Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Serratura WiFi: quale acquistare per una smart home

Serratura WiFi: quale acquistare per una smart home

di Simone Sala
Specialist Smart Home
aggiornato il 17 luglio 2019
2 utenti hanno trovato utile questa guida

Il Natale 2019 sta per arrivare! Se stai cercando le offerte migliori del periodo o non sai cosa regalare ai tuoi cari, niente paura: ti aiutiamo noi! All’interno della sezione Migliori regali di Natale trovi consigli utili e i migliori sconti natalizi su una vasta serie di categorie.

 

Paura di non ricevere in tempo i tuoi prodotti per Natale? Nessun problema, la spedizione è rapidissima con Amazon Prime! Ti invitiamo a provarlo nella versione classica e Student qui ai link di seguito:

 

N.B. La guida serratura WiFi è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Dicembre 2019.

In una smart home ci sono tanti elementi che possono essere resi connessi e intelligenti, ed uno di questi – sebbene non sia tra i primi a cui si pensi – è la serratura della porta di casa. Vediamo in questa guida come installare una serratura WiFi, quali benefici porta e quali sono le migliori in commercio.

Serratura WiFi: quale comprare

Una serratura WiFi è un accessorio da applicare alla propria porta di ingresso, in grado di automatizzare il processo di apertura e chiusura della stessa – dove ci riferiamo non tanto al battente, quanto al blocco della serratura. Tuttavia questo tipo di accessorio non è ancora particolarmente diffuso, soprattutto qui in Italia; troviamo sistemi simili in tanti hotel e uffici, ma è davvero rara un’applicazione del genere a livello domestico. Eppure la porta d’ingresso è il primo elemento che ci si para davanti, ancora prima di entrare in casa, e i benefici offerti da una serratura WiFi non sono pochi. Pensate a quante volte capita di perdere del tempo cercando le chiavi tra le tasche della giacca o in borsa, quante volte ci si è preoccupati di averle perse o dimenticate, oppure è stato un peso il doversele portare appresso – magari d’estate, quando si esce vestiti leggeri e senza troppi posti dove riporle, o ancora quando si esce per fare attività fisica.

Sfruttando una serratura WiFi è possibile risolvere tutti questi problemi, ma anche fare di più. Infatti questo tipo di soluzione si adatta perfettamente non solo all’abitazione principale, ma anche a quelle case che vengono messe in affitto, per esempio su AirBnB, offrendo agli ospiti la possibilità di accedere senza che sia necessario entrare prima in possesso di una chiave fisica. Possiamo poi, magari intervenendo da remoto, sbloccare la porta ad un amico o parente a cui vogliamo concedere l’accesso in casa, senza che sia necessaria la nostra presenza sul luogo; infine, verificare lo stato di blocco della porta in ogni momento e situazione.

Se i vantaggi fin qui descritti vi sembrano interessanti, allora dovreste considerare l’acquisto di una serratura WiFi che tuttavia, come già accennato, non è offerta da così tanti brand sul nostro territorio. Infatti, vista l’importanza dell’argomento trattato, non abbiamo intenzione di consigliare prodotti economici, di produttori poco noti o il cui supporto post vendita è incerto. Perciò vi offriremo una ristretta selezione, che include solo serrature WiFi che noi stessi installeremmo sulle porte delle nostre case, con prodotti offerti da brand che hanno una distribuzione certa e un supporto post vendita garantito in Italia.

Infine, bisogna preoccuparsi della compatibilità della serratura smart con la porta (blindata) su cui è destinata ad essere installata. Nell’analisi dei prodotti parleremo più nel dettaglio della questione, ma ora vi basti sapere che esistono accessori che si montano sulla serratura e sul cilindro che già avete (se compatibile!), mentre altre serrature smart sono vendute in combo con un apposito cilindro – in questo caso potrebbe essere necessario l’aiuto di un fabbro per l’installazione, così come no, a seconda di quanto ci sapete fare con qualche lavoro un po’ tecnico di fai-da-te.

Vediamo dunque quali sono le serrature WiFi che consigliamo, iniziando da una versione installabile in modo semplice sulla serratura che già avete, e passeremo poi ai pacchetti serratura + cilindro, spesso già preassemblati.

Serratura WiFi Nuki

Questa serratura WiFi è prodotta dalla società tedesca Nuki, che la distribuisce in via ufficiale anche in Italia. L’ecosistema creato da Nuki si basa su tre prodotti: la serratura Nuki Smart Lock, il Nuki Bridge, per collegare la serratura alla rete Wi-Fi (altrimenti funziona solo tramite Bluetooth), e Nuki Fob, un telecomando da sfruttare in alternativa allo smartphone per lo sblocco della serratura WiFi.

Prima di parlare di questi prodotti vediamo subito la questione della compatibilità, fondamentale per installare una serratura WiFi, che poi non è altro che una serratura connessa e motorizzata che si occuperà di girare la chiave (sempre inserita nel cilindro) al nostro posto e su nostro comando. Nuki Smart Lock è quindi installabile sulle serrature con cilindro europeo o svizzero, che poi sono gli standard più sicuri al momento in commercio, molto di più di quanto non lo sia la classica doppia mappa, usata spesso in passato per le porte blindate. Sul sito Nuki, a questa pagina, potete trovare molti dettagli in più sulla compatibilità, mentre nell’immagine qui sotto potete velocemente vedere le differenza tra un chiave per cilindro europeo, compatibile con Nuki e sicura, ed una doppia mappa.

Nuki Smart Lock è costituita da due parti: sopra troviamo un pomolo d’alluminio, sul quale è posizionato un grande pulsante dotato di un anello luminoso, utile per lo sblocco manuale e per attivare la funzione Lock ’n’ Go (ne parleremo a breve); questo è anche il luogo in cui andrà inserita la chiave al momento dell’installazione, che rimarrà sempre inserita nel cilindro, pronta ad essere ruotata dal Nuki. Nella parte bassa troviamo invece l’elettronica, la batteria (4 pile AA) e la connettività affidata al Bluetooth. Il Wi-Fi, invece, è garantito da Nuki Bridge, acquisibile a parte, e di cui parliamo poco più avanti.

Durante il montaggio bisognerà inserire la chiave all’interno del Nuki e nel cilindro, lasciandola in sede coperta dalla serratura smart stessa, che si monta sul lato interno della porta. Lo sblocco della porta può avvenire in diversi modi: quando agiamo dall’interno possiamo affidarci al grande pulsante sul Nuki oppure, in caso di necessità, agire manualmente roteando il pomello d’alluminio. La funzione Lock ’n’ Go prima accennata permette, tramite un doppio click sul pulsante del Nuki, di sbloccare la serratura WiFi prima di uscire di casa, sapendo che questa si bloccherà nuovamente alle nostre spalle, 20 secondi dopo. Ovviamente, essendo una serratura connessa, non può mancare lo sblocco tramite app, precisamente tramite smartphone e smartwatch: Nuki Smart Lock si interfaccerà con i nostri device tramite connessione Bluetooth cifrata, e potremo sbloccare la serratura smart quando siamo in prossimità della porta. Ma la cosa più interessante è che non è affatto necessario effettuare questa operazione manualmente, infatti grazie alla funzionalità di geofencing (localizzazione approssimativa senza l’uso del GPS) e l’opzione Auto Unlock, Nuki Smart Lock saprà quando ci troviamo vicino a casa, attivando così la serratura che monitorerà la presenza dello smartphone o smartwatch tramite il Bluetooth; a questo punto, non appena saremo a pochi metri dalla porta, questa inizierà a sbloccarsi, così da permetterci di accedere senza fare praticamente alcuna operazione.

Una serratura WiFi diventa uno strumento indispensabile quando vogliamo offrire autorizzazioni di accesso temporanee a persone terze, e tutto questo è controllabile tramite la ben fatta app Nuki. È possibile gestire autorizzazioni di accesso ricorrenti in determinati giorni ed orari, per esempio combacianti con gli orari di lavoro di un collaboratore domestico. Tutti gli accessi vengono poi monitorati e salvati in un apposito registro digitale sull’app, cosicché la serratura WiFi funziona anche come badge elettronico per il controllo degli accessi e della presenza sul luogo di lavoro.

Passiamo quindi a parlare dei prodotti opzionali che accompagnano questa serratura connessa. Il Nuki Bridge è un accessorio da collegare ad una qualunque presa di corrente, alla distanza massima di qualche metro dalla Smart Lock; questo dispositivo si collegherà alla rete Wi-Fi di casa sulla frequenza dei 2.4 GHz, nonché alla serratura tramite Bluetooth. È proprio così che la serratura connessa diventerà una vera e propria serratura WiFi, con la possibilità di controllarla anche non in presenza, garantendo l’accesso in casa anche a chi non è provvisto dell’app Nuki, grazie allo sblocco da remoto. Una soluzione che potrebbe essere sfruttata come primo accesso di ospiti in AirBnB. Per gli accessi successivi, invece, sempre senza usare l’app, gli ospiti potranno sfruttare il terzo elemento dell’ecosistema, il Nuki Fob, che non è altro che una sorta di telecomando Bluetooth in grado di sbloccare la serratura WiFi, insomma una chiave digitale. Questa è sicuramente una soluzione molto valida anche per i proprietari di casa, che potranno sbloccare la porta anche senza lo smartphone o con la batteria di questo scarica. La sicurezza non viene trascurata, poiché in caso di perdita o furto di un Nuki Fob, questo potrà essere disabilitato, rendendolo di tutto inutilizzabile dal ladro, cosa non fattibile con una normale chiave di accesso.

Per quanto riguarda la classica chiave, invece, questa rimane sempre e comunque utilizzabile dall’esterno, cosa fondamentale da farsi in caso le batterie della serratura WiFi fossero scariche. Tuttavia, l’apertura dall’esterno con chiave è un’operazione fattibile solo se il vostro cilindro europeo funziona anche con due chiavi inserite contemporaneamente poiché, come abbiamo detto, all’interno la chiave rimarrà sempre in sede, sebbene coperta dal corpo della serratura WiFi.

L’ecosistema Nuki + Bridge è anche compatibile con IFTTT, offrendo quindi la possibilità di generare una sequenza di eventi in cui entrano in gioco altri accessori per smart home, come ad esempio far accendere la lampada dell’ingresso ad ogni sblocco della serratura. Oltre a questo è possibile controllare Nuki con la voce, grazie agli ecosistemi Amazon Alexa e Google Assistant, supportati dal prodotto. Nuki vende la sua serratura smart singolarmente, oppure in pacchetti che includono il Nuki Bridge ed, eventualmente, tre telecomandi Nuki Fob.

Nell’autunno 2018 Nuki ha anche lanciato la versione Nuki 2.0, con un bridge aggiornato che supporta anche l’ecosistema Apple HomeKit, ed è proprio la versione di cui consigliamo l’acquisto. Oltre a ciò, nella confezione è incluso anche un nuovo sensore da posizionare sul telaio fisso della porta. Questo componente permetterà al Nuki di capire se la porta è rimasta aperta per sbaglio (ci riferiamo al battente e non alla serratura), e in caso segnalare l’anomalia. Nuki 2.0 è più potente, ha il Bluetooth 5 e supporta il protocollo ZigBee; inoltre si potranno concedere fino a 200 diverse abilitazioni all’ingresso, anziché 100 come nella prima generazione.

Puoi acquistare Nuki Smart Lock 2.0 su Amazon. In alternativa Nuki Smart Lock 2.0 è disponibile nelle varianti Nuki Combo 2.0, Nuki Combo 2.0 o Nuki Fob .

Serratura Yale ENTR

Sebbene sia questa una guida alla serratura WiFi, inseriamo qui questo prodotto di Yale, che tuttavia è una serratura Bluetooth, ma non propriamente una serratura WiFi. In realtà nemmeno la serratura di Nuki che abbiamo appena visto lo è, ma grazie al bridge aggiuntivo era possibile collegarla alla rete Wi-Fi di casa; qui la situazione è invece un po’ diversa.

Yale ENTR è comunque un prodotto valido, che offre alcune opzioni interessanti. In primo luogo segnaliamo che anche qui abbiamo la compatibilità con il moderno e sicuro cilindro europeo, che tuttavia viene offerto insieme alla serratura Yale ENTR. In questo caso bisognerà controllare le misure dello spessore della porta, per selezionare il cilindro adatto da abbinare a Yale ENTR.

Il principio di funzionamento è poi simile a quanto visto con l’offerta Nuki, anche se qui troviamo una pulsantiera – da usare soprattutto in fase di configurazione – che rende il design e la user experience della serratura di Yale un po’ meno smart e innovativa. Le modalità di sblocco sono le medesime, ovvero tramite app (solo per smartphone), telecomando (spesso incluso in diversi kit) e dall’interno anche manualmente. Dall’esterno è invece sempre possibile l’uso della classica chiave, opzione da sfruttare in caso di non funzionamento o batterie scariche della serratura, e qui abbiamo la certezza che i cilindri europei abbinati a Yale ENTR siano compatibili al funzionamento con due chiavi inserite. La cosa più interessante, e che differenzia certamente questa proposta da quelle di Nuki, è la possibilità di aggiungere diversi accessori per lo sblocco della serratura, come un tastierino numerico (per lo sblocco tramite PIN) ed un tastierino con sensore biometrico, che offre il sempre interessante accesso tramite impronta digitale.

Parlando del funzionamento della serratura, anche in questo caso possiamo fare affidamento sulla chiusura automatica, nonché sull’opzione di autorizzare diverse persone all’accesso. Tuttavia, come abbiamo detto all’inizio, mancando il bridge Wi-Fi, non è possibile effettuare alcun controllo a distanza (cioè quando ci troviamo lontani da casa), così come le impostazioni e le autorizzazioni devono essere tutte gestite tramite Bluetooth, quando ci troviamo in prossimità della serratura. Yale ENTR è alimentata a batteria, mentre in confezione troviamo l’alimentare con cui possiamo ricaricarla – operazione da fare mediamente ogni 4 mesi, in circa 2 ore di tempo.

Non è raro che aziende non facenti propriamente parte del mondo tech – come Yale appunto – siano costrette ad entrarci per rimanere al passo con i tempi (oggi è tutto tech!), ma spesso proponendo prodotti che hanno carenze proprio sugli aspetti smart e innovativi, nonché sulla user experience. Qulla di Yale è un’ottima serratura smart, ma che perde punti a causa di un’app non curata come quelle della concorrenza, della mancanza di integrazione con qualsivoglia ecosistema demotico e dell’assenza di un bridge Wi-Fi che abiliti il controllo da remoto. Tuttavia Yale ha ben pensato di offrire un prodotto completo di un cilindro europeo di qualità preassemblato alla serratura, nonché all’opzione interessante di poter aggiungere un sensore biometrico e un tastierino a PIN.

Puoi acquistare Yale ENTR - Kit con cilindro e telcomando (31x35) su Amazon. In alternativa Yale ENTR - Kit con cilindro e telcomando (31x35) è disponibile nelle varianti Tastiera biometrica o nella variante Tastiera semplice.

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

Come vi abbiamo già raccomandato all’inizio della guida, consigliamo di affidarsi solo a brand sicuri, che offrono il prodotto in via ufficiale, con server localizzati in occidente e comunicazioni Bluetooth adeguatamente cifrate. Per un accessorio quale una serratura WiFi, la cui sicurezza è l’obiettivo primario, non si può per nessun motivo fare affidamento su prodotti che non siano di prima scelta.

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

2 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Simone Sala tramite i commenti.