Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Rowenta RO3753EA recensione: il sostituto perfetto per il vecchio bidone

Rowenta RO3753EA recensione: il sostituto perfetto per il vecchio bidone

La semplicità incontra le performance di livello con una efficienza davvero ottima: ecco la proposta di Rowenta per il segmento a traino / Ultima modifica il

Un Boeing 747. È così che ricordo l’aspirapolvere di nonna. Faceva tremare le pareti e sentivo il suo rombo avvicinarsi dall’altra parte della casa. Quando poi nonna doveva svuotare il sacchetto, la vedevo bardata come un Tuareg per farsi scudo dalla tempesta di polvere che fuoriusciva durante l’operazione. Nel corso degli anni i miei avevano provato più volte a fargli cambiare aspirapolvere ma la risposta era stata sempre la stessa “Io queste astronavi nuove non le so usare, sono troppo complicate”. Se solo nonna avesse conosciuto le gioie dell’aspirapolvere senza sacco descritte in questa recensione di Rowenta RO3753EA non avrebbe solo risparmiato tempo e fatica, ma avrebbe anche salvaguardato l’udito di tutta la famiglia.

Design: dal futuro ma senza dimenticare il passato

Forse nonna aveva ragione, questi nuovi aspirapolvere somigliano a dispositivi di fantascienza, ma sotto la scocca futuristica hanno un cuore capace di unire innovazione e canoni classici. Questo Rowenta RO3753EA è composto da tre elementi principali molto simili agli aspirapolvere con bidone ovvero: il traino, il tubo e la spazzola. Naturalmente il traino è lontano anni luce da come era realizzato un tempo con due grandi ruote gommate che ne facilitano il trasporto e una piccola ruota girevole sul davanti per direzionare il dispositivo.

Come rivela il suo nome completo, Rowenta RO3753EA Compact Power Cyclonic, questo aspirapolvere riesce a racchiudere la tecnologia ciclonica di Rowenta rimanendo un dispositivo molto compatto rispetto ad altri macchinari della concorrenza. Vestito di nero, il traino ha un peso di circa 5 kg e una maniglia che ne facilita lo spostamento. Oltre alla maniglia sono presenti, ai due lati del prodotto, anche il tasto dell’accensione e quello per riavvolgere il cavo, entrambi color arancione zucca. I tasti risultano abbastanza ampi e sono studiati per essere schiacciati con i piedi in modo da poter accendere e spegnere istantaneamente l’aspirapolvere senza doversi abbassare ogni volta. L’avvolgicavo automatico è poi una vera manna dal cielo, soprattutto se penso alle ore passate da nonna per arrotolare il cavo a mano quasi fosse una sportiva pronta all’arrampicata delle Ande. Tenendo premuto il tasto per il riavvolgimento è infatti possibile arrotolare in pochi secondi tutto il cavo (circa 7 metri) nell’apposito spazio situato sul retro del traino.

Serbatoio: svuota, lava, pronto in pochi secondi

I tasti non sono gli unici elementi arancioni, anche il serbatoio trasparente è sfumato di questo colore e assomiglia al bricco di un frullatore con tanto di pratica maniglia, beccuccio e filtro.

Il serbatoio rappresenta una vera novità dell’aspirazione moderna perché permette il definitivo abbandono del sacchetto. Questo infatti non era solo un ulteriore spesa continua ma anche un metodo di raccolta che, durante lo svuotamento, faceva fatica a trattenere la polvere. Con il nuovo sistema a serbatoio invece è possibile raccogliere la polvere in un capiente contenitore in plastica debitamente filtrato e che può essere svuotato e lavato comodamente nel lavandino, tornando subito pronto all’uso.

Per stendere questa Rowenta RO3753EA recensione, abbiamo analizzato a fondo il serbatoio dell’aspirapolvere che dimostra una grandezza di ben 1,5 litri. In un mese, quasi, di prove abbiamo davvero fatto fatica a riempirlo e, grazie al sistema Clean Express, l’abbiamo svuotato in un attimo. È infatti possibile svuotare il serbatoio in 4 semplici mosse: sganciamento del serbatoio dal traino, apertura, rimozione del coperchio e svuotamento. Pochi secondi a cui vanno aggiunti due minuti circa per lavare il serbatoio. Un procedimento completamente diverso dal sacchetto, molto più diretto, economico, igienico, ma anche molto più familiare perché ricorda lo svuotamento del bicchiere del frullatore.

Continuando con l’analisi del form factor, subito sotto al serbatoio troviamo invece l’aggancio per il tubo che risalta grazie al suo colore grigio metallizzato. Il tubo va inserito in questo foro e fissato semplicemente facendogli fare mezzo giro come se lo stessimo avvitando. Nonostante possa sembrare poco per fissare il tubo, nelle nostre prove è rimasto sempre saldamente agganciato al traino. C’è da dire però che il tubo è abbastanza rigido e a tratti sembra vivere di vita propria, risultando poco pratico e diminuendo la maneggevolezza durante la pulizia.

La spazzola base infine è molto classica ed è dotata anche di un tasto che cambia la tenuta su superficie, utile per i tappeti o la moquette.

Accessori: pochi ma buoni

Compresi nella scatola ci sono però altri accessori che estendono le funzionalità di questo aspirapolvere. Una dotazione “leggera” rispetto ad altri modelli, ma che rispecchia perfettamente la fascia economica in cui si colloca questo prodotto.

 

La spazzola di base, che abbiamo già accennato sopra, è pensata per studiare sia i pavimenti duri che i tappetti, garantendo una perfetta raccolta della polvere anche tra le fughe delle mattonelle. La spazzola per il parquet è invece più morbida e studiata per pulire le superfici delicate.

Smontando la parte in acciaio del tubo, a cui vengono fissate le spazzole, è invece possibile utilizzare una bocchetta di aspirazione dotata di setole per la pulizia di piccole superfici. Per scrivere le parole di questa Rowenta RO3753EA recensione, abbiamo testato la bocchetta sia su scaffali con libri e soprammobili, sia sulla scrivania e siamo rimasti molto soddisfatti dal suo potere pulente capace di portare via anche i residui nascosti tra le lettere della tastiera. Infilarla negli spazi del termosifone è stato invece più complesso, in quanto la bocchetta rimane comunque della stessa grandezza del tubo. Con la pratica testina due in uno abbiamo però potuto aggiungere un beccuccio più piccolo arrivando a pulire anche tra le fessure più strette.

Prestazioni: impossibile staccarla dal pavimento!

 

Questo aspirapolvere Rowenta ha un vero rapporto d’amore con il pavimento, paragonabile a quello di due fidanzatini durante le prime settimane di frequentazione. Volendo usare dei termini più tecnici, possiamo dirvi che la grande potenza aspirante è opera dell’Effitech Motor, una tecnologia avanzata di Rowenta che non offre solo elevate prestazioni ma anche un notevole risparmio energetico. Consumando solo 750 watt il motore è in grado di emulare la potenza di una macchina di ben 2000 watt, generando un’aspirazione ciclonica talmente forte che farete fatica a staccare la spazzola dal pavimento. Non necessariamente una pecca, anzi, ma in alcuni casi avremmo voluto poter regolare la potenza, possibilità che purtroppo manca.

Scrivendo questa Rowenta RO3753EA recensione abbiamo poi analizzato anche i consumi che si attestano sui 28 kWh/anno. Consumo inferiore di quasi il 50% rispetto ad una macchina da 2000 watt pieni. Seguendo la tabella europea dei consumi, questi raggiungono infatti la classe di risparmio energetico più alta (Classe A), ma la pagella di questo prodotto non si ferma solo a questo. Rowenta, infatti, garantisce una A anche in termini di pulizia sui pavimenti duri e sul sistema di riemissione della polvere. La pulizia sui tappetti invece, cala di prestazione attestandosi invece sulla classe C.

Durante i nostri test, l’aspirapolvere si è dimostrata impeccabile nel raccogliere polvere, cappelli, briciole e altra sporcizia – anche abbastanza voluminosa – sia da superfici in marmo che da mattonato in cotto. La spazzola ha raccolto tutto con un’unica passata, aspirando la polvere anche da un paio di centimetri di distanza. Nonostante un po’ di fatica fatta per far passare la spazzola negli angoli più stretti della casa, per via della testa poco snodabile, l’aspirapolvere Rowenta ha aspirato molto bene anche vicino alle pareti, senza lasciare alcun residuo.

Infine, abbiamo rilevato delle buone prestazioni anche per quanto riguarda la rumorosità. Nonostante questo Rowenta RO3753EA Compact Power Cyclonic non sia la macchina più silenziosa del mercato – la stessa Rowenta ne produce altre molto più silenziose – il suo rumore da soli 79 decibel è un conforto rispetto all’aereo di linea che pilotava nonna durante le pulizie casalinghe.

Filtro: tre livelli di filtrazione per dire addio all’allergia

Le prestazioni non si misurano però solo in termini di potenza. Proprio per questo abbiamo analizzato anche il sistema di filtraggio responsabile della qualità dell’aria reimmessa nell’ambiente dopo l’aspirazione.

Abbiamo parlato più volte di aspirazione ciclonica e di sistemi di filtraggio nella nostra Rowenta RO3753EA recensione, ma cosa sono i cicloni e come funzionano i filtri? In pratica una volta che l’aria e la polvere vengono risucchiati all’interno dell’aspirapolvere, questi vengono frullati dalla forza centrifuga, simile appunto a quella di un ciclone, che separa la polvere dall’aria grazie ad appositi filtri, reimmettendo nell’ambiente aria pulita.

Il Rowenta RO3753EA Compact Power Cyclonic offre ben tre sistemi di filtraggio che agiscono a più livelli: il primo livello è fornito dal sistema monociclonico in grado di trattenere fino al 75% di sporco. Il secondo livello è situato davanti al motore, con un filtro in schiuma che serve a salvaguardare il cuore del prodotto da eventuali accumuli. L’ultimo filtro si trova invece davanti all’apertura della fuoriuscita dell’aria, subito dietro al vano per il serbatoio. Questo è un filtro ad alta efficienza HEPA, molto usato negli aspirapolvere moderni, formato da più livelli di microfibra alternati da inserti in alluminio che bloccano le particelle di sporco fino a 0,3 micrometri. Scendendo nel dettaglio, considerate che queste sono prestazioni pazzesche perché lo spessore di un capello si attesta tra i 18 e i 180 micrometri. Come per il serbatoio, anche i filtri possono essere lavati per una rimozione completa della polvere, oppure sostituiti dopo diverso tempo.

In conclusione, i tre livelli di scudo visti in questa Rowenta RO3753EA recensione, filtrano il 99,98% della polvere totale, percentuale che corrisponde ad una vera e propria benedizione se passate la maggior parte dell’anno tra starnuti e allergie.

Rowenta RO3753EA recensione: le nostre conclusioni

Semplice da utilizzare, da svuotare, e talmente potente che sembra attaccato al suolo con delle ventose. Rowenta mette la sua grande esperienza in un prodotto molto classico, ma con tutte le novità dell'aspirazione moderna che permettono di pulire la casa in pochissimo tempo. L'aspirapolvere Rowenta RO3753EA Compact Power Cyclonic è una macchina innovativa eppure familiare, potente eppure economica, con pochi ma essenziali accessori e un sistema di filtri che fanno la gioia del perenne ammalato di allergie. Consigliato soprattutto se cercate un prodotto entry level, sotto i 100 euro e con cui sostituire il vecchio bidone aspiratutto. L'unico motivo per cui nonna non l'avrebbe comprato e che finite le pulizie così presto non avrebbe più saputo che altro fare!

Pro
Semplice da utilizzare
Grande risparmio energetico
Tre livelli di filtraggio
Svuotamento veloce del serbatoio
Avvolgicavo automatico
Contro
Tubo molto rigido
Non è possibile regolare la forza aspirante
Testa delle spazzole poco snodabile
Prestazioni discrete sui tappeti
valutazione finale8.4

Rowenta RO3753EA prezzo e acquisto

Se il prodotto vi ha convinto potete acquistare Rowenta RO3753EA Compact Power Cyclonic su Amazon, eBay o ePrice, oppure direttamente tramite il box di seguito.

Prezzo consigliato: € 129.99Prezzo: € 82.99