Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa

Recensione Tronsmart T1000

di Riccardo Palomboaggiornato il 3 maggio 2015

Funziona in tre modalità differenti: EZCast, Miracast e Air Play. La prima, EZCast, sfrutta un’app da scaricare e installare sul tablet, pc o smartphone, creando così un collegamento tra client (il nostro dispositivo) e server (la chiavetta, quindi la TV). EZCast è disponibile per Windows, OS X, Android e iOS, ed è un requisito indispensabile per far far funzionare Tronsmart T1000 perché è quella che permette di controllare le sue funzioni. In modalità EZCast possiamo inviare alla TV: video, musica, immagini, documenti, pagine web e la ripresa della fotocamera. Tutto funziona come previsto, ogni funzione fa proprio quel che ci si aspetta, ma se si cercano prestazioni migliori, un lag più basso e una migliore riproduzione video, è meglio usare la modalità Miracast.

Tronsmart T1000 si predispone per la modalità Miracast attraverso la funzione EZMirror. Premuta l’icona, viene creato un PIN di accesso e mostrata una schermata riassuntiva. Poi basta attivare “Wireless Display” su Android o “Schermo Wireless” su Windows 8 per connettersi. Ho provato T1000 su Nvidia Tegra Note 7: si ottiene un buon frame rate, ma non a giocare ad Asphalt 7 in modo decente; ad esclusione di qualche incertezza iniziale, si riescono ad inviare video 1080p. Bene con Google Movie: film e trailer vengono inviati alla TV mentre il tablet resta spento. Nessun problema con l’interfaccia di Android, chiaramente, così come nella visualizzazione di pagine web, documenti, immagini e tutto quel che riguarda il mirroring del sistema Google.

[adrotate group=”16″]

Anche su Windows 8.1, con Dell Venue 8 Pro e ASUS T100TA, si hanno risultati analoghi. Il vantaggio dei sistemi Microsoft è permettere la modalità desktop esteso, così da avere nel monitor/tv gestito da Tronsmart T1000 un vero e proprio secondo schermo. Usare una chiavetta come questa è il modo più economico per esportare il video su prodotti privi di uscita HDMI o VGA. Di contro, se il frame rate è sufficiente alla navigazione web, alla gestione di Windows e alla scrittura, non basta per la visualizzazione decente di video o filmati Youtube. Non vi aspettate troppo dalla modalità Miracast sotto Windows 8.1, e soprattutto tenete il tablet vicino ad una presa elettrica perché l’autonomia ne risente.

Differenze tra Miracast e EZCast

Con Miracast si hanno le prestazioni migliori, ma anche una semplice copia dello schermo. Ad eccezione della modalità “Desktop Esteso” di Windows, non c’è modo di fare altro sul dispositivo che invia il segnale: se si mette in standby il tablet, anche lo schermo grande finirà per chiudersi; se durante la visualizzazione Youtube si apre il browser per controllare un sito, la riproduzione video verrà interrotta. Con EZCast, al contrario, si può inviare un video a Tronsmart T1000 e poi fare altro, si possono avere due schermi gestiti in modo del tutto separato e si può disattivare lo schermo del dispositivo di invio per risparmiare batteria. EZCast, da questo punto di vista, assomiglia maggiormente all’esperienza di una Google Chromecast.

Tronsmart T1000 ha l’aspetto di un Mini PC Android, ma è grande la metà. Ha porta HDMI maschio da una parte, microUSB dall’altra e un LED sul fianco che ne segnala l’accensione. La sua confezione comprende uno strano cavo microUSB > USB a tre vie, il cui terzo estremo è l’antenna wireless. Questo vi permette di inserire la chiavetta ben nascosta dietro la TV e poi posizionare l’antenna nel modo migliore per la ricezione. Non c’è alimentatore da muro nella confezione quindi chi non ha una TV con porta USB predisposta dovrà acquistarlo separatamente.

Sulla costruzione non c’è molto da dire. Tronsmart T1000 è un prodotto economico, è un pezzo di plastica neanche troppo spessa rifinita in modo dozzinale, ma se non altro è molto piccola e leggera quindi non difficile da nascondere dietro la TV. Usa un sistema basato su Linux che viene aggiornato via OTA attraverso la stessa interfaccia di EZCast (ho ricevuto 2 firmware in 15 giorni, buon segno). Permette di “uscire” fino a 1080p@60Mhz. Usa un processore MIPS Action Semi AM8251 con 128 MB di RAM, chip WiFi Realtek RTL8188 e nand Flash Toshiba da 128 MB. Il mio modello, uno dei primi esemplari messi in vendita, ha scheda marchiata SG-EZCAST-V1.0. Come succede su tutti i Mini PC, l’hardware è usato per altri prodotti simili: quel che cambia è il software, ma anche qui non credo che Tronsmart abbia modificato alcunché. Si tratta solo di scegliere il brand che soddisfa per primo le vostre esigenze, quello che vi offre le migliori garanzie di reso in caso di problemi e quello che fa il prezzo migliore. Io ho comprato T1000 su aliexpress sfruttando un buon prezzo sulla consegna con corriere espresso.

Perché non è la chiavetta definitiva

Tutte le possibilità appena descritte e gran parte delle funzionalità mostrate nel video, non sono immediate come sembra. Tronsmart T1000 è un prodotto mediamente instabile, capace di fare benissimo il suo dovere per 2 giorni di fila e poi dare noie inspiegabili poco dopo. Capitano cadute di connessione durante l’uso prolungato, crash dell’app EZCast (o almeno, su Tegra Note 7) e impicci vari con il riconoscimento di Windows 8.1. In questi casi c’è poco da fare: riavviare l’app, ripristinare il collegamento, riprovare. Non sono cose troppo fastidiose, un po’ di pratica vi aiuterà ad evitarle e risolverle alla svelta, ma di certo non si possono nascondere. Non ho potuto fare test con AirPlay (EZPlay) ma tra i bug noti c’è il mancato supporto Mirror con questa modalità. È una chiavetta a 2.4 Ghz, quindi se avete molti dispositivi wireless nelle vicinanze (cordless o altri pc) potrebbero crearsi interferenze e perdite di segnale. Ci sono, infine, alcuni vincoli legati alla risoluzione e al rapporto dello schermo; questi dipendono dalla modalità di utilizzo scelta e dal dispositivo di invio usato, ma non sempre è possibile ottenere la visualizzazione ottimale.

Chi ha provato Chromecast e la sua impeccabile esperienza utente, troverà questa T1000 una cinesata. Tuttavia ci sono dei validi motivi per preferirla alla chiavetta Google, e non riguardano solo la disponibilità e il prezzo di vendita più basso. Tronsmart T1000 è molto più flessibile, ha una buona ricezione wireless e tutta la compatibilità data dal supporto software di EZCast. Funziona bene con Nexus 5, con i dispositivi Samsung Galaxy e con sistemi Windows più vecchi. Credo valga i 30 e rotti euro necessari per comprarla, e anche se è scontato immaginarla superata tra qualche mese (la diffusione di Miracast è solo agli inizi, e presto tutti i brand maggiori avranno una chiavetta simile nei loro listini), credo possa essere una cosa divertente da avere collegata alla TV di casa, al monitor con le promozioni che abbiamo in negozio o alla TV 32 pollici della sala riunioni. Rendere wireless un monitor spendendo appena 30 euro è una cosa che ha senso, ma preparatevi a perderci un po’ di tempo.