PES 2018 news: novità, recensione e contenuti del nuovo Data Pack 2

Questo articolo raccoglie tutte le news su PES 2018 presentate o in arrivo nelle prossime settimane e sarà costantemente aggiornato per non farvi perdere nulla del nuovo titolo di Konami fino al giorno dell’uscita. L’ultimo aggiornamento risale al 28 novembre 2017

 

Il fatto che l’ultimo titolo calcistico di casa Konami, PES 2017, abbia rappresentato un passo avanti notevole ed in grado di ricucire in buona parte il gap creatosi negli anni con lo storico rivale FIFA, non è certo una sorpresa. La software house nipponica, checché se ne dica, è stata in grado di proporre un’esperienza di altissimo livello ponendosi come missione quella di far ritornare il brand ai fasti di un tempo. Il risultato è stato un prodotto valido sotto tutti i punti di vista, ma ancora legato indissolubilmente ad un passato a cui i giocatori non sono legati come in passato. Basti pensare a modalità chiave come il Campionato Master o la modalità Carriera, le quali hanno tentato di rinnovarsi negli anni pur non garantendo i medesimi risultati ottenuti l’ultimo anno dalla sorprendente modalità storia Il Viaggio proposta in FIFA 17. Con le stagioni sui campi di calcio che stanno gradualmente volgendo al termine, dunque, è anche tempo di raccogliere le idee su quello che potrà offrire il futuro della serie con il nuovo PES 2018. Tra novità, licenze, squadre e nuove modalità, vediamo di fare il punto della situazione sul nuovo progetto di Konami.

PES 2018 recensione: il nostro giudizio sul gioco

Dopo le diverse prove, le novità e i rumor su PES 2018, è finalmente giunto il momento di tirare le somme in seguito al lancio ufficiale del gioco. Trovate le nostre opinioni, gli approfondimenti e il voto finale nel nostro articolo PES 2018 recensione.

PES 2018 news sul nuovo Data Pack 2

Il nuovo Data Pack dedicato a PES 2018 vedrà ufficialmente la luce su PC e console a partire dal prossimo 16 novembre. Come per il precedente, l’aggiornamento sarà totalmente gratuito ed introdurrà diversi contenuti inediti. Tra questi, saranno presenti più di 1000 foto aggiornate dei giocatori, nuovi team con licenza ufficiale, versioni aggiornate dei visi dei giocatori, due stadi aggiuntivi e diversi modelli di nuovi scarpini da gioco.

PES 2018 si arricchisce, inoltre, della presenza di David Beckham, la stella del calcio inglese e internazionale che è pronta a fare il suo esordio, come Leggenda, in myClub.

PES 2018 Mobile: disponibile il nuovo titolo per iOS e Android

Dopo il lancio dell’edizione PC e console, Konami ha ufficialmente reso disponibile su iOS e Android PES 2018 Mobile, nuova edizione portatile del titolo calcistico. Questa particolare edizione non rappresenta un vero e proprio titolo inedito, ma va ad aggiornare (per tutti coloro che avessero precedentemente installato il titolo lo scorso anno) il precedente PES 2017 Mobile.

L’aggiornamento include nuove opzioni per il controllo palla e diversi miglioramenti al gameplay, insieme alla possibilità di controllare nuove leggende del calcio, tra cui la new entry David Beckham. PES 2018 Mobile è scaricabile gratuitamente da Google Play Store e App Store.

PES 2018 data uscita, prezzo ed edizioni

Dopo il recente annuncio da parte di Konami, PES 2018 è arrivato ufficialmente il 14 settembre 2017, in edizione Standard e in edizione Premium. Quest’ultima, in particolare, dà accesso immediato ad una serie di contenuti bonus dedicati alla modalità My Club, con alcuni osservatori esclusivi e diversi giocatori in prestito di livello molto alto.

pes 2018 news

Come confermato dalla possibilità di effettuare immediatamente il pre-ordine, ormai ufficialmente acquisto immediato, del gioco, PES 2018 viene nuovamente ri-proposto, oltre che sulle classiche piattaforme PlayStation 4, Xbox One e PC, anche sulle console di passata generazione PlayStation 3 e Xbox 360. Nessuna notizia, al contrario del già confermato FIFA 18, per quanto riguarda una possibile uscita del titolo anche su Nintendo Switch.

PES 2018 rumor, caratteristiche e licenze

Partiamo dal problema – relativo, in ogni caso – che da sempre ha afflitto la serie Pro Evolution Soccer, vale a dire la questione licenze. Con il precedente PES 2017, Konami ha voluto sfruttare un calo decisamente vistoso nella concessione di licenze ufficiali da parte di alcune blasonate società calcistiche. Sorvolando leggermente sulle ormai classiche assenze relative alle squadre della Premier League inglese, la casa nipponica ha deciso lo scorso anno di lanciare una nuova sfida sfruttando in maniera molto più netta alcune importanti licenze del panorama calcistico europeo e mondiale.

Club storici come Barcellona e Liverpool, infatti, sono stati riproposti nella precedente stagione con un trattamento più ricco ed interessante, non limitandosi dunque alla proposta della sola licenza ufficiale per quanto riguarda divise e stadio, ma proprio andando a creare un’offerta completa che potesse ricostruire all’interno del gioco la vera e propria fede per quei colori. Con coreografie uniche, cori originali delle tifoserie e formazioni storiche del club, queste squadre hanno potuto vantare un trattamento molto interessante e che ha fatto sicuramente la gioia di tutti i giocatori, anche i più nostalgici. Ecco, dunque, che nel prossimo PES 2018 una speranza è sicuramente quella di vedere una sensibile evoluzione di questo tipo di proposta, estendendo le licenze “a 360°” anche ad altre squadre, alcune – perché no – italiane.

Un accordo simile, in questo senso, è stato raggiunto tra Konami e la Federazione calcistica dell’Argentina, con piene licenze per club blasonati del calibro di Boca Juniors e River Plate. In aggiunta, per l’occasione sarà possibile anche impostare la cronaca originale latinoamericana con i due storici commentatori Rodolfo De Paoli e Diego Latorre.

Vero è che PES 2017 era comunque riuscito a garantire una soluzione molto valida per far fronte alla mancanza di licenze, con la re-introduzione dopo anni di assenza su console della possibilità di importare i file opzioni personalizzati. Tale possibilità, tuttavia, si è limitata unicamente a PlayStation 4 e PlayStation 3, escludendo Xbox One dalla lista non tanto per disinteresse da parte di Konami, quanto per l’impossibilità da parte della console di Microsoft di importare dati da dispositivi esterni. Speriamo, anche in questo caso, che le ultime novità dedicate agli update di Xbox One possano aprire uno spiraglio anche a questa utenza per personalizzare a dovere il proprio parco squadre nel prossimo PES 2018.

pes 2018 news

Per quanto riguarda le licenze dedicate alle competizioni, invece, quest’anno PES 2018 avrà una gatta da pelare non indifferente per via delle prossime competizioni internazionali. Da una parte, Konami può ancora vantare gli accordi in esclusiva presi con l’UEFA e validi fino al 2018, grazie ai quali sarà nuovamente possibile giocare alle storiche Champions League ed Europa League con le piene licenze ufficiali per entrambe le competizioni.

Viceversa, nessun accordo è stato ancora annunciato per quanto riguarda la Bundesliga tedesca o la Serie A, ancora una volta legate alla concessione di licenze da parte dei singoli club. Per quanto riguarda le competizioni dedicate alle nazionali di calcio, invece, la strada in questo caso sarà tutta in salita: dopo il buon successo del DLC gratuito rilasciato lo scorso anno e dedicato agli Europei 2016, legati comunque alla licenza UEFA, con i prossimi mondiali di calcio 2018 non sarà affatto facile ottenere un supporto ufficiale, destinato con ogni probabilità proprio a FIFA 18.

pes 2018 news

Passando alle possibili novità che potranno vedere la luce in PES 2018 dal punto di vista di modalità e di gameplay, sembra che Konami voglia puntare ancora una volta alla sostanza più che alla forma. Ciò significa che esperimenti come il giù citato story mode visto in FIFA 17 difficilmente potranno essere introdotti anche da Konami nel nuovo progetto, dando maggior risalto e profondità ai fiori all’occhiello della serie come le infinite possibilità di personalizzazione e di strategia, unite ad un gameplay già di per sé molto solido. Questo vanterà ulteriori miglioramenti nel controllo palla, con l’introduzione del nuovo sistema Real Touch +, che permetterà un controllo totale andando a selezionare ogni singola parte del corpo per determinare un impatto realistico con il pallone. Sicuramente grande attenzione sarà riservata anche al rinnovamento della modalità My Club, con nuove possibilità offerte dai giocatori storici e dagli eventi speciali durante tutta la prossima stagione. Una novità assoluta, invece, è rappresentata dalle nuove possibilità online grazie all’introduzione di una modalità cooperativa, che permetterà di giocare partite e competizioni in modalità 2 contro 2 o 3 contro 3.

Anche dal punto di vista grafico, PES 2018 compirà dei grossi passi in avanti, con un’evoluzione del Fox Engine che porterà ad un nuovo sistema di illuminazione e riproduzione dei campi di gioco, grazie alla nuova tecnologia Real Capture. Questa si basa sulla scansione di oltre 20.000 elementi all’interno dei celebri Camp Nou e Signal Iduna Park, garnatendo una resa qualitativa eccellente anche per il più piccolo particolare.

pes 2018 news

Infine, una questione molto importante e richiesta a gran voce dagli appassionati riguarda il comparto tecnico ed in particolar modo il trattamento che sarà riservato all’edizione PC di PES 2018. In questo senso, Konami ha dichiarato ufficialmente un lavoro molto approfondito per migliorare qualitativamente questa versione del titolo, soprattutto dal punto di vista grafico. Pur mancando una conferma veramente definitiva, la software house nipponica ha dichiarato che l’edizione PC si allineerà qualitativamente alle altre piattaforme di ultima generazione, senza tuttavia specificare se verrà sfruttato il medesimo motore grafico in tutto e per tutto.

PES 2018 trailer

PES 2018 anteprima Gamescom 2017: finalmente la prova su PC

Dopo la nostra prova della prima versione beta, che potete trovare più in basso, in occasione della Gamescom 2017 abbiamo finalmente avuto l’opportunità di mettere le mani sulla nuova edizione PC di PES 2018. Come ormai è stato ufficializzato da Konami, la versione PC del prossimo titolo calcistico vanterà finalmente una conversione totale, che allineerà questa edizione alle più curate versioni PS4 e Xbox One.

pes 2018 news

Questa, tuttavia, è stata anche l’occasione per testare una build decisamente più aggiornata, e per la precisione la stessa che sarà distribuita presto come demo giocabile per tutti gli utenti. A nostra disposizione la classica modalità partita e la nuova modalità in cooperativa, la quale non si è particolarmente distaccata o evoluta rispetto a quanto già visto in occasione della prima beta. Tra le squadre presenti ritroviamo tutti i club con cui PES 2018 ha rinnovato o appena firmato una partnership esclusiva, come Barcellona, Borussia Dortmund, Colo Colo e Liverpool.

Il peso di questo tipo di collaborazione si sente sin dalla presentazione pre-partita, con splendide panoramiche sullo stadio ed un accompagnamento in stile televisivo dei giocatori in campo sin dal tunnel degli spogliatoi. Un colpo d’occhio, dunque, notevole soprattutto in questa inedita edizione PC, con modelli sicuramente più dettagliati rispetto alla controparte console, ma non con quello stacco netto che si potrebbe aspettare. Una leggera presenza di aliasing nelle riprese più ravvicinate, insieme al persistente effetto motion blur nei replay che ormai viene riproposto costantemente ogni anno, portano un buon risultato, ma non stupefacente.

pes 2018 news

Un buon passo in avanti, invece, l’abbiamo riscontrato dal punto di vista del gameplay: rispetto alla build precedente, infatti, PES 2018 riesce a dare più spazio alla libertà di gioco, limitando e rifinendo quel senso di esagerato automatismo nei movimenti che ci aveva fatto storcere il naso durante la prova della prima beta. In questa nuova edizione, al contrario, la fluidità di gioco ci lascia pienamente godere dell’intera partita. Un’evoluzione importante si è notata anche dal punto di vista del ritmo di gioco: sia per quanto riguarda le possibilità fisiche dei giocatori della nostra squadra, sia per quanto riguarda l’IA avversaria, saremo portati a rallentare in diverse occasioni la velocità dell’azione, spingendoci a far ristagnare un po’ il gioco a centrocampo per rifiatare o per stancare l’avversario con una circolazione continua.

Dall’altra parte, anche gli avversari, soprattutto per poter mantenere il vantaggio, rallenteranno drasticamente la manovra per limitare al minimo i contropiede da parte nostra. Una meccanica decisamente convincente, che ha saputo dare un ulteriore senso di realismo, nonostante non tutti i giocatori siano alla ricerca di una così marcata fedeltà in un videogioco. D’altronde stiamo pur sempre parlando di una partita di 10/15 minuti rispetto ad una di 90.

pes 2018 news

Per quanto riguarda le animazioni, infine, buono il livello raggiunto con i contrasti fisici dei giocatori, così come nei tiri (in particolare dalla distanza); meno quello di alcuni movimenti dei portieri. Un’animazione molto poco convincente, ad esempio, è rappresentata dagli interventi in volo che scontrano contro una barriera invisibile nel momento in cui – in teoria – il portiere dovrebbe portarsi il pallone fuori dal campo (non dentro la porta, in quel caso sarebbe una decisione più che plausibile nella maggior parte dei casi).

In definitiva, quello che abbiamo potuto provare di PES 2018 alla Gamescom 2017 ci ha convinto sotto diversi aspetti. Prima di tutto sulla – finalmente – decisione di convertire un’edizione PC che sembra finalmente aver raggiunto i livelli sperati, ma anche per un sistema di gameplay che riesce sempre a guadagnare qualche punto in più ogni anno, andando quindi a limare sempre di più il gap con la concorrenza. Dall’altra parte, qualcosa è ancora da rifinire prima dell’uscita finale, niente che comunque possa pregiudicare i buoni risultati che sicuramente PES 2018 saprà ottenere.

PES 2018 anteprima: la nostra prova della beta

A poco più di un mese dal lancio ufficiale, Konami ha rilasciato una beta pubblica riservata al comparto multigiocatore online di PES 2018. Sebbene questa versione di prova sia stata rilasciato unicamente allo scopo di testare le possibilità dei server in vista dell’uscita definitiva, la beta ci ha dato modo di analizzare i primi dettagli sul gameplay del gioco.

pes 2018 news

Prima di addentrarci sul feeling palla al piede, PES 2018 si è subito presentato in gran forma dal punto di vista grafico, offrendo un livello nella resa dei volti assolutamente pregevole. Allo stesso modo, gli ingressi in campo e più in generale gli stadi hanno guadagnato una maggior rifinitura ed un risultato finale davvero ottimo.

Detto questo, nella prova diretta sul campo il titolo si è comportato positivamente, sebbene vere e proprie novità dal punto di vista del gameplay non si siano fatte notare in maniera così netta. Da una parte il primo controllo del pallone è risultato molto fluido, in particolar modo nelle giocate di prima capaci di accelerare il gioco in maniera evidente. Viceversa, si è nuovamente sentita una certa mancanza di animazioni di raccordo in alcuni movimenti dei giocatori, specialmente per quanto riguarda i portieri, ma non solo.

pes 2018 news

L’impressione di una corsa ancorata ancora a direzioni predeterminate è ancora nell’aria, nonostante il movimento di palla generale è stato capace di offrire una buona fluidità. Ancora una volta il gioco palla a terra va a premiare le caratteristiche specifiche dei fantasisti, mentre il movimento a palla alta necessita ancora di qualche limatura per risultare veramente credibile.

Grossi passi in avanti, invece, sono stati fatti nella vera e propria fisica del pallone, con una resa di peso e potenza di tiro molto più realistica. In questo senso, una prova tangibile l’abbiamo riscontrata con la nuova possibilità dei tiri rasoterra dalla distanza, in grado di offrire una sensazione di vera potenza e velocità.

pes 2018 news

Restano ancora molte incognite circa le modalità e le vere novità da questo punto di vista. D’altronde, lo ricordiamo, questa prima beta era dedicata solo al test delle funzionalità online; e anche in questo caso i problemi di connettività non sono certo mancati, almeno nei primi giorni dopo il lancio. Non resta che attendere la nostra prossima prova – su una build decisamente più recente e stabile – in occasione della prossima Gamescom 2017 di Colonia.

 

Non resta che attendere i prossimi dettagli ufficiali per continuare il nostro flusso di raccolta news su PES 2018.

Top

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi