Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Monitor 4K G Sync: come e quale scegliere

Monitor 4K G Sync: come e quale scegliere

di Matteo Gobbi
Specialist Accessori PC Gaming
aggiornato il 23 agosto 2019
2 utenti hanno trovato utile questa guida
2 utenti hanno trovato utile questa guida
N.B. La guida Monitor 4K G Sync è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Settembre 2019.

All’interno di questa guida andremo a spiegarvi come scegliere un ottimo monitor 4K G Sync per rispondere alle vostre necessità videoludiche. Per capire il motivo della nostra selezione, però, riteniamo che un’introduzione dove vi spieghiamo i nostri criteri di selezione sia dovuta.

Monitor 4K G Sync: quale comprare

Video-giocare a risoluzione 4K (3840 x 2160) è un ambizione per molti giocatori, soprattutto per chi ritiene che avere un alto livello di definizione dell’immagine sia una priorità assoluta. Il problema in cui incombe la maggioranza dell’utenza, però, è che essendo il 4K ben quattro volte più denso di pixel, porta ad un carico computazionale della scheda video nettamente superiore rispetto a quello richiesto per giocare in Full HD o 1440p. Di conseguenza, il framerate di 60 fps è non solo difficile da raggiungere ma spesso impossibile da mantenere. I monitor 4K G Sync nascono proprio per rispondere a questo problema, ovvero per rendere ben più semplice per ogni scheda video raggiungere e mantenere il framerate massimo supportato dallo schermo.

Detto questo, però, è importante non dimenticare che un monitor 4K G Sync è pur sempre un monitor. Di conseguenza, il nostro set di criteri di selezione – incluso il loro ordine d’importanza – rimane il medesimo che impieghiamo per scegliere i monitor 4K senza G Sync. Andiamo a rivedere brevemente quali sono.

Dimensioni e tipologia di pannello

Similmente a quanto detto parlando dei monitor 4K da gaming, la primissima qualità da valutare per la selezione di un monitor 4K G Sync è il suo taglio. Le dimensioni di un display, misurate in pollici (ad es. 24″) per risultare ottimali devono essere correttamente rapportate alla sua risoluzione massima. Nel nostro caso, stiamo parlando di schermi 4K, quindi una buona regola da seguire è di evitare tutte le soluzioni inferiori ai 27″. Così facendo, infatti, eviterete il rischio di acquistare un monitor talmente piccolo da non poter cogliere alcun beneficio dalla risoluzione 4K.

Una volta valutato questo importantissimo punto, è altrettanto importante capire anche di che tipologia di pannello si sta parlando. Esistono principalmente due tipologie, nel mondo degli schermi 4K, ovvero i pannelli TN (Twisted Nematic) e IPS (In-Plane Switching). Ciascuno dei due schermi offre due distinte esperienze, essendo il primo più reattivo a livello di tempo di risposta dei LED ma vantando angoli di visuale peggiori e colori/neri meno validi in termini di resa cromatica. Di conseguenza, gli schermi IPS sono più indicati per chi desidera il massimo della qualità dell’immagine, mentre i prodotti TN (essendo anche meno costosi) son più indicati a chi cerca di entrare nel mondo del 4K senza investire ingenti quantità di soldi. Essendo però i monitor 4K G Sync pensati esclusivamente per la fascia alta, però, in questa guida vi proporremo solo schermi con pannelli IPS.

Nvidia G Sync e feature aggiuntive

Ogni schermo degno di essere definito un monitor 4K G Sync includerà diverse feature aggiuntive per aggiungere o potenziare l’esperienza videoludica. L’ordine d’importanza di questi elementi è chiaramente variabile a seconda dell’utente. Dalla quantità di porte presenti sul retro alle feature incluse nel software integrato del monitor in questione, tutti questi aspetti possono essere considerati importanti. In questa guida in particolare, però, l’Nvidia G Sync è l’elemento cruciale da valutare. Questo, infatti, permette al display di svolgere la sincronizzazione verticale dei frame al posto della GPU, alleggerendo il suo carico computazionale e migliorando tanto la stabilità quanto il valore del framerate. Per questa guida, dunque, valutare l’efficacia del sistema G Sync nel prodotto in questione è una priorità assoluta.

Cavo per sfruttare il proprio monitor 4K G Sync

UGREEN cavo Display Port 1.2

Questo cavo Display Port (maschio – maschio) è un’ottima soluzione che consente di dotarsi di un sistema per collegare il proprio monitor 4K G Sync e sfruttare la risoluzione 4K e la tecnologia Nvidia fino ad un refresh rate massimo di 144 Hz. Il cavo è lungo 2 metri, risultando quindi decisamente ottimale per la maggior parte dei setup così da offrire un buon margine di lunghezza senza risultare troppo ingombrante, e grazie al suo ottimo rapporto qualità/prezzo risulta davvero difficile non consigliarne l’acquisto. Per portarvi a casa questo cavo UGREEN è sufficiente selezionare uno dei nostri box dedicati, e ricordatevi che senza una soluzione Display Port 1.2 o superiore è impossibile impiegare il G-Sync!

Puoi acquistare Cavo DisplayPort 1.2 (necessario per sfruttare il G-Sync) su Amazon o se preferisci su eBay

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

Monitor 4K G Sync: i migliori monitor

Acer Predator XB271HK/XB321HK

Questo monitor 4K G Sync ha un pannello IPS da 27″ o 32″ con un framerate da 60 Hz.

Prestante ed estremamente versatile, Acer Predator XB271HK (e la sua variante da 32″, chiamata XB271HK) è l’unica vera opzione attualmente disponibile nel mondo dei monitor 4K G Sync. Disponibile in due tagli differenti – così da soddisfare le preferenze di un maggior numero di utenti – questo monitor ha una scocca dal design zero frame, riducendo al minimo lo spazio occupato dal pannello, e vanta numerose tecnologie utilissime come il ComfyView per ridurre lo stress sugli occhi, il contrasto dinamico  ed Nvidia ULMB.

Il framerate massimo raggiungibile si assesta 60 fps, che grazie all’implementazione dell’Nvidia G-Sync risulta raggiungibile anche da PC di fascia medio-alta e non solo da chi possiede GPU al top di gamma. La qualità dei colori e la profondità dei neri, infine, è davvero notevole grazie alla natura IPS LED del pannello. Nel caso vogliate approfondire ulteriormente le qualità di questo monitor 4K G Sync, infine, vi rimandiamo alla nostra recensione di Acer Predator XB271HK.

Puoi acquistare Acer Predator XB271HK su Amazon su eBay o su ePrice In alternativa Acer Predator XB271HK è disponibile nella variante Acer Predator XB321HK.

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

2 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Matteo Gobbi tramite i commenti.