Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Skull and Bones

Skull and Bones

di Matteo Gobbiaggiornato il 15 giugno 2018
attesamedia
La storia del prodotto
Questo articolo raccoglie tutte le news su Skull and Bones presentate o in arrivo nelle prossime settimane e sarà costantemente aggiornato per non farvi perdere nulla sui nuovi dispositivi. L’ultimo aggiornamento risale al 15 Luglio 2018.
Skull and Bones si mostra nuovamente all'E3 2018 con un sostanzioso trailer di gameplay

In occasione dell’E3 2018 Ubisoft ha chiaramente mostrato nuovi interessanti trailer ed informazioni riguardanti i giochi più attesi (come il neo-annunciato Assassin’s Creed Odyssey o l’attesissimo Beyond Good and Evil 2), ma hanno anche parlato di una nuova interessante IP dal sapore piratesco. Stiamo parlando chiaramente di Skull and Bones, gioco annunciato lo scorso E3 che ha saputo cogliere un discreto livello di attenzione grazie al suo approccio open-world in un titolo interamente incentrato sulla pirateria, genere popolare negli anni ’90 su PC che potenzialmente potrebbe riottenere un po’ di interesse del pubblico. Andiamo a vedere insieme cosa è stato mostrato finora.

Skull and Bones news: tutto quello che c’è da sapere

Come vi abbiamo spiegato Skull and Bones è un gioco di pirati che avrà una vena estremamente improntata al grind per ottenere potenziamenti, bottini e quant’altro così da potenziare la propria nave e diventare corsari sempre più efficaci. Ciò che è stato detto per il momento è rassicurante, ed anche il trailer lascia trasparire un gioco dalla buona varietà di opzioni di gameplay, però pare ovvio che questa tipologia di giochi debbano essere valutati “in corso d’opera” per farsi un’idea effettiva della validità dell’esperienza a lungo andare. Detto questo, però, guardiamo ciò che si sa ad oggi riguardo la struttura di Skull and Bones e le meccaniche che caratterizzeranno l’esperienza di gioco.

Campagna: esperienza open-world ibrida online/offline alla massima potenza

La vena multigiocatore del gioco è evidente a dir poco, dato che Skull and Bones vanterà un mondo immenso da esplorare (l’ambientazione è l’Oceano Indiano) condito da numerosi “boss” da sconfiggere, missioni da completare e hub dove sostare per potenziare la propria scialuppa, facendola pian piano diventare un pericoloso veliero. Detto questo, però, Ubisoft ha rinnovato durante la loro presentazione del trailer di gameplay la loro intenzione di inserire in Skull and Bones una campagna con elementi narrativi, così da offrire un’esperienza non orientata al mondo online “al 100%”. Il gioco risulterà fruibile anche in solitaria, a detta degli sviluppatori, però è evidente sin da ora che – come un qualsiasi MMORPG che si rispetti – il meglio della produzione e dell’esperienza consisterà nel giocare in un mondo popolato da altri pirati in carne ed ossa.

A seconda delle circostanze, che possono includere sia missioni predefinite quanto “eventi” randomici, Skull and Bones offrirà ai giocatori tante modalità con cui divertirsi. La libera esplorazione sembra essere il punto chiave dell’esperienza, però saranno incluse anche modalità PvE (come la già nota Loot Hunt, dove due team gareggeranno per tesori il più velocemente possibile) o PvP, dando a tutti molte occasioni di venire remunerati. La bontà del loot e la velocità con cui si ottengono potenziamenti degni del nostro interesse rimane un’incognita che non potrà essere svelata se non post-lancio, ma a livello di varietà Skull and Bones sembra riuscire per il momento a rispettare le aspettative.

Gameplay: cannonate, bottino e customizzazione a non finire

Una volta riparata, equipaggiata e potenziata la nave nel nostro rifugio avremo totale libertà d’esplorazione dell’Oceano Indiano, dove potremo incontrare porti neutrali, navi mercantili o forze navali della marina  portoghese, britannica e presumibilmente anche olandese, belga e spagnola (anche se non sono state ufficialmente mostrate). A seconda delle circostanze, che possono includere persino missioni generate randomicamente, starà a noi scegliere in base alla condizione della propria nave (rifornimenti, munizioni, bottino, integrità dello scafo etc) se e come ingaggiare il nemico.

In Skull and Bones non sarà sempre consigliabile assaltare a testa bassa, anzi, il trailer lascia intendere bene che in base alle nostre impostazioni ogni nave aderirà ad uno stile di gameplay differente. Saranno presenti alcune abilità “intrinseche” connesse al modello di veliero che stiamo impiegando, come ad esempio la possibilità di sparare volate all’unisono otto cannonate frontalmente, quindi giocare intorno ai punti di forza del veliero diventa una necessità. Il gioco, inoltre, includerà un sistema a livelli per identificare immediatamente il livello di difficoltà dell’ingaggio; non è ancora chiaro come verrà calcolato il livello, se con l’esperienza o facendo una media qualitativa degli equipaggiamenti montati sul vascello. Ciò che è stato svelato dagli sviluppatori durante l’E3 2018, però, è un concetto molto importante: se si affonda il bottino affonda con la nave. Di conseguenza, bisognerà trovare un giusto equilibrio tra tempo investito nel grind e ricorrenti viaggi verso un porto sicuro per ottimizzare la nostra esperienza da pirati ed evitare di mandare in fumo potenziali ore di gameplay.

Skull and Bones trailer

In questo trailer viene evidenziata in maniera egregia la vera natura del gioco: un open world pieno zeppo di occasioni per potenziare la propria nave e salpare verso inaspettate avventure o coordinarsi con compagni pirati e sconfiggere bersagli ostici. Non tutte le meccaniche di gioco sono chiaramente mostrate all’interno di questo trailer di gameplay, però pare già ovvio che i giocatori avranno modo di scegliere che tipologia di nave adottare ed a seconda di questa selezione dovremo giocare letteralmente “di ruolo” per tirare fuori il massimo dalla nostra bagnarola. Una tinozza piccola e veloce chiaramente non andrà impiegata nella stessa maniera con cui navigheremmo un galeone, e da questo si capisce anche che per affrontare le boss fight del gioco sarà molto utile avere un team vario, in modo da coprire ogni possibile ruolo sul campo di battaglia. L’elemento di customizzazione è stato solamente accennato, mostrando alcune opzioni a nostra disposizione, ed in tutta sincerità si sente una certa “puzza” di micro-transazioni anche se non sono state mostrate nel trailer; speriamo che si manifestino solamente come elementi cosmetici, ma al momento il dubbio rimane.

Skull and Bones beta: quando potremo provare a navigare sventolando il Jolly Roger?

Attualmente potete già recarti sul sito ufficiale per iscriverti alle prime fasi di alpha e beta test di Skull and Bones; è sufficiente seguire la procedura e tenere d’occhio la propria posta elettronica in attesa di novità riguardanti eventuali inaspettate fasi di prova a cui partecipare.

Skull and Bones prezzo e uscita in Italia

Skull and Bones è atteso per PC, PlayStation 4 e Xbox One e – purtroppo – nonostante fosse inizialmente previsto per il quarto trimestre del 2018 la data d’uscita è stata posticipata ad un generico 2019, che con tutta probabilità significa che per almeno un anno non il gioco non sarà disponibile. In attesa di ulteriori novità, vi segnaliamo che il gioco è attualmente prenotabile su ePrice o su Amazon, che offre il gioco a 79,99€ con la prenotazione al prezzo minimo garantito che detrarrà dal nostro conto solamente il prezzo più basso raggiunto dal prodotto pre-release quando inevitabilmente scenderà di prezzo.

Puoi acquistare il prodotto su Amazon.

15 giugno 2018
Ecco tutti i rumor e le informazioni note di Skull and Bones

Skull and Bones rumors: quello che bisogna sapere in attesa dell’E3 2018

Questa nuova IP è chiaramente ispirata dal grande successo degli elementi di navigazione presenti nei più recenti capitoli di Assassin’s Creed, motivo per cui Ubisoft ha voluto concentrare le forze su un titolo del tutto inedito per offrire l’esperienza piratesca definitiva. Il gioco, come ci tiene a specificare lo stesso team di sviluppo, non sarà un semplice clone di quanto visto in Assassin’s Creed Black Flag – o di quanto si vedrà nel nuovo Assassin’s Creed Odyssey – ma un’esperienza decisamente inedita. Skull and Bones ci permetterà di solcare l’Oceano Indiano a bordo di incredibili vascelli in un’esperienza da giocare in solitaria, con una (piccola) campagna dedicata, oppure online insieme ai propri amici e/o sconosciuti. Nell’Età d’oro della pirateria, sarà solo compito nostro diventare i re del mare.

All’interno di un vero e proprio oceano condiviso, i giocatori potranno scegliere una loro classe, reclutare una ciurma e salpare verso avventure e scorribande sulla propria nave, quest’ultima interamente personalizzabile. L’esplorazione viene resa in maniera molto convincente, grazie ad un ben curato comparto grafico ed un sistema dinamico dei venti che non solo ci permetterà di agevolare gli spostamenti in una determinata direzione, ma porterà anche numerosi vantaggi strategici nel momento in cui ci troveremo ad affrontare uno scontro con altri pirati. Grande attenzione è stata rivolta al realismo ed il dinamismo dell’oceano, con una fetta considerevole del team di sviluppo interamente focalizzata su questo aspetto. Un altro elemento del gioco curioso ed assolutamente da tenere in considerazione – sia per portare a casa la vittoria ma anche per evitare la sconfitta – è la possibilità di affiancarsi alla nave nemica e lanciarsi all’arrembaggio.

Dall’esplorazione dell’oceano potranno nascere sempre nuove sfide, dai tantissimi tesori da scoprire per poter aumentare la nostra fama e personalizzare il nostro equipaggiamento, fino agli spettacolari scontri tra vascelli. In questo senso sarà importante non farci trovare impreparati e studiare il punto debole dell’avversario da lontano, grazie al nostro cannocchiale. Una volta programmata la nostra strategia potremo attaccare a distanza con i nostri cannoni o assaltare direttamente la nave nemica per fare incetta del loro bottino.

Saranno inoltre disponibili diverse possibilità di scontro, con scontri competitivi fino a 5 v 5 oppure nella modalità Loot Hunt, dove due gruppi di giocatori lotteranno per rintracciare tesori e vince chi compie la sfida più velocemente.
Saranno presenti anche ulteriori modalità ovviamente, però a detta degli sviluppatori Skull and Bones sarà comunque in grado di offrire un’interessante esperienza anche in solitaria, soprattutto per chi cerca un livello di sfida decisamente più elevato; staremo a vedere se il gioco rispetterà effettivamente queste aspettative.

2 maggio 2018