Migliori tastiere gaming: come e quali scegliere

Questo articolo è monitorato mensilmente e aggiornato con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a maggio 2018.

 

L’obbiettivo principale di questo articolo è quello di suggerirvi le migliori tastiere gaming, periferiche fondamentali sia per impiegare il PC in tutta comodità che per videogiocare senza input lag o senza essere scomodi/imprecisi. Buone sie per scrivere che per giocare, andiamo quindi insieme a vedere quali sono le più migliori tastiere gaming disponibili al momento.

Migliori tastiere gaming quale comprare

Le tastiere, o “keyboard”, devono essere scelte seguendo svariati canoni. La prima grossa distinzione che deve essere fatta è sulla tipologia di tasti presenti, che possono essere a membrana, meccanici o mem-chanical. Le tastiere a membrana sono molto diffuse e poco costose, risultando sufficientemente affidabili ma con una risposta dei tasti meno precisa rispetto alle più costose sorelle meccaniche, estremamente valide e dotate di tasti ben più precisi/consistenti. Inoltre, l’aspettativa di vita dei sensori è decisamente maggiore con le keyboard meccaniche, vantando anche la possibilità di poter cambiare un singolo tasto invece che dover sostituire l’intera tastiera in caso di malfunzionamento. Le varianti mem-chanical, invece, risultano un ibrido e montano una membrana come sensore ma hanno sotto ogni tasto il meccanismo delle keyboard meccaniche. Sono d’introduzione relativamente recente ed offrono un ottimo compromesso di prestazioni e costo.

Esistono diverse tipologie di tasti, o “switch”, nel mondo delle tastiere meccaniche, e ciascuno di questi avrà caratteristiche leggermente diverse per soddisfare le varie richieste di mercato. Ogni tasto meccanico funziona in maniera simile, richiedendo una determinata forza di attuazione per essere schiacciato, un punto d’attuazione lineare o tattile, avendo una distanza (o corsa) predeterminata dalla posizione di riposo al punto in cui parte il segnale ed una rumorosità che può cambiare a seconda del sistema di ritorno del tasto. Alcuni produttori desiderano sviluppare i propri switch, come Logitech o Razer; la maggior parte, però decide di integrare nei loro prodotti i tasti di marca Cherry. La serie Cherry MX è sicuramente una delle più diffuse sul mercato e la sua variante più nota nel mondo del gaming è la Cherry MX Red, con forza di attuazione di 45 grammi, corsa e rumorosità intermedia ed un punto d’attuazione lineare.

Altro requisito da tenere a mente durante la selezione delle migliori tastiere gaming sono le caratteristiche secondarie. Pensate alla vostra rig e chiedersi cosa potrebbe portare di utile quella tastiera da gaming alla vostra esperienza videoludica: è così distante il case rispetto a dove si è seduti da aver bisogno di attaccare un paio di cuffie direttamente alla tastiera? Il regolatore del volume è scomodo da raggiungere per mutare le casse se suona il telefono? Si sfrutterebbero eventuali tasti laterali per programmare delle macro? Potrebbe essere utile avere l’opzione di poter attaccare delle espansioni per tastiere alla propria keyboard così da avere tasti aggiuntivi? In base alla risposta a queste domande, si capisce l’importanza per il proprio caso di queste potenziali feature aggiuntive.

Migliori tastiere gaming di fascia medio-bassa: dai 20 ai 50€

Perixx PX-1800

Migliori tastiere gaming

Questa tastiera a membrana ha un cavo da 1,8 metri, pulsanti media dedicati e poggia polsi fisso.

Se siete in cerca di una tastiera per videogiocare e non desiderate spendere più di 30€ difficilmente potreste trovare una soluzione con lo stesso ottimo rapporto qualità/prezzo. Il poggia polsi è ampio e più che sufficiente per la categoria, e per quanto di per sé la tastiera non includa funzionalità evolute mantiene comunque una buona versatilità grazie all’anti-ghosting a 19 tasti, numerose feature attivabili tramite la pressione del tasto Fn e retroilluminazione a 3 colori. Chiaramente non vanta materiali pregiati o tasti ultra-reattivi come prodotti di fascia più alta, però non è neanche un dispositivo di fattura scadente e se si considera che potete trovarlo su questa pagina Amazon a meno di 20€ capite facilmente il perché della nostra raccomandazione.

ASUS Cerberus

Migliori tastiere Gaming

Questa tastiera a membrana ha un cavo da 2 metri, pulsanti media dedicati e poggia polsi fisso.

Anche in questo caso vi proponiamo una soluzione dall’ottimo rapporto qualità/prezzo, però con qualche funzione in più rispetto al prodotto che vi abbiamo consigliato poco sopra. Il livello di comfort è decisamente buono, visto che questa gaming keyboard di Asus vanta un poggia polsi piuttosto grande. I materiali di costruzione, in accoppiata con una piastra di metallo, rendono questa tastiera molto robusta senza arrivare a pesare eccessivamente (1100 grammi). Inoltre, la presenza di speciali porte di drenaggio garantisce una buona resistenza alla caduta di liquidi. Sono presenti dei tasti media dedicati, uno atto ad abilitare la modalità gaming e di i tasti F1-F12 sono programmabili, donando quindi a questa gaming keyboard ben 12 tasti macro; sebbene non siano tasti dedicati sono comunque moltissimi, dando ampio margine di customizzazione dell’esperienza di gioco, Windows), L’anti-ghosting è di 19 tasti ed anche se il sistema di retroilluminazione offre solo due colori, rosso e blu (con quattro livelli di luminosità), non è un dramma. Davvero non male per una tastiera da gaming di questa fascia, rendendola quindi una soluzione ideale per chiunque voglia un buon prodotto di marca, in grado offrire buoni livelli di praticità e qualche opzione dedicata al gaming. Nel caso vogliate acquistarla, la trovate su questa pagina Amazon o per mezzo del box qui sotto.

Migliori tastiere gaming di fascia media: dai 60 ai 120€

Logitech G213 Prodigy

Migliori tastiere Gaming

Questa tastiera a membrana ha un cavo da 1,8 metri, pulsanti media dedicati e poggia polsi fisso.

Una delle migliori tastiere a membrana attualmente in circolazione, come abbiamo evidenziato nella nostra recensione di Logitech G213 Prodigy, questa è assolutamente una periferica fantastica, adatta tanto al gaming quando all’uso quotidiano. Leggera e comoda, la G213 ci metterà davvero a nostro agio sia quando dovremo scrivere che nelle fasi più intense di gaming. Questa fantastica combinazione di comfort e reattività – quest’ultima raramente presente in una keyboard a membrana – è da ricondurre interamente alla sua ergonomia ben studiata ed ai tasti sorprendentemente reattivi. È presente infatti un poggia polsi integrato nella scocca che da un lato non è regolabile ma dall’altro riduce sensibilmente il peso dell’apparecchio (appena 1000 grammi) pur senza rinunciare al comfort. Non preoccupatevi però, un certo grado di personalizzazione è pur sempre presente, sia a livello hardware con i piedini posti nel retro ed i tasti multimedia dedicati, che software. Con il Logitech Gaming Software, infatti, avremo modo di personalizzare il sistema di illuminazione RGB da 16,8 milioni di colori e sviluppare macro. In conclusione questa è davvero un’ottima tastiera e l‘unica pecca della G213 è la mancanza di connettività: non sono presenti una porta USB o ingressi per cuffie/microfono. Se desiderata comprarla, la trovate direttamente da Amazon e tramite il box sottostante.

Migliori tastiere gaming di fascia alta: oltre i 100€

Corsair Strafe

Migliori tastiere Gaming

Questa tastiera meccanica ha un cavo da 1,8 metri, pulsanti media non-dedicati e poggia polsi removibile.

Ad un prezzo non eccessivo (per una buona tastiera meccanica) troviamo un prodotto dal design pulito, dal gusto un po’ retrò ed elegante. Questa tastiera da gaming è dotata degli apprezzatissimi tasti Cherry MX a scelta tra silent, red e brown, ciascuno dei quali ha caratteristiche differenti per quanto riguarda forza richieste per premerli e silenziosità. L’opzione silent, per esempio, garantisce una silenziosità eccellente in confronto alle tastiere dei competitor, mentre quelli red sono ottimali per il gaming sebbene un filino più rumorosi. Il livello di customizzazione della Strafe è buono, ma il vero pregio dell’esperienza è sicuramente fornito dalla qualità intrinseca del prodotto, sia come materiali che degli switch meccanici. Inclusa nella scocca troviamo come extra feature solo una porta USB per collegare un secondo device al computer, niente di particolarmente stravagante ma comunque giustificabile; l’unica vera pecca è l’assenza di un poggia polsi. Se desiderate acquistarla, Corsair Strafe è disponibile questo link ad Amazon o tramite il box qui sotto; esiste anche una variante con retroilluminazione RGB, che potete visionare tramite questo link, però il prezzo in quel caso è davvero piuttosto alto per poterla consigliare visto che l’unica differenza è offerta dai let a 16,8 milioni di colori.

Logitech G910 Orion Spectrum RGB

Migliori tastiere Gaming

Questa tastiera meccanica ha un cavo da 1,8 metri, pulsanti media dedicati e poggia polsi fisso.

Se cercate i pregi degli switch meccanici in combinazione alle multifunzioni solitamente associate alle tastiere a membrana, Logitech torna in nostro aiuto con questa tastiera da gaming estremamente ben assemblata e dalle prestazioni elevate. Essa monta al suo interno i tasti Romer G sviluppati da Logitech con l’intento di detenere il primo posto sul podio dei migliori tasti meccanici. Con una notevole durabilità di 70 milioni di pressioni, una profondità di 3 mm e silenziosità analoga ai Cherry MX Brown, sembra che i tasti Roamer G siano una ottima combinazione delle migliori feature della competizione. Per il resto, la tastiera è molto personalizzabile: nove tasti programmabili, colori RGB da 16,8 milioni di colori regolabili per ogni tasto e, feature piuttosto unica nel settore, una dock station per il nostro smartphone Android o Apple così da poter sfruttare app come quella per il Pip Boy di Fallout 4 senza avere il telefono che balla in giro per il tavolo, oppure semplicemente per tenere d’occhio le nostre statistiche o la minimappa abbassando un secondo lo sguardo. Unica pecca che spesso affligge il mercato delle tastiere da gaming (oltre alla mancanza di una porta USB, che sembra una costante di Logitech) è la mancanza del layout italiano. Non è un problema particolarmente grave, però per qualcuno potrebbe risultare fastidioso avere una tastiera dove i tasti speciali non combaciano con l’immagine sovrastante. Nel caso vogliate portarvi a casa questo ottimo prodotto, lo trovate tramite lo store di Amazon o per mezzo di questo box. 

 

Altro

La nostra guida sulle migliori tastiere gaming ti è piaciuta? Prova a dare un’occhiata anche agli altri articoli appartenenti alla collana accessori PC gaming:

 

Avete qualche dubbio nello scegliere le migliori tastiere gaming per il vostro caso, oppure volete suggerire qualche modello da inserire all’interno della collezione? Usate il box dei commenti qui sotto!

Top