Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Notebook Apple: qual è il MacBook più adatto a te?

Notebook Apple: qual è il MacBook più adatto a te?

di Fiorenza Polverino
Specialist Miglior notebook
aggiornato il 18 dicembre 2018
2 utenti hanno trovato utile questa guida
2 utenti hanno trovato utile questa guida
N.B. La guida Notebook Apple è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Gennaio 2019.

Chi non ha mai desiderato un MacBook? I notebook Apple hanno un design inconfondibile, una eccezionale longevità e un sistema operativo perfettamente ottimizzato, che garantisce un’esperienza d’uso ineguagliabile. Se vi sentite pronti per fare il grande passo, in questa guida troverete tutti i consigli per scegliere il MacBook ideale per voi.

Notebook Apple: quale comprare

Nonostante i prezzi elevati, sono moltissimi gli utenti che scelgono un notebook Apple, un MacBook, come macchina per lavorare o semplicemente per lo svago. I motivi di questa preferenza? Nel corso degli anni il marketing ha contribuito a creare un’immagine ben precisa dei Mac: dispositivi funzionali, sicuri, belli da vedere, veri e propri status symbol. Certamente un’altra categoria di utenti potrebbe obiettare che, a parità di prezzo, un pc Windows avrà senz’altro una dotazione hardware migliore. Ma è davvero questo l’unico elemento a cui si dovrebbe guardare al momento di acquistare un computer, fisso o portatile? Al di là dell’eterna diatriba tra utenti Mac e PC, ci sono alcuni punti di forza oggettivi che caratterizzano i notebook Apple.

Il sistema operativo proprietario di casa Apple è uno dei vantaggi principali. Grazie al ridotto numero di modelli di notebook, Apple è in grado di ottimizzare perfettamente il SO in base all’hardware su cui verrà utilizzato. È questo il motivo per cui, anche se la scheda tecnica media dei Mac non è nulla di eccezionale, questi computer risultano sempre veloci e reattivi. Ed è anche la ragione dell’eccezionale durata della batteria che accomuna tutti i modelli di MacBook. Un altro punto a favore riguarda gli aggiornamenti: non sono solo gli ultimi modelli a ricevere gli upgrade alle versioni più recenti di macOS, ma anche i MacBook più datati. Questo regala una longevità maggiore ai notebook Apple, che rimangono efficienti anche dopo diversi anni e hanno accesso a tutte le nuove funzionalità.

Ancora una nota positiva del sistema operativo Apple riguarda la sua stabilità. “Quasi” immuni da virus mainstream e altre minacce alla sicurezza (i programmi installabili attraverso il Mac App Store sono severamente controllati), i Mac non necessitano dell’installazione di un antivirus di terze parti. Inoltre, mentre qualsiasi utente Windows ha dovuto confrontarsi almeno una volta nella vita con una formattazione del sistema operativo, i sistemi Mac possono essere utilizzati a lungo senza bisogno di nessun intervento di questo tipo. Non sono tanto processore, RAM o scheda video a rendere speciali i notebook Apple (che infatti utilizzano gli stessi componenti che è possibile ritrovare su un qualsiasi PC Windows). Ma sono piuttosto schermi, tastiere e trackpad a rientrare tra i principali punti di forza dei Mac. Partiamo dai display: tutti i modelli di MacBook montano pannelli di qualità, ma sotto questo aspetto il top della scelta sono senz’altro i display Retina. Alta densità PPI (pixel per pollice) e risoluzione che arriva a 4K, colori vividi, immagini nitide, ottimo livello di luminosità e ampi angoli di visione: non è un mistero per cui i Mac siano i dispositivi preferiti da chi fa grafica.

I notebook Apple si fanno inoltre notare per l’ottima qualità delle tastiere, come quella dei trackpad: chiunque abbia utilizzato almeno una volta un notebook Apple (o un Magic Mouse) avrà fatto in fretta ad abituarsi alla comodità delle numerose gesture disponibili. Infine, è proprio la qualità costruttiva, unita al design curato e all’utilizzo di materiali premium come l’alluminio, che fa sì che ovunque i MacBook vengano immediatamente identificati come prodotti di lusso.

Abbiamo visto insieme cos’è che rende unici i notebook Apple: se prima eravate ancora un po’ insicuri, adesso non dovreste avere nessun dubbio. Tranne uno: quale modello dovreste scegliere? Fortunatamente la gamma di notebook Apple non è molto ampia, e questo vi faciliterà nella selezione. Ma, visto che si tratta di prodotti che hanno un certo costo, è bene che prima di lanciarvi nell’acquisto raccogliate tutte le informazioni necessarie a fare una scelta consapevole. Fortunatamente, le abbiamo raccolte proprio in questa guida. Andiamo dunque a scoprire insieme le caratteristiche dei vari modelli di MacBook per permettervi di identificare quello perfetto per soddisfare le vostre esigenze.

MacBook 12 (2017)

MacBook 12: il più piccolo della famiglia dei notebook Apple è caratterizzato da dimensioni e peso davvero contenuti. Se state cercando davvero il massimo della portabilità, è il Mac giusto per voi.

Il MacBook 12 è un ultraportatile con schermo -ovviamente- da 12 pollici. Il display è un ottimo IPS con risoluzione 2304×1440 pixel, caratterizzato da immagini ben definite e buoni angoli di visuale. La qualità costruttiva è in linea con gli standard Apple: anche qui troviamo un case in alluminio, che rende il notebook elegante e leggero. Il peso del MacBook 12 infatti, è di soli 920 grammi, che, uniti ad uno spessore di 1,3 cm, fa sì che si faccia davvero fatica a sentire questo notebook in borsa. La tastiera però, potrebbe deludere chi si è sempre trovato bene con quelle degli altri MacBook: la corsa dei tasti infatti è ridotta e il feedback restituito non è del tutto gradevole. Ottimo invece il trackpad, una vera e propria versione in scala di quello presente sui modelli di notebook Apple più grandi.

Per quanto riguarda la scheda tecnica, sotto la scocca di questo MacBook 12 troviamo un processore Intel M3-7Y32, un dual-core pensato per offrire una buona efficienza energetica (frequenza di clock 1,10 GHz, che arriva a 3,00 GHz grazie al Turbo Boost). Presenti una memoria RAM LPDDR3 da 8 GB, chip grafico integrato Intel HD 615 e un SSD con una capienza che parte da 256 GB. Per quanto riguarda la dotazione di porte, ci troviamo di fronte alla piena espressione del minimalismo Apple: c’è infatti c’è una sola porta USB type C, da utilizzare anche per la ricarica. Sarà necessario acquistare un adattatore per poter connettere più periferiche. Anche per questo modello di notbook Apple l’autonomia non delude: si arriva infatti alle 9 ore con un utilizzo standard.

Chi è l’utente ideale del MacBook 12? Sicuramente consigliamo questo dispositivo a chi ha come obiettivo il massimo della portabilità e per raggiungerlo è disposto ad accettare alcuni compromessi (schermo e tastiera inadatti a lunghe sessioni di lavoro, dotazione “minimal” di porte).

Puoi acquistare MacBook 12 (2017) su eBay.

MacBook Air (2018)

Il MacBook Air è uno dei prodotti più longevi di Apple e, soprattutto in seguito al suo ultimo update, è una scelta molto interessante se non si cercano prestazioni top. Si tratta di un portatile con schermo da 13 pollici. Il display, una delle note dolenti della versione precedente, è adesso un bellissimo Retina con funzionalità True Tone. Le periferiche di input sono di ottima qualità, la tastiera (retroilluminata), seconda generazione migliorata del tipo “a farfalla”, offre un’esperienza di digitazione piacevole e anche il trackpad è preciso e reattivo. Il case del computer è realizzato in alluminio riciclato, che gli regala quell’intramontabile look elegante. Anche le cornici dello schermo sono state ristrette rispetto al vecchio Air: questo nuovo modello ha un aspetto decisamente più moderno.

Veniamo alla dotazione hardware: il MacBook Air è equipaggiato con un processore Intel i5-8210Y (un dual-core a basso consumo energetico, frequenza di 1,60 GHz che tocca i 3,60 GHz in burst). Ad accompagnarlo ci sono 8 GB di RAM e la scheda grafica integrata Intel HD Graphics 617. Lo spazio di archiviazione parte da 128 GB su SSD. Lato connettività troviamo due porte Thunderbolt, da usare per la ricarica, per connettere monitor e memorie esterne. Il vero e proprio punto di forza di questo MacBook è l’autonomia. Con un utilizzo standard (navigazione web, riproduzione video, Office ecc…) non si fa fatica a raggiungere e superare le 10 ore di utilizzo.

Puoi acquistare MacBook Air 2018 su Amazon o se preferisci su eBay

MacBook Pro 13 (2017)

Il MacBook Pro è il modello di punta tra i notebook Apple. Connubio perfetto tra prestazioni e portabilità, se il budget lo consente, è la perfetta scelta per ottenere un portatile bilanciato.

Il MacBook Pro è dotato di un display Retina da 13,3 pollici con risoluzione 2560×1600. Lo schermo è sicuramente uno dei suoi punti di forza: estremamente luminoso, mostra colori vividi e immagini nitide. La tastiera è retroilluminata a più livelli, mentre il trackpad è caratterizzato da dimensioni generose, precisione e molteplici possibilità di gestures. Come per tutti i prodotti che stiamo vedendo in questa guida, la qualità costruttiva è ottima, con un case realizzato completamente in alluminio. Lo spessore del portatile è di 1,49 cm, mentre il peso è di poco inferiore agli 1,4 kg: leggermente più pesante del MacBook Air, ma pur sempre agevolmente trasportabile.

Vediamo la parte hardware, in cui il MacBook Pro si distingue dai suoi fratelli minori: la CPU è un i5 Intel Kaby Lake; in particolare si tratta dell’i5-7360U (due core, 4 thread) che gira a una frequenza di 2,3 GHz (fino a 3,6 sfruttando il Turbo Boost). Ad accompagnarlo ci sono 8 GB di RAM LPDDR3, scheda grafica integrata Intel Iris Plus Graphics 640 e un SSD con capienza da 128 GB (nella versione base). La dotazione di porte è la seguente: sono presenti, oltre al jack audio, due Thunderbolt 3 attraverso le quali è possibile ricaricare il portatile, connettere memorie USB o hard disk esterni. Rimane necessario l’acquisto di un adattatore se si ha l’esigenza di collegare il Mac ad ethernet, HDMI, VGA, ecc… Nonostante la dotazione hardware nettamente superiore rispetto al MacBook Air, la batteria di questo modello non ne risente particolarmente: si parla infatti di quasi 9 ore con un utilizzo standard in WiFi.

A chi consigliamo il MacBook Pro? La scheda tecnica di questo portatile permette di confrontarsi anche con compiti più complessi del semplice web surfing e riproduzione multimediale.Ad esempio? Un po’ di editing immagini su Photoshop. Ma se state cercando davvero il massimo delle prestazioni disponibili su un notebook Apple, potreste voler considerare anche la versione più prestante del MacBook Pro 13, che trovate qui sotto, o il MacBook Pro 15.

Puoi acquistare MacBook Pro 13 (2017) su Amazon o se preferisci su eBay

MacBook Pro 13 (2018), versione con Touch Bar

Non è soltanto la presenza della Touch Bar che differenzia questo modello di MacBook da quello che abbiamo appena visto, ma a cambiare è anche la scheda tecnica: è infatti questo modello del MacBook Pro ad aver appena ricevuto un aggiornamento e a montare le nuove CPU Intel di ottava generazione. Vediamo insieme le caratteristiche che rendono questa versione del MacBook Pro la più performante tra le due disponibili.

Non sono visibili allo sguardo i cambiamenti che caratterizzano il nuovo MacBook Pro 13. Il case è analogo a quello del modello senza touchbar: realizzato in metallo e disponibile nei colori alluminio e space gray. Il peso è di 1,4 kg. Uno dei punti di forza di questo notebook indubbiamente il display: si tratta di uno schermo Retina da 13,3 pollici (risoluzione 2560 x 1600 pixel), tra i più luminosi che è possibile trovare in un notebook (500 nit). È presente la funzionalità True Tone, già conosciuta dagli utilizzatori di Ipad Pro, che regola il tono dei bianchi a seconda della luce, per offrire un’esperienza visiva migliorata. Migliorata la tastiera rispetto al modello 2017, che aveva tanto fatto parlare di sè (negativamente): la attuale è meno rumorosa e delicata. Ottimo come sempre l’ampio touchpad, ricoperto da una lastra di vetro. Particolarità di questo modello è la Touch Bar, il piccolo schermo presente sopra la tastiera che sostituisce i tasti funzione. In base al software utilizzato sarà possibile personalizzarla per avere sempre accessibili le funzionalità più utili.

Ma cos’è che cambia sotto il telaio? Apple ha aggiornato questa versione del MacBook Pro 13 e il MacBook Pro 15 con i nuovi processori Intel Coffee Lake. Il modello di cui stiamo parlando monta un Intel i5-8259U (quattro core fisici e otto virtuali, 2,30 GHz di frequenza base, fino a un massimo di 3,80 GHz), 8 GB di RAM LPDDR3, scheda grafica Intel Iris Plus Graphics 655 (superiore alle integrate standard Intel). L’SSD parte da una dimensione di 256 GB per arrivare fino ad un massimo di 2 TB. Ottima l’autonomia, che supera le 14 ore di uso standard. Prima di chiudere, ecco qualche informazione sulla connettività: abbiamo ben 4 Thunderbolt 3, oltre a un jack audio da 3,5 mm. Assenti porte USB di dimensioni standard: sarà necessario acquistare un adattatore per usare tutte quelle periferiche che richiedono quest’interfaccia.

Puoi acquistare MacBook Pro (2018) con Touch Bar su Amazon o se preferisci su eBay In alternativa MacBook Pro (2018) con Touch Bar è disponibile nella variante MacBook Pro 13 2018 (SSD da 256 GB).

MacBook Pro 15 (2018)

Sacrificare la portabilità per ottenere il top delle prestazioni: il MacBook Pro 15 è equipaggiato con CPU esa-core e scheda grafica dedicata. Se state cercando un notebook Apple in grado di confrontarsi con i software più esosi di risorse, continuate a leggere queste righe.

Il MacBook Pro 15, come intuibile già dal nome, è un portatile da 15 pollici equipaggiato con display Retina (IPS, risoluzione nativa 2880×1800 pixel), contraddistinto da un buon livello di luminosità e dall’ottima qualità dell’immagine tipica degli schermi Apple. Nulla da eccepire anche per quanto riguarda la tastiera (retroilluminata) e il trackpad: entrambi reattivi e precisi, in particolare il trackpad restituisce un ottimo feeling d’uso. Il telaio è realizzato in alluminio che, oltre a donare un aspetto premium al prodotto, contribuisce anche alla dissipazione del calore.

Passiamo ad esaminare la scheda tecnica di questo portatile: la configurazione qui proposta include una CPU Intel Core i7-8850H ad alte prestazioni (si tratta di un esa-core che gira con una frequenza base di 2,60 GHz e che arriva a 4,30 GHz in burst). Ad affiancarlo ci sono 16 GB di RAM DDR4, una scheda grafica dedicata AMD Radeon Pro 560X, un chip mid-level che permette anche di giocare a qualche titolo recente (nonostante il Mac non rappresenti esattamente la prima scelta per un gamer), oltre essere d’aiuto in ambito grafica e video. Lo spazio di archiviazione va dai 512 GB di questa configurazione fino a un massimo di 2 TB, sempre su SSD. Come porte troviamo 4 Thunderbolt 3, da utilizzare anche per la ricarica del notebook. Decisamente buona l’autonomia: con un utilizzo standard sarà facile raggiungere e superare le 10 ore; ovviamente, andando a sforzare maggiormente l’hardware, questo valore calerà di conseguenza.

A chi è consigliato il MacBook Pro 15? Si tratta di un investimento importante, che ci sentiamo di suggerire innanzitutto a chi lavora con il computer e ha bisogno di una certa potenza di calcolo per utilizzare software pesanti (editing foto e video, modellazione 3D…).

Puoi acquistare MacBook Pro 15 (2018) su Amazon o se preferisci su eBay

2 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Fiorenza Polverino tramite i commenti.