Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Neato Botvac D5 Connected recensione: D come Diversità

Neato Botvac D5 Connected recensione: D come Diversità

/ Ultima modifica il

“Diverso”: sicuramente è questo l’aggettivo che descrive appieno la filosofia di Neato, un’azienda che in un mondo di robot aspirapolvere rotondi ha deciso di essere quadrata, o quasi. Abbiamo provato uno dei robot a forma di D più famosi del mercato, scopritelo nella nostra recensione di Neato Botvac D5 Connected.

Design: l’efficienza che sta tutta nella forma

Insieme ad iRobot, Neato è l’altro grande produttore di robot aspirapolvere che domina il mercato della pulizia automatica. Mentre i primi rappresentano l’azienda che ha fondato questa tipologia di mercato, i secondi possono essere considerati come coloro che l’hanno diversificata fino a dargli una vera e propria altra forma. Il Neato Botvac D5 Connected, proprio come i suoi fratelli, ha la particolare forma a D che distingue i robot Neato da qualsiasi altro modello in commercio. Una differenza davvero sostanziale rispetto ad un classico robot tondo e che viene incontro soprattutto a chi ha ambienti casalinghi molto spigolosi.

La forma a D non è infatti solo una caratteristica estetica ma una scelta che influisce anche sulle funzionalità del robot. Con la parte quadrata che raggiunge i 33 cm di larghezza e un’altezza di 8 cm, il robot riesce ad unire l’efficienza di una sezione circolare a quella angolare pulendo al meglio attorno a se e arrivando a togliere lo sporco anche dagli spazi in cui un robot tondo fatica ad arrivare. L’abbiamo seguito mentre si muoveva lungo i muri della casa e l’abbiamo visto pulire la base delle pareti perfettamente a filo, proprio come un treno che segue i binari.

Il robot si presenta in una scocca grigia, ruvida, in cui nella parte alta circolare della D troneggia il logo di Neato. Nell’angolo in basso a sinistra invece troviamo l’interfaccia, molto semplice e basata su un solo tasto e un paio di led luminosi. Uno con il simbolo “i”, che rappresenta il tasto Info ed è adibito a segnalare più funzioni come l’associazione del robot con lo smartphone oppure eventuali problemi di funzionamento, l’altro invece è l’indicatore della batteria che serve a segnalare appunto il livello di carica. L’unico tasto presente invece serve ad avviare la pulizia o a definire la modalità di pulizia, per questa seconda opzione però risulta poco intuitivo ed è meglio passare all’app. Accanto ai tasti c’è una maniglia per sollevare facilmente il prodotto che serve anche per estrarre la vaschetta dello sporco situata al centro del robot.

Neato Botvac D5 Connected recensione Serbatoio e spazzole: un “sottosella” capiente e una manutenzione semplicissima

Tirando la maniglia verso l’alto è possibile estrarre il serbatoio dal robot. Questo componente rappresenta la parte centrale della struttura e ha una capienza di 0,7 litri. Per questa recensione di Neato Botvac D5 Connected abbiamo utilizzato testato il robot per circa 15 giorni e abbiamo dovuto svuotare il serbatoio una sola volta, trovando lo sporco ben compattato all’interno della cassetta. Lo svuotamento avviene in maniera molto efficace, basta togliere il filtro ad ultra prestazioni – che raccoglie particelle fino a 0,3 micron – e svuotare la polvere nel cestino. È un filtro molto adatto a chi soffre di allergie perché riduce al minimo il particolato presente nell’aria.

Continuando con la nostra recensione di Neato Botvac D5 Connected nella parte inferiore del robot, salendo dalla base quadrata della D, troviamo due sensori di dislivello, la spazzola, la spazzolina laterale, il vano batteria racchiuso tra le due ruote e sulla punta circolare i sensori per la ricarica. La spazzola combinata di Neato offre delle ottime prestazioni soprattutto con i peli di animale e i capelli: grazie agli inserti gommati che si combinano alle setole della spazzola raccoglie facilmente questo tipo di sporco intrappolandolo nel suo rullo. Durante l’utilizzo del robot ci è capitato di dover sostituire una vecchia spazzola con una nuova fornita da Neato, un procedimento molto semplice in cui basta sollevare il proteggi spazzola sotto al robot, sfilare la vecchia e infilare la nuova. Una manutenzione davvero semplice e che ha richiesto poco più di un minuto. La spazzola laterale permette invece di pulire efficacemente lungo i battiscopa ed è agganciata tramite un intelligente sistema magnetico anch’esso di facile manutenzione.

Base e accessori: I delimitatori ci sono ma con l’app Neato puoi dirgli addio

Come abbiamo visto Neato porta la “D”iversità un po’ su tutti i fronti e anche in quello della ricarica non poteva essere altrimenti. La home base del robot, che come consono per questo tipo di dispositivi richiede almeno uno spazio di un metro sia davanti che ai lati per funzionare perfettamente, presenta un sistema di ricarica caratterizzato da due piastre a pressione. Queste vengono in contatto con i sensori della ricarica del robot che le spingono all’interno della base dando il via alla ricarica. Un sistema davvero pratico, specie per quanto riguarda i consumi, perché spegne la basetta ogni volta che il robot non è in postazione, a differenza invece di altre home base che rimangono sempre accese.

Nella scatola sono compresi alcuni accessori come la mini spazzola extra e un pettinino per pulire la polvere. La vera novità è data però dal sistema dei delimitatori che risultano molto più funzionali di quanto visto con i dispositivi virtual wall di iRobot. Questi ultimi prevedono infatti una torretta in grado di delimitare una specifica area circolare o l’ingresso ad una stanza e richiedono l’acquisto di più torrette per delimitare più zone della casa. I delimitatori di Neato invece sono caratterizzati da strisce magnetiche che è possibile tagliare e disporre nelle aree della casa che si vuole delimitare applicando la forma che più desiderate all’area.

Se però il sistema delle strisce, incluse nella scatola, vi sembra poco pratico, Neato ha pensato di dire addio per sempre ai delimitatori con una funzione inizialmente destinata solo ai top di gamma D7, ma estesa anche ai Botvac D5 Connected. Tramite l’app infatti non avrete più bisogno di nessun dispositivo esterno per delimitare una zona ma basterà tracciare una linea con il dito sulla mappa della casa. Una funzione molto interessante, specie se avete aree della casa in cui non volete che il robot entri o particolari mobili o oggetti che volete proteggere da eventuali urti.

Prestazioni: i vantaggi della navigazione laser

Oltre alla sua forma, l’altra grande caratteristica dei robot Neato è riscontrabile nel sistema di navigazione totalmente basato su una tecnologia laser proprietaria chiamata LaserSmart. Senza perderci in troppi tecnicismi dovete sapere che questa tecnologia risulta molto più precisa e affidabile delle videocamere sfruttate dai robot concorrenti per orientarsi e creare una mappatura della casa. Il funzionamento è molto semplice: basta prendere il robot e, dopo averlo posizionato a circa 15 cm da un muro, premere il tasto accensione. Il Neato Botvac D5 emetterà un suono e rimarrà fermo per qualche istante, in quel momento partirà la mappatura laser della stanza, capace di rilevare i muri dell’abitazione e la mancanza di essi, ad esempio dove ci sono le porte (che è meglio lasciare aperte per una mappatura più precisa).

Questo sistema ha poi l’altro grande vantaggio di riuscire a compiere perfettamente la sua scansione anche al buio. La luce infatti è un fattore fondamentale per un robot di pulizia che usa un sistema di navigazione con telecamera e anche i robot più avanzati possono perdere qualche colpo senza la giusta illuminazione. Il laser invece non ha bisogno di alcuna illuminazione per scansionare a 360 gradi l’ambiente in cui si trova, fino a 12 volte al secondo. Inoltre, grazie alla torretta presente sul robot con il logo Neato, l’aspirapolvere riesce a effettuare una scansione continua e a determinare anche dei cambiamenti improvvisi nell’ambiente circostante impostando sempre il percorso di pulizia più efficiente.

Per stendere questa Neato Botvac D5 recensione, abbiamo testato a lungo le prestazioni del robot che ha dimostrato quasi 90 minuti di autonomia continuata. Nella pulizia casalinga ci ha stupito molto sui tappetti: se questi si incastrano nella bocca aspirante del robot questo non continua a girare fino a staccarseli portandoli in stanza che i tappetti non hanno mai visto, ma blocca l’aspirazione liberandosi facilmente del problema. Inoltre l’abbiamo osservato muoversi intelligentemente per la stanza, seguendo un percorso quasi strategico e lasciando l’area solo dopo essere sicuro di averla pulita a dovere.

Neato D5 o Neato D7? Le differenze con il top di gamma

È una domanda che sorge spontanea nella valutazione di un prodotto del genere, anzi è una domanda che sorge spontanea un po’ per qualsiasi tipo di dispositivo: in cosa differisce dal top di gamma? perché preferirlo? Prima dell’arrivo del D7 il Neato Botvac D5 Connected poteva essere considerato un po’ il top di gamma dell’azienda e anche se ora risulta un po’ più vecchiotto offre comunque delle caratteristiche all’avanguardia. Le uniche differenze infatti vengono riscontrate sul fronte della connettività, perché il D7 offre una connettività Wi-Fi superiore fino a 5 Ghz e nella pulizia di zona, funzione sempre del D7 che permette di programmare il robot per pulire una sola zona della casa. Per il resto, nonostante qualche modifica estetica, parliamo sostanzialmente dello stesso robot che potete portarvi a praticamente la metà del prezzo del top di gamma.

Controllo: dall’app all’assistente vocale

Come ogni robot di pulizia che si rispetti anche Neato Botvac D5 Connected può essere comodamente programmato dall’apposita app scaricabile gratuitamente per iOS e Android e chiamata Neato Robotics. L’app ha una guida molto intuitiva e permette di collegare il robot allo smartphone in pochi semplici passaggi.

Oltre alla già citata possibilità di segnare linee di demarcazione virtuale, l’app permette di gestire ogni operazione riguardante il robot da qualsiasi luogo ci troviamo. È possibile far apprendere al robot fino a 3 mappe del piano e visualizzare le mappe di pulizia dell’ambiente. Purtroppo queste ultime non sono in tempo reale e non è possibile vedere direttamente dove si trova il robot o a che punto della pulizia è arrivato. Per quanto riguarda invece la programmazione della pulizia troviamo invece un sistema molto intuitivo in cui basta spuntare il giorno della settimana e l’orario per avere una pulizia personalizzata alle proprie esigenze. Per chi ha dei pavimenti più sensibili come il parquet c’è anche la possibilità di impostare un programma più “delicato” rispetto a quello “turbo”, che rallenta la velocità della spazzola per evitare che le setole graffino la pavimentazione.

Infine, oltre alla possibilità di controllare il robot con smartphone e smartwatch, c’è anche il modo di controllare il Neato Botvac D5 Connected con la voce grazie agli assistenti vocali di Amazon e Google.

Neato Botvac D5 Connected recensione: le nostre conclusioni

Neato cambia forma all'aspirazione e lo fa con un robot che costa la metà di un top di gamma. Preciso nelle mappature ed efficace nelle pulizie, Neato Botvac D5 Connected è il robot aspirapolvere consigliato soprattutto se avete una casa ricca di angoli. Il suo sistema di navigazione laser mappa continuamente l'ambiente circostante, anche nel buio più totale, assicurandosi un pieno controllo nella pulizia dell'abitazione. Nonostante a tratti risulti abbastanza rumoroso, le sue prestazioni di pulizia sono davvero eccellenti, specie vicino al battiscopa dove di solito i robot rotondi fanno più fatica a pulire. Se volete un robot di pulizia diverso o volete provare per la prima volta le gioie della pulizia automatica, l'offerta di Neato potrebbe essere quello che fa al caso vostro.

Pro
Ottimo per pulire lungo i battiscopa
Estremamente preciso nella pulizia degli angoli
Compatibilità con gli assistenti vocali Amazon e Google
Mappatura laser che rileva la stanza anche al buio
Forma a D che gli permette di raggiungere più luoghi rispetto ad un robot rotondo
Contro
Abbastanza rumoroso
Mancanza della pulizia in tempo reale sull’app
Interfaccia fisica del robot poco diretta
Qualche problema di connettività
valutazione finale9.5

Neato Botvac D5 Connected prezzo e acquisto

Se il prodotto vi ha convinto potete acquistare Neato Botvac D5 Connected su Amazon, eBay, UnieuroePrice.

Prezzo consigliato: € 649.99Prezzo: € 300