Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Notebook rigenerati: guida all'acquisto

Notebook rigenerati: guida all'acquisto

di Fiorenza Polverino
Specialist Miglior notebook
aggiornato il 20 maggio 2019
2 utenti hanno trovato utile questa guida
2 utenti hanno trovato utile questa guida
N.B. La guida Notebook rigenerati è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Giugno 2019.

Che sia per risparmiare, o perché avete individuato un ottimo modello ormai fuori produzione, non importa. State valutando l’acquisto di un nuovo computer e volete scegliere tra i notebook rigenerati. In questa guida vedremo come riconoscere le offerte migliori, evitando i modelli obsoleti e facendo il possibile per mettervi al riparo da eventuali problemi.

Notebook rigenerati: quale comprare

Di solito si decide di acquistare notebook rigenerati quando il budget disponibile per l’acquisto di un nuovo portatile è ristretto. Spesso si guarda al mercato dei rigenerati anche per reperire dei modelli particolari, magari andati fuori produzione. O ancora, perché ci si lascia tentare da un’ottima offerta su un portatile di alto livello, per cui difficilmente si sarebbe disposti a pagare il prezzo pieno. Se state cercando tra i notebook rigenerati il vostro prossimo PC per una di queste ragioni, o per altre ancora, in questa guida troverete tutti i consigli per fare la scelta giusta.

Notebook usati o rigenerati?

Spesso si tende ad assimilare queste due categorie. Ma tra notebook rigenerati e usati ci sono alcune importanti differenze. Un laptop usato, acquistato da un privato su Subito.it oppure su eBay, viene messo in vendita dal suo precedente proprietario, che l’ha utilizzato per un certo periodo. Presumibilmente il venditore o chi per lui si sarà occupato di eseguire una formattazione del sistema operativo. Ma difficilmente si fanno ulteriori interventi volti a controllare approfonditamente lo stato di salute della macchina. Solitamente questi prodotti non dispongono di alcun tipo di garanzia. L’eccezione è rappresentata da quei portatili che si trovano ancora nel periodo di copertura offerto dal produttore (Acer, Lenovo, Asus…), a patto che esista una prova d’acquisto.
Un notebook rigenerato invece viene sempre venduto da un negozio, che si occupa (in prima persona, o tramite un laboratorio esterno) di eseguire tutti i test e gli interventi necessari a riportare il prodotto in condizioni ottimali. Il portatile viene venduto con annessa garanzia: a seconda della situazione, arriva anche a 2 anni e più.

Cosa aspettarsi dai notebook rigenerati?

Quali storie possono nascondersi dietro i notebook rigenerati? Non esiste un solo scenario possibile. Il prodotto che state per acquistare potrebbe avere diverse origini:

  • Notebook mai usato, ma che presenta difetti o imperfezioni estetiche. Spesso questi problemi sono dovuti a danni accidentali avvenuti durante il trasporto. Il venditore individua il problema e interviene per ripararlo. Qualche esempio? Un urto potrebbe aver mandato fuori asse una ventola, che verrà riposizionata o sostituita. Oppure lo schermo potrebbe presentare dei pixel danneggiati: in questo caso sarà probabilmente necessario sostituire il pannello. In alcuni casi, potrebbe essere stata solo la confezione a subire un danneggiamento.
  • Notebook restituito dall’acquirente per ripensamento: come probabilmente già sapete, per il consumatore che acquista online c’è un periodo di tempo (14 giorni) in cui è possibile restituire il prodotto anche solo perché si è cambiata idea. Questi portatili non possono essere più venduti come prodotti nuovi, ovviamente. I sigilli della confezione non saranno più intatti, l’hard disk avrà sulle spalle qualche ora di funzionamento, potrebbero essere presente graffi o altri segni. Verranno quindi venduti come notebook ricondizionati.
  • Notebook restituito durante il periodo di garanzia: il proprietario del portatile che rileva un difetto restituisce il prodotto al venditore. In alcuni casi quest’ultimo potrebbe scegliere di sostituirlo, piuttosto che effettuare le riparazioni necessarie. Questo accade soprattutto quando i tempi per la riparazione iniziano ad allungarsi troppo e a diventare inaccettabili per il cliente in attesa. Si procede a riparare, ripristinare e riconfezionare il prodotto (spesso con tanto di accessori sostitutivi). All’interno di questa categoria di notebook rigenerati rientrano quindi numerose casistiche: portatili usati pochissimo, nei quali il difetto si è manifestato subito, o che hanno iniziato ad avere problemi dopo oltre un anno di utilizzo. Device con difetti banali (un contatto saltato che non faceva funzionare la webcam), o con problemi più complessi che hanno richiesto la sostituzione della scheda madre.

Notebook rigenerati, come controllare se funzionano bene

Ci sono numerosi negozi del tutto affidabili dove comprare notebook rigenerati, come Amazon o gli stessi Apple Store. Ma l’acquisto di un prodotto usato viene sempre vissuto come rischioso, soprattutto da un utente inesperto. “E se il portatile che mi interessa ha un difetto che non so riconoscere?”. Come evitare una fregatura? Oltre a scegliere un negozio sicuro, a cui fare riferimento in caso di malfunzionamenti rilevati dopo l’acquisto, ci sono alcune verifiche che potete fare voi stessi.

  • Case: controllate che non ci siano graffi o ammaccature che non erano state segnalate nell’inserzione. Le seconde potrebbero essere segno di cadute o forti urti.
  • Touchpad e tastiera: utilizzando un editor di testo (come il blocco note), controllate il corretto funzionamento di tutti i tasti, inclusi tasti funzione e tastierino numerico -se presente. Verificate la corretta reattività del touchpad in tutte le sue aree.
  • Porte: controllate che tutte le porte USB siano funzionanti, inserendo una chiavetta il sistema dovrebbe mostrarne il contenuto senza mostrare nessun errore. Discorso analogo vale per la porta HDMI (collegare uno schermo esterno), Ethernet, jack audio, lettore di SD.
  • Display: verificate che tutti i pixel siano attivi. I pixel bruciati appaiono neri, mentre quelli bloccati rimangono sempre dello stesso colore a prescindere dalle immagini mostrate nel display. Controllate che non ci siano aree dello schermo molto più scure o luminose del resto (potete aiutarvi con questo sito).
  • Microfono, speaker e webcam: una buona idea potrebbe essere utilizzare Skype ed effettuare un test di chiamata gratuita per controllarli insieme.
  • Ventole e temperature: tenete un po’ acceso il computer e controllate che non diventi eccessivamente rumoroso nel corso dell’utilizzo. Anche le superfici dovrebbero mantenere delle temperature accettabili. Ovviamente sotto sforzo il rumore delle ventole tenderà ad aumentare.
  • Batteria: effettuate una ricarica completa, per poi scollegare il PC dall’alimentazione. Quanto dura la batteria? Se non si riesca a raggiungere nemmeno l’ora di utilizzo standard, probabilmente la batteria è usurata e potrebbe essere necessario sostituirla. Se l’autonomia risulta inferiore a quella dichiarata dal produttore, nessun timore. I valori dichiarati tendono sempre a sovrastimare le effettive possibilità del portatile.
  • Hard disk e SSD: con un software come CrystalDiskInfo potete effettuare una scansione per verificare lo stato di salute dei dischi e l’eventuale presenza di settori corrotti nel disco meccanico.
  • Specifiche hardware: non scordate di verificare se le caratteristiche del notebook rigenerato che avete acquistato corrispondono a quelle dichiarate al momento dell’acquisto. Per controllare modello di CPU e RAM basta andare in Pannello di controllo > Sistema, mente per la scheda grafica il percorso è Pannello di controllo > Gestione dispositivi > schede video.

Notebook rigenerati: dove acquistare

Come abbiamo detto, affidandosi agli store più sicuri e noti, il rischio di prendere una fregatura acquistando notebook rigenerati è davvero nullo. Se sfortunatamente dovessero emergere problemi, sarà la garanzia del negozio a tutelarvi. Nelle prossime righe troverete i nostri consigli sui migliori eCommerce a cui rivolgersi per acquistare notebook rigenerati.

Amazon Renewed e Amazon Warehouse Deals

Potete acquistare notebook rigenerati su Amazon attraverso le piattaforme Renewed e Warehouse Deals. Nel primo caso si tratta di veri e propri prodotti ricondizionati, riportati in condizioni pari al nuovo attraverso un processo di refurbishing effettuato in laboratori specializzati. Per tutte le informazioni sui prodotti Amazon Renewed, potete consultare la nostra guida.

Amazon Warehouse Deals si occupa invece di prodotti di seconda mano: in ciascuna inserzione vengono riportati scrupolosamente eventuali difetti o imperfezioni presenti. Amazon offre comunque la sua garanzia a copertura di malfunzionamenti per due anni dalla data di acquisto.
In questo articolo non possiamo proporvi dei modelli specifici di notebook rigenerati: un prodotto disponibile oggi, difficilmente rimarrà in vendita a lungo. Troverete dunque dei link che vi condurranno alle selezioni di notebook rigenerati più adatti alle vostre esigenze. Iniziamo con i prodotti Amazon Renewed.

Ecco invece la selezione Amazon Warehouse Deals:

ePRICE

Una selezione di notebook rigenerati non manca anche su ePRICE. Ogni prodotto è stato sottoposto a test e ha una garanzia di 2 anni che copre su difetti e malfunzionamenti.

  • Portatili economici: selezione di prodotti fino a 300€. Vi consigliamo di scegliere notebook con processore Celeron o Pentium. Potreste trovare anche qualche modello con i3 di sesta generazione, ugualmente valido.
  • Portatili di fascia media: selezione che arriva a 450 euro. In questa fascia di prezzo il consiglio è quello di puntare ad una CPU Intel i5.
  • Portatili di fascia alta: selezione che include Ultrabook, notebook da gaming e Workstation.

eBay

Una selezione di notebook rigenerati è presente anche su eBay. La grande differenza tra il famoso eCommerce e realtà come Amazon e ePRICE sta però nella grande varietà di venditori presente al suo interno. Si tratta sia di veri e propri negozi (come Yeppon o Monclick), sia di privati che vendono portatili di seconda mano senza nessuna garanzia. Il nostro consiglio è di preferire i venditori professionali e di assicurarsi di effettuare il pagamento tramite PayPal (tutti i maggiori shop lo accettano) come forma di ulteriore tutela.

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

2 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Fiorenza Polverino tramite i commenti.