Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Rugged smartphone: la nostra guida all’acquisto sempre aggiornata

Rugged smartphone: la nostra guida all’acquisto sempre aggiornata

di Luca Pierattini
Specialist Miglior smartphone
aggiornato il 7 agosto 2019
2 utenti hanno trovato utile questa guida

Nasce Amazon Prime Students: tutti i privilegi dell’abbonamento Amazon Prime, ma alla metà del prezzo se siete studenti. Per saperne di più ed eventualmente attivarlo clicca qui.

N.B. La guida Rugged smartphone è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Settembre 2019.

Ti diamo il benvenuto nella nostra guida che parla di “rugged smartphone”. Su questa pagina ti offriamo una selezione – sempre aggiornata – dei migliori telefoni solidi e resistenti che ci sono sul mercato, cercando di offrirti le soluzioni giuste che non ti costringano a rinunciare a nulla dal punto di vista delle funzionalità in modo tale che tu possa orientarti nell’acquisto del tuo nuovo terminale. Procediamo.

Rugged smartphone: quale comprare

Quando ci accostiamo ai rugged smartphone – per dirla all’anglosassone – intendiamo quel segmento tutto particolare di device capaci di resistere a cadute, graffi, urti, oltre ad acqua e polvere che vanno di moda soprattutto tra gli appassionati di sport outdoor o tra gli utenti che hanno bisogno di un telefono da poter maltrattare tranquillamente al lavoro, come ad esempio per chi deve andare in giro per cantieri. Insomma, il telefono che ti fa stare tranquillo in ogni occasione, lasciandoti concentrare soltanto su ciò che stai facendo, senza stare con la paura di controllare lo smartphone per paura che cada e si rompa in mille pezzi.

Chi non lavora in ufficio ma è sempre all’aria aperta o trasporta carichi pesanti necessita di un rugged smartphone, eppure questa categoria di telefoni non è ancora molto diffusa. C’è chi preferisce ricorrere a un muletto che gli consente di risparmiare per avere un device dignitoso ma molto spesso dalle capacità sotto la media; o chi preferisce “rischiare”, portandosi dietro un Galaxy o un iPhone avendo paura di trovarsi alle prese con dispositivi lenti e dal design sgradevole. D’altronde la fama dei rugged smartphone è questa: device che faticano a caricare, pesanti e davvero brutti da vedere. Un quadro che poteva essere vero in passato ma che ora è stato completamente smentito dal sapiente lavoro dei costruttori di rugged smartphone: pochi brand che hanno deciso di puntare essenzialmente in questo segmento, scommettendo sulla sua futura riuscita. E riuscendo a confezionare prodotti di qualità, resistenti ma in grado di soddisfare anche gli utenti più esigenti.

Come scegliere un rugged smartphone? Il primo criterio da tener presente è proprio la resistenza a 360 gradi: da cadute, urti e graffi fino a acqua e polvere (con certificazione almeno di grado IP67) per consentirti di stare tranquillo mentre sei in cantiere o durante un giro in bicicletta. Se hai bisogno di un dispositivo impermeabile perché lavori a contatto con l’acqua o hai deciso di portarti dietro il telefono in piscina, meglio scorrere la guida in cerca di una certificazione IP68, ossia in grado di resistere per più tempo sott’acqua e a una profondità maggiore. Altrimenti, se quello che vuoi è un device resistente alle cadute, qui troverai grossomodo lo stesso standard in tutti i prodotti: 2 metri è la soglia oltre la quale non è possibile spingersi al momento senza realizzare prodotti troppo ingombranti o troppo costosi; motivo per il quale tutti i produttori si uniformano a questi standard di sicurezza.

In seguito, bisogna tenere conto dell’ergonomia e della portabilità, in modo tale che siano facilmente utilizzabili nel contesto lavorativo e sportivo, senza avere un design brutto e troppo squadrato e soprattutto senza essere troppo ingombranti o scomodi da usare anche con una mano sola. Non è da trascurare anche la dotazione di sensori di cui sono dotati e che sono il vero ago della bilancia che può metterti in tasca tantissime funzionalità sconosciute ai telefoni tradizionali. Può farti comodo, ad esempio, un misuratore laser quando sei in cantiere? O un altimetro se vai in bicicletta? Meglio leggere con attenzione la descrizione a corredo dei prodotti per trovare quelli più giusti al caso tuo.

Poi, abbiamo tenuto conto della presenza di processori di qualità (come i Qualcomm o i MediaTek) per assicurarti una buona fluidità di sistema sotto tutti i punti di vista: app, social e videogiochi; garantendoti prestazioni di livello senza problemi o rallentamenti di sorta. Al netto dei feature-phone, scelti soprattutto come buona alternativa davvero economica del circuito, gli altri non hanno enormi differenze dal punto di vista della potenza e dell’esperienza d’uso, per cui, da questo punto di vista, anche un modello più economico può essere più che soddisfacente.

Nella nostra selezione abbiamo preso in considerazione anche l’autonomia. Per questo, i telefoni che troverai qui avranno una batteria in grado di durare fino a fine giornata senza costringerti a portarti dietro cavetti o powerbank. Un criterio base che ci ha permesso di selezionare i rugged smartphone migliori in assoluto, ma qualora tu avessi bisogno di maggiore autonomia, basterà scorrere la nostra guida per trovare modelli dotati di batterie più capienti e in grado di arrivare fino alla fine della seconda giornata di utilizzo.

E lo schermo: abbiamo cercato smartphone dotati di uno schermo luminoso e ben risoluto che non ti faccia rimpiangere il tuo cellulare personale al sicuro in ufficio o a casa. Non abbiamo posto limiti alla risoluzione dei pannelli, consapevoli che questa particolare categoria di telefoni può incontrare gusti ed esigenze diverse: per questo motivo, chi vuole usare il telefono giusto per telefonare o poco altro un pannello HD è più che sufficiente; mentre chi deve usare tanti contenuti multimediali o app per ragioni di lavoro (o svago) può preferire un pizzico di qualità d’immagine in più scegliendo un pannello Full HD (1920 x 1080 pixel).

Infine, le fotocamere. Tra grandangolo, zoom e fotocamere per la rilevazione della profondità, il mondo dell’imaging è sempre più importante da portarsi dietro in tasca. Tra i rugged smartphone non troverai sicuramente il meglio in circolazione sotto questo punto di vista, ma alcuni modelli sono in grado di reggere il confronto e, se non hai particolari esigenze per le tue foto, possono davvero sorprenderti.

Vediamo quali sono i migliori rugged smartphone che abbiamo individuato provando a rispondere ai tuoi bisogni e alle tue necessità e che trovi qui disposti in ordine di prezzo.

Cat B35

Cercando i prodotti all’interno dell’accoppiata “rugged smartphone” è difficile trovare proposte di rilievo a basso costo. L’unica accettabile intorno ai 100€ è Cat B35: un telefono semplice, solido e con le principali funzionalità di cui hai bisogno. Si tratta di un feature phone e non di uno smartphone a tutti gli effetti, ma ha un sistema operativo in grado di offrirti e-mail, social media, mappe, ricerca e Google Assistant.

Per il resto ha tutte le carte in regola per essere resistente: è certificato IP68 – impermeabile fino a 1,2 m per un massimo di 35 minuti – ed è testato per superare temperature estreme, polvere e cadute ripetute sul cemento da un massimo di 1,8 metri. In più ha una batteria ad ampia capacità da 2300 mAh che fornisce fino a 12 ore in conversazione e 30 giorni in standby. Funziona su reti 4G LTE, con supporto per VoLTE e VoWiFi.

Puoi acquistare Cat B35 su Amazon o se preferisci su eBay

Cat B35
Prezzo consigliato: € 103.22Prezzo: € 94.4

Crosscall Action-X3

All’inizio della nostra selezione dei migliori rugged smartphone c’è il Crosscall Action-X3: ottimo come entry-level per chi non vuole spendere tanto e avere un telefono impermeabile (con certificazione IP68, resiste fino a 2 ore ad un massimo di 2 metri di profondità) e robusto, in una scocca raffinata e per nulla ingombrante. Buono lo schermo da 5 pollici con risoluzione HD che non presenta pulsanti fisici, così come si mette in mostra la fotocamera da 12 megapixel presente sulla scocca, subito sopra il sistema magnetico X-LINK con cui puoi ricaricare lo smartphone o trasferire i dati grazie ad un supporto da agganciare venduto separatamente.

Non male anche le altre caratteristiche tecniche: partendo dal SoC Qualcomm Snapdragon 430 – octa-core a 1,4 GHz – assistito da 3 GB di RAM e da 32 GB di spazio di archiviazione, espandibile fino a 128 GB via micro SD, passando per la batteria da 3500 mAh – che arriva tranquillamente a fine giornata – e arrivando al chip NFC e all’ingresso USB Type-C.

Puoi acquistare Crosscall Action X3 su Amazon su eBay o su ePrice

Cat S41

Il terzo rugged smartphone che proponiamo è probabilmente l’alternativa migliore dal punto di vista del rapporto tra qualità e prezzo. Parliamo del Cat S41, contraddistinto, oltre che dal classico corpo resistente, anche da un’ottima batteria in grado di durare tranquillamente due giorni: un modulo da 5000 mAh in grado di durare 44 giorni in stand-by e 38 ore di conversazione in 3G: davvero un buon risultato che può metterti al riparo da ogni problema di affidabilità in termini di autonomia. Ma soprattutto può trasformarsi in un powerbank per altri dispositivi, costituendo un buon salvagente per i casi di emergenza grazie alla funzionalita’ Battery Share.

Ma è tutta la scheda tecnica del Cat S41 a convincere: a cominciare dal display da 5 pollici Full HD (1920 x 1080 pixel), passando per il chip MediaTek Helio P20 – octa-core a 2.3 GHz – sostenuto da 3 GB di RAM e 32 GB di memoria interna, arrivando fino ad Android 7.0 Nougat e ad un pacchetto personalizzato di app secondo Caterpillar pensate appositamente per chi fa sport. Come gli altri smartphone rugged puoi lasciarlo andare da un’altezza di 1,8 metri, tenerlo fino a 2 metri sott’acqua per un’ora e sfidarlo con le temperature più estreme (da -25° a 55°): il tuo Cat S41 non si farà nulla, costituendo l’alternativa perfetta per chi cerca un telefono che funzioni bene, che non costi molto e che sia solido e robusto.

Puoi acquistare Cat S41 su Amazon o se preferisci su eBay

Cat S41
Prezzo consigliato: € 375Prezzo: € 375

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

Cat S60

Il miglior rugged smartphone in termini di dotazioni tecniche è senz’altro il Cat S60, il primo ad ospitare una fotocamera termica integrata. La camera di Flir consente di individuare il calore invisibile a occhio nudo mostrandoti il contrasto tra le diverse temperature presenti nella stanza: basta aprire l’app pre-installata per accedere ad una serie di funzionalità impensabili tra i telefoni standard, permettendoti di rilevare la dispersione del calore attraverso un sensore a raggi infrarossi. Una caratteristica che si unisce a quelle tradizionali degli altri telefoni super-resistenti: c’è la protezione per cadute fino a 2 metri di altezza, così come la possibilità di immergerlo in acqua per un’ora fino a 5 metri di profondità – e sott’acqua puoi usare sia i tasti fisici che la fotocamera.

Non male anche le altre caratteristiche tecniche: dal display da 4,7 pollici con Gorilla Corning Glass 4 e risoluzione HD, il SoC Qualcomm Snapdragon 617 – octa-core, a 1.5 GHz – dotato di 3 GB di RAM e di 32 GB di spazio di archiviazione, per arrivare alla batteria da 3800 mAh, più che sufficienti per assicurare anche due giorni di autonomia al device.

Puoi acquistare Cat S60 su Amazon su eBay o su ePrice

Crosscall Trekker-X4

L’ultimo rugged smartphone è indicato per chi cerca un telefono robusto ma che abbia comunque un buon look di partenza. Il design è contraddistinto da bordi e cornici spesse che circondano il display da 5,5 pollici Full HD (1920 x 1080 pixel), ma il risultato finale è meno grintoso di altri device, lasciandolo gradevole alla vista. Buono il processore Qualcomm Snapdragon 660 – octa-core, a 2.2 GHz – aiutato da 4 GB di RAM e da 64 GB di memoria interna, così come è altrettanto soddisfacente la batteria da 4400 mAh, ampia a sufficienza da garantire un’autonomia ben superiore alla giornata, e dotata di ricarica rapida e wireless (attraverso la tecnologia X-Link, presente subito sotto la fotocamera posteriore da 12 megapixel. Proprio questa componente rappresenta il suo punto di forza, essendo sostanzialmente una action cam trapiantata dentro un telefono, sfruttando tutte le potenzialità dell’app X-Cam per foto e video stabilizzati.

È impermeabile (anche all’acqua salata o col cloro), ermetico alla polvere e resistente alle immersioni temporanee fino a 30 minuti a 1 metro di profondità, ed è pensato per tenerti al sicuro. Dalla parte destra del telefono, c’è un bottone che puoi scegliere di utilizzare per la fotocamera, per la torcia o per lanciare un SOS: in quest’ultimo caso, se lo premi a lungo lo smartphone mostrerà il nome del proprietario sullo schermo, lancerà una chiamata e un sms ad un numero predefinito e, se selezionata, può attivare il flash lampeggiante e la sirena per segnalare il pericolo.

Puoi acquistare Crosscall Trekker-X4 su Amazon o se preferisci su eBay

Rugged smartphone: la cover come alternativa

Se nessuno di questi modelli ti ha convinto e hai scelto di continuare ad utilizzare il tuo vecchio smartphone, puoi scegliere di acquistare una cover protettiva che ti assicuri la giusta solidità sotto tutti i punti di vista. Cliccando qui puoi trovare una delle migliori alternative presenti sul mercato: la Rugged Armor di Spigen, a disposizione su Amazon per la maggior parte degli smartphone top di gamma presenti in commercio.

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

2 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Luca Pierattini tramite i commenti.