Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Resident Evil 2 Remake

Resident Evil 2 Remake

di Federico Parraviciniaggiornato il 23 agosto 2018
La storia del prodotto
Questo articolo raccoglie tutte le news su Resident Evil 2 Remake presentate o in arrivo nelle prossime settimane e sarà costantemente aggiornato per non farvi perdere nulla sui nuovi dispositivi. L’ultimo aggiornamento risale al 21 Settembre 2018.
Resident Evil 2 Remake torna a terrorizzarci nella nostra anteprima da Gamescom 2018

Dopo un’attesa lunga quasi tre anni, tra annunci, smentite e speranze, Resident Evil 2 Remake si è finalmente mostrato ufficialmente per la prima volta sul palco di Sony in occasione dell’annuale showcase all’E3 2018. A fronte di un lavoro di ricostruzione da zero del capitolo originale rilasciato ai tempi sulla prima PlayStation, il ritorno del secondo capitolo della storica serie si è rivelato in gran forma, pronto a terrorizzarci nuovamente all’inizio del prossimo anno.

Resident Evil 2 Remake news: tutto quello che c’è da sapere sul gioco

Se da una parte speravamo in una comparsa imminente del tanto richiesto ritorno di Resident Evil 2, dall’altra non ci aspettavamo un risultato tanto invitante; sia per i fan di vecchia data che per le nuove generazioni di giocatori. Resident Evil 2 Remake, infatti, sembra la vera incarnazione del concetto di remake, vale a dire un titolo fedele all’originale, ma rifatto completamente da zero per adattarsi alle potenzialità delle console di ultima generazione.

Questo titolo, infatti, sfrutta il motore grafico proprietario RE Engine per ricostruire in maniera fedele tutte le ambientazioni della storica Raccoon City e dei suoi protagonisti, da Leon Kennedy agli spaventosi zombie che hanno infestato le strade della città dopo la diffusione del Virus-T da parte della Umbrella Corporation.

Gameplay: il ritorno della terza persona che sembra rinnegare il settimo capitolo

Fortunatamente, la presentazione di Resident Evil 2 Remake non si è limitata ad un semplice annuncio, offrendo anche ampie sessioni di gameplay che ci hanno permesso di dare uno sguardo approfondito al titolo.

Prima di tutto, Resident Evil 2 Remake sembra proprio voler rinnegare l’azzardo tentato con il settimo capitolo di Resident Evil, abbracciando nuovamente la visuale in terza persona behind the shoulders che aveva visto il suo esordio proprio con quel Resident Evil 4 con protagonista – non a caso – Leon Kennedy. Se da una parte il restyling grafico non può che migliorare l’impatto visivo con l’azione di gioco anche grazie alla scelta di questa visuale, dall’altra non sembrano esserci stati particolari stravolgimenti anche dal punto di vista del gameplay.

Esattamente come per le meccaniche adottate per il quarto, quinto e sesto capitolo della saga, anche Resident Evil 2 Remake sembra fondarsi sugli stessi principi, dall’esplorazione all’interazione con gli oggetti e l’ambiente di gioco, con una visuale interamente libera e non limitata dalle telecamere fisse dei titoli originali o dell’edizione remake del primo capitolo. Da un certo punto di vista, in ogni caso, ammettiamo di aver notato un certo grado di legnosità nel gameplay generale; quella stessa legnosità che aveva contraddistinto proprio quei Resident Evil 4, 5 e 6 citati poc’anzi.

Non che questo rappresenti per forza un lato negativo, anzi. Il solo pensiero di poter tornare a camminare per le strade infestate di Raccoon City è già di per sé una delle notizie più gradite giunte dall’E3 2018 di Los Angeles. A sopperire le possibili mancanze dal punto di vista della dinamicità dell’azione ci ha pensato un aspetto che sembra emergere in maniera convincente dalle prime immagini di gioco: la tensione. L’uso della luce ed il fotorealismo portato dal nuovo motore grafico sembrano davvero poter farci rivivere quegli spaventosi incubi dell’originale Resident Evil 2.

Resident Evil 2 Remake PS4 e PS4 Pro

Come confermato in seguito al trailer di gameplay all’E3 2018, Resident Evil 2 Remake potrà vantare un comparto tecnico ulteriormente migliorato per i possessori di PS4 Pro, con supporto HDR e risoluzione 4K mediante upscaling dinamico.

Resident Evil 2 Remake Xbox One S e Xbox One X

Anche le console di casa Microsoft potranno vantare alcune funzionalità migliorate dal punto di vista grafico. Se da una parte Xbox One S dovrebbe confermare il supporto HDR, dall’altra Xbox One X vanterà i miglioramenti più tangibili, con la speranza di poter vedere il titolo alla risoluzione 4K nativa.

Resident Evil 2 Remake anteprima: la nostra prova da Gamescom 2018

Grazie alla presentazione di Nvidia in apertura di Gamescom 2018 a Colonia, siamo finalmente riusciti ad entrare in contatto in prima persona con l’attesissimo remake di Resident Evil 2. La nostra prova, come lecito immaginarsi, è avvenuta al meglio delle sue possibilità, grazie al supporto di una fiammante Nvidia RTX 2080 Ti.

Giunti all’interno della stazione di polizia di Raccoon City ci siamo subito ritrovati in un sogno ad occhi aperti: il titolo horror che ha saputo terrorizzare e segnare un’intera generazione di giocatori ha saputo risorgere dalle proprie ceneri come una fenice; ed il risultato è semplicemente superbo.

Naturalmente Resident Evil 2 Remake abbandona – almeno in questa particolare situazione – la deriva in prima persona del precedente Resident Evil VII. Un cambiamento, quest’ultimo, probabilmente destinato a rimanere per i successivi capitoli canonici della serie. Si torna quindi ad una classica visuale decentrata in terza persona, su modello del quarto, quinto e sesto capitolo di Resident Evil. Una scelta saggia, ci sentiamo di dire, soprattutto per mantenere intatta l’immagine e la presenza dello storico protagonista Leon Kennedy.

Se, tuttavia, nel sesto capitolo non era stata particolarmente digerita la deriva action presa dalla serie, in questo caso ci troviamo di fronte ad un survival horror in pienissima regola; di cui per altro proprio Resident Evil è stato pioniere e principale rappresentante. Movimento a camera libera, quindi – pur mantenendo la meccanica di shooting già utilizzata nel quarto capitolo – ma perfettamente gestita per un movimento del personaggio lento, prudente e capace di accompagnare la tensione del giocatore nell’oltrepassare una porta.

Abbiamo dunque affrontato non un semplice remake, ma un titolo tripla A di primissimo livello, non solo per il lodevole comparto tecnico, ma proprio per la cura maniacale riposta in ogni minimo particolare. Prendiamo ad esempio una banalità come l’animazione della ricarica della pistola. Nonostante il nostro Leon sia di fatto ai tempi di RE 2 un poliziotto al suo primo giorno di lavoro, sembra riuscire a controllare perfettamente la situazione nel momento in cui è necessario maneggiare sia la pistola sia la torcia elettrica. In questo caso, nel momento in cui andremo a ricaricare l’arma, Leon terrà la torcia tra spalla e mento mentre ricarica a due mani la pistola. Una piccolezza, certo, ma in grado di sottolineare come gli sviluppatori non abbiano voluto lasciare assolutamente nulla al caso.

Per il resto l’atmosfera rimane assolutamente immutata rispetto ai terrificanti ricordi che tanti giocatori hanno ancora del titolo originale, dalla combinazione delle diverse erbe curative fino alla gestione dell’inventario e del sistema di salvataggio; ovviamente il tutto amplificato in maniera esponenziale. In questo senso, anche la scelta di non mantenere la visuale a telecamera fissa non va del tutto a rompere la fedeltà al capitolo per PS1, in quanto anche la “legnosità” della telecamera libera contribuisce a mantenere la classica difficoltà del movimento a camera fissa tra le diverse stanze.

Un altro fattore nuovo, per quanto una piccolezza, è rappresentato dalla continuità nello spostamento tra i diversi ambienti, non più interrotto da transizioni intermedie (le classiche aperture/chiusure delle porte) ma giocabile perfettamente tutto d’un fiato; ovviamente escludendo tutti i filmati legati all’evoluzione della trama.

Il primo contatto con Resident Evil 2, dunque, non poteva essere dei migliori. Il termine Remake risulta in questa caso troppo limitante per in titolo che ad oggi sembra volersi rilanciare come un qualcosa di quasi totalmente inedito; e assolutamente spettacolare.

Resident Evil 2 Remake trailer: vediamo il gioco in azione

Resident Evil 2 Remake beta: potremo testare il gioco prima del lancio?

La possibilità di testare con mano in anticipo Resident Evil 2 Remake  è senza dubbio uno dei grandi desideri dei fan dopo l’annuncio ufficiale all’E3 2018. Sebbene questa possibilità sia stata effettivamente concessa in passato all’ultimo capitolo, Resident Evil 7, in questo caso non si hanno ancora informazioni ufficiali in merito, ma la speranza – come si suol dire – è l’ultima a morire.

Resident Evil 2 Remake uscita e prezzo in Italia

Resident Evil 2 Remake sarà ufficialmente disponibile su PS4, Xbox One e PC dal prossimo 25 gennaio 2019. Una data di uscita decisamente più vicina di quanto ci si potesse aspettare, e che potrà fare la gioia dei fan più accaniti con la sua esclusiva Collector’s Edition. Questa, a differenza dell’edizione standard, includerà una speciale collezione a forma di baule, la colonna sonora su CD, un artbook ed un set di chiavi da collezione R.P.D., ma soprattutto la splendida statuina dedicata al protagonista Leon Kennedy.

La Collector’s Edition di Resident Evil 2 Remake, al momento non ancora pre-ordinabile, sarà venduta al prezzo di 200€ circa.

Puoi acquistare il prodotto su Amazon. In alternativa il prodotto è disponibile nella variante Resident Evil 2 Xbox One.

23 agosto 2018
Sono passati tre anni dall'annuncio di Resident Evil 2 Remake, potremo vederlo all'E3 2018?

Resident Evil 2 Remake rumors: tutto quello che sapevamo prima dell’annuncio

Sono passati quasi tre anni da quando Capcom, in occasione del Tokyo Game Show 2015, ha confermato la volontà di riproporre l’intera saga di Resident Evil sulle ultime generazioni di console e su PC con delle versioni rimasterizzate di capitoli come Resident Evil 2, Resident Evil 5 e Resident Evil 6. Se da una parte gli ultimi due capitoli hanno vantato un trattamento di pulizia piuttosto superficiale nella loro riproposizione su PS4, Xbox One e PC, il secondo e più amato capitolo della saga ha celato un lavoro decisamente più approfondito.

A testimonianza della volontà di Capcom di riproporre Resident Evil 2 non come semplice remaster, ma come vero e proprio remake, ricordiamo la missione intrapresa da un team italiano diversi anni fa con Resident Evil 2 Reborn, reamke amatoriale basato sugli asset di Resident Evil 4. Dapprima basato sul motore grafico Unity e successivamente riconvertito in Unreal Engine, il lavoro di questi ragazzi è stato bruscamente interrotto quando la stessa Capcom ha deciso di far chiudere il progetto amatoriale per dedicarsi in prima persona alla riproposizione del titolo in forma ufficiale.

Da allora le notizie sul remake di Resident Evil 2 si sono fatte sempre più rare, tuttavia sembrano davvero maturi i tempi per poter vedere il grande ritorno di Leon Kennedy e Claire Redfield proprio sul palco dell’E3 2018. Sarà la volta buona?

1 giugno 2018