Guida alla scelta: migliore fotocamera mirrorless

Attenzione: in questo periodo natalizio, abbiamo selezionato le offerte migliori per trovare regali di Natale di diversa fascia di prezzo e categoria. Aggiorneremo le nostre pagine costantemente, intanto, come ogni anno, ti consigliamo anche di dare un’occhiata alle offerte di Natale 2017 di Amazon.

N.B. Questo articolo è monitorato mensilmente e aggiornato con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Dicembre 2017.

 

Dopo aver selezionato la miglior fotocamera compatta, ci concentriamo questa volta sulla categoria delle fotocamere mirrorless. Queste sono una tipologia di macchine fotografiche che negli ultimi tempi ha generato molto successo portando le aziende ad adeguarsi al mercato in rapida crescita. Il loro grande successo è stato dettato dall’insoddisfazione che moltissimi fotografi hanno avuto della propria attrezzatura (reflex in linea di massima) a causa del peso e dai limiti operativi che in alcuni casi riservava.

migliore mirrorlessTali limiti spaziano dalla discrezione che viene a mancare ad un fotografo di reportage impugnando un’enorme ammiraglia (Canon o Nikon non fa differenza), dal forte rumore prodotto dallo scatto per un fotografo di spettacolo o dal peso che un fotografo paesaggista è costretto a trasportare. Con l’avvento delle mirrorless questi limiti sono stati parzialmente risolti.

I prodotti scelti per individuare la migliore mirrorless che faccia al caso vostro sono stati suddivisi in tre fasce di prezzi distinte: fino ai 499€ per quella medio/bassa, fino a 849€ per quella medio/alta e oltre ai 1000€ per quella alta/pro. La fascia bassa parte dai 250€, cifra per la quale è possibile accedere all’acquisto di camere comunque al di sopra di quelle standard offerte dalle compatte. Vediamo quindi di seguito come scegliere una mirrorless e su quali modelli puntare.

Migliore mirrorless: come sceglierne una

Partiamo dalla base, vedendo in primis qualche informazione più tecnica e accademica. Come il nome “mirrorless” ci suggerisce, all’interno del corpo macchina non è presente uno specchio; questo si tradurrà in peso minore, dimensioni minori, silenziosità dello scatto (non c’è specchio in movimento) e superamento dei limiti fisici di un otturatore meccanico in termini di raffica di foto al secondo e massima velocità dell’otturatore; otturatore meccanico che è presente in quasi tutte le mirrorless che però, a differenza delle reflex, mettono a disposizione anche un otturatore elettronico che in fase di scatto non introduce il movimento di parti meccaniche. Tutte queste caratteristiche, affiancate a prestazioni da reflex, hanno fatto convertire moltissimi fotografi, sia amatori che professionisti, al nuovo sistema.

Il sensore e il fattore di crop

Le prestazioni da reflex sono possibili grazie all’utilizzo di sensori di qualità come quelli 4/3 e APS-C sulla maggior parte dei modelli; alcuni agli estremi della categoria utilizzano anche sensori da 1″ o full frame. La scelta di una mirrorless rispetto ad un’altra ricadrà principalmente su questo fattore: che tipo di sensore incorpora?

La scelta di un sensore rispetto ad un altro verrà influenzata dal fattore di crop che quest’ultimo genera. Se infatti con un sensore APS-C, lo stesso presente nelle reflex, avremo un fattore di crop di 1,6x, con un sensore come quello 4/3 il fattore di crop arriverà fino a 2x. Un aumento del genere trasformerà gli obiettivi in qualcosa di troppo diverso da quello per cui sono stati pensati. Un esempio può essere fatto con un obiettivo ultragrandangolare che è quello che meglio mostra le differenze secondo il tipo di sensore su cui è utilizzato. Immaginiamo di avere un 16 mm – 35 mm che su un sensore FF sarà tale, un normale ultragrandangolare; se montato su un sensore 4/3, con fattore di crop 2x, si trasformerà in un equivalente 32 mm – 70 mm che sarà ben lontano dalle capacità ultragrandangolari originarie.

migliore mirrorless

Caratteristiche secondarie

Oltre al sensore, altre caratteristiche di risalto sono: le dimensioni e il peso del corpo macchina, il sistema autofocus, la presenza di un mirino di qualità e il parco ottiche a disposizione. Su queste tre ultime voci è obbligatorio un appunto.

Per quanto riguarda l’autofocus c’è da dire che su i primi modelli di mirrorless si riscontravano problemi di rapidità e aggancio dei soggetti, sopratutto se in movimento o in situazioni di scarsa illuminazione. Ora invece, con il diffondersi di otturatori elettronici, il problema è stato ampiamente arginato grazie all’ottimizzazione sui modelli più recenti del modulo autofocus integrato nel sensore. Questo modulo, su un otturatore elettronico, è costantemente esposto alla luce e garantirà ottime prestazioni.

Per quanto riguarda il mirino c’è da sapere che troveremo solo mirini elettronici – EVF – e, nel caso lo ritenessimo un requisito fondamentale, dovremo indirizzarci verso una macchina che ne offra uno di alta qualità. Alla fine non avendo un pentaprisma che riflette l’immagine inquadrata, come nelle reflex, il nostro contatto con la scena avverrà tramite questo piccolo LCD secondario (quello presente nel mirino elettronico appunto) che dovrà essere di ottima qualità per restituire una buona visione della scena.

migliore mirrorlessInfine, parlando di obiettivi, c’è da dire che la scelta delle ottiche a disposizione non è vasta tanto quella per il sistema reflex. Ogni produttore, proprio come le reflex, ha creato un attacco proprietario; fin qui tutto bene, se non fosse per il fatto che, anche restando in “casa di uno stesso produttore”, le numerose ottiche per il sistema reflex non saranno direttamente compatibili con l’attacco del sistema mirrorless. Questo problema viene risolto con l’utilizzo di anelli adattatori prodotti sia dalle case madri sia da aziende di terze parti.

Tra le più attive nel settore troviamo l’azienda Metabones che crea anelli adattatori per quasi tutte le marche. Con questo metodo per esempio potremo utilizzare ottiche Canon su mirrorless Sony (489 € qui su Amazon) ecc. La Metabones produce principalmente costosi anelli adattatori che mantengono gli automatismi come autofocus e gestione del diaframma; se il mantenimento degli automatismi non rientra nelle nostre corde potrete optare per semplici anelli adattatori in metallo dal costo drasticamente più basso.

Fascia medio-bassa: dai 250€ ai 499€

Partiamo dalla fascia medio-bassa, all’interno della quale troviamo una ristretta selezione di macchine dei brand più disparati. Queste non sono affatto prodotti da sottovalutare, più adatti sicuramente ad utenti novizi che non vogliono spendere troppo sulla propria mirrorless.

Canon EOS M10

migliore mirrorlessCanon EOS M10 è una delle ultime mirrorless presentate che abbiamo avuto modo di provare in maniera approfondita. Integra un sensore CMOS da 18 megapixel, un processore DIGIC 6, sistema di messa a fuoco Hybrid CMOS AF con 49 punti di messa a fuoco, può scattare immagini RAW e JPEG fino a 5184 x 3456 pixel e ha un range ISO che può essere esteso fino a 25600. Integra inoltre la connettività WiFi per interfacciarsi con smartphone, tablet e PC al fine di ottenere una gestione remota e la rapida condivisione d’immagini. Ha un display orientabile (perfetto per i selfie) e permette di collegare ottiche Canon di ogni tipo grazie all’adattatore opzionale. È sicuramente un’ottima scelta per iniziare o per scattare “più leggeri” se avete già una reflex.

Canon EOS M10 viene venduta in kit con ottica EF-M 15-45mm ed è acquistabile su Amazon cliccando qui. Se invece volete dare un’occhiata alla prova sul campo vi rimandiamo alla nostra recensione di Canon EOS M10.

Nikon 1 J5

migliore mirrorlessNikon 1 J5 è una piccola mirrorless che fa della velocità il suo cavallo da battaglia. Equipaggiata con un sensore in formato CX (1″) da 23 MP assicura immagini ricche di dettaglio a patto di non alzare troppo la sensibilità ISO che, in questo caso, si estende dai 160 ai 12800. Questa macchina possiede il solo otturatore elettronico che la rende molto silenziosa ma soprattutto molto veloce; è in grado di scattare una raffica di immagini alla massima velocità di 60 foto al secondo, praticamente un video.

Avendolo nominato diciamo che la piccola J5 può registrare in risoluzione 4K, purtroppo solo a 15fps, in Full HD a 60fps e l’HD (720p) a ben 120fps per discreti slow motion. Sulla parte posteriore troviamo un LCD touchscreen da 3″ con la possibilità di essere basculato verticalmente, ideale per fotografie da posizioni scomode e selfie. Non mancano tutte le modalità creative: HDR, timelapse, panorama e via discorrendo per non perdersi mai nessuno scatto. L’autonomia di 300 scatti, forse un po’ limitata, ci viene fornita da una batteria da 850 mAh che comunque ci permette di arrivare a fine giornata.

Come le precedenti fotocamere, anche questa è equipaggiata con Wi-Fi e NFC per condividere immagini ed utilizzare la fotocamera da remoto. Gli obiettivi 1 Nikkor completano il quadretto messo a disposizione del fotografo; una buona gamma di lenti sia fisse che zoom in continuo aggiornamento per affrontare tutte le situazioni di scatto. Nikon, come d’abitudine, ha creato un prodotto di qualità a buon prezzo. Sicuramente la consigliamo a chi vuole avvicinarsi al mondo della fotografia, sopratutto sportiva e naturalistica, per sfruttare a pieno la sua velocità.

È disponibile su Amazon in bundle con l’obiettivo Nikon 1 VR 10-30mm f/3.5-5.6. Se volete approfondire potere leggere la recensione di Nikon 1 J5.

Fascia medio-alta: dai 500€ agli 850€

Giungiamo alla fascia intermedia, dove troveremo fotocamere di medio alto-livello adatte sopratutto all’appassionato e all’amatore medio evoluto. Siete fra questi? Allora qui potrete trovare la migliore mirrorless per voi!

Canon EOS M3

migliore mirrorlessLa prima che vogliamo elencare è la Canon EOS M3, camera che vanta un sensore APS-C da 24 megapixel. Abbiamo avuto modo di provare questa fotocamera a fondo e abbiamo visto che la qualità e l’esperienza di Canon si notano da subito, infatti questa compatta mirrorless è in grado di coprire una vasta gamma ISO che va dai 100 ai 25600 e possiede un efficiente sistema autofocus a 49 punti che, se abbinato ad ottiche EF-M o EF-S e EF (tramite adattatore dedicato), garantisce ottime prestazioni. La macchina in sé non offre nulla di eccezionale, ma quello che offre è di alta qualità.

L’ergonomia da reflex, il comodo schermo inclinabile da 3 pollici, la possibilità di utilizzare un flash esterno (se quello integrato non fosse sufficiente) e la possibilità di dotarla di un mirino elettronico la rendono completa sotto ogni punto di vista. Non mancano modulo Wi-Fi e NFC per condivisione immagini e gestione remota della macchina. Il reparto video offre, purtroppo, la sola registrazione in Full HD a 30fps o HD a 60fps; un framerate un po’ bassino per gli standard attuali.

Il prezzo è in linea con le caratteristiche che offre ed è disponibile qui su Amazon in accoppiata con l’obiettivo Canon EF-M 18-55mm f/3.5-5.6 IS STM. Se volete approfondire vi rimandiamo alla nostra recensione di Canon EOS M3.

Panasonic LUMIX DMC-GX8

migliore mirrorlessPanasonic Lumix DMC GX8 offre un sensore micro 4/3 con ben 20,3 MP, uno stabilizzatore d’immagine a 4 assi integrato nel corpo macchina che se utilizzato con un’ottica stabilizzata attiva la funzione DUAL I.S. che utilizza entrambi i sistemi di stabilizzazione, quella del corpo macchina e quelli dell’obiettivo. Infine, forse la più interessante, la presenza di un mirino elettronico inclinabile e quindi utilizzabile anche in posizioni non ottimali e un design molto compatto. Abbiamo letteralmente amato questa fotocamera fin dalla prima prova, è quel tipo di mirrorless dalle linee un po’ vintage e che dà grandi soddisfazioni in fase di scatto e registrazione video (dove troviamo la possibilità di riprendere in 4K avendo tutte le varie funzioni di Panasonic GH4 disponibili).

Panasonic LUMIX DMC-GX8 è disponibile su Amazon.

Olympus E-M5II

migliore mirrorlessOlympus E-M5II mette a disposizione uno schermo articolato in grado di muoversi in ogni direzione, la tropicalizzazione contro acqua e polvere e la presenza di una modalità chiamata 40M High Res Shot che, scattando una sequenza di 8 immagini e poi riunendole, genera un’unica foto da 40 MP. Si tratta di una fotocamera Micro QuattroTerzi professionale che integra un sistema di stabilizzazione su 5 assi e compensa ben 5 stop in ogni oscillazione possibile. Registra  filmati a 77mbs @ 1080p, ha un sensore LIVE MOS da 16 megapixel e processore TruePic VII che spinge un velocissimo Fast AF.

Oltre a questo, dispone anche WiFi per il controllo a distanza e la condivisone immagini. La macchina è acquistabile su Amazon.

Fascia alta/pro: dai 900€ ai 1500€

Giungiamo all’ultima sottocategoria di questo focus sulle migliori mirroless. All’interno di questa troveremo anche delle mirrorless con sensore full frame, che non avranno nulla da invidiare alle reflex top di gamma.

Canon EOS M6

Migliori mirrorlessCanon EOS M6 è una delle ultime fotocamere mirrorless presentate dal produttore giapponese che si pone come alternativa alla più costosa Canon EOS M5. Come scritto nella nostra recensione, Canon EOS M6 è praticamente una M5 senza mirino integrato (che è comunque disponibile come accessorio esterno). Questa fotocamera mirrorless integra un sensore CMOS da 24,2 megapixel in grado di offrire un’ottima qualità d’immagine anche in condizioni di scarsa luminosità o alto contrasto. Canon EOS M6 integra un processore d’immagine DIGIC 7, lo stesso presente nelle reflex più avanzate del produttore, e che è in grado di scattare raffiche fino a 9fps. Filmati in FullHD, messa a fuoco rapida con sistema Dual Pixel CMOS AF, stabilizzatore a 5 assi, WiFi, NFC e Bluetooth sono solo alcune delle caratteristiche aggiuntive di Canon EOS M6, un prodotto che sicuramente non ha nulla da invidiare alle reflex superiori (e anche ad alcune mirrorless superiori) ed è un’ottima scelta per iniziare con il piede giusto (sempre che riusciate a fare a meno del mirino integrato, che, eventualmente, si può acquistare a parte con circa 200€).

Canon EOS M6 è disponibile su Amazon in kit con ottica 15-45mm f/3.5-6.3 IS STM cliccando qui.

Fujifilm X-E2s

migliore mirrorlessFujifilm X-E2s è una mirrorless piuttosto recente e più incentrata su esigenze da Street Photography. Integra un sensore CMOS X-Trans II APS-C con AF ibrido (a rilevamento di fase + contrasto d’immagine), motivo per cui messa a fuoco e scatti (con una raffica fino a 7fps) riescono ad essere decisamente rapidi. Ha un mirino elettronico EVF da 2.36 MP ed uno schermo LCD da 3″ da 1,04 MP, un otturatore meccanico in grado di raggiungere fino a 1/4000 di secondo + un otturatore elettronico che arriva fino a 1/32000 di secondo, WiFi per controllo remoto e trasferimento di immagini a smartphone e tablet, video a 1080p in FullHD ed una sensibilità ISO estesa fino a 51200. Supporta file RAW a 14bit ed è spinta dal veloce processore EXR Processor II. Rimane una delle scelte migliori per il fotografo da strada, il fotoreporter e chi vuole una fotocamera pratica, facilmente utilizzabile e decisamente leggera.

Su Amazon è disponibile in kit con ottica XF18-55mm F/2.8-4 ed è acquistabile cliccando qui. Se volete avere maggiori informazioni, vi rimandiamo alla nostra recensione di Fujifilm X-E2s.

Fujifilm X-T20

Fujifilm X-T20Fujifilm X-T20 è una delle ultime fotocamere mirrorless presentate dal noto produttore giapponese. All’interno della fotocamera troviamo un sensore X-Trans CMOS III da 24.3 megapixel privo di filtro passa basso per aumentare la qualità dello scatto e un processore X-Processor Pro che garantisce una raffica di scatto fino a 8fps con un buffer per 25 raw a singola sessione di raffica, niente male! L’autofocus è espandibile fino a 325 punti e sfrutta un’area centrale dedicata di 49 punti variabili e adattabili a vari generi fotografici, come ad esempio la fotografia sportiva. Un’ottima caratteristica di Fujifilm X-T20 è che può registrare video in 4K UHD, feature che renderà sicuramente felici i videomaker in erba, che potranno sperimentare vari ciak ad altissima qualità con un corpo compatto ed estremamente leggero. Presente anche un mirino EVF da 2.36 milioni di pixel e una grande scelta in fatto di ottiche della serie Fujinon XF. Insomma, questa fotocamera è perfetta per chi cerca qualcosa di nuovo, dinamico e performante in grado di regalare grandi emozioni di scatto ma soprattutto grande qualità e rapidità. Non manca il Wi-Fi per un rapido scambio di files (come foto e video) verso smartphone e tablet oppure per sfruttare il controllo remoto.

Fujifilm X-T20 è disponibile all’acquisto su Amazon seguendo questo link e, se volete approfondire, potete leggere la nostra recensione cliccando qui.

Fujifilm X-T1

migliore mirrorlessNonostante sia ormai disponibile la nuova ammiraglia Fujifilm X-T2,  Fujifilm X-T1 si difende ancora molto bene, soprattutto per il prezzo a cui attualmente viene offerta. Proprio come la sorella minore X-T10, offre un sensore APS-C da 16 MP e una gamma ISO che si estende da 100 a 25600 mantenendo una buona qualità d’immagine anche a valori alti e capace di generare immagini con un’elevatissima gamma dinamica.

Anche se caratterizzata da un design vintage offre funzioni all’avanguardia: 49 punti di messa a fuoco per un autofocus veloce e reattivo, mirino elettronico, timer per sequenze time-lapse, funzioni Wi-Fi avanzate tramite l’applicazione dedicata e la resistenza ad acqua e polvere. Nota di merito va al mirino elettronico che offre una qualità elevata che non fa di certo rimpiangere un mirino ottico classico.

Sono presenti anche uno schermo basculabile e un piccolo flash pop-up, piccole caratteristiche che completano l’opera. Una macchina “semplice” ma di qualità professionale. Viene venduta qui su Amazon.

Panasonic Lumix DMC-GH4

migliore mirrorlessNonostante sia stata presentata la nuova Panasonic GH5,  Panasonic Lumix GH4 è più che mai attuale per le caratteristiche che offre, grazie anche all’ultimo aggiornamento rilasciato. Si parte con un sensore 4/3 da 16 MP, avanzate funzioni autofocus, corpo in lega di magnesio tropicalizzato, possibilità di scatto fino a 12 fotogrammi al secondo e ampio mirino elettronico.

Una macchina che non possiede funzioni inutili, tutte quelle presenti sono ben studiate, funzionali e performanti. Quello che però ha reso celebre questa Panasonic sono i video. Infatti, la GH4, è stata la prima mirrorless al momento della sua presentazione ad essere in grado di girare video con risoluzione 3840 x 2160 pixel (4K) a 30fps; oltre a questo è in grado di offrire il 1080p al massimo framerate di 96fps per incredibili slow motion.

Completano le caratteristiche molti accessori compatibili tra cui flash e microfoni, e sopratutto un’unità di registrazione per acquisire video in risoluzione 4K o Full HD senza compressione; molto apprezzato dai videomaker professionisti. Non mancano uno schermo con movimento libero in ogni direzione, flash pop-up e funzionalità Wi-Fi e NFC.

Questa GH4 viene venduta da Amazon . Se volete approfondire vi rimandiamo alla nostra recensione di Panasonic Lumix GH4.

Fujifilm X-E3

migliori mirrorlessFujifilm X-E3 è la fotocamera stile telemetro evoluzione di X-E2s presente anche in questa guida all’acquisto. Questa fotocamera prende moltissima ispirazione dalla fascia più alta (come Fujifilm X-Pro 2); infatti, al suo interno troviamo il nuovo sensore APS-C X-Trans III da 24 megapixel che quindi si aggiorna all’ultima versione e integra un maggior numero di pixel rispetto al modello precedente che ne poteva contare “solo” 16. Su questo modello troviamo anche il prestante processore d’immagine X-Processore Pro che consente una riproduzione del colore decisamente migliorata, display touch, nuovo joystick che migliora lo spostamento tra i menù, una nuova ergonomai più pratica rispetto al passato e, grande novità, un modulo Bluetooth. Grazie a questo chip sarà possibile mantenere una connessione continua con smartphone o tablet al fine di condividere automaticamente ed immediatamente le foto scattate con questa fotocamera mirrorless. Non solo Bluetooth ma anche WiFi: questa fotocamera ha davvero tutto. Non manca inoltre la possibilità di registrare video in 4K@30fps e applicare fino a 15 tipi diversi di “filtri” fotografici (i classici di Fuji),

Fujifilm X-E3 è un prodotto decisamente fenomenale per questa fascia di prezzo che vuole sicuramente un po’ competere con fotocamere già affermate come quelle di Sony. Potete acquistare Fujifilm X-E3 su Amazon a questo link.

Sony a6500

Miglior mirrorlessSony a6500 è stata una mirrorless molto attesa dal pubblico e ora possiamo considerarla come “ammiraglia” del settore APS-C delle mirrorless Sony. Si tratta dell’evoluzione di a6300, fotocamera già di grandissimo impatto sul pubblico. Integra un sensore CMOS Exmor APS-C da 24,2 megapixel capace di grandi prestazioni fotografiche e non solo, un processore BIONZ X, un sistema AF ibrido da ben 425 punti di messa a fuoco (a rilevamento di fase) oppure 169 punti a rilevamento di contrasto. Ha un ottimo mirino elettronico XGA OLED Tru-Finder da 0,39 fino a 120 fps di refresh, ha un range ISO estensibile fino a 51200, un ampio display TFT da 3″ con 921.600 punti definizione , Wi-Fi, NFC e Bluetooth 4.1 per una connessione continua a smartphone o tablet. Non manca ovviamente la registrazione video in 4K@30fps con codec XAVC S ad alta qualità di Sony. Una delle grandi novità di questo modello, oltre al display touch tanto atteso, è senz’altro il chip d’acquisizione LSI, cioè un componente, che spieghiamo bene nella nostra recensione di Sony a6500, in grado di aumentare la qualità complessiva di scatto e registrazione (e si vede).

Sony a6500 è disponibile su Amazon a questo link. Si tratta di una fotocamera mirrorless semi-professionale per i fotografi amatori evoluti e molto pretenziosi. È un modello perfetto anche per i videomaker in quanto è leggero, integra le porte microfono e cuffie e registra video in altissima qualità.

Fujifilm X-T2

Fujifilm X-T2

Fujifilm X-T2 è stata attesa per molto dai fan del marchio e della street photography. Essa è la nuova ammiraglia del marchio giapponese e va a sostituire la tanto amata Fujifilm X-T1. Si tratta di un prodotto che abbiamo avuto la possibilità di provare in anteprima allo stand Fujifilm del Photokina 2016 e, tra le prime sensazioni, siamo subito rimasti colpiti dalla qualità dei materiali, dalla rapidità di scatto e dal sistema di messa a fuoco. La recensione di Fujifilm X-T2 ha confermato quanto pensato in anteprima: si tratta di un prodotto unico e fantastico. Fujifilm X-T2 integra un sensore X-Trans CMOS III da 24.3 megapixel, processore X-Processor PRO, mirino elettronico OLED da 0.5″ con circa 2.36k di pixel a colori e copertura del 100%, cattura di foto in formato RAW a 14 bit non compresso, scatta raffiche fino a 14fps, con tempi di scatto fino a 1/32000, integra un doppio slot SD, l’ingresso per microfono, un chip Wi-Fi e una porta USB 3.0. Pensate che sia finita qui? Assolutamente no, Fujifilm X-T2 è la prima del marchio ad avere la possibilità di registrare video in 4K@30fps a 100Mbps e ad integrare un sistema di messa a fuoco rapidissimo da ben 325 punti.

Per quanto concerne il rapporto qualità/prezzo, si può dire che questo prodotto sia perfetto. Fujifilm X-T2 è disponibile su Amazon ed è acquistabile cliccando qui. Se volete però approfondire al meglio questa fotocamera, potete leggere la nostra recensione.

Panasonic GH5

Migliore mirrorlessPanasonic GH5 è l’ultima mirrorless rilasciata dal produttore giapponese e che fin da subito ha destato grande interesse in vista, soprattutto, del successo ottenuto con GH4, vera protagonista della scena per molti anni e tutt’ora grande prodotto di fama mondiale. Panasonic GH5 integra un sensore Live MOS micro 4/3 da 20,30 megapixel, uno stabilizzatore d’immagine a 5 assi Dual I.S., registrazione video in 4K a 60fps, cattura foto fino a 6K, Bluetooth 4.0, Chip WiFi, mirino elettronico LVF OLED da 3.680.000 pixel con campo visivo del 100%, sistema di messa a fuoco da 225 punti, porta USB C, uscita cuffie e ingresso microfono, batteria da 1860 mAh e un peso complessivo pari a 725 grammi con scheda di memoria e batteria. Questo modello era molto atteso dal pubblico e sicuramente godrà di un buon successo, nonostante il fatto che il sensore sia “ancora” un micro 4/3 e manchi un doppio slot per le memorie. Siamo comunque sicuri che Panasonic GH5 rappresenti un vero must-have, soprattutto in campo video, nonché degna erede della gloriosa GH4.

Panasonic GH5 è disponibile all’acquisto su Amazon in kit con ottica Panasonic Lumix DG-VARIO 12-60mm f3.5-5.6 cliccando qui.

Sony Alpha Series

Dalla presentazione dei primi tre modelli della serie Alpha è passato qualche tempo. I primi tre furono la Sony a7, la Sony a7s, e la Sony a7r. Questi tre modelli all’epoca rivoluzionarono il mercato delle mirrorless in quanto furono i primi a montare un sensore FF. Attualmente sono ancora in vendita e sono tra le migliori disponibili in commercio. Il discorso però è ancora molto ampio in quanto queste tre mirrorless, già ottime inizialmente, sono state recentemente aggiornate con seconde versioni.

Così sono nate: la Sony a7 II, la Sony a7s II e la Sony a7r II. Le tre mirrorless condividono lo stesso design ma ognuna offre caratteristiche ideali per un genere fotografico rispetto ad un altro. Tutte possiedono evolute funzionalità video: registrazione in 4K nativo, per Sony a7s II e a7r II; 1080p a 60fps per a7 II. Sono presenti inoltre svariati tools software utili alle riprese video. A seguire, sempre su tutti e tre i modelli, è presente direttamente nel corpo macchina uno stabilizzatore a 5 assi in grado di recuperare 4,5 stop. Sono compatibili quindi anche obiettivi non stabilizzati e che non sfruttano i contatti elettrici per funzionare.

A proposito di obiettivi, tutte e tre le macchine utilizzano l’ampia gamma di obiettivi dedicati E-mount più tutta la gamma di obiettivi A-mount (sempre Sony) tramite lo specifico adattatore. Logicamente, come al solito, esistono adattatori di terze parti che permettono il funzionamento (ottimo aggiungerei) di ottiche Canon, Nikon o anche altri marchi. Molto efficace anche il sistema di autofocus, sia nelle foto che nei video, che sfruttando la potenza del processore e del modulo autofocus riesce ad essere veloce e reattivo in ogni situazione. In più sono presenti funzioni come l’ingrandimento e il focus peaking per regolazioni ancora più precise.

Infine le macchine permettono la registrazione di file immagine in RAW a 14-bit (non compresso) e l’utilizzo di log per i video (parametri di colore per utilizzo professionale). Caratteristiche ricercate dai professionisti di tutto il mondo.

migliore mirrorlessNello specifico le differenze tangibili riguardano tutte il sensore e le velocità ISO (estreme che le macchine posso raggiungere). Partiamo dalla prima, Sony a7 II, che monta un sensore full frame da 24,3 MP e con una gamma ISO che si estende dai 50 ai 25600, valori si elevatissimi, ma aspettiamo di leggere i successivi. La seconda è la Sony a7r II che vanta un sensore (FF) da ben 42,4 MP; una risoluzione incredibile anche in relazione alla gamma ISO che gli è stata affiancata. Infatti si estende da 100 a 102400. La cosa che più soddisfa è che, anche ad alte sensibilità, la macchina è in grado di sfornare ottimi file.

Infine c’è la “piccolina”, Sony a7s II, che con il suo sensore full frame da “appena” 12,2 MP parrebbe essere un errore di progettazione. Il problema è che quest’ “errore” genera delle immagini incredibili in condizioni di luce scarsissima e utilizzando alte sensibilità ISO. Infatti la poca densità del sensore ha permesso ai tecnici della Sony di spingere, con enorme successo, la sensibilità ISO da 100 a 409600. Valori da capogiro che sul campo risultano validi (sopratutto in modalità video ad altissime sensibilità), sembra strano ma è così, e che consentono al fotografo di sperimentare una fotografia fin’ora inesplorata.

Sony a7 II, è disponibile su Amazon. È la meno costosa tra le tre per via delle caratteristiche in linea con il mercato ed quella più adatta per un tipo di fotografia varia e generica (come abbiamo analizzato nella nostra recensione di Sony a7 II appunto).

A seguire abbiamo la Sony a7s II, disponibile qui su Amazon  e che abbiamo avuto modo di recensire durante un viaggio in Scozia. Grazie al sensore grande e poco denso offre dei risultati sbalorditivi in tutte quelle situazioni in cui la luce ambientale è poca. Fotografia notturna (stelle, star trail), fotografia di spettacolo o tutti quei generi in cui altre macchine farebbero fatica ad ottenere ottimi risultati.

Per concludere c’è Sony a7r II, favoloso dispositivo con registrazione video 4K, sensore CMOS full frame da 42 megapixel e tante funzioni che fanno invidia a moltissime reflex. È sicuramente la fotocamera mirrorless di punta in questo momento. Sony A7r II riesce ad eccellere soprattutto in generi fotografici come still life, ritratto, street photography e paesaggio. Potete leggere la nostra recensione di Sony A7RII cliccando qui.

È disponibile su Amazon ed è acquistabile cliccando qui.

Altro

Le mirrorless non ti convincono? Prova a dare un’occhiata agli articoli appartenenti alla collana fotocamere mirrorless:

Se sei interessato ad altre tipologie, visita le nostre selezioni dedicate agli altri tipi di fotocamere presenti nello Starter Kit dedicato a quale macchina fotografica comprare.

Avete qualche dubbio nello scegliere un modello che fa al caso vostro, oppure volete suggerire qualche modello da inserire all’interno della collezione? Usate il box dei commenti qui sotto!

Top

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi