Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Monitor gaming 21:9: come e quale scegliere

Monitor gaming 21:9: come e quale scegliere

di Matteo Gobbi
Specialist Accessori PC Gaming
aggiornato il 29 marzo 2019
2 utenti hanno trovato utile questa guida
2 utenti hanno trovato utile questa guida
N.B. La guida Monitor gaming 21:9 è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Aprile 2019.

In questa nostra guida agli acquisti vi andremo a mostrare i migliori monitor 21:9 per ogni fascia di prezzo. Come piccola premessa, ci tengo a specificare che wide-screen non significa automaticamente 21:9. Ultimamente, infatti, molti monitor adottano anche tagli piuttosto esotici. Basti pensare al ben noto Samsung C49HG90, monitor curvo 32:9 che abbiamo evidenziato nel nostro articolo generico sul monitor curvo gaming.

Questo articolo, invece, è mirato nello specifico ad identificare gli schermi ultra-wide in formato 21:9. Di conseguenza, non troverete altri formati. Per quelle soluzioni vi rimandiamo alle nostre altre guide, come quella dedicata ai monitor gaming 2K.

Monitor gaming 21:9: quale comprare

Quando si parla dell’ambiente videoludico un display 21:9 meglio si adatta a chi desidera un’esperienza con un livello d’immersione nell’azione superiore alla media. Il motivo è molto semplice, ed è legato a tre semplici lettere: FoV, ovvero Field of View (campo di visuale). Con uno schermo 21:9 si è in grado di ottenere una visuale più larga all’interno dei propri giochi, quindi se siete alla ricerca di un monitor gaming 21:9 l’unica caratteristica da considerare in più rispetto a ciò che normalmente si valuta in un “normale” display è proprio il formato.

Attenzione per, non tutti i giochi supportano la risoluzione 21:9, specialmente i titoli più vecchi o i giochi pensati primariamente per il mercato giapponese, notoriamente il meno PC-oriented al mondo. In aggiunta, non sono affatto schermi concepiti per l’ambiente competitivo online. Di conseguenza, l’unico suggerimento che bisogna necessariamente dare a chi è alla ricerca di uno monitor gaming 21:9 è di acquistarlo solamente se si è giocatori primariamente di titoli cooperativi o in giocatore singolo. In quei casi, infatti, il 21:9 riesce davvero a dare una marcia in più all’esperienza.

Taglio e risoluzione

Passando ora alle specifiche vere e proprie da analizzare, la prima da guardare è sicuramente la risoluzione, che negli schermi ultra-wide può trarre leggermente in inganno i meno ferrati del settore. Uno schermo 16:9, ad esempio, se è descritto come con una risoluzione massima di 1080p vuol dire che supporta un massimo di 1920 x 1080 pixel, mentre uno schermo 21:9 1080p avrà una risoluzione maggiore ed uguale al tempo stesso, dato che si tratterà di un 2560 x 1080 pixel, che all’atto pratico altro non è se non uno schermo Full HD più largo del 25% con la stessa densità di pixel. Comunemente parlando, questa risoluzione viene considerata come parte della grande famiglia dei monitor 2K ultra-wide, anche se matematicamente parlando non dovrebbe essere veramente inteso come 2K.

Di conseguenza, quando guardate un monitor gaming 21:9 dovete assolutamente tenere a mente che quando si guarda la risoluzione è importante fare riferimento principalmente alla quantità di pixel verticali, perché quelli orizzontali potrebbero trarre in inganno e lasciare intendere una risoluzione superiore a quel che in realtà offre lo schermo in questione.

Fluidità dell’immagine

L’altro aspetto critico da valutare è chiaramente il refresh rate, che indica in maniera semplice quale sarebbe il framerate massimo raggiungibile. In concomitanza con tecnologie come FreeSync o il ben più ricercato (e costoso) G-Sync, uno schermo da gaming 21:9 è davvero in grado di offrire un’esperienza davvero molto intrigante e soddisfacente, specialmente se si tratta di una soluzione curva. Si dovrebbe dare un’occhiata anche al response time, ma dato che comprare un monitor gaming 21:9 TN è decisamente sconsigliabile (per ragioni di angoli di visuale), questa specifica può essere ignorata.

Per godere davvero al massimo dell’esperienza Ultra-Wide, infine, l’ultima caratteristica opzionale da cercare nelle soluzioni di fascia più alta è la curvatura nel display. Grazie a questa, infatti, si potrà donare un taglio premium ed ancor più “immersive” all’esperienza.

Monitor gaming 21:9 di fascia medio/bassa

LG 29UM59A

Questo monitor gaming 21:9 vanta un pannello IPS da 29″, risoluzione 2560 x 1080tempo di risposta di 5 ms ed un refresh rate di 75 Hz con supporto all’AMD FreeSync.

Disponibile nei tagli da 25″, 34″ e 29″ (quello che vi suggeriamo maggiormente), LG 29UM59A è lo schermo che meglio riesce a lanciare il giocatore in maniera soddisfacente nell’ambiente dei monitor gaming 21:9 senza investire ingenti quantità di soldi. La diagonale da 29″ lo rende sufficientemente grande in relazione alla risoluzione senza risultare troppo invasivo. Il modello da 29″ offre infatti un display alto come quello di un monitor da 23,5″, ed essendo questo un pannello IPS LED con buoni angoli di visuale ed una reattività superiore alla media – grazie ai 75 Hz di refresh rate con supporto al FreeSync – non risulta affatto niente male neppure per il gaming.

Infine, nel retro troviamo una porta HDMI 1.4, una Display Port 1.2 e nella scocca è integrato un set di speaker. Una valida soluzione, quindi, per dotarsi di uno schermo capace e che risulta una buona piattaforma sia per videogiocare che per lavorare o guardare film ad un prezzo davvero contenuto.

Puoi acquistare LG 29UM59A (29") su Amazon o se preferisci su eBay In alternativa LG 29UM59A (29") è disponibile nelle varianti LG 34UM68 (34") o nella variante LG 25UM58 (25").

Monitor gaming 21:9 di fascia media

LG 34UC89G

Questo monitor gaming 21:9 vanta un pannello curvo IPS da 34″, risoluzione 2560 x 1080, tempo di risposta di 5 ms ed un refresh rate di 144 Hz con supporto all’Nvidia G-Sync.

Torniamo a guardare il roster di LG per il prossimo prodotto, una soluzione gaming 21:9 con 34″ di diametro che a primo sguardo può sembrare molto simile all’LG 34UM68 che vi abbiamo suggerito poco sopra, però presenta alcune importantissime differenze. L’aspetto più facile da notare che contraddistingue i due schermi è la curvatura dello schermo, che in accoppiata col formato 21:9 garantisce un livello d’immersione nell’azione a schermo davvero fantastica.

La risoluzione è la medesima, ed assestandosi a 2560 x 1080 non permette sicuramente di offrire un livello di definizione dell’immagine considerevole, però se si guarda le altre due qualità principali dello schermo è facile capire il motivo. LG 34UC89G, infatti, vanta un refresh rate di ben 144 Hz, che in accoppiata con il ben noto Nvidia G-Sync permette ai giocatori di raggiungere per davvero questi altissimi framerate alla risoluzione massima anche con configurazioni di fascia media. Giusto per questo aspetto, infatti, riteniamo LG 34UC89G non solo un ottimo monitor gaming 21:9 ma un’ottima soluzione per chi vuole un framerate di 144 Hz nei propri giochi e non è dotato di schede Nvidia particolarmente importanti o recenti.

Puoi acquistare LG 34UC89G su Amazon o se preferisci su eBay In alternativa LG 34UC89G è disponibile nella variante Cavo DisplayPort 1.2 (necessario per sfruttare il G-Sync).

Monitor gaming 21:9 di fascia alta

ASUS ROG SWIFT PG348Q

Questo monitor gaming 21:9 vanta un pannello curvo IPS da 34″, risoluzione 3440 x 1440, tempo di risposta di 5 ms ed un refresh rate di 100 Hz con supporto all’Nvidia G-Sync.

PG348Q è un modello di monitor che ormai suggeriamo da diversi mesi in diversi nostri commerciali della collana accessori PC gaming, e la motivazione è davvero semplice: offre un pacchetto di qualità estrema con cui videogiocare. L’immenso pannello curvo da 34″ permette un livello d’immersione davvero notevole, e la qualità dell’immagine non è affatto da meno grazie alla risoluzione 3440 x 1440. Inoltre, l’inclusione di tecnologie per il miglioramento dell’immagine come la tecnologia proprietaria GameVisual, selezione predefinita di 6 profili che offrono esperienze cromatiche e di sfocature per offrire un’esperienza ad-hoc a seconda del genere di gioco che si sta giocando, dona un’ottima versatilità all’esperienza di gioco.

Lo schermo è IPS, quindi la qualità dell’immagine a livello di intensità dei colori e profondità dei neri è davvero ottima, e l’inclusione dell’’Nvidia G Sync e della possibilità di sfruttare ben 100 Hz di refresh rate rende questo monitor gaming 21:9 davvero il non-plus-ultra di chi è alla ricerca di una soluzione per giocare principalmente a giochi non competitivi online.

Puoi acquistare ASUS ROG SWIFT PG348Q su Amazon o se preferisci su eBay In alternativa ASUS ROG SWIFT PG348Q è disponibile nella variante Cavo DisplayPort 1.2 (necessario per sfruttare il G-Sync).

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

2 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Matteo Gobbi tramite i commenti.