Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Samsung Galaxy Note 9

Samsung Galaxy Note 9

di Luca Pierattiniaggiornato il 11 settembre 2018
attesaelevata
La storia del prodotto
Questa pagina raccoglie tutte le news a tema Samsung Galaxy Note 9 ed è costantemente aggiornata. Il contenuto in cima è il più recente e l'ultimo aggiornamento risale al 25 Maggio 2019.
Samsung Galaxy Note 9 è disponibile all'acquisto in Italia

Samsung Galaxy Note 9 prezzo e uscita in Italia

Il nuovo Samsung Galaxy Note 9 è disponibile in Italia ad un prezzo confermato di 1029€ per la versione base (128/6 GB) e di 1279€ per la versione più prestazionale (512/8 GB), nelle colorazioni Ocean Blue, Midnight Black e Lavender Purple.

Insomma, Samsung ha rispettato le attese della vigilia, portando sul mercato il proprio smartphone più prestazionale al prezzo che aveva comunicato in fase di annuncio. Solo per l’Italia, inoltre, sarà possibile acquistare il Galaxy Note 9 anche con la formula Samsung Smart Rent: in questo modo, con un anticipo di 99 euro e 24 rate da 44,90 euro (per la versione da 512 GB) o da 35,90 euro (per la versione da 128 GB) potrai avere il nuovo flagship con copertura contro danni e furto inclusa.

Sebbene si tratti di uno dei migliori smartphone visti quest’anno – e quindi in linea con la forchetta di prezzo del principale competitor, iPhone Xla cifra richiesta per portarselo a casa rimane davvero altissima. Certo, se sei alla ricerca di uno smartphone completo, che abbia tutte le caratteristiche trend del momento e con il massimo della potenza, il Samsung Galaxy Note 9 è quello che fa per te. Però, non possiamo fare a meno di notare che se ti piace il brand Samsung e non hai bisogno del pennino, il Galaxy S9 continua ad essere un’ottima scelta (e puoi comprarlo alla metà del prezzo).

Samsung Galaxy Note 9 Tim

Se stai cercando l’offerta Samsung Galaxy Note 9 Tim è possibile acquistarlo nello store online al prezzo di 1029€ oppure, nella variante da 512 GB, è a disposizione a rate per i clienti Tim da almeno un anno e che hanno come metodo di pagamento predefinito la carta di credito: bisognerà pagare un contributo iniziale di 149€ e poi 30 rate da 30€ per portarselo a casa.

Samsung Galaxy Note 9 Vodafone

Se invece quello che vuoi è l’offerta Samsung Galaxy Note 9 Vodafone, puoi averlo in abbonamento con Unlimited x4 Pro – che ha minuti illimitati e 10 Giga di Internet (illimitato per social, mappe, musica e chat) – al costo di 34,98€ al mese con un vincolo di almeno 30 rinnovi e un contributo iniziale di 219,99€. Altrimenti puoi scegliere l’opzione di pagarlo a rate spendendo 19,99€ al mese, più 219,99€ di contributo iniziale.

Samsung Galaxy Note 9 Wind

L’offerta Samsung Galaxy Note 9 Wind prevede l’acquisto anche su un piano ricaricabile con un anticipo di 199,90€ e un canone mensile di 21€ (per 30 mesi), abbinato all’offerta All Inclusive (costa ulteriori 12€) che ti dà accesso a 10 GB di Internet, 100 sms e minuti illimitati verso tutti.

Samsung Galaxy Note 9 Tre

Quello che stai cercando è Samsung Galaxy Note 9 Tre? Allora l’operatore ti mette a disposizione un pacchetto insieme alla ricaricabile All-In Master che ti permette di acquistare lo smartphone pagando una rata mensile di 24€ – ai quali dovrai sommare un costo iniziale di 99€ e una rata finale da 150€ dopo il trentesimo rinnovo – sommata al canone da 7,5€ dell’offerta con minuti illimitati e 20 GB di internet.

29 agosto 2018
Samsung Galaxy Note 9, com'è il nuovo phablet coreano

Samsung Galaxy Note 9 caratteristiche: tutto quello che c’è da sapere

Samsung ha scelto New York come copertina per il lancio del suo nuovo smartphone di punta, il Samsung Galaxy Note 9. Molte novità già svelate dai rumor delle settimane precedenti sono stati confermati dalla presentazione di Samsung: come il display Super AMOLED da 6,4 pollici o la doppia fotocamera posteriore da 12 megapixel con doppia apertura focale. Vediamo tutto quello che c’è da sapere sul nuovo Samsung Galaxy Note 9 che promette di lanciare la corsa degli smartphone premium in attesa dei nuovi iPhone a settembre e del prossimo Huawei Mate 20 in arrivo ad ottobre.

Design

Il Samsung Galaxy Note 9 assomiglia da vicino al Note 8 e riprende l’Infinity Design tanto caro a Samsung – che l’ha introdotto su tutti i propri smartphone – inserendo lo schermo da 6,4 pollici all’interno di due cornici sottilissime, in alto e in basso. Di lato, i bordi sono curvi per rendere migliore l’ergonomia e consentire un utilizzo con una mano sola ad un display di dimensioni importanti.

Questa scelta stilistica consente di evitare la scelta del notch, oramai diventato un classico sui nuovi smartphone, ma consente ugualmente di inserire tutti i sensori necessari al riconoscimento facciale integrati nella cornice superiore che scorre lungo tutto lo schermo.

L’unica novità di rilievo dal punto di vista estetico è sul retro, dove il lettore per le impronte digitali viene spostato sotto la fotocamera per consentire un utilizzo più comodo ed evitare di lasciare impronte sopra il sensore.

Display

Leggermente più grande il nuovo schermo del Samsung Galaxy Note 9 rispetto al modello 2017: un Super AMOLED da 6,4 pollici Quad HD+ (2960 x 1440 pixel) con ben 516 PPI di risoluzione. Una conferma per i coreani che possono contare sullo schermo come uno dei grandi punti di forza del telefono.

D’altronde, esteticamente è bellissimo e comodo da utilizzare grazie ai bordi curvi. Le dimensioni importanti del Note 9 possono spaventare – considerando che ci stiamo avvicinando alla soglia dei 7 pollici, con la quale anni fa si definivano tablet di media grandezza – ma l’impostazione a tutto schermo e la buona ergonomia consentono comunque una discreta comodità d’uso (bisognerà vedere però se riusciremo a mettercelo in tasca).

Per conservare un pizzico di autonomia, Samsung ha inserito di default la risoluzione predefinita in Full HD+, ma può essere cambiata in Quad HD+ (WQHD+) direttamente nelle impostazioni
di sistema.

Prestazioni

Sotto la scocca, Samsung fa valere la sua posizione di leadership nel campo dei microprocessori con il nuovo SoC proprietario Exynos 9810, octa-core a 2,8 Ghz, che promette di essere più che sufficiente per gestire al meglio tutto il bagaglio tecnico del Samsung Galaxy Note 9.

A supportare il processore si potranno trovare due configurazioni: quella base con 6 GB di RAM e 128 GB di memoria interna, oppure quella più prestazionale con 8 GB di RAM e 512 GB di spazio di archiviazione, espandibili entrambi via micro SD.

Una dotazione di tutto livello per quello che è considerato lo smartphone di riferimento per la gamma Galaxy, famosa per essere un po’ la vetrina per le tecnologie più innovative, destinate a rivoluzionare il settore. Per questo i coreani non hanno badato a contenersi, inserendo un ottimo pacchetto hardware all’interno del Samsung Galaxy Note 9: siamo convinti quindi che il telefono sia in grado di cavarsela alla grande in tutte le situazioni, anche se dovremo cercare conferma in una più approfondita recensione.

Batteria

Quello che era il punto debole 2017, potrebbe trasformarsi in un cavallo di battaglia del nuovo modello. Samsung ha inserito dentro al Samsung Galaxy Note 9 un modulo da 4000 mAh, rendendolo il telefono con la batteria più grande di sempre nella storia del colosso di Seul.

Ad un primo sguardo, la dotazione sembra essere sufficiente a metterci in tasca una buona autonomia in grado di farci arrivare tranquillamente a fine giornata. Vedremo però, se basterà a reggere tutti i carichi di lavoro dovuti alle mille funzionalità, al display così ampio e risoluto e all’ottimizzazione delle prestazioni tra il nuovo chip e Android Oreo 8.1 nella personalizzazione Samsung Experience, che determineranno i consumi dell’alimentatore.

Ottima la compatibilità con la ricarica senza fili tramite lo standard QI, quello più diffuso e utilizzato da tutti i produttori di smartphone, e la possibilità di attivare la ricarica rapida che in un’ora e mezza è in grado di arrivare al 100% dell’alimentazione.

Fotocamera

Il Samsung Galaxy Note 9 riprende la dotazione dell’ottimo Samsung Galaxy S9 Plus e ci aggiunge il sostegno dell’intelligenza artificiale. La doppia fotocamera posteriore da 12+12 megapixel ha un sensore principale dotato di doppia apertura focale (f/2.4 e f/1.5) e un teleobiettivo secondario in grado di offrire uno zoom ottico a 2X. La possibilità di variare l’apertura del diaframma consente di lasciar passare automaticamente più luce quando l’ambiente è buio, e meno luce quando è troppo luminoso, per scattare foto nitide e chiare ovunque e in qualsiasi momento.

In più c’è la doppia stabilizzazione ottica (OIS) così come l’HDR automatico e il Live Focus, ma soprattutto fa il suo debutto il rilevamento degli errori: se il primo scatto non viene alla perfezione, sarà il telefono ad avvisarti del problema, prima ancora che tu prema l’icona tonda della galleria, in modo che tu possa scattare un’altra foto, senza perdere tempo. Ad esempio, se qualcuno ha chiuso gli occhi, se il sensore è sporco o se l’immagine è sfuocata, la notifica ti avviserà praticamente in tempo reale.

Non manca la possibilità di registrare video in 4K e in Super Slow-motion a 960 fps, con la possibilità di selezionare una musica di sottofondo tra 35 diverse opzioni o aggiungere un brano dalla propria playlist preferita. Ma è soprattutto l’aggiunta dell’intelligenza artificiale la grande novità di quest’anno: l’AI è in grado di riconoscere fino a 20 tipi di scena diversa, in maniera automatica, aggiustando i colori e la brillantezza dei toni a seconda dell’oggetto inquadrato.

Buona anche la fotocamera anteriore da 8 megapixel con autofocus e apertura focale f/1.7, mentre anche qui fanno il loro ingresso il nuovo riconoscimento facciale migliorato e le My Emoji che tanto hanno fatto discutere sul Galaxy S9.

Multimedia

La novità più grande del Samsung Galaxy Note 9 è la S-Pen, dotata finalmente di Bluetooth e che ti permette di avere in tasca un vero e proprio telecomando per il tuo smartphone. Basta sganciarla dal telefono per utilizzarla nelle tue presentazioni, scattarti un selfie o mettere in pausa la musica che stai ascoltando.

Unita insieme al DeX, che trasforma il tuo telefono in un computer, può essere l’asso nella manica per tutti i professionisti, dandoti la possibilità di portarti dietro tutta la potenza di un computer nello spazio di uno smartphone: basta collegarlo ad un monitor esterno per dare vita ad un ambiente simil-Windows (ma in realtà proprietario Samsung) che ti consente di modificare i tuoi file, proiettare le slide o guardare foto e video a tuo piacimento. Con la possibilità di comandare tutto dal pennino, attraverso i tre comandi base: clic, doppio clic o clic prolungato.

Per il resto ci sono i doppi speaker AKG, oltre al sistema di sicurezza Knox 3.1 – che supporta tre diverse opzioni di autenticazione biometrica (riconoscimento dell’iride, delle impronte digitali e del viso), per scegliere il metodo migliore per proteggere il dispositivo e le applicazioni – e tutti i servizi Samsung come Samsung Health e Samsung Pay. Completano la dotazione multimediale, la modalità Dual-SIM e la connettività Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, il chip NFC oltre al Bluetooth 5.0, all’ingresso USB Type-C e al modulo LTE.

Samsung ha annunciato che lo smartphone dovrebbe essere disponibile il 24 agosto ad un prezzo di listino a partire da 1029€ per la versione base (6/128 GB) che salgono a 1279€ per quella più prestazionale (8/512 GB).

Samsung Galaxy Note 9 anteprima

Abbiamo potuto provare il nuovo Samsung Galaxy Note 9 in occasione dell’evento di lancio organizzato da Samsung a New York. Esteticamente, è difficile distinguere il nuovo Samsung Galaxy Note 9 dal precedente modello: lo schermo è leggermente più grande (6,4 contro 6,3 pollici) ma complessivamente i coreani hanno smussato ulteriormente le cornici superiori e inferiori per lasciare più spazio ai pixel. Difficile notarlo a occhio nudo, come è invece impossibile da negare la maggiore praticità per quanto riguarda il sensore per le impronte digitali, spostato sotto la doppia fotocamera posteriore.

Le prime impressioni sono di uno smartphone maturo, davvero completo e con pochi punti deboli. Il comparto fotografico lavora bene, in tutte le condizioni di luminosità, mentre il processore svolge bene il suo lavoro anche se messo sotto pressione con giochi e video. Da controllare la prestazione della batteria, considerando che le impostazioni di sistema – con il telefono carico al 100% – indicano un’autonomia complessiva di un giorno e 10 ore, che scende intorno alle 24 ore con un utilizzo medio: non possiamo dare un giudizio finale ma potremmo trovarci di fronte all’ennesimo dispositivo Samsung che arriva a fatica a fine giornata. Daremo un giudizio più ampio all’interno della nostra recensione.

9 agosto 2018
Samsung Galaxy Note 9, cosa sappiamo sul flagship in arrivo

Samsung Galaxy Note 9 rumors

Samsung ha scelto il 9 agosto come data ideale per svelare il suo prossimo flagship in arrivo: il nuovo Samsung Galaxy Note 9. Nonostante manchino ancora diversi giorni, rumor e anticipazioni si rincorrono da settimane, svelando – qualora fossero confermate – pressoché tutte le caratteristiche tecniche del nuovo telefono in arrivo. Il nuovo phablet, programmato in arrivo a fine agosto per provare a “tamponare” l’uscita dei prossimi iPhone a settembre, dovrebbe essere più grande, più potente e con un pennino finalmente connesso in Bluetooth.

Secondo i rumors trapelati sul dispositivo, il Note 9 non dovrebbe discostarsi molto dal suo predecessore in termini di design: dovrebbe esserci ancora l’Infinity Design con cornici sottilissime in alto e basso, confermando la scelta di Samsung di non sposare il notch tanto caro ad Apple. Se i rumor della vigilia dovessero essere confermati, il nuovo Samsung Galaxy Note 9 dovrebbe avere un display da 6,4 pollici Super AMOLED dotato di bordi curvi e angoli arrotondati. Come sul Samsung Galaxy S9, anche qui dovrebbe esserci un riconoscimento facciale più accurato e un piccolo ritocco nella parte posteriore dove il lettore per le impronte digitali dovrebbe slittare sotto la doppia fotocamera posteriore.

Ci sarà un nuovo processore, l’Exynos 9810 – lo stesso di Galaxy S9 – con 6 GB di RAM e almeno 64 GB di memoria interna (che potrebbero salire fino a 256 GB in base alla configurazione, vedremo quale arriverà in Italia) espandibile via micro SD e con la presenza di Android Oreo 8.1, già pronto al salto verso Android P, quando Google deciderà di presentarlo in autunno. Più spazio invece per la batteria, che potrebbe espandersi fino a 4000 mAh (rispetto ai 3300 mAh dello scorso anno) andando a colmare il difetto più evidente degli ultimi Galaxy: la mancanza di un’autonomia sufficiente ad arrivare a fine giornata.

Poi ci sarà una S-Pen tutta nuova, che si collegherà in Bluetooth e potrebbe avere nuove funzionalità d’uso che potrebbero rendere più semplice utilizzare il telefono – come scorrere le canzoni col pennino o sbloccarlo direttamente con la S-Pen. Mentre non dovrebbe mancare la doppia fotocamera da 12 megapixel con doppia apertura focale, così come ci sarà ancora il jack audio per le cuffie, il supporto alla ricarica wireless, la resistenza all’acqua e alla polvere e l’arrivo degli speaker stereo di derivazione AKG. Restiamo a vedere quante di queste indiscrezioni verranno confermate.

21 giugno 2018