Razer: uno sguardo al futuro al CES 2017 con Project Valerie, il notebook multischermo

scritto da Federico Parravicini ultima modifica il 09 January, 2017

Il CES 2017 in corso a Las Vegas non è fatto solo di prodotti pronti al lancio sul mercato, ma anche di ambiziosi sguardi al futuro della tecnologia. Tra questi, Razer ha sicuramente lanciato un progetto estremamente curioso con Project Valerie, mostrando il primo notebook multischermo.

Andando ad unire qualità, ma soprattutto qualità, il prototipo presentato da Razer è costituito da una base rappresentata da un Razer Blade Pro, o almeno un notebook che richiama in tutto le linee dell’ultimo modello dell’azienda, e da un monitor da 17,3″ a risoluzione 4K con un sistema di cerniere che permette l’estrazione di altri due display sui lati con le medesime caratteristiche. In sostanza, stiamo parlando di una contraddizione per quanto riguarda la portatilità effettiva del prodotto, almeno andando a sfruttare questa curiosa trovata. Parliamo, infatti, di un vero e proprio rimpiazzo ad un desktop dalle caratteristiche tecniche di primissima fascia – con la presenza di una GPU Nvidia GTX 1080 e una tastiera meccanica integrata – e da una tecnologia multimonitor che racchiude in sé un sistema di intrattenimento completo per i gamer più esigenti.

Ovviamente, quello presentato da Razer con Project Valerie non è un prodotto destinato, almeno nell’immediato futuro, al mercato consumer, ma solamente un prototipo utile a mostrare le nuove tecnologie sviluppate dall’azienda. Nel caso questo ambizioso progetto diventasse una realtà vera e propria, potremmo aspettarci un notebook decisamente premium, oltre che per le caratteristiche, anche per il prezzo. Considerando, infatti, che il Razer Blade Pro parte da un prezzo base di circa 4000€, è lecito aspettarsi almeno una spesa doppia per portarsi a casi un simile prodotto.

Top