Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Mouse gaming wireless: come e quale scegliere

Mouse gaming wireless: come e quale scegliere

di Matteo Gobbi
Specialist Accessori PC Gaming
aggiornato il 24 aprile 2019
2 utenti hanno trovato utile questa guida

Che aspetti? Per un tempo limitato puoi approfittare dei nuovi sconti “Imperdibili di eBay“: tantissime offerte su svariate categorie, con sconti fino al 50% per innumerevoli prodotti di spicco. In più, fino al 26 maggio, puoi approfittare su Amazon di una serie di sconti dedicati a tutto ciò che ruota intorno ad HP grazie alle promozioni per gli “HP Days“, dove puoi trovare notebook, monitor e cuffie in offerta. In particolare ti segnaliamo la seguente offerta:

N.B. La guida Mouse gaming wireless è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Maggio 2019.

L’obbiettivo principale di questo articolo è quello di suggerirvi un buon mouse gaming wireless, ovvero un mouse capace di funzionare senza l’intralcio di un filo. Questa tipologia di dispositivi per definizione vanta alcuni pregi e soffre di un paio di “difetti concettuali” rispetto alle loro controparti cablate; andiamo quindi a vedere insieme se queste caratteristiche siano o meno idonee per voi.

Mouse gaming wireless: quale comprare

Vi abbiamo già spiegato in dettaglio quali sono i punti principali da individuare in un buon mouse nella nostra guida ai mouse gaming, però visto che gran parte di queste caratteristiche riguardano anche i mouse gaming wireless ricapitoliamo brevemente.

Gli aspetti legati all’ergonomia

Il comfort e la funzionalità sono i punti essenziali che ogni mouse deve rispettare per essere ritenuto degno della vostra attenzione. L’ergonomia è un aspetto essenziale, visto che andremo ad impugnare la periferica il 100% del tempo che siamo davanti al PC, ed è determinata dalla forma del mouse. Tralasciando il fatto che alcuni mouse permettono addirittura di customizzare l’impugnatura, esistono due principali tipologie di design: uno “a palmo disteso” ed uno “ad artiglio“.

Non esistono effettivi pregi o difetti di un’impugnatura rispetto all’altra, quindi dovrete valutare a seconda della vostra preferenza se preferite un mouse da usare a palmo disteso oppure uno con le dita arcuate. Un mouse ambidestro, inoltre, è particolarmente apprezzabile dato che più del 10% delle persone al mondo sono mancine e quindi con queste tipologie di prodotti non devono impazzire cercando le poche soluzioni mancine da gaming presenti sul mercato.

Il sensore ottico

Un altro aspetto importante da valutare è la bontà del sensore ottico, che viene determinato da molti aspetti ma principalmente è legato al DPI (Dots Per Inch, ovvero punti per pollice). Con l’aumentare del settaggio DPI diminuisce lo spostamento richiesto per muovere il mouse sullo schermo, però non è tanto il valore massimo di DPI ad essere importante quanto la possibilità di scegliere manualmente che valore di DPI impiegare. Ormai tutti i mouse consentono di impostare il DPI, però solo i migliori mouse da gaming lasciano scegliere al giocatore tramite software esattamente che DPI assegnare al proprio mouse.

Peculiarità del mouse non cablato

Per un mouse gaming wireless bisogna considerare un ulteriore fattore, ovvero la durata della batteria. La maggioranza di queste periferiche (soprattutto quelle di fascia più alta) ha una batteria integrata ed offre quindi l’opzione di collegare via cavo il mouse al PC, però la durata della batteria è comunque importantissima. Lasciando sempre collegato il mouse, infatti, nega in toto la necessità di una periferica senza fili, quindi sapere per quanto tempo possiamo giocare senza dover scomodarci a ricaricarlo è a dir poco essenziale.

Tenete a mente, infine, che un mouse gaming wireless per definizione avrà un prezzo superiore all’equivalente cablato, quindi se cercate periferiche rispettabili ed atte al gaming evitate soluzioni low-cost. Nel caso vogliate spendere meno di 50€ vi suggeriamo piuttosto di dare un’occhiata ad un mouse gaming economico, che non sarà senza fili ma offre sicuramente un miglior rapporto qualità/prezzo.

Mouse gaming wireless di fascia media

Logitech G603

Questo mouse gaming wireless vanta un sensore ottico da 250 – 12.000 DPI, polling rate di 1.000 Hz e sei pulsanti laterali; l’autonomia delle due batterie AA è di un massimo di 500 ore in modalità Endurance.

Leggero e con un design semplice ed ergonomico, Logitech 603 rappresenta una validissima soluzione per chi desidera un mouse gaming wireless di qualità ma non troppo costoso. Il sensore ottico è preciso e ben configurabile, e non consuma moltissima batteria nonostante i 1.000 Hz di polling rate in modalità Performance. Detto questo, però, se desiderate aumentare la durata della carica è pur sempre possibile ridurre il polling rate e raggiungere ben 500 ore di autonomia in modalità Endurance. Infine, evidenziamo anche la possibilità di salvare un profilo con le proprie impostazioni del DPI direttamente sul mouse.

Puoi acquistare Logitech G603 su Amazon.

Logitech G603
Prezzo consigliato: € 81.99Prezzo: € 53.47

Mouse gaming wireless di fascia alta

Razer Lancehead Wireless

Questo mouse gaming wireless vanta un sensore ottico 5G precisissimo da 16.000 DPI, polling rate di 1000 Hz e quattro pulsanti laterali; l’autonomia della batteria integrata è di un massimo di 24 ore.

Razer Lancehead Wireless è, per mancanza di una migliore definizione, una variante senza fili dell’ottimo Razer Lancehead Tournament Edition di cui vi abbiamo già parlato nella nostra guida ai mouse gaming Razer. Il design ambidestro è semplicemente ottimo e le guance gommate anti-scivolo presenti su entrambi i lati aiuta ancor di più sul lato comfort e piacere d’uso. Gli switch Omron sono precisi e più reattivi della media, e l’integrazione di ben quattro pulsanti laterali non è affatto da disdegnare, anche se non essendo sullo stesso lato del mouse la loro comodità d’uso è chiaramente variabile se si è mancini o destrimani. La rotella del mouse ha un feedback tattile per migliorare la precisione dei movimenti ed è retroilluminata (assieme ad altri elementi del mouse) dal sistema Chroma RGB da 16,8 milioni di colori.

Puoi acquistare Razer Lancehead Wireless su Amazon o se preferisci su eBay

Logitech G900 Chaos Spectrum

Questo mouse gaming wireless vanta un intelligentissimo sensore ottico 4G da 200 – 12.000 DPI, polling rate di 1000 Hz e quattro pulsanti laterali (due per lato); l’autonomia della singola batteria AA ricaricabile è di un massimo di 32 ore.

L’ultimo mouse che abbiamo deciso di evidenziare è una vera chicca, ovvero il magnifico Logitech G900 Chaos Spectrum. Questo mouse è uno dei più performanti, versatili e meglio concepiti attualmente in commercio. Il suo sensore ottico da 200 – 12.000 DPI è il più preciso sfornato da casa Logitech finora e grazie alla tecnologia proprietaria wireless di qualità professionale il G900 è virtualmente priva di input lag.

L’ergonomia è ottima, pienamente ambidestra e persino customizzabile dato che i quattro pulsanti laterali (due per lato) sono rimovibili a piacimento. Gli switch sono meccanici, garantendo un’attuazione consistente e precisa, e l’illuminazione RGB da 16,8 milioni di colori evidenzia benissimo ogni singolo dettaglio di questo mouse dal design molto allettante. L’autonomia, infine, è di circa 32 ore con l’illuminazione spenta e di 24 ore con il sistema di luci RGB acceso. Per comprare questa eccellente periferica da gaming è sufficiente selezionare i box dedicati che trovate qui accanto.

Puoi acquistare Logitech G900 Chaos Spectrum su Amazon o se preferisci su eBay

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

2 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Matteo Gobbi tramite i commenti.