Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Monitor 4K IPS gaming: ecco quali sono i migliori sul mercato

Monitor 4K IPS gaming: ecco quali sono i migliori sul mercato

di Matteo Gobbi
Specialist Accessori PC Gaming
aggiornato il 26 marzo 2019
2 utenti hanno trovato utile questa guida
2 utenti hanno trovato utile questa guida
N.B. La guida Monitor 4K IPS gaming è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Aprile 2019.

Con questa guida andremo anzitutto a spiegarvi quali sono le qualità essenziali da valutare quando si vuole capire l’effettiva bontà di un modello di monitor 4K IPS gaming, per poi andare ad evidenziare quelli che (a nostro avviso) sono i migliori modelli attualmente sul mercato. Come andremo ben presto a spiegare, questa tipologia di monitor è facilmente classificabile come “interamente orientata a chi non è intenzionato a giocare primariamente a titoli competitivi online”; di conseguenza, se state cercando monitor pensati per quell’ambiente vi rimandiamo al nostro articolo dove trattiamo più in generale dei migliori monitor gaming. Detto questo, cominciamo.

Monitor 4K IPS gaming: come sceglierlo

Solitamente nei nostri articoli dedicati ai monitor da gaming ci teniamo partendo con un avviso molto importante, e nel caso specifico dei monitor 4K IPS gaming è ancor più importante da rimarcare. Stiamo parlando delle dimensioni dello schermo, o più precisamente di quale range bisogna cercare. Per godere davvero della bontà di questa tipologia di display, infatti, prima ancora di valutare ogni singolo aspetto del pannello (dalla resa dei colori alla risoluzione) bisogna assicurarsi che il proprio monitor 4K IPS gaming sia grande almeno 27″. Se lo schermo fosse più piccolo, infatti, i benefici del 4K verrebbero a meno e non si trarrebbe un vantaggio pratico dall’aumento di risoluzione.

La risoluzione

In questo articolo parliamo nello specifico di prodotti 4K, ma cos’è esattamente il 4K? Stando alla definizione, il termine 4K (conosciuto anche come UHD) include tutti gli schermi che vantano una risoluzione di 3840 x 2160 pixel o 4096 x 2160 pixel, anche se quest’ultima in ambito videoludico non è ponderata essendo pensata per l’ambiente cinematografico. Il motivo è molto semplice: perché uno schermo sia effettivamente 4K, la superficie del pannello deve vantare almeno il quadruplo dei pixel presenti su un display 1920 x 1080. Di conseguenza, schermi in formato 3440 x 1440 – come ad esempio quello montato su ASUS ROG Swift PG348Q per quanto abbiano una risoluzione eccellente non sono tecnicamente 4K.

Cosa comporta, però, questo immenso guadagno di pixel? Detta in maniera molto semplice, ad una maggiore densità di pixel corrisponde un livello di dettaglio notevole e – soprattutto – la capacità di mantenere questo dettaglio anche con l’aumentare delle dimensioni dello schermo. Un monitor Full HD da 32″, ad esempio, avrebbe un quarto dei pixel di un monitor 4K, e con dimensioni così grandi le immagini apparirebbero poco definite o, per usare un termine molto usato a livello gergale, “sgranate”.

Tipologia di pannello e refresh rate

Adesso che sappiamo bene cosa sia il 4K ed i suoi benefici, è tempo di passare a parlare dell’altra qualità che contraddistingue i monitor trattati in questo articolo: il tipo di pannello. Nello specifico, questi possono essere TN, VA o – quelli che interessano in questo caso specifico – IPS (In-Plane Switching). Questa tipologia di retroilluminazione LED offre tre grandissimi vantaggi rispetto alle sue controparti, ovvero ottimi angoli di visuale e – soprattutto – una migliore resa cromatica ed un livello di qualità e profondità dei neri superiore.

L’altra faccia della medaglia, però, è che il tempo di risposta G2G (Grey to Gray) dei singoli LED, ovvero il tempo richiesto da un singolo LED per passare da uno stato ad un altro, è superiore. Sia chiaro, si sta parlando di una differenza nell’ordine dei 3-4 millisecondi, quindi a meno che non dobbiate giocare a qualche titolo competitivo come Counter Strike Global Offensive o Dota 2 questa differenza è irrilevante.

Prima di passare al prossimo capitolo, gradirei fare una piccola parentesi sul refresh rate, ovvero il valore – misurato in MHz – che rappresenta quanti fps (frames per second) è in grado di renderizzare ogni secondo il pannello in questione. Essendo questo articolo mirato ad evidenziare i monitor 4K IPS gaming oriented, e visto e considerato quanto sia pressoché impossibile superare i 60 fps se si gioca in 4K (se non ovviamente abbassando i settaggi grafici del gioco), non andremo a porre particolare enfasi su questo frangente. Chiaramente giocare a framerate superiori allo standard canonico di 60 fps è in grado di donare più fluidità all’esperienza di gioco, ma se il vostro intento è di cercare una soluzione dall’ottimo refresh rate allora l’ambiente 4K non è ciò su cui dovreste puntare.

Le feature aggiuntive

Un monitor 4K IPS gaming che si rispetti, oltre alle specifiche di cui vi ho già parlato, dovrà necessariamente vantare qualche funzionalità extra per aiutare a donare un livello più “premium” alla propria esperienza videoludica. Dalle superfici anti-riflesso alle tecnologie che aiutano a ridurre l’affaticamento visivo, dalla presenza di un’interfaccia in grado di offrire informazioni aggiuntive all’apprezzatissimo contrasto dinamico, sono molte le feature che possono essere presenti in un monitor. Nessuna di queste, però è utile tanto quanto il G-Sync o il FreeSync, anche se in misura minore).

Di fatto, anche se il G-Sync funziona ben meglio (sebbene agisca solamente con GPU Nvidia) entrambe queste tecnologie adempiono alla medesima funzione: prendersi in carico la gestione della la sincronizzazione verticale così da alleggerire il carico della GPU e consentirle (indirettamente) di generare più frame ogni secondo. Credo sia superfluo spiegare quanto questo fatto aiuti considerevolmente una scheda video di fascia media o medio/alta a sfruttare meglio un monitor 4K IPS gaming.

Monitor 4K IPS gaming: i migliori prodotti

LG 27UD58-B

Questo monitor 4K IPS gaming ha un pannello da 27″, refresh rate di 60 Hz ed include la tecnologia FreeSync.

Il primo prodotto che desideriamo portare alla vostra attenzione è un monitor 4K IPS gaming davvero  perfetto per chi desidera entrare nel mondo 4K senza investire ingenti quantità di soldi. Il pannello IPS è davvero molto buono, offrendo una buona qualità dell’immagine, e grazie al suo taglio da 27″ è possibile cogliere i benefici dati dalla risoluzione 3840 x 2160. Il refresh rate è di 60 Hz e grazie alla presenza del FreeSync è presente anche un piccolo aiuto per cercare di rendere possibile raggiungere i 60 fps. Infine, segnaliamo anche la presenza di un rivestimento anti-riflesso, così da aiutare l’utente e rendere più fattibile usare lo schermo anche in condizioni di luminosità poco ottimali (es. col sole alle spalle).

Puoi acquistare LG 27UD58-B su Amazon su eBay o su ePrice

Acer Predator XB271HK/XB321HK

Questo monitor 4K IPS gaming ha un pannello da 27″ o 32″, refresh rate di 60 Hz ed include la tecnologia G-Sync.

XB271HK (27″) ed XB321HK (32″) sono entrambi monitor IPS 4K gaming fantastici, e come abbiamo spiegato all’interno della nostra recensione di Acer Predator XB271HK si tratta complessivamente a nostro avviso della migliore soluzione per il gaming 4K in commercio. Il pannello vanta una resa fantastica dei colori e dei neri, con tanto d’inclusione attivabile a piacimento del contrasto dinamico nel caso vogliate sacrificare la qualità per migliorare la funzionalità in-game.

Il framerate è di 60 Hz, però la fluidità del monitor è superiore alla media dato che pur essendo IPS LED vanta un tempo di risposta di 4 ms (invece che i classici 5 ms). Infine, sono presenti numerosi elementi software nell’interfaccia del monitor per aiutare il giocatore a rendere l’immagine il più idonea possibile alle proprie preferenze e – ciliegina sulla torta – l’apprezzabilissimo Nvidia G-Sync. Un ottimo prodotto, quindi, che specialmente nel taglio da 32″ riesce ad offrire un’esperienza videoludica semplicemente ottima.

Puoi acquistare Acer Predator XB271HK su Amazon su eBay o su ePrice In alternativa Acer Predator XB271HK è disponibile nelle varianti Acer Predator XB321HK o nella variante Cavo DisplayPort 1.2 (necessario per sfruttare il G-Sync).

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

2 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Matteo Gobbi tramite i commenti.