Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Migliori cuffie DJ: tutti i migliori modelli da portare in console

Migliori cuffie DJ: tutti i migliori modelli da portare in console

di Claudio Carelli
Specialist Cuffie
aggiornato il 22 ottobre 2019
2 utenti hanno trovato utile questa guida

Non avete mai provato il servizio di streaming di casa Amazon? Attenzione, perché c’è un’offerta per voi: fino al 4 novembre potete attivare ben tre mesi completamente gratuiti (90 giorni) di Amazon Music Unlimited, utilizzando il codice coupon che trovate all’interno di questa pagina ufficiale. Qui vi basterà cliccare “Utilizza codice di sconto“, incollare il coupon e… fatto! Avrete tre mesi di musica completamente gratuiti.

Vi segnaliamo inoltre tantissime offerte per la eBay Halloween Super Week: fino al 60% di sconto su articoli di tutti i tipi. Datele un’occhiata alla seguente sezione dedicata.

N.B. La guida cuffie DJ è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Novembre 2019.

Sei un DJ alle prime armi o semplicemente un DJ esperto poco in linea con le ultime novità rilasciate sul mercato nel corso degli ultimi anni? Niente paura, perché in quanto a cuffie abbiamo pensato di darvi una mano. Ecco infatti, con una selezione accurata e sempre aggiornata, le migliori cuffie DJ presenti sul mercato. Pronti a far pompare la musica al top?

Cuffie DJ: quale comprare

Tutti i DJ hanno bisogno di un paio di cuffie – inutile che fate i fighi e lasciate i CDJ in Auto, vi servono. A partire dalle fasi di mixing più intense, fino alla semplice scelta dei brani da suonare, le cuffie sono lo strumento principale per un DJ; egli, a rigor di logica,dovrebbe tenerle alle orecchie anche per svariate ore di seguito durante gli eventi. Ma a questo punto cosa è lecito aspettarsi da una cuffia da DJ? Vanno bene tutte, purché siano costose? Devono solo suonare bene? Rispondiamo a queste e ad eventuali altre domande che potrebbero sorgervi se non siete pratici del settore. Approfondiamo innanzitutto i criteri di scelta che abbiamo utilizzato per selezionare le migliori cuffie DJ per voi.

Comodità

Le cuffie DJ devono, prima cosa di tutto, essere comode e non torturare chi le indossa. Pensiamo sia proprio questa la prima prerogativa di un paio di buone cuffie per le sessioni di mixing: potrete sicuramente avere modelli con costi smisurati, ma se sono scomode e riscaldano dopo una mezz’oretta, ben poco ve ne fate. Il DJ infatti si trova a suonare mediamente per svariate ore e non può vivere il mix dei brani durante la serata come una tortura, costretto a togliere le cuffie. Spesso queste sono inoltre utilizzate per il pre-ascolto, cosa assolutamente essenziale per riuscire a mettere a tempo tutti i vari brani durante la sessione.

Qualità costruttiva

Il criterio selettivo soprastante è rappresentato da un’altra faccia della medaglia, ovvero la qualità costruttiva. La cuffia deve essere sì comoda, ma anche in grado di resistere nel tempo a tutti i “maltrattamenti” tradizionali, caratterizzati dagli spostamenti continui e frenetici. Le cuffie DJ non sono un prodotto rugged, ma è anche vero che devono necessariamente essere in grado di combattere in modo ottimale l’usura derivata appunto dai piccoli urti da trasporto, dagli strattoni oppure semplicemente dal sudore. Per questo abbiamo selezionato solo dei prodotti di prima scelta per materiali ed ergonomia: pochi ma buoni.

Qualità sonora

Per il resto, la ricerca di cuffie DJ dotate di risposta in frequenza a livelli estremi o di driver in materiali megapregiati non ha molto senso. La qualità sonora è sicuramente comunque un criterio selettivo per individuare il modello che faccia più al caso proprio, ma c’è da dire che il DJ non ha bisogno di coinvolgimento e di sentire il sample il più naturale possibile: ha bisogno di essere ben isolato dall’ambiente esterno e di avere una buona stereofonia con frequenze ben distinte ed enfatizzate nel ruolo che occupano; bassi che picchiano parecchio, alti cristallini e via dicendo.

Il tutto è funzionale, poiché i bassi, in riferimento ai vari beat, sono anch’essi importanti per la messa a tempo dei brani, ma anche dei buoni medi sono importanti per capire il filtraggio, altra attività del DJ abbastanza fondamentale, dei brani in riproduzione. Importanti sono inoltre i driver, che tendenzialmente più sono grandi e più offrono una stereofonia migliore. Di contro chiaramente aumenta l’impedenza necessaria per suonare e ad alto volume (un altro aspetto da non sottovalutare), ma se avete una buona console non dovreste aver problemi. Importante è che il suono, a conti fatti, rimanga il più naturale possibile, senza alterazioni derivanti da tecnologie di boosting o di isolamento del rumore esterno.

 

Capiti quindi i punti essenziali da ricercare, passiamo ai modelli che abbiamo individuato. Questi sono suddivisi in due macrocategorie e in ordine di prezzo: in base al budget che avete a disposizione, scegliete il modello che preferite. Nella prima parte dedicata alla fascia medio-bassa trovate cuffie un po’ più per amatoriali, sebbene comunque non suggeriamo mai nulla di mediocre o dalla scarsa qualità; nella fascia alta consigliamo invece l’acquisto di cuffie più adatte a chi fa il DJ di professione.

Migliori cuffie DJ: fascia medio-bassa

Pioneer HDJ-700-K

Il primo modello fra le migliori cuffie DJ che andiamo ad approfondire sono le Pioneer HDJ-700-K. Semplici ma allo stesso tempo molto accattivanti, queste cuffie DJ mettono a disposizione degli utenti buone specifiche tecniche e uno stile davvero niente male.

Esternamente troviamo una buona struttura plastica accompagnata da alcuni inserti metallici, utili a resistere nel tempo. I due driver sono collegati fra di loro con un buon cavo che si mostra a vista anche nella parte interna, e sono ruotabili di 60 gradi; consentono quindi facilmente l’utilizzo anche di una sola cuffia durante le fasi di mixing più intensive, dove si può preferire legare il pre-ascolto all’effettiva riproduzione in cassa dei brani. Utili un po’ per tutti senza troppe pretese, sono ovviamente chiuse e hanno un cavo removibile jack placcato in oro da 3,5 mm, con adattatore da 6,3 mm per i prodotti più classici.

I driver dinamici da 40 mm dispongono di una risposta in frequenza pari a 5 Hz – 28 KHz, davvero ottima per poter ascoltare tutte gli specifici suoni elettronici, anche molto flebili. L’uscita è pari a 105 dBmW, quindi bella potente, la sensibilità è da 105 dB mentre l’impedenza è da 45 Ohm. Il tutto si convoglia in un prodotto dalla colorazione prettamente nera, con un peso complessivo di 220 grammi – non delle campionesse in leggerezza, ma niente male. Sono delle ottime cuffie per iniziare ad avvicinarsi al mondo del DJing senza dover per forza scendere a compromessi.

Puoi acquistare Pioneer HDJ-700-K su Amazon o se preferisci su eBay

Audio Technica Pro ATH-M50X

Continuiamo la guida alle migliori cuffie DJ con un paio che, tendenzialmente, non è in modo canonico pensato per chi sta dietro ai dischi. Parliamo delle Audio Technica Pro ATH-M50X, cuffie over-ear chiuse che raccolgono delle specifiche tecniche davvero degne di nota. Queste, vista la grandissima qualità audio offerte per il monitoring, saranno una scelta molto interessante per gli “esperti ai tecnici“.

La struttura esterna è costituita in policarbonato particolarmente resistente, combinato all’ottima pelle pensata per i cuscinetti protettivi. All’interno troviamo due driver da 45 millimetri in neodimio di tipo dinamico. Essi offrono una risposta in frequenza notevole, pari a 15 Hz – 28 KHz, adatto ad ascoltare al meglio tutte le varie frequenze durante le fasi di mixing. L’archetto abbastanza elastico offre inoltre l’opportunità di tenere un cuffiotto per volta. Questi sono anche rotanti sull’asse orizzontale, in grado di adattarsi quindi un po’ a tutte le forme di capo.

La sensibilità è pari a 99 dB, mentre l’impedenza è da 38 Ohm: quest’ultimo valore è decisamente sotto la media, e giustifica un po’ la potenza in uscita (non è male visto che l’isolamento è ottimo). I cavi presenti sono removibili, e nella dotazione ne troviamo svariati – ben tre, fra cui uno a spirale da 1,2 metri, uno da 3 metri diritto e uno da 1,2 metri diritto. Il connettore è da 3,5 millimetri, con adattatore in dotazione per la classica conversione a 6,3 mm. Dotate anche di borsa per il trasporto, un deficit potrebbe essere il peso, pari a 285 grammi senza cavo. Un po’ troppi? Sì, ma se volete scendere al compromesso di avere un prodotto resistente e funzionale, magari un po’ più pesante, è l’ideale.

Puoi acquistare Audio Technica Pro ATH-M50X su Amazon o se preferisci su eBay

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

Migliori cuffie DJ: fascia alta

AIAIAI TMA-2

Proseguiamo la nostra rassegna delle migliori cuffie DJ con un prodotto che è sia un grande controsenso che un dispositivo di grande fascino. Parliamo delle AIAIAI TMA 2, cuffie nate su un concept modulare decisamente unico. La loro natura modulareoffre una serie di combinazioni per ciò che riguarda archetto, speaker, copricuffia e cavo davvero smisurato, adatte alle più vaste circostanze. Per personalizzarle al meglio è possibile utilizzare il configuratore sul sito ufficiale AIAIAI.

Su alcuni e-Commerce come Amazon, però, l’azienda offre anche delle combinazioni pre-configurate, fra cui quella per DJ. Ma cosa offrono dal punto di vista tecnico? Gli speaker integrano al loro interno due driver in neodimio da 40 millimetri, i quali offrono una risposta in frequenza non proprio nota e precisa al millesimo. L’azienda infatti riporta, per gli speaker S02, la curva del suono in uscita nel range 20 Hz – 20 KHz, non proprio il massimo per i DJ. Sta di fatto che probabilmente il range effettivo è leggermente superiore. La cura dei bassi e gli elevati feedback raccolti in un paio di anni dalle TMA-2 lasciano presagire estreme performance per i bassi, e quindi per la musica elettronica e con carattere percussivo; c’è chi le classifica come “dubstep headphones“.

La pressione acustica ammonta a ben 117 dB, e infatti l’impedenza è da appena 32 Ohm: ci troviamo di fronte ad un paio di cuffiette abbastanza versatili, usabili anche in circostanze diverse rispetto al DJing. La loro modularità è comunque un aspetto importante per quest’ultimo impiego. Si smontano, infatti, in toto: gli speaker si estraggono, il cavo si rimuove, tutto all’insegna della praticità. Oltretutto il formato DJ è on-ear, chiuso, con un archetto spaventosamente leggero che conferisce alle TMA 2 un’elevata portabilità, nonché comodità durante l’utilizzo anche dopo svariate ore.

Puoi acquistare AIAIAI TMA-2 su Amazon o se preferisci su eBay

AIAIAI TMA-2
Prezzo consigliato: € 200Prezzo: € 163.9

Pioneer HDJ-X10

Arriviamo al top del top per ciò che riguarda le cuffie DJ e incontriamo le Pioneer HDJ-X10, cuffie progettate per l’utilizzo prettamente professionale – sia esso da svolto in una serata più tranquilla per pochi, sia sui grandi palchi. Queste dispongono di un design estremamente ergonomico, con cuffiotti che si ripiegano sia verso l’interno per essere trasportate agevolmente, sia sull’asse verticale per potersi adattare a tutte le forme di capo. Lato tecnico, beh… siamo di fronti ad una vera e propria meraviglia.

Le nostre X10 hanno infatti una risposta in frequenza davvero ampia, pari a 5 Hz fino a 40 KHz, ma soprattutto di una impedenza che comunque non supera i canonici 32 Ohm (sìsì, avete capito benissimo). Questo consente di ascoltare praticamente tutte le sfumature di ogni brano, sia esso appartenente ad un genere più puro e tradizionale, sia uno più sperimentale ed elettronico.

Una cosa sicuramente molto interessante è il rivestimento impiegato per il cuscino sull’archetto e per i copricuffia, in quanto questo è stato realizzato utilizzando un sistema di nano coating che riesce ad impedire a sudore e sporco di penetrare all’interno della struttura, cosa tutt’altro che banale quando si parla di cuffie per DJ che spesso si ritrovano in posti sovraffollati. In dotazione anche una custodia rigida, ottima per il trasporto in sicurezza, nonché due tipologie di cavi jack : uno a spirale con jack da 3,5 mm ed uno dritto con jack da 6,3 mm. Non mi direte che vi lasciate sfuggire queste bellezze se fare il DJ per voi rappresenta una vera e propria professione, vero?

Puoi acquistare Pioneer HDJ-X10 su Amazon o se preferisci su eBay

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

2 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Claudio Carelli tramite i commenti.