questo prodotto smart home presenta la peculiarità di avere una base fissa sormontata da una testa motorizzata. L’obiettivo della telecamere è quindi in grado di muoversi in senso orizzontale e verticale per inquadrare l’ambiente ad 360°. Questi movimenti sono gestibili dall’utente tramite l’app per smartphone, ma anche effettuabili dalla telecamera in modo automatico – eventualmente concentrandosi per più tempo sulle zone più sensibili come porte e finestre. In caso di rilevamento di un movimento la telecamera è addirittura in grado di seguire un soggetto (non troppo veloce) lungo la sua traiettoria.

La nuova versione Yi Cloud Dome Camera – distinguibile dalla classica Yi Dome Camera per la base più squadrata – è anche dotata di connessione Ethernet, oltre al classico Wi-Fi. Per tutte le telecamere YI non è necessario acquistare nessuna base station o bridge di sorta, in quanto si collegano direttamente alla rete Wi-Fi di casa. La scelta per il posizionamento all’aperto è invece molto più limitata, con la sola opzione della YI Outdoor Camera. Questa monta un sensore Full HD, mentre l’angolo di visuale è di 110°. Alla già citata funzione del rilevamento del movimento, la telecamera per esterni abbina anche l’eventuale attivazione di un allarme deterrente.

Le telecamere YI non sono compatibili con nessuno dei maggiori ecosistemi, ma si possono gestire comunque comodamente dall’app YI Home. Qualora necessario è anche possibile iscriversi al piano YI Cloud, che con prezzi a partire da circa 3,33€ al mese permette di archiviare online le scene riprese in caso di rilevemento del movimento, oppure passare ad un piano superiore anche per le registrazioni 24/7.

Puoi acquistare YI Dome Camera 1080p su Amazon. In alternativa YI Dome Camera 1080p è disponibile nelle varianti YI Cloud Dome Camera, YI Cloud Dome Camera o YI Outdoor Camera.

Sensoristica ambientale

Abbiamo finora visto le tre maggiori categorie di “smart home prodotti”: illuminazione, clima e sicurezza. Tuttavia gli ambiti di interesse e gli accessori che possono rendere la nostra casa più intelligente sono tantissimi e tra i più utili vi sono certamente i sensori della qualità dell’aria. Siamo abituati a pensare che l’aria delle nostre strade cittadine sia inquinata – certamente è così vicino alle arterie più trafficate – ma spesso si sottovaluta la quantità di agenti inquinanti e di CO2 (anidride carbonica) che ristagnano nell’ambiente domestico o di lavoro a causa della scarsa ventilazione.

Foobot

Il primo punto su cui intervenire è dunque quello della consapevolezza: conoscere lo stato della qualità dell’aria in casa. Per fare ciò viene in aiuto uno strumento come Foobot, il rilevatore di sostanze tossiche smart e connesso. Questo prodotto smart home di forma cilindrica è in primo luogo in grado di rilevare due parametri base: temperatura e umidità dell’aria, ma ovviamente non si ferma qui. Il primo dato interessante è quello del particolato fine (PM2.5), ovvero quello che riesce a penetrare fino alla trachea ed ai bronchi primari – mentre il più noto PM10 si ferma al livello delle mucose del naso, e anche questo viene rilevato.

L’altro parametro di interesse che Foobot misura riguarda invece il cosiddetto VOC (Composti Organici Volatili), costituito da varie molecole tossiche volatili come l’isobutano, il toluene, il metano, l’ammoniaca, la formaldeide ed il benzene. Foobot non presenta invece un sensore dedicato al rilevamento della CO2, ma la sua concentrazione viene comunque stimata attraverso altri parametri, con un margine di precisione comunque ragionevole per capire se è giunto il momento di “cambiare aria alla stanza”.

Tutti i dati raccolti da Foobot – che ha bisogno di almeno una settimana di rodaggio dopo la prima accensione – sono raccolti e salvati nel cloud per essere sempre consultabili attraverso l’app dedicata. Tuttavia, grazie alla luce colorata emessa dal dispositivo, è sempre possibile rendersi conto se qualcosa non va, senza necessità di avere lo smartphone a portata di mano o di consultarlo. Foobot è anche abbinabile al termostato Netatmo che abbiamo consigliato in questa guida, nonché integrato nell’ecosistema Amazon Alexa.

Puoi acquistare Foobot su Amazon.

Foobot
Prezzo consigliato: € 284.95Prezzo: € 199

Nest Protect

Se Foobot è un prodotto smart home utile a conoscere la qualità dell’aria, per le situazione di emergenza è possibile ricorrere a Nest Protect (di seconda generazione). Si tratta di un rilevatore di CO (monossido di carbonio) nonché di fumo, e quindi un versatile allarme antincendio.

Nest Protect funziona a batteria e dunque si può installare in tutta semplicità dove più preferiamo, sui muri o attacco al soffitto. È ovviamente dotato di un’app per smartphone su cui riceveremo, in caso di emergenza, un avviso con indicato l’ambiente e il tipo di problema a cui questo è soggetto (monossido di carbonio, fumo, incendio). Ogni dispositivo è dotato anche di un altoparlante che indicherà il problema attraverso una voce chiara e non solo con una sirena generica.

Nest Protect dispone anche di una luce di cortesia che si può illuminare leggermente durante il passaggio di persone durante la notte. Il sensore del monossido di carbonio è garantito per 10 anni di attività, mentre la connessione alla rete avviene tramite Wi-Fi (solo a 2.4GHz) e Bluetooth 4 LE. Funziona con 6 batterie AA incluse in confezione.

Puoi acquistare Nest Protect (seconda generazione) su Amazon o se preferisci su eBay

Prese intelligenti

Talvolta vorremmo gestire in maniera smart dei punti luce che non possono montare lampadine intelligenti come quelle di Philips o di Yeelight, oppure controllare altri elettrodomestici, come uno scaldabagno elettrico. Per fare questo è possibile utilizzare delle prese di corrente smart.

TP-Link HS100 e HS110

Questo prodotto smart home di TP-Link non è altro che una presa di corrente dotata di un modulo Wi-Fi che dovrà essere interposta tra la tradizionale presa a muro e la lampada o elettrodomestico che si vuole controllare da remoto. Tutti i parametri si possono poi gestire tramite l’app Kasa di TP-Link: accensione e spegnimento, certo, ma anche programmare degli orari specifici di funzionamento. Poiché la presa si integra con Google Assistant e Amazon Alexa, potremo anche controllare i nostri elettrodomestici attraverso la voce.

La differenza sostanziale tra la presa HS100 e la HS110 è che quest’ultima permette anche il rilevamento dei consumi, cosa particolarmente utile se si vuole monitorare il dispendio energetico di un grande elettrodomestico. Purtroppo le prese di TP-Link non sono compatibili con l’ecosistema Apple HomeKit, ma vediamo subito un’alternativa per chi fosse interessato a questa funzionalità.

Puoi acquistare TP-Link HS100 su Amazon o se preferisci su eBay In alternativa TP-Link HS100 è disponibile nella variante TP-Link HS110 con monitoraggio consumi.

Elgato Eve Energy

La proposta per chi desiderasse una presa smart compatibile con HomeKit è quella di Elgato. La presa Eve Energy offre le stesse funzionalità di quella di TP-Link, compreso il rilevamento dei consumi. Essendo però compatibile con HomeKit, è possibile integrarla nell’app Casa di Apple e renderla parte di una scena, ovvero farla rispondere nel modo opportuno in base alle nostre preferenze. È anche possibile abbinarla ad un altro accessorio integrato nel nostro ecosistema, come un sensore di luminosità, il quale, rilevata una mancanza di luce, provvederà ad abilitare il passaggio di corrente attraverso la presa a cui sarà stata preventivamente collegata una lampada.

Puoi acquistare Elgato Eve Energy su Amazon o se preferisci su eBay

Altri smart home prodotti

Concludiamo questa guida con una breve carrellata di altri prodotti non rientranti nelle categorie sopra trattate. Si tratta di prodotti smart home di varia natura e di ottima qualità, non fondamentali certamente per chiunque, ma che possono interessare alcuni utenti. Qui di seguito trovate uno dei migliori baby monitor smart sul mercato, un campanello/videocitofono connesso e gli smart speaker di Google.

Arlo Baby, il baby monitor smart

Abbiamo già visto le telecamere di sicurezza Arlo, ma con questo brand Netgear ha sviluppato anche un baby monitor di qualità e ricco di funzioni. In primo luogo Arlo Baby è dotato di una batteria, in modo tale da essere riposizionabile in modo rapido per qualunque evenienza. Tutto il resto sembra essere sviluppato a misura di bambino, a partire dal simpatico design personalizzabile con diverse cover. È presente un riproduttore musicale per aiutare il neonato ad addormentarsi, nonché una piccola luce che evita si generi il buio assoluto nella stanza, dotata di spegnimento lento e programmato. Ovviamente non può mancare l’audio a due vie, in questo caso utile per far sentire al piccolo la voce dei genitori, anche se non presenti fisicamente nella stanza.

La feature più interessante e particolare è pero quella del sensore di qualità dell’aria che misura la concentrazione dei VOC presenti nell’ambiente. Abbiamo parlato più sopra di queste sostanze volatili, in merito al sensore di qualità dell’aria Foobot, ma bisogna che specificare che questi composti organici sono particolarmente dannosi per i più piccoli, poiché possono interferire con lo sviluppo e danneggiare il sistema nervoso. Dunque è eccellente la scelta di Netgear di inserire un sensore di questo tipo in Arlo Baby. Oltre a questo parametro viene misurata anche la temperatura e l’umidità dell’aria.

La telecamera di Arlo Baby registra video fino a 1080p con un angolo di visuale che può essere impostato tra i 90° e 130°. Trattandosi di un baby monitor, oltre alle notifiche in caso di suoni (anche con il riconoscimento del pianto) e movimenti, è possibile utilizzare una modalità di ascolto continuo. Questa trasmette allo smartphone quanto catturano i microfoni di Arlo Baby, anche mentre utilizziamo altre app o non lo abbiamo attivo. A differenza delle telecamere di sicurezza Arlo, il baby monitor è compatibile con l’ecosistema Apple HomeKit.

Puoi acquistare Netgear Arlo Baby su Amazon o se preferisci su eBay

Ring Video Doorbell, il videocitofono smart

Se siete alla ricerca di un videocitofono smart, la società Ring – recentemente acquisita da Amazon – mette disposizione diversi modelli. Il più semplice è il Video Doorbell di prima generazione, dotato duna telecamera a 720p con un ampissimo angolo di visuale (180°), che è la soluzione ideale per chi vuole monitorare l’ingresso della propria casa in modo smart.

Il campanello di Ring può essere alimentato sia tramite fili – come un normale campanello – sia tramite batteria. Il collegamento alla rete avviene tramite Wi-Fi a 2.4GHz. È possibile ricevere una notifica sullo smartphone ogni volta che il campanello viene premuto, nonchè dialogare con la persona che ha suonato grazie all’audio a due vie. Tuttavia è presente anche un sensore di movimento che ci permette di sapere se qualcuno si stia aggirando davanti all’ingresso di casa, anche se il campanello non viene premuto – proprio come una telecamera di sicurezza. Esiste anche la versione Video Doorbell 2, con telecamera a risoluzione Full HD e angolo di visuale a 160°. Entrambi i modelli sono ovviamente resistenti agli agenti atmosferici per essere installati all’esterno e presentano un sensore IR per la visione notturna.

Per chi preferisse una soluzione cablata, ma che funzioni continuativamente, nonché dotata di un design più elegante, segnaliamo il Ring Video Doorbell Pro. In confezione si trova anche un trasformatore adatto all’alimentazione a bassa tensione tipica dei campanelli, ed a questa versione è stato anche aggiunto il supporto alle reti a 5 GHz.

Puoi acquistare Ring Video Doorbell su Amazon o se preferisci su eBay In alternativa Ring Video Doorbell è disponibile nelle varianti Ring Video Doorbell 2 o nella variante Ring Video Doorbell Pro.

Google Home

Concludiamo questa guida ai prodotti smart home con un accessorio che può essere in realtà uno dei cuori pulsanti di una casa intelligente. Il primo smart speaker arrivato in Italia dei tre grandi ecosistemi – Apple HomeKit, Amazon Alexa e Google Assistant – è proprio quello di Big G.

Google Home Mini è uno speaker dotato dell’assistente virtuale Google Assistant, come quello presente sugli smartphone Android, che può essere utilizzato per controllare con la voce tutti gli accessori fin qui descritti come compatibili con l’ecosistema Google. Oltre a questo può essere utilizzato anche come speaker per l’ascolto di musica, sebbene la sua potenza e qualità siano limitate dalle piccole dimensioni – ma in fine dei conti non si comporta male neanche sotto questo aspetto. Il design piacevole e curato, disponibile in diversi colori, non stona in nessun ambiente di casa.

In alternativa è possibile optare per il Google Home in versione tradizionale, che offre una potenza audio leggermente superiore, anche se il focus è a mio parere sempre incentrato sulle funzionalità smart. Se siete interessati ad un sistema di controllo vocale, always on, in grado di recepire i vostri comandi per i vari prodotti smart home, questi smart speaker di Google possono essere la soluzione ideale.

Puoi acquistare Google Home Mini su eBay o se preferisci su ePrice In alternativa Google Home Mini è disponibile nelle varianti Google Home o nella variante Google Home.

Amazon Echo

Se gli smart speaker di Google sono arrivati per primi in Italia, non si sono certo fatto attendere a lungo quelli di Amazon, facenti parte della linea Echo – e ce ne sono diversi. Iniziamo a vedere l’entry level Echo Dot di 3a generazione dotato, come tutti gli altri, dell’assistente virtuale Alexa. Questo smart speaker è lo strumento ideale per gestire la propria abitazione con i comandi vocali, ma anche ascoltare musica dai servizi di streaming, con l’ulteriore vantaggio di poterlo sfruttare anche con l’account free di Spotify, oltre che con Amazon Music Unlimited; inoltre, grazie all’uscita audio, potete collegare Echo Dot a qualunque speaker, anche di maggiori dimensioni, trasformando quest’ultimo in un prodotto smart e gestibile con la voce. Con Alexa è possibile comandare i dispositivi connessi di casa: luci, prese, termostati, telecamere di sicurezza e così via, e se volete entrare nel mondo della domotica, questo è il modo più economico per farlo, magari acquistando Echo Dot in bundle con la presa intelligente Amazon Smart Plug.

Lo smart speaker Echo mantiene il design di seconda generazione, ma è il bilanciamento perfetto tra dimensioni, prezzo e qualità audio, che è di gran lunga più elevata di quella di un piccolo Echo Dot. Amazon Echo Spot è invece più particolare: si tratta di un altoparlante intelligente dotato di schermo, e quindi oltre a tutte le altre funzioni di Echo, sarà possibile visualizzare le informazioni fornite da Alexa. Grazie alla telecamera il dispositivo è capace di effettuare delle videochiamate, ed è anche una sveglia perfetta da tenere sul comodino. Ovviamente non è lo strumento ideale per l’ascolto di musica.

Per concludere, chi vuole rendere smart il proprio impianto audio tradizionale, può farlo a basso costo con Echo Input, collegabile via cavo AUX o Bluetooth ad un sistema di diffusione audio, mentre lui è dotato dei microfoni, e ovviamente di Alexa. Dopo i box prodotti trovate gli speaker Echo più adatti ad una smart home.

 

Puoi acquistare Echo Dot su Amazon. In alternativa Echo Dot è disponibile nelle varianti Echo, Echo Spot o Echo Input.

Amazon Echo con modulo ZigBee

Arriviamo a parlare dello smart speaker più adatto ad una casa altamente domotica: Echo Plus. Qui ci troviamo davanti al solito altoparlante intelligente che funziona tramite comandi vocali, connesso all’assistente vocale Alexa, ma anche a qualcosa di più. Oltre alla maggiore qualità audio, anche dovuta alle generose dimensioni, la vera particolarità è nel fatto di essere dotato di un hub Zigbee integrato, cosa che permette di controllare i tuoi dispositivi per smart home compatibili, ad esempio le luci Philips Hue, che non necessitano così dello Hue Bridge di cui abbiamo parlato all’inizio della guida. Infine, è presente anche un termometro, utile per sfruttare l’Echo Plus insieme a termostati smart, valvole, o qualunque altro dispositivo che vogliamo far reagire in n determinato modo in base ad una certa temperatura rilevata in casa.

Sempre per la casa domotica, Amazon ha introdotto Echo Show, uno smart speaker fornito di hub ZigBee, audio di alto livello e, soprattuto, uno schermo HD da 10″ sfruttabile per riprodurre contenuti multimediali, guardare un notiziario o una serie TV da Prime Video, così come effettuare una videochiamata verso chiunque possieda un Echo Spot, Echo Show, l’App Alexa o Skype.

Puoi acquistare Echo Plus su Amazon. In alternativa Echo Plus è disponibile nella variante Echo Show.

Echo Plus
Prezzo consigliato: € 149.99Prezzo: € 149.99

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

5201 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Simone Sala tramite i commenti.