Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Minix NEO U9-H

Minix NEO U9-H

di Claudio Carelliaggiornato il 31 ottobre 2018
valutazione finale5
La storia del prodotto
Questo articolo raccoglie tutte le news su Minix NEO U9-H presentate o in arrivo nelle prossime settimane e sarà costantemente aggiornato per non farvi perdere nulla sui nuovi dispositivi. L’ultimo aggiornamento risale al 23 Febbraio 2019.
Minix NEO U9-H: 4K nativo, certificazione Widevine e tanta voglia di streaming

Da che il mondo dei mini PC con Android – noti anche come set top box – esiste, Minix può essere considerato uno dei player principali al suo interno. Il produttore cinese ha infatti sempre proposto sul mercato dei dispositivi molto interessanti e alla portata di tutti, in grado di trasformare completamente l’utilizzo di monitor o smart TV con funzionalità decisamente interessanti. Non è da meno il recente Minix Neo U9-H, prodotto che vuole abbracciare con il classico look da box Minix, tanti nuovi standard. Vediamone tutte le caratteristiche all’interno della nostra pagina dedicata.

Minix Neo U9-H caratteristiche

Ispirandosi molto ai modelli precedenti, Minix Neo U9-H non presenta un design rivoluzionato: squadra che vince non si cambia. Questo è infatti caratterizzato da un box nero a faccia quadrata con angoli arrotondati, adatto al posizionamento praticamente su qualsiasi superficie senza dare troppo nell’occhio, piuttosto che su eventuali supporti VESA direttamente dietro al dispositivo con schermo. All’interno troviamo invece un processore Amlogic S912 ad animare il tutto, il quale ufficialmente risulta garantire un clock massimo da 2.0 GHz. In realtà, secondo i vari benchmark eseguiti da esperti, questo SoC non è in grado di discostarsi dagli 1.5 GHz reali. Il tutto è solo da considerarsi come realtà, ma non come un effettivo svantaggio in termini di performance.

Integrata troviamo una GPU Mali-820 MP3, in grado di eseguire il decoding anche di video a risoluzione 4K dotati del recente codec H265 e dello spettro HDR. In abbinamento non mancano inoltre 2 GB di memoria RAM DDR3 e una memoria eMMC 5.0 da 16 GB, abbastanza sufficienti per installare le più disparate applicazioni di streaming o per lo svago presenti sul Play Store (e non). Come connettività troviamo Wi-Fi 802.11 ac dual band, Bluetooth 4.1 e un ingresso Ethernet Gigabit per eventuali server multimediali domestici ad alta velocità. Fra le porte sono invece presenti tre USB 2.0, slot Kensington, una porta OTG, slot micro SD per l’espansione della memoria, alimentazione DC (5 Volt / 3 Ampere) e HDMI 2.0, con tutti i vantaggi del nuovo connettore (output 4K, HDR nativo).

L’azienda ci tiene inoltre a precisare che in Minix Neo U9-H sono presenti anche le certificazioni Microsoft Play Ready 3.0 e Google Widevine Level 1, per sfruttare al massimo della risoluzione i contenuti in streaming tramite app previa opportuna autorizzazione. Netflix ad esempio non ha una certificazione ufficiale, ma con una versione “particolare” dell’apk è possibile sbloccare tale funzionalità, in quanto lato hardware il box non dispone di effettive limitazioni.

15 settembre 2016
Minix NEO U9-H: la nostra prova

Minix NEO U9-H opinioni

Dopo alcune settimane abbiamo realizzato la nostra recensione di Minix NEO U9-H. Se volete approfondire, vi rimandiamo al link presente proprio ad inizio frase.

14 giugno 2017