Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Mirrorless con mirino: quali sono le migliori

Mirrorless con mirino: quali sono le migliori

di Marco Rotunno
Specialist Fotocamere Mirrorless
aggiornato il 21 maggio 2019
7407 utenti hanno trovato utile questa guida

Che aspetti? Per un tempo limitato puoi approfittare dei nuovi sconti “Imperdibili di eBay“: tantissime offerte su svariate categorie, con sconti fino al 50% per innumerevoli prodotti di spicco.

 

Inoltre, impazza su Amazon la nuova campagna HP Days: alla seguente pagina trovate una serie di prodotti davvero non indifferente con sconti che oscillano tutti intorno al 20% rispetto al prezzo di listino. Davvero niente male per anticipare il back-to-school, non vi pare? Inoltre continua l’iniziativa della Huawei Week sul segmento mobile: tantissimi dispositivi Huawei in offerta ad un prezzo decisamente interessante direttamente presso la seguente sezione Amazon.

N.B. La guida Mirrorless con mirino è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Maggio 2019.

Come forse già saprete, la differenza principale tra le fotocamere mirrorless e le reflex consiste proprio nell’assenza di uno specchio, questa mancanza si traduce in un corpo macchina sprovvisto del sistema a pentaprisma per far funzionare il mirino ottico. Per questo motivo i produttori hanno attuato diverse scelte per creare i modelli delle nuove fotocamere, decidendo di inserire nella gamma alcune mirrorless con mirino e altre sprovviste. In questa guida ci concentreremo sulle mirrorless con mirino, selezionando le migliori che è possibile trovare sul mercato.

Mirrorless con mirino quale comprare

Quando si sta cercando una buona mirrorless con mirino ci si rende conto di molte differenze tra un modello e l’altro. Alcuni brand hanno deciso di produrre mirrorless sprovviste di mirino, basandosi sul fatto che ormai con la diffusione degli smartphone, tante persone si sono abituate a non usarlo più o non lo ritengono fondamentale. Dall’altra parte troviamo invece alcuni modelli che integrano un mirino ibrido, quindi sia elettronico che ottico, pensati invece per chi ha capito l’importanza di tale strumento e non ne può fare a meno. La via di mezzo risiede nelle mirrorless che sono sprovviste di mirino, ma hanno la possibilità di integrarlo come accessorio, questa caratteristica le rende estremamente versatili e adatte sia a chi ne può fare a meno, sia a chi non ha un budget consistente e vuole iniziare senza mirino per poi pensare all’upgrade in futuro.

Tuttavia bisogna considerare che nel caso delle mirrorless, la scelta migliore risiede nei modelli dotati di mirino elettronico, che è il vero mirino pensato per le questo tipo di fotocamera, il quale integrando tecnologia e innovazione, sta riuscendo piano piano a far sentire sempre meno la mancanza del mirino ottico delle reflex. I mirini elettronici però, proprio per la loro natura, sono molto diversi tra di loro. La tecnologia infatti è in continua evoluzione e per questo motivo quando si deve scegliere una mirrorless con mirino elettronico vanno fatte molte considerazioni sulla qualità del viewfinder. Viste le grandi differenze tra le tipologie di mirrorless con mirino e le ulteriori diversificazioni delle diverse categorie, abbiamo deciso di sviluppare questa guida dividendo i modelli in base al tipo di mirino di cui sono provviste, selezionando le migliori.

Migliore mirrorless con mirino opzionale

I brand più famosi come Canon e Nikon, hanno orientato la loro gamma di mirrorless su quelle con mirino opzionale. Questa scelta permette di contenere i costi della fotocamera, e presentarsi su un target più folto. Infatti in questo modo le mirrorless con mirino opzionale si rivolgono sia a chi non sente la necessità di utilizzarlo, sia a chi ha un budget limitato e vuole iniziare a prendere la fotocamera per migliorarla in futuro con il mirino, e anche a chi vuole una mirrorless con mirino e di conseguenza assieme al corpo macchina acquisterà direttamente il viewfinder.

Canon EOS M6

Canon EOS M6 è la mirrorless con mirino opzionale di Canon che più si adatta a questa categoria. Proprio per la scelta di inserire il mirino elettronico come accessorio, questa fotocamera costa decisamente meno rispetto alla EOS M5, pur avendo molte caratteristiche tecniche in comune. Canon EOS M6 è dotata di un design compatto e funzionale unito al sensore CMOS APS-C da 24.2 megapixel, un processore DIGIC 7 preso in prestito dalle pro di Canon che permette di gestire bene il rumore digitale e scattare fino a 7 fps. Anche se pecca un po’ nel lato video, siccome non è in grado di effettuare riprese in 4K, è eccellente dal punto di vista della connettività.

Infatti all’interno troviamo ben 3 sistemi per connettere la mirrorless nella maniera più semplice possibile essendo dotata di un chip WiFi, Bluetooth e tecnologia NFC, che rendono questa macchina fotografica una tra le più adatte per i fotografi hi-tech. Grazie a questa triade sarà possibile riuscire a spostare immediatamente sui dispositivi mobili foto e video e anche usare lo schermo del tablet o smartphone come monitor di supporto. Per quanto riguarda il mirino opzionale Canon ne ha creato uno elettronico apposta il modello EVF DC2 disponibile su Amazon. Questo mirino è di ottima qualità, offre una copertura del 100% mostrati su un display da 2.360.000 punti e 0,39″, valori davvero ottimi difficili da trovare anche in molte fotocamere mirrorless di fascia media. Per maggiori dettagli consigliamo di leggere la nostra recensione di Canon EOS M6

Nel complesso questa mirrorless con mirino opzionale è tra le migliori in commercio, ideale per la street photography e per tutti coloro che vogliono avere la possibilità di scegliere se utilizzare o meno il mirino.

Puoi acquistare Canon EOS M6 su Amazon su eBay o su ePrice

Olympus E-PL9

Quello che colpisce subito quando si guarda Olympus E-PL9 è il suo design, decisamente particolare e poco convenzionale. I colori tra cui è possible scegliere e la compattezza di questa mirrorless la rendono unica nel suo genere, portando molti appassionati a lasciarsi ispirare da questo nuovo modo di interpretare la fotografia. Olympus E-PL9 integra un sensore Live MOS micro 4/3 da 16 megapixel, un processore d’immagine TruePicTM VIII, uno stabilizzatore d’immagine a 3 assi e la possibilità di estendere la gamma fino a 25.600 ISO. All’interno troviamo anche un chip WiFi e Bluetooth 4.0 a basso dispendio energetico, per il controllo remoto e la condivisione degli scatti, una funzione ormai immancabile su tutte le fotocamere di ultima generazione. Per quanto riguarda il lato video, troviamo la possibilità di registrare in 4K a 30 fps.

Un difetto che spesso viene attribuito alle mirrorless Olympus è la complessità e la poca intuitività dei menu. Infatti molti fotografi affermano che la disposizione del menu e dei tasti è decisamente poco intuitiva e bisogna proprio mettersi a studiare il manuale delle istruzioni. Questo difetto è stato corretto su Olympus E-PL9 grazie a un menu touch ridisegnato e ora molto più semplice e intuitivo.  L’autofocus può contare su ben 121 punti e anche su questo modello è possibile effettuare un upgrade tramite la gamma di mirini elettronici opzionali Olympus VF, che sono arrivati oggi fino alla versione 4. Questa caratteristica rende molto interessante la versione vintage di Olympus, poiché non solo sarà possibile scegliere se inserire il mirino opzionale o no, ma anche scegliere quale mirino acquistare per effettuare l’upgrade, in base alle vostre esigenze e le vostre tasche.

Questa mirrorless con mirino opzionale è ideale per i vlogger e i social addicted e per chi vuole un oggetto bello da vedere con un design estremamente vintage, che gli permette di ottenere scatti e video fantastici.

Puoi acquistare Olympus E-PL9 su Amazon o se preferisci su eBay

Migliore mirrorless con mirino elettronico

Anche se come abbiamo visto esistono dei modelli di fotocamere mirrorless con mirino opzionale, la maggior parte di esse hanno un mirino elettronico integrato. In questa sezione abbiamo inserito le migliori mirrorless con mirino elettronico che è possibile trovare, non solo per la qualità dei corpi macchina, ma anche e sopratutto per la qualità del mirino stesso, che ha una copertura del 100%, fattore non sempre presente su queste fotocamere. Siccome le mirrorless con mirino elettronico sono sostanzialmente lo standard per quanto riguarda le fotocamere senza specchio, per trovare quella più adatta alle vostre esigenze basta cercare nella nostra guida sulla migliore mirrorless, mentre qui ne abbiamo selezionate tre: una per ogni tipo di sensore.

Sony a6000

Nelle fotocamere mirrorless entry level, a volte i produttori per risparmiare qualcosa sia in termini di costi che di spazio, non includono il mirino elettronico. Questo non è il caso della Sony a6000: questa fotocamera di fascia bassa integra un mirino elettronico con tecnologia OLED, da 0,39″ e  1.44 milioni di punti. Non è il più grande, o il più luminoso. Ma è comunque molto comodo quando ad esempio il display posteriore è poco visibile sotto la luce diretta del sole. Completa il pacchetto un buon sensore APS-C CMOS da 24.3 megapixel, capace di raffiche di immagini da 11 fps senza grossi problemi di buffering. 

Le foto prodotte da questa fotocamera hanno un buon livello di dettaglio, così come i video possibili fino alla risoluzione massima di 1080p, ad un frame rate di 60 fps. Si comporta bene anche in condizioni di scarsa luminosità ambientale, grazie ad un range di sensibilità ISO che varia da 100 a 25600. La Sony a6000 rappresenta una buona opzione di mirrorless con mirino per la fascia bassa del mercato, adatta sia a principianti che appassionati alla ricerca di una fotocamera versatile ed ergonomica.

Sony a6000: la nostra prova

La prima cosa che si nota provando la Sony a6000 sono le sue dimensioni ridottissime ed un peso piuma che la rendono un’ottima opzione da portare sempre con sé. Durante i miei test, è stato un piacere andare in giro scattando con questa fotocamera.   

La qualità delle immagini è buona, non eccezionale. L’obiettivo zoom kit 16-50mm con cui l’ho provata è molto versatile, ma perde alcuni dettagli. I JPG prodotti dal sensore di questa fotocamera hanno dei colori molto saturi, soprattutto nei blu. Può piacere o no, ma in ogni caso è possibile settare facilmente le impostazioni di scatto per ottenere i risultati preferiti. Buone le prestazioni con poca luce. 

Ottimo anche il sistema di messa a fuoco automatica, come da tradizione Sony. È veramente fulmineo, sia in ambito foto che durante la registrazione video. Individua sempre senza problemi il soggetto che si vuole inquadrare, permettendo una fantastica esperienza di scatto. Molto Preciso anche durante le raffiche di foto di soggetti in movimento.  

Passiamo ai video, un altro punto forte di questa fotocamera mirrorless. Nonostante sia un prodotto di fascia bassa, riesce a produrre dei buonissimi filmati in 1080p/60 fps, fluidi e dettagliati. Anche il range dinamico si comporta bene. Manca la stabilizzazione del sensore, ma in questo caso la tecnologia Optical Steady Shot integrata nell’obiettivo è sufficiente per eliminare gran parte del mosso.  

Le raffiche di foto sono solo da 11fps, che possono rivelarsi pochi in alcune occasioni, ma i risultati sono soddisfacenti. Il mirino elettronico è probabilmente il suo punto debole: è piccolo, poco definito, e scatta abbastanza, facendoci notare che stiamo utilizzando una macchina con qualche anno sulle spalle. In definitiva, si tratta di una buona mirrorless di fascia bassa, soprattutto per quanto riguarda il compartimento video ed il performante sistema di autofocus. 

Puoi acquistare Sony a6000 su Amazon o se preferisci su eBay

Sony a6000
Prezzo consigliato: € 900Prezzo: € 498

Fujifilm X-T30

Con soli 383 gr senza obiettivo, la Fujifilm X-T30 è tra le mirrorless con mirino di fascia alta più leggere attualmente sul mercato. Le dimensioni contenute la rendono davvero piacevole da portare in giro, soprattutto in viaggio. Il mirino elettronico con tecnologia OLED ha una dimensioni di 0.39″, e conta con circa 2.36 milioni di punti. Ha una risoluzione molto alta, ed è molto dettagliato e luminoso. Buono anche il display LCD 3″, dotato di touch screen per la selezione dei punti di AF e lo scorrimento di immagini e video in memoria. Ottime le prestazioni del sensore CMOS X-Trans 4 da 26.1 megapixel, che produce delle ottime immagini in quasi tutte le condizioni di scatto.

Questa mirrorless con mirino di Fuji può registrare filmati fino alla risoluzione massima di 4k/30 fps, anche se la durata dei video è limitata a 10 minuti (o 15 se si scende a 1080p). Il sensore si comporta bene anche quando si tratta di scattare foto di soggetti in movimento, con delle raffiche di foto da ben 20 fps, fino ad un massimo di 35 file RAW consecutivi. Grazie alle dimensioni ed alla sua qualità d’immagine, la Fujifilm X-T30 può essere considerata come una delle migliori opzioni di mirrorless con mirino per la street photography.

Fujifilm X-T30: la nostra prova

La Fujifilm X-T30 riesce ad integrare molte delle funzioni presenti nella top di gamma del produttore giapponese, la X-T3, in un corpo dalle dimensioni decisamente più ridotte. Nelle mie prove la qualità dell’immagine si è dimostrata davvero alta, con ottimi dettagli e colori fedeli alla realtà. L’ho testata sia con l’obiettivo zoom 18-55mm, sia con il 35mmF2, ed entrambi si sono comportanti molto bene. Divertenti anche i vari filtri fotografici che simulano le caratteristiche delle pellicole analogiche.  

Il sistema di autofocus si è rilevato molto rapido e preciso nella maggior parte delle occasioni, anche durante le raffiche di foto a soggetti in movimento. Fa un po’ di fatica quando ci si trova in condizioni di scarsa luminosità, ma niente di preoccupante.  

Nonostante non sia presente la stabilizzazione del sensore, i video sia in 4K/30fps che in 1080p/60 fps vengono molto bene, con un gran numero di dettagli ed un buon range dinamico. Bisogna segnalare che la durata di registrazione è limitata. Infatti, alla risoluzione 4K è possibile filmare fino ad un massimo di 10 minuti, che diventano 15 se si scende a 1080p. 

Anche le raffiche di foto sono molto soddisfacenti, sia quando si scatta a 20 fps, sia a 30 fps con un fattore di crop dell’1.25x. In entrambi i casi l’AF da una grossa mano, in quanto riesce a mantenere nitido il soggetto fotografato in tutti i frame.  

Infine il mirino, che pur non raggiungendo la risoluzione straordinaria della sorella maggiore X-T3, è davvero dettagliato e luminoso, con un lag impercettibile. Piccola e leggera, è una fotocamera davvero piacevole da utilizzare. L’ergonomia potrebbe essere migliorata con un grip più esteso, soprattutto per chi ha delle mani grandi, ma in quanto a prestazioni e qualità d’immagine non si può chiedere molto di più. 

Puoi acquistare Fujifilm X-T30 su Amazon o se preferisci su eBay

Fujifilm X-T30
Prezzo consigliato: € 949.99Prezzo: € 916.99

Panasonic Lumix DMC-GH5: sensore micro 4/3

Abbiamo finalmente provato questa mirrorless di cui potete vedere i dettagli nell’articolo su Panasonic Lumix GH5 recensione. Questa fotocamera riesce a farsi apprezzare moltissimo sia per quanto riguarda il lato foto che quello video. Evoluzione della già amata Panasonic GH4, Panasonic Lumix GH5 monta il solito sensore Digital Live MOS micro 4/3 questa volta da 20,3 megapixel con sistema di stabilizzazione a cinque assi, una caratteristica che permette a questa mirrorless di effettuare riprese video completamente ferme e stabili. I punti di messa a fuoco sono veramente tantissimi arrivando a 225 punti (49 sono quelli presenti sulla GH4) e permettono di mettere a fuoco perfettamente anche soggetti in movimento.

La parte video è eccellente e permette di effettuare riprese in 4K a 60fps, con la possibilità di catturare foto fino a 6K. Su un modello che si presenta come una delle mirrorless con mirino più ambite non può certo mancare il  Bluetooth 4.0 e il Chip WiFi ac 5GHz, che permettono una gestione ottimale tra dispositivi portatili e corpo macchina. Parlando del viewfinder Panasonic Lumix GH5 è dotata di un mirino elettronico LVF OLED da 3.680.000 pixel con campo visivo del 100%, numeri che fanno capire la qualità eccellente di questo dispositivo. Infine considerando anche la funzione post focus di Panasonic e quella di Focus Stacking ci rendiamo veramente conto delle innumerevoli potenzialità di questo prodotto. Siamo convinti che Panasonic Lumix GH5 sia una delle mirrorless con mirino migliore che sia possibile trovare in rete, ideale per tutti coloro che amano il lato video e non vogliono rinunciare ad ottenere anche degli scatti fantastici senza dover cambiare fotocamera.

Panasonic Lumix GH5 è la miglior mirrorless con mirino e sensore micro 4/3 che esiste attualmente sul mercato. Consigliata a chi vuole ottenere degli scatti magnifici, ma non vuole nemmeno rinunciare alla parte video, in cui questo modello eccelle.

Panasonic Lumix DMC-GH5: la nostra prova

Panasonic negli ultimi anni è riuscita a farsi un nome all’interno del campo del videomaking, grazie a degli ottimi prodotti sempre incentrati sulle prestazioni video. E questa GH5 non è da meno.  

Ma partiamo dalla qualità delle foto prodotte da questa macchina. Non è una mirrorless per fotografi, e questo si nota. Infatti il sensore micro 4/3 da 20.3 megapixel con cui è equipaggiata riesce a catturare delle immagini discrete a piena luce del sole, ma fa decisamente fatica quando l’illuminazione è scarsa. 

Sulle capacità video di questa mirrorless Panasonic si potrebbero scrivere dei libri, ma qui mi limito a dire che sono straordinarie. Riesce a registrare dei file utilizzabili perfettamente a livello professionistico, ed il sistema di stabilizzazione a cinque assi Dual IS ha pochi rivali al momento. Per gli utenti più avanzati, la possibilità di filmare in formato V-Log (una sorta di RAW per i video) crea tantissime possibilità creative. Purtroppo il sistema di messa a fuoco a rilevamento di contrasto, nonostante i 225 punti AF disponibili, soffre di qualche problema sia di precisione che di rapidità, diventando poco affidabile in molte occasioni.  

Le raffiche di foto sono solide, grazie soprattutto ad un buffer di 100 scatti in RAW. Ma ancora più comoda da questo punto di vista le funzioni 4K, e 6K Photo. Queste permettono di estrarre delle immagini ad alta risoluzione da dei filmati a 30 o 60 fps, una vera benedizione per non rischiare di perdere il momento giusto. 

Ottimo il mirino elettronico, che può contare su una definizione ed una luminosità eccezionali. Nei test è sempre stato un piacere da utilizzare, così come l’ampio display LCD da 3,2”.  

La Panasonic GH5 è una buona fotocamera, ma una straordinaria videocamera per appassionati e videomaker professionisti che vogliono mantenere un corpo macchina abbastanza leggero e maneggevole.  

Puoi acquistare Panasonic Lumix DMC-GH5 su Amazon su eBay o su ePrice

Fujifilm X-T2: sensore APS-C

Possiamo essere sicuri di inserire Fujifilm X-T2 in questa guida dopo averla provata e recensita ed esserne rimasti piacevolmente sorpresi. Questa fotocamera è una delle fotocamere mirrorless con mirino più complete e interessanti che è possibile trovare sul mercato. Attualmente è l’ammiraglia della serie X delle mirrorless Fuji e abbiamo anche avuto modo ti provarla e farne una recensione molto accurata. Il sensore è un APS-C CMOS X-Trans III e il processore è X-Processor Pro che assieme permettono di raggiungere ottimi risultati. Questa mirrorless ha montato all’interno due otturatori, uno meccanico con il quale è possibile arrivare a 8fps ed uno elettronico che arriva fino a 14 fps. Per quanto riguarda la parte legata al lato video i filmati che è in grado di riprodurre Fujifilm X-T2 sono di altissima risoluzione arrivando a 4K fino a 29.97p 100Mbps. 

Parlando del mirino su questo modello troviamo il miglior mirino elettronico della gamma X di Fujifilm: un EVF OLED 2,36MP con un ingrandimento di 0.77x che copre il 100%, un Eye Point di 23mm e la correzione diottrica e sensore occhio. I 325 punti di messa a fuoco rendono questa fotocamera eccellente per quanto riguarda la precisione e l’efficienza nel mettere a fuoco soggetti i movimento. Non manca neanche qui il chip WiFi, che ormai anche se lo specifichiamo sempre è diventato un must nelle fotocamere di ultima generazione e non più un semplice accessorio. Se poi pensate che tutte queste fantastiche caratteristiche sono all’interno di un corpo dal peso pari a 507 grammi con batteria e scheda SD, potete comprendere come questo prodotto sia performante e pratico da utilizzare, in grado di garantire risultati eccezionali.

Fujifilm X-T2 è la miglior mirrorless con mirino e con sensore APS-C che è possibile trovare attualmente sul mercato. Ideale per chi vuole ottenere degli scatti magnifici anche senza bisogno di post produzione e poterli condividere subito online.

Puoi acquistare Fujifilm X-T2 su Amazon su eBay o su ePrice

Sony a7S II

Se cercate una mirrorless con mirino che possa darvi una grossa mano in situazioni di scarsa luminosità ambientale, la Sony a7S II fa al caso vostro. Si tratta infatti di una delle migliori opzioni in quanto a performance ad alte sensibilità ISO, sia per quanto riguarda il settore video che quello fotografico.

La Sony a7S II è dotata di un sensore CMOS Exmor full frame da 12.2 MP e il processore d’immagine avanzato BIONZ X. Grazie a queste due caratteristiche, il range ISO di questa mirrorless è davvero impressionante: ISO 100-409600, che come abbiamo visto è il vero punto forte di questa fotocamera. Su questo modello troviamo finalmente la possibilità di girare video in 4K fino a 30p/100 Mbps. Non manca la stabilizzazione a 5 assi integrata nel sensore, che fa di questa mirrorless un vero gioiello per chi cerca un modello estremamente prestante per i video, o le foto con alti tempi di scatto.

Sony A7S II è la mirrorless per video ideale per chi spingere gli ISO ad alti livelli per avere più libertà di scelta con il triangolo dell’esposizione e sfruttare la luce naturale anche in occasioni particolari.

Sony a7S II: La nostra prova

Nonostante la serie S della line-up di mirrorless Full Frame Sony sia principalmente dedicata ai videomaker, questa a7S II riesce comunque a produrre degli ottimi scatti, in particolare in condizioni di luminosità bassissima. Infatti il sensore da “soli” 12 megapixel, in accoppiata al potentissimo processore di cui è dotata, le permettono di ottenere immagini utilizzabili anche a valori di sensibilità ISO estremi.  

L’autofocus è esclusivamente a rilevamento di contrasto. È comunque ottimo, ma perde un po’ di rapidità e precisione rispetto ai sistemi ibridi di altre mirrorless Sony.  

Ma passiamo al reparto più importante di questa macchina, ovvero i video. I file 4K di cui è capace sono eccezionali, in particolare ad alti valori ISO. È una mirrorless che può essere utilizzata tranquillamente per girare video con pochissima luce ambientale, in quanto il sensore riesce a mantenere sempre bassi i livelli di rumore digitale. Merito anche del prestante sistema di stabilizzazione a cinque assi del sensore. Peccato per la posizione del tasto di avvio registrazione, troppo scomodo in quanto obbliga a cambiare l’impugnatura della mano destra.  

Disponibile lo scatto silenzioso per le raffiche di foto, che però non superano i 5fps. Anche da questo si nota come Sony voglia differenziare la serie S dagli altri modelli del suo catalogo maggiormente adatti alla fotografia sportiva.   

Il mirino EVF è un OLED di ottima qualità. Il livello di dettaglio e i colori riprodotti sono fantastici, e rendono questa macchina davvero piacevole da utilizzare.  

Possiamo dire che anche dopo i nostri test la Sony a7S II si è dimostrata una eccellente mirrorless per videomaker. È infatti difficile trovare altri prodotti così affidabili quando si tratta di registrare filmati praticamente al buio. Per quanto riguarda il reparto fotografico, sicuramente ci sono opzioni migliori, ma si comporta comunque bene nella maggior parte delle situazioni. 

Puoi acquistare Sony a7S II su Amazon o se preferisci su eBay

Sony Alpha 7 III: sensore full frame

Se il sensore micro 4/3 non convince ma si vogliono comunque avere degli ottimi risultati in termini di ripresa video, Sony Alpha 7 III può essere la soluzione migliore. Anch’essa ha all’interno un sistema di stabilizzazione a 5 assi che dona ai filmati quel tocco professionale ricercato quando si effettuano riprese video. Qui però troviamo un sensore BSI CMOS da 24 megapixel, che per quanto riguarda la qualità delle foto risulta più performante di quello offerto da Panasonic Lumix GH5. Per quanto riguarda la parte delle ottiche questa mirrorless con mirino può contare sulle lenti E-mount più tutta la gamma di obiettivi A-mount (sempre Sony) tramite lo specifico adattatore. Il mirino è un EVF XGA OLED Tru-Finder da 2,36 milioni di punti e un contrasto elevato, meno della Panasonic ma comunque un numero molto alto che rappresenta un display curato e performante. Il fattore di lag è praticamente inesistente e possiamo dirlo con certezza dal momento che abbiamo provato la fotocamera nel dettaglio in anteprima.

Anche qui troviamo il chip WiFi, un chip Bluetooth a basso consumo energetico ed è inoltre presente la tecnologia NFC, più pratica per i fotografi evoluti. Il corpo, in lega di magnesio, è tropicalizzato come tutte le mirrorless Sony della serie Alpha e veramente molto leggero. L’intero corpo pesa  pesando solo 650 grammi. Il sistema di. messa a fuoco è lo stesso preente sulla ben più costosa Sony A9, si tratta di un autofocus che sfrutta 693 punti e copre in questo modo il 93% della scena. Il sistema di autofocus sfrutta la tecnologia 4D Focus, raddoppiando l’efficienza e la precisione del doppio quando le condizioni di luce sono più difficili. Sony Alpha 7 III è la mirrorless con mirino basic della serie Alpha con sensore full frame di Sony. Possiamo definire questa mirrorless come quella adatta ad un pubblico più ampio; mentre invece la Sony α7 sII è progettata per i videomaker e per chi vuole utilizzare la luce naturale anche quando è scarsa grazie alla gamma ISO impressionante; e Sony α7 rII è per chi ricerca la massima definizione grazie ad un sensore senza filtro passabasso e con una quantità di megapixel altissima.

Sony Alpha 7 III è la miglior mirrorless con mirino e con sensore Full Frame per rapporto qualità prezzo.

Puoi acquistare Sony Alpha 7 III su Amazon o se preferisci su eBay

Miglior mirrorless con mirino ibrido

Le mirrorless con mirino ibrido sono quelle fotocamere compatte ad ottiche intercambiabili che integrano al loro interno sia un mirino elettronico che un mirino ottico. Questa scelta permette di superare alcuni limiti del mirino elettronico e consentire un’esperienza d’uso del tutto unica. Una mirrorless con mirino ibrido permette di selezionare il tipo di mirino che si vuole utilizzare, offrendo ancora più possibilità di scelta al fotografo che dovrà essere in grado di considerare quando conviene usare un tipo e quando l’altro. Ovviamente il mirino ottico non sarà come quello delle reflex perché manca il pentaprisma, di conseguenza la qualità e l’affidabilità dello stesso sarà notevolmente inferiore rispetto quelli elettronici.

Fujifilm X-Pro 2

Al momento l’unica mirrorless con mirino ibrido degna di nota è la Fujifilm X-Pro 2 grazie al suo innovativo mirino Advanced Hybrid Multi. Anche in questo caso abbiamo avuto la possibilità di provarla e farne una recensione (Fujifilm X-Pro 2 recensione), e abbiamo deciso di inserirla in questa guida proprio per il fatto che ci aveva colpito molto per il suo innovativo mirino. Questo mirino consente di scegliere tre diverse opzioni di visualizzazione quando si inquadra una scena, grazie all’unione e l’interazione tra il mirino elettronico (EVF) e quello ottico (OVF), rendendo questo modello unico sul mercato. Su Fujifilm X-Pro 2 è infatti presente una levetta che permette di passare comodamente da una modalità di visualizzazione all’altra.

Scegliendo la modalità EVF si hanno tutti i vantaggi del mirino elettronico che è costituito da uno schermo OLED a 2.36 milioni di punti, una copertura di quasi il 100% e 85fps di digital refresh equivalenti a 150 ms di ritardo. Passando alla modalità di visualizzazione OVF troviamo invece il mirino ottico galileiano con cornice luminosa e un ingrandimento 0.36x / 0.6x con una copertura di circa 92%. Fujifilm conosce bene i limiti di questo mirino, e per questo motivo ha deciso di integrarlo con un electronic rangefinder (ERF) che mostra, grazie al mirino EVF, un riquadro in basso a destra dove si può scegliere 3 modalità diverse di visualizzazione. Sarà infatti possibile decidere di vedere il campo visivo al 100% per superare il limite del 92% dato dal mirino ottico, oppure vedere un ingrandimenti di 2,5x o 6x del punto che si sta mettendo a fuoco. In questo modo sarà possibile controllare meglio la messa a fuoco, l’angolazione, la regolazione dell’esposizione e il bilanciamento del bianco in tempo reale anche scattando tramite l’OVF. Consigliamo la mirrorless X-Pro2 a tutti coloro che vogliono scattare in modo “diverso” dal solito e sfruttare le potenzialità di un mirino unico.

Fujifilm X Pro 2 è l’unica mirrorless con mirino ibrido da considerare sul mercato. Per questo motivo è indicata ad una particolare parte di consumatori, ossia coloro che vogliono avere la possibilità di scegliere nelle diverse situazioni il mirino che più si presta alla scena da inquadrare.

Puoi acquistare Fujifilm X-Pro 2 su ePrice o se preferisci su eBay

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

7407 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Marco Rotunno tramite i commenti.