Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa

Mophie Space Pack: più memoria e autonomia su iPhone

di Claudio Carelliaggiornato il 29 marzo 2015

L’autonomia sugli smartphone è ancora un argomento davvero drammatico, soprattutto per tutti coloro che li utilizzano in modo convulsivo. Per fortuna, come sappiamo, esistono varie soluzioni sul mercato che possono venire incontro a coloro che hanno bisogno di carica in mobilità, e se non l’avete visto vi segnaliamo ad esempio il nostro focus dedicato alle migliori batterie sterne.

I prodotti sono tanti e dai form factor più stravaganti: oltre alle batterie abbiamo infatti le cover ricaricanti. Un anno fa ci eravamo lasciati con l’incontro di uno degli accessori più interessanti presenti sul microsettore, prodotto da Mophie. Se ci avete seguito ricorderete infatti che Mophie Juice Pack era una ottima soluzione per portare con sé una seconda carica di iPhone, senza pensare a cavi da collegare. Oggi, a distanza di un anno, vi proponiamo la recensione di Mophie Space Pack, “edizione rivisitata” della comune Juice Pack che mette a disposizione una nuova funzione decisamente interessante: l’utilizzo di memoria addizionale rispetto a quella offerta comunemente da iPhone.

Design e form factor: tra conferme e cura maggiore

Chi ha già avuto modo di scoprire Juice Pack trova in Mophie Space Pack numerosi dettagli familiari. Esaminiamone brevemente la parte concettuale per capire a che cosa ci troviamo di fronte, portando all’attenzione le caratteristiche fondamentali per gli utenti che non hanno approfondito sulle cover ricaricanti.

[img_destra][/img_destra]Mophie Space Pack è una cover per iPhone 5 e 5S che integra al proprio interno una batteria. Questa è composta fondamentalmente da due componenti: una più grande che accoglie iPhone al suo interno tramite degli appositi solchi, e una che va ad assicurare lo stesso, proponendo poi un modulo d’interazione sul retro. La sua forma molto rigida fa capire sin dal primo momento che ci troviamo di fronte ad un prodotto che assicura al nostro iPhone una protezione davvero estrema; le dimensioni generose della cover e le sue fattezze massicce proteggeranno in modo ottimale ogni urto, nei limiti del normale.

Dimensioni non compatte sì, ma non se consideriamo che sul retro della cover è appunto presente una seconda batteria pronta ad alimentare il iPhone nelle situazioni di emergenza. Dobbiamo anzi dire che probabilmente Mophie Space Pack è la cover ricaricante multifunzione più compatta presente sul mercato, e il suo utilizzo non è affatto spiacevole. Pesa 80 grammi, è spessa 1,6 centimetri, larga 6 e alta 14 centimetri.

La parte interna incassata contiene, lungo il margine inferiore, un connettore Lightning. Questo andrà ad incastonarsi all’interno dell’iPhone per poterne permettere la ricarica in mobilità. Più su troviamo invece il foro per la fotocamera e il flash. Sui bordi non troviamo nulla di particolare da segnalare, se non la presenza dei classici tasti per il controllo del volume e per attivare/disattivare il silenzioso, ben realizzati da Mophie per consentirne una pressione ottimale, e il tasto Power/Sleep sul bordo superiore, nettamente migliorato rispetto alla Juice Pack. In basso, in corrispondenza del connettore Lightning, troviamo un ingresso microUSB: questo andrà a consentire la ricarica della cover e del nostro iPhone in simultanea, ma ne parleremo nel capitolo dedicato. Sulla sinistra è invece presente il foro per l’input jack, nettamente discostato dal suo ingresso originale; per connettere cuffie o dispositivi in linea sarà infatti necessario usare l’adattatore jack da 3,5 mm maschio/femmina fornito in dotazione. Ad occupare tale spessore troviamo la zona di propagazione per gli speaker, la quale viene orientata verso l’alto portando così il suono riprodotto anche ad una forma, se vogliamo, più coinvolgente.

 

Spostiamoci sul retro. Qui la nostra Mophie Space Pack presenta un bordo particolarmente arrotondato, responsabile dell’ottimo grip che la cover riesce a fornire durante l’impugnatura. In basso, integrato in uno dei due componenti della cover (quello più piccolo), è incastonato un controllo dotato di un tasto metallico che andrà ad attivare la modalità storage, uno switch per l’attivazione della ricarica e quattro LED in serie che ne indicano la carica residua. Il tutto appare molto semplice, coeso dal punto di vista del design e migliorato rispetto alle cover ricaricanti Mophie disponibili sul mercato. Particolare attenzione è stata dedicata ai tasti, i quali ora sembrano combattere meglio l’usura. Ottima scelta quello di sostituire il tasto gommato sul retro con uno metallico, più facile da premere. Ben fatto.

Batteria e ricarica: il doppio della carica, via microUSB

Capito tutte le caratteristiche fondamentali andiamo adesso a vedere sul campo Mophie Space Pack. La nostra cover ricaricante, per entrare in funzione, deve essere ovviamente assemblata agganciando i due componenti che la costituiscono, integrandovi l’iPhone 5 o 5S. Il componente inferiore, come abbiamo visto, dispone di un connettore Lightning che andrà ad inserirsi all’interno del nostro smartphone; proprio questo andrà a coordinare il tutto.

Assemblata ecco che possiamo sfruttare la batteria da 1700 mAh per effettuare una carica simultanea. Tramite un cavo microUSB (uno griffato Mophie è fornito in dotazione) sarà possibile ricaricare la cover e il dispositivo, allo stesso momento, utilizzando il semplice adattatore da presa fornito in dotazione con iPhone o uno compatibile ai suoi standard. I tempi di ricarica in questo caso ovviamente aumentano, ma sostanzialmente perché connettendo Mophie Space Pack alla presa andremo effettivamente a caricare due dispositivi contemporaneamente. La prima comodità, già vista nell’edizione Juice Pack, è la presenza appunto dell’ingresso microUSB: questo consente di ricaricare non solo la cover, ma anche iPhone tramite un cavo non Lightning, cosa decisamente molto apprezzata tra gli aficionados – l’ingresso microUSB vi consente di connettere regolarmente anche il vostro iPhone con iTunes, che riconosce perfettamente il dispositivo. C’è oltretutto da precisare che nessuno vi impedisce, nei casi in cui dovete spostarvi rapidamente e portare con voi una carica, di effettuare la ricarica della Mophie Space Pack distintamente rispetto al vostro iPhone, quindi tramite due connessioni da presa. Nonostante l’operazione possa risultare più scomoda vi consentirà in metà del tempo di caricare smartphone e cover e di portarli con voi nelle uscite più o meno improvvisate.

Ma come si attiva la ricarica? Semplicemente mandando in stato di on lo switch posto sul retro della nostra cover che accoglie il nostro iPhone. Questo, contraddistinto da una lieve colorazione verde (e da una rossa per lo stato di off), va ad attivare la modalità di ricarica iniziando ad alimentare il telefono mentre siete in mobilità, magari lontani da una presa di corrente. Ovviamente la ricarica può essere interrotta prima del suo esaurimento utilizzando sempre lo switch sul retro. Altro dettaglio proprio inerente (anche se non è affatto secondario) è che attivando la modalità di carica potrete accingervi ad eseguire la sincronizzazione Wi-Fi dei contenuti di iPhone tramite iTunes, nonostante questo non sia connesso ad una presa di corrente.

Ma quanta carica abbiamo a disposizione? Ce lo dice sempre il modulo posteriore. Per verificare la carica sarà infatti necessario premere per circa due secondi il tasto metallico posto sul retro per far sì che i LED si illuminano, mostrandoci a livello approssimativo quanta energia abbiamo a disposizione. La cosa può essere eseguita sia in mobilità che in fase di ricarica, situazione quest’ultima dove potrebbe essere necessario verificare quanto manca orientativamente a riempire la nostra  Mophie Juice Pack.

Le comodità che mette a disposizione il prodotto – ingresso microUSB, sincronizzazione Wi-Fi tramite la modalità di ricarica – non sono affatto cose da poco, e oltretutto possiamo dire che la carica, stimata per circa il 100% della capienza di quella montata su iPhone, è effettivamente reale e avviene in modo abbastanza spedito. Ricordate però, se utilizzate il dispositivo durante la ricarica, che non vedrete mai arrivare al 100% effettivo il vostro iPhone perché parte dell’energia viene usata per tenere acceso il device. Nessuna particolare sorpresa, solo grandi certezze.

Space: memoria aggiuntiva

Ed ecco che giungiamo al punto forte della nostra cover: la memoria aggiuntiva. Mophie Space Pack infatti, a differenza delle altre cover del produttore, mette a disposizione per iPhone un tot di storage in più. Sì, avete capito bene, e ci riesce integrando al suo interno una memoria secondaria da poter sfruttare in innumerevoli modi. Space Pack, nei tagli da 16 o da 32 GB, può operare in modo molto interessante in due ambiti: il primo è senz’altro l’iPhone, il secondo è il computer. Capiamoci bene.

Tramite una connessione via USB, Mophie Space Pack può essere accessibile come memoria di archiviazione. Questa diverrà disponibile nelle risorse e consentirà l’utilizzo della sua memoria interna per l’allocazione di file di ogni sorta. I suddetti potranno essere poi utilizzati mediante l’applicazione Space, strumento presente su App Store che lo stesso inserimento della cover iniziale ci suggerisce di scaricare.

All’interno di Space troviamo tutto ciò di cui c’è bisogno per manipolare i file trasferiti sul PC. Questi possono essere di natura differente, anche se l’applicazione è in grado di interagire solo con un numero limitato di tipi di file. Possiamo infatti caricare e visualizzare in mobilità foto, aprire documenti (formati vari, dai .doc ai .txt) oppure ascoltare brani. Sì, Mophie Space Pack è in grado di ricevere tramite trascinamento i classici file .mp3, potendo così riprodurre gli stessi tramite Space senza una vera e propria sincronzizazione – come si fa solitamente sugli smartphone Android e come in molti vorrebbero che funzionasse su iPhone.

Tra i formati che possiamo manipolare tramite Space non dobbiamo inoltre escludere gli archivi compressi, i quali possono essere estratti tramite una apposita funzione integrata nell’applicazione che va poi a proporre il contenuto relativo nella sezione Downloads dedicata. Ogni file può essere comunque inoltrato via mail ed eventualmente aperto tramite un’app esterna dedicata, ovviamente se compatibile con l’interoperabilità di iOS. Insomma, ottime comodità, concetto interessante, ma non finisce qui.

Space può essere usata anche in modo diretto tramite il proprio iPhone per una delle funzioni più classiche: l’acquisizione di immagini e video. Se avete la memoria piena o volete immortalare un momento da poter poi estrapolare subito tramite una connessione classica USB non vi basterà altro che aprire Space, attivare la sincronizzazione e accedere alla modalità di acquisizione. Qui, tramite un’interfaccia estremamente minimal, sarà possibile acquisire foto e video che andranno poi ad essere archiviati sulla memoria esterna della cover. La cosa è senza dubbio molto interessante, soprattutto nei momenti in cui vogliamo fare dei video che sappiamo che su iPhone tendono ad essere poco compressi e abbastanza pesanti. È possibile oltretutto attivare una modalità di autocaricamento degli scatti presenti sul rullino.

Mophie Space Pack conta su un’applicazione davvero ben realizzata soprattutto dal punto di vista dell’interfaccia, la quale con stile abbastanza flat ci propone vari menù carichi di feature. Sappiamo che lo stesso tool verrà aggiornato nel tempo e le sue funzionalità verranno estese, offrendo così un’esperienza di utilizzo ancora più completa di quella che troviamo già in questo momento. Mophie è stata in grado di portare finalmente su iPhone una memoria aggiuntiva comoda da utilizzare, superando se vogliamo anche un record personale.

Mophie Space Pack: le nostre conclusioni

Giunti alla fine di questa recensione tiriamo come al solito le somme. Non ci sono davvero tante parole per descrivere ciò che troviamo all’interno di Mophie Space Pack. Si tratta di un accessorio davvero completo, ben studiato e in grado di offrire una vera e propria “nuova forma” di iPhone, più aperto, più versatile, più protetto e più capiente. Oltre alla struttura solida e a linee ben definite troviamo comodità quali ingresso microUSB, speaker rivolti verso l’alto, sincronizzazione Wi-Fi con iTunes con la semplice attivazione dell’interruttore sul retro e possibilità di estrarre archivi e di inoltrare i file via mail mediante Space.

L’applicazione è ben fatta e, anche se dispone ancora di qualche bug, siamo sicuri che amplierà tutto il suo potenziale nei prossimi mesi. Questo accessorio è la perfezione, o quasi. L’utilizzo obbligatorio di un adattatore per poter accedere all’ingresso jack da 3,5 mm è una cosa che avremmo voluto non trovare nella nuova cover. Il prezzo di accesso un po’ elevato inoltre – ma pur sempre giustificato dalla qualità e dalle feature del prodotto – ne intaccano un po’ il potenziale di distribuzione su larga scala. Siamo però certi che tutte le comodità messe a disposizione in Mophie Space Pack verranno capite da tutti coloro che necessitano di spazio, carica e protezione sul/del proprio iPhone 5 o 5S. Noi non possiamo che consigliarvela.

Se siete interessati all’acquisto vi segnaliamo che Mophie Space Pack può essere reperita nelle versioni da 16 GB, bianca o nera, e da 32 GB, anche in questo caso bianca o nera, tramite ADL. La cifra di partenza è fissata a 149,99€ per la 16 GB, che lievita fino a 179,99€ per la 32 GB.

Galleria