Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Netatmo valvole termostatiche intelligenti recensione: il kit di base per il riscaldamento con radiatori

Netatmo valvole termostatiche intelligenti recensione: il kit di base per il riscaldamento con radiatori

In questa recensione scopriamo le valvole termostatiche intelligenti di Netatmo, un prodotto adatto a gestire il riscaldamento di casa a radiatori, sia autonomo che centralizzato. Vediamo come si sono comportate e quali sono i vantaggi che possono apportare in casa. / Ultima modifica il

Il riscaldamento invernale è uno di quegli ambiti in cui un prodotto smart può apportare grandi benefici, sia per quanto riguarda il comfort, sia per il risparmio energetico a cui si può andare incontro. Si parla spesso di termostati intelligenti, ma per rendere smart un sistema di riscaldamento centralizzato con termosifoni, si può usare un prodotto come quello che abbiamo testato: Netatmo valvole termostatiche intelligenti. Si tratta di teste motorizzate per valvole termostatiche, semplici da montare su ogni radiatore già provvisto delle valvole obbligatorie per legge – basta sostituire solo la testa – e sono anche utili a chi ha il riscaldamento autonomo con caldaia, poiché abbinabili al termostato intelligente Netatmo. Scopriamo quindi i pro e i contro di queste valvole smart di Netatmo nella nostra recensione.

Le valvole e il relè: l’installazione è “fai da te”

Sebbene si stia parlando di valvole termostatiche per termosifoni, il montaggio di queste è semplice e relativamente veloce – senza necessità di contattare un idraulico. Infatti non si andranno a sostituire veramente le valvole termostatiche – che dobbiamo già avere – ma solo la teste di queste valvole, ovvero la parte rotante e quella fissa che va a spingere il pistoncino della valvola vera e propria, aprendola e chiudendola. Un’operazione relativamente semplice, e che si può fare seguendo le istruzioni o uno dei, veramente ben fatti, video messi a disposizione da Netatmo per assistere i clienti durante l’installazione.

Per iniziare a rendere smart il proprio impianto di riscaldamento è necessario acquistare il Kit di Base delle valvole termostatiche intelligenti Netatmo, che include due teste motorizzate e il bridge/relè necessario per la connessione ad internet. Oltre a ciò, troviamo vari adattatori per montare queste teste smart su diversi modelli di valvole termostatiche, ed anche degli adesivi per personalizzare il colore di ogni valvola. Questo che stiamo recensendo è proprio il Kit di Base, al quale potete poi aggiungere quante altre valvole volete, così da coprire ogni radiatore di casa.

Un design con alti e bassi

Il progetto delle valvole termostatiche Netatmo, così come del quello del termostato, ha visto la collaborazione di un nome importante per il mondo del design e dell’architettura, quello di Philippe Starck. In effetti in questo progetto ci sono elementi originali, ma anche qualche criticità da segnalare. Le due teste termostatiche che si trovano in confezione, presentano un design pulito, ma con delle caratteristiche particolari. Si tratta di cilindri di plexiglass trasparente nella parte più esterna, e plastica bianca più all’interno. Parte della superficie cilindrica è occupata da un display e-Paper, come quelli usati per gli eBook reader, quindi monocromatico e non retroilluminato. La caratteristica più particolare è però quella della personalizzazione, che può avvenire attraverso gli adesivi colorati presenti in confezione – arancio, giallo, blu e verde, questi i colori tra cui scegliere. L’adesivo potrebbe sembrare qualcosa di cheap e poco elegante, ma è la sua implementazione a renderlo un’ottima soluzione: andrà incollato sul bordo di plexiglass rivolto verso il termosifone, e così non lo andremo mai ad osservare direttamente, ma al contrario sarà il colore a rifrangere all’interno della struttura traslucida del plexiglass, fino ad arrivare alla parte frontale della valvola, in un modo quasi impalpabile, delicato, e molto piacevole, nonché mutevole in base al punto di osservazione ed alla luce.

Se l’estetica della valvola Netatmo è globalmente riuscita, dobbiamo però criticarne qualche aspetto. Lo facciamo ad iniziare dalle dimensioni complessive, un po’ troppo massicce, per lo meno per il diametro, e questo è probabilmente dovuto al cilindro stesso di plexiglass che va a circondare il vero corpo della valvola, ingrandendola più del necessario: parliamo di 5,8 cm di diametro, mentre sono 8 i centimetri di profondità, incluso l’aggancio che si avvita sul corpo della valvola già montata sul vostro radiatore. In alcuni casi, come è successo a me – sono dotato di valvole Giacomini – una volta serrato l’aggancio a vite della valvola sul suo adattatore, la vite si trova a pochissima distanza dal corpo della valvola stessa (mi riferisco alla valvola vera e propria in metallo, non alla testa Netatmo), per non dire che sono praticamente in contatto. Non direi che questa cosa sia un problema in senso assoluto, probabilmente non è più che un fastidio in fase di montaggio, ma posso certamente dire che la cosa non mi è successa con altri modelli di teste termostatiche smart, forse anche per la scelta di un adattatore – almeno quello relativo alle mie valvole Giacomini – progettato diversamente.

Il display e-Paper della valvola mostra con numeri neri su sfondo bianco, e con un font decisamente squadrato, la temperatura attuale rilevata. Questi colori si invertono, passando ad uno sfondo nero con numeri bianchi, quando andiamo a modificare la temperatura, e quindi verrà mostrata per qualche secondo quella target. I colori e il font viene poi ripreso anche dall’app, che risulta stilisticamente coerente. Siccome non tutte le valvole sono posizionate allo stesso modo, all’interno delle teste motorizzate Netatmo è presente un accelerometro, utile a mantenere l’indicazione della temperatura orientata nel verso corretto. Lo schermo e-Paper è stato ovviamente scelto perché non consuma energia, se non durante un refresh dell’immagine mostrata, e questo porta con sé un vantaggio ed uno svantaggio. Il vantaggio è quello di avere sempre la temperatura attuale in vista sulla valvola, senza necessita di toccarla, di contro però non è presente nessun sistema di illuminazione per la visualizzazione al buio.

Sebbene il controllo delle valvole avverrà spesso da app, e ancora più spesso grazie alla programmazione non sarà necessario fare nulla, dobbiamo segnalare che non è particolarmente riuscito il sistema di controllo manuale della valvola – o per lo meno, a me non piace proprio. Il fatto è che nessuna parte della valvola ruota, o meglio non lo fa del tutto. Per alzare e abbassare la temperatura di mezzo grado per volta bisogna proprio fare lo stesso movimento che ci si aspetterebbe, quello di rotazione, ma si andrà incontro ad una notevole resistenza della valvola, seguita da un leggero click. A questo punto la valvola torna in posizione – ma il movimento è davvero minimo – e si può di nuovo forzare questa minuscola rotazione. Se non fosse che bisogna fare davvero così, sembrerebbe di stare per spaccare la valvola ogni volta, o almeno all’inizio è questa la sensazione. C’è da dire che con il passare del tempo la resistenza sembra diminuire un po’. Comunque poco importa, perché si stratta di valvole smart, e quindi controllabili in ben altri modi, come vedremo. Un’ultima nota: tenendo il piccolo schermo perfettamente allineato verso l’altro, non riesco proprio o mantenere la scritta NETATMO, presente sulla faccia superiore (frontale) del cilindro, allineata orizzontalmente; a questo punto meglio tenerla inclinata di almeno 30°, così che non sembri un’imperfezione.

L’altro componente essenziale del Kit di Base è il relè – cioè il bridge – e si tratta di un modulo quadrato di circa 8 cm di lato, da collegare ad una presa di corrente qualunque, posta possibilmente al centro dell’abitazione. Il relè Netatmo è più grande di altre soluzioni, che occupano un frazione dello spazio, ma ha il grande vantaggio di essere totalmente wireless, e quindi non va collegato direttamente al router di casa attraverso un cavo Ethernet, ma sfrutta il Wi-Fi per la connessione ad internet, mentre lavora su un segnale radio dedicato per collegarsi alle valvole Netatmo.

App, funzionamento e integrazioni: un sistema intelligente, ma carente di geofencing

Una volta installate le valvole termostatiche intelligenti di Netatmo, possiamo velocemente configurarle, associando a ciascuna un nome e una stanza. Dall’app Netatmo Energy è possibile gestire tutti i parametri di funzionamento e, cosa fondamentale, la programmazione giornaliera e settimanale. Questo è molto importante, poiché per la maggior parte del tempo si sfrutterà proprio la programmazione, dove possiamo settare la temperatura di tutte le stanze per ogni ora del giorno. Nella sezione Modalità di Funzionamento, è possibile impostare alcune preferenze, come l’anticipazione del riscaldamento, che lascia via libera gli algoritmi intelligenti di Netatmo di accendere il riscaldamento all’ora giusta per ottenere la temperatura desiderata secondo la programmazione. Siccome questi algoritmi hanno bisogno di tempo per apprendere il comportamento climatico della casa e di ogni stanza, ci vorrà qualche giorno per arrivare ad un risultato che consenta un perfetto comfort unito al risparmio energetico. Con gli ultimi aggiornamenti software, Netatmo ha introdotto anche il rilevamento automatico di una finestra aperta, cosa che provoca il momentaneo spegnimento del riscaldamento per evitare sprechi.

Attraverso l’app è possibile modificare la temperatura manualmente, così come accedere ai grafici che mostrano l’andamento della temperatura target e di quella ambientale, nonché l’attività del termosifone, corrispondente al grado di apertura della valvola termostatica. Come per altri prodotti di questo tipo, sorge un problema. Infatti la valvola termostatica smart presenta al suo interno il rilevatore della temperatura ambientale, ma questo si trova posizionato molto vicino alla sorgente di calore, e quindi il valore misurato potrebbe non essere sempre quello corretto. Grazie alla funzione True Temperature è quindi possibile andare ad impostare uno sfasamento tra i due valori, quello misurato e quello visualizzato, insomma è possibile ricalibrare il sensore secondo le proprie esigenze, e si può fare con un scarto di decimo di grado.

Con un semplice tasto è anche possibile passare alla modalità assente, che spegne il riscaldamento, o comunque lascia che la temperatura scenda fino al valore desiderato – è possibile impostare anche una modalità per le lunghe assenze, che comunque riscaldi quel poco per evitare la problematica del gelo. Comunque, proprio riguardo l’automatismo della modalità assente, troviamo la più grande carenza di Netatmo, che ha deciso di non implementare il geofencing direttamente nella sua app, non permettendo quindi quello che sarebbe un vero e proprio automatismo. Infatti, in caso di allontanamento dall’abitazione, se non è previsto dalla programmazione che in quell’orario la temperatura scenda – e dunque se non si tratta di uno spostamento abituale – nulla avverrà in maniera automatica, e il riscaldamento rimarrà attivo. Per evitare sprechi è dunque necessario intervenire manualmente, indicando all’app di passare in modalità assenza, e il contrario andrà fatto al rientro.

Per ovviare a questo problema è comunque possibile ricorrere alle piattaforme domotiche che, come vedremo tra poco, colmano parzialmente questa lacuna, sebbene sarebbe stato gradito un supporto al geofencing integrato nel sistema. Infine, bisogna segnalare che oltre all’app per dispositivi mobili, Netatmo ha progettato anche un’interfaccia web, così da poter gestire il tutto da PC, anche se al giorno d’oggi, dove tutti abbiamo sempre uno smartphone in mano, non sembra essere un fattore di particolare rilievo.

Le integrazioni domotiche

In abitazioni sempre più smart e connesse, dove la gestione del riscaldamento è solo uno dei tanti aspetti su cui si può mettere mano con i prodotti evoluti dell’Internet of Things, è sempre bene valutare come ciascun prodotto si possa o non possa implementare all’interno di un ecosistema domotico, tra cui spiccano Apple HomeKit, Amazon Alexa, Google Home e la piattaforma di gestione delle automazioni causa-effetto IFTTT. Sotto questo aspetto, i prodotti per il riscaldamento Netatmo sono davvero completi, poiché si interfacciano con tutti i nomi sopra citati, configurandosi come una scelta valida per gli utilizzatori iOS e Android, così come per chi ha deciso di inserire nell’abitazione uno smart speaker, sia della serie Google Home che Amazon Echo. Attraverso questi ecosistemi è possibile controllare più dispositivi dalla stessa app, quindi non solo regolare il riscaldamento, ma magari al contempo spegnere le luci o controllare una presa di corrente connessa.

Grazie agli smart speker o agli assistenti vocali sullo smartphone, è cosa semplice conoscere la temperatura di una stanza e regolarla con la voce. Ma come abbiamo detto le piattaforme domotiche, compreso il sistema IFTTT, consentono di aggirare il problema della mancanza del geofencing, utilizzando queste per monitorare la posizione dello smartphone e regolare la temperatura di casa. Tuttavia, poiché il sistema non è integrato, non è possibile ottenere risultati perfetti. Per esempio IFTTT rende difficile la gestione del riscaldamento multiutente, mentre Apple Homekit non permette di personalizzare al meglio le distanze dall’abitazione entro cui abilitare il trigger di spegnimento e accesione. L’integrazione con le piattaforme domotiche è comunque completa, e pertanto risulta tra gli aspetti più positivi della delle valvole termostatiche intelligenti di Netatmo – e lo stesso vale per il termostato.

Nessun abbonamento, ma poche funzioni extra

Tutto quanto abbiamo visto fino ad ora è, in effetti, tutto quanto si può fare con le valvole motorizzate intelligenti Netatmo. In fin dei conti è anche tutto quanto si richiede solitamente ad un prodotto di questo tipo: gestire il riscaldamento, mantenere l’abitazione alla giusta temperatura, risparmiare sui consumi il più possibile. Sono operazioni e risultati a cui si arriva tranquillamente con le valvole termostatiche Netatmo. Con l’introduzione del rilevamento della finestra aperta, è stato apportata anche la possibilità di risparmiare ulteriormente energia, ovvero di non dover spegnere manualmente il riscaldamento in caso di apertura di una finestra. Netatmo ha scelto di offrire il pacchetto completo con l’acquisto del prodotto e non, come è sempre più consuetudine oggi, obbligare alla sottoscrizione di un abbonamento mensile per avere alcune funzionalità extra. D’altra parte, di funzioni extra non ce ne sono poi molte: manca il geofencing, non è presente un sensore di umidità nelle valvole, non vi sono particolari indicazioni sulla qualità dell’aria, e così via. Tuttavia le funzioni di base – e sono di base considerando che parliamo di una valvola termostatica smart, ma avanzate rispetto a quelle tradizionali – dicevo, tutte le funzioni sono state implementate bene, l’app è ben fatta, gli algoritmi intelligenti funzionano per il meglio, con la sola pecca della mancanza del geofencing integrato.

Netatmo valvole termostatiche intelligenti recensione: le nostre conclusioni

Le valvole termostatiche intelligenti di Netatmo sono un prodotto davvero smart, e i concorrenti che offrono un pacchetto analogo di questo valore si contano sulle dita di una mano, e le dita non servono nemmeno tutte. Il design firmato da Philippe Starck è piacevole, anche se personalmente preferisco altre soluzioni, più minimali e compatte, ma la personalizzazione che sfrutta l'adesivo e il plexiglass è certamente originale e ben realizzata. L'app è altrettanto ben fatta, curata, nonché piacevole da usare. Non manca il supporto ad alcuna piattaforma domotica importante, e vi sono molti applet per IFTTT; grazie a questo è anche possibile colmare parzialmente il più grande difetto di queste valvole: la mancanza del geofencing. Gli algoritmi intelligenti funzionano bene, e nonostante le funzioni extra non siano poi molte, quanto viene offerto è a disposizione senza necessità di sottoscrivere piani mensili. Peccato manchi un sensore di umidità ambientale, attraverso cui si sarebbe potuto sapere di più sulla salubrità complessiva dell'aria di una stanza. Il prezzo del Kit di Base e delle singole valvole aggiuntive è assolutamente in linea con i prodotti di pari livello, ed ovviamente maggiore è la dimensione dell'abitazione, maggiori saranno le valvole da acquistare, ma al contempo più importante sarà il risparmio energetico in termini assoluti.

Pro
Design personalizzabile ma…
Gli algoritmi intelligenti permettono un buon risparmio energetico
Si integra con tutte le piattaforme domotiche
True Temperature ben personalizzabile
Nessun abbonamento
App e interfaccia web ben fatte
Contro
…un po’ massiccio e con una gestione manuale rigida
Il geofencing non è integrato
Non ci sono particolari funzioni aggiuntive
Manca un sensore di umidità ambientale
valutazione finale8

Netatmo valvole termostatiche intelligenti: prezzo e dove comprarle

Se volete potete comprare il Kit di Base Netatmo valvole termostatiche intelligenti direttamente alla seguente pagina Amazon. Vi ricordiamo che potete acquistare anche le valvole aggiuntive.

Prezzo consigliato: € 199.99Prezzo: € 194.8