Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Batteria esterna notebook: come sceglierne una

Batteria esterna notebook: come sceglierne una

di Claudio Carelli
Specialist Caricabatterie portatile
aggiornato il 25 ottobre 2019
2 utenti hanno trovato utile questa guida

Il Natale 2019 sta per arrivare! Se stai cercando le offerte migliori del periodo o non sai cosa regalare ai tuoi cari, niente paura: ti aiutiamo noi! All’interno della sezione Migliori regali di Natale trovi consigli utili e i migliori sconti natalizi su una vasta serie di categorie.

 

Paura di non ricevere in tempo i tuoi prodotti per Natale? Nessun problema, la spedizione è rapidissima con Amazon Prime! Ti invitiamo a provarlo nella versione classica e Student qui ai link di seguito:

 

N.B. La guida Batteria esterna notebook è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Dicembre 2019.

Volete ricaricare il vostro notebook in mobilità, stando tranquilli dell’eventuale consumo energetico che questo richiede, senza quindi ricorrere al collegamento ad una presa di corrente? Non si tratta di una fantasia, ma è possibile sfruttando una batteria esterna notebook e un computer portatile di nuova generazione compatibile con i recenti standard energetici. Scoprite di seguito di cosa si tratta.

Batteria esterna notebook: quale comprare

Se fino a qualche tempo fa potevamo dire che ricaricare in mobilità un notebook fosse esclusivamente una attività impensabile, oggi non è così: la batteria esterna notebook è un prodotto reale ed esistente. Col passare del tempo lo sviluppo tecnologico ha sposato un trend di miniaturizzazione di tutti i vari chip che compongono i computer, un po’ in tutti i formati; basti pensare a quanto siano sottili oggi i notebook, oppure anche guardare a come è cambiato il telefono cellulare, sempre più piccolo, sottile, maneggevole.

La miniaturizzazione dei componenti interni ha portato a mantenere le performance dei PC di oggi sempre abbastanza elevati, riducendo però notevolmente l’energia necessaria. I processori sono ormai sempre più piccoli: tutto ha portato i produttori ad avvicinarsi sempre di più ad una sorta di convergenza con il segmento mobile. Come non citare infatti la USB Type-C, ormai onnipresente sia sui notebook che sui tablet ibridi, e lo standard Power Delivery? Quest’ultimo è un elemento assolutamente cardine per quanto riguarda la comprensione dei requisiti di ricarica del proprio computer portatile.

Sfruttando la USB Type-C, i produttori sono finalmente riusciti ad individuare un elemento standardizzato come è avvenuto per smartphone e tablet. Attenzione però: l’errore più facile a questo punto è quello di pensare che basta un cavo Type-C, e il gioco è fatto. Non è assolutamente così, sia per quanto riguarda le batterie esterne che per i classici alimentatori da presa bisogna assolutamente considerare anche la potenza in uscita.

Ma procediamo con ordine, e capiamo insieme tutti gli elementi per valutare la migliore batteria esterna notebook che fa al caso proprio.

Connettore: USB Type-C, DC o proprietario?

Come prima cosa, per scegliere una batteria esterna notebook è necessario individuare qual è il canale che questo sfrutta per essere ricaricato. In questo caso, la strada ha tre vie differenti, sebbene alcune tendono anche ad incontrarsi: qual è il connettore presente sul notebook? Si tratta di un connettore proprietario (come Apple o Lenovo), di un connettore DC classico oppure della recente USB Type-C standard?

Se non vi è chiaro, date un’occhiata al libretto che accompagna tutti i notebook. Qualora questo disponesse del recente connettore Type-C su standard USB 3.1, allora siete avvantaggiati, in quanto è possibile utilizzare assolutamente più batterie esterne. Se il notebook che avete a disposizione è invece dotato di connettore proprietario o DC, è anche il caso di verificare l’eventuale presenza di una porta USB Type-C con ricarica abilitata, cosa che viene al momento fatta da alcuni brand per rendere la vita più facile ai consumatori.

Per individuare i prodotti da scegliere abbiamo voluto scremare tutti quei powerbank non adatti ad una tipologia di casistica, selezionando per voi solo prodotti compatibili a pieno con tutte e tre le tipologie di porte appena citate. Se un tempo era dunque tutto affidato al connettore USB Type-C, oggi fortunatamente il mercato offre dei prodotti anche per il resto dei notebook realizzati dai produttori che non se la sono ancora sentita di fare il grande passo verso la standardizzazione del connettore. In ogni caso comunque, capito il requisito sul vostro notebook, è giusto prenderne atto ma affrontare un altro criterio di valutazione.

Energia richiesta

L’errore più classico quando si sceglie un prodotto per alimentare il proprio portatile è non badare all’energia, quando questa è assolutamente fondamentale. Soffermarsi al connettore non può essere abbastanza. Ripetiamo: non è usando un cavetto USB Type-C sulla powerbank con cui solitamente ricaricate il vostro smartphone che alimenterete un notebook. Il connettore non basta, bisogna anche guardare all’energia richiesta.

Ogni portatile dispone infatti di un alimentatore venduto in dotazione. Questo ha determinate caratteristiche di voltaggio, amperaggio e wattaggio. A conti fatti comunque, per essere alimentato un notebook ha bisogno delle stesse caratteristiche dell’alimentatore che ha in confezione, o comunque estremamente simili. Ecco perché non basta una powerbank da 20€ con un cavo USB Type-C: il wattaggio non è neanche lontanamente simile a quello dell’alimentatore fornito in dotazione.

Il wattaggio, che è concettualmente il prodotto di voltaggio per amperaggio, in alcuni casi è davvero elevato: scegliere una batteria esterna notebook significa anche optare per un prodotto in grado di erogare quel wattaggio, anche piuttosto elevato. Orientativamente ormai anche gli Ultrabook più recenti non superano i 90 Watt in alimentazione, e anzi i più piccoli invece dispongono proprio dello standard Power Delivery che impiega il profilo 5 Volt / 3 Ampere per funzionare. Per questo motivo, il criterio di scelta della batteria esterna deve essere una erogazione energetica il più ampia possibile: sia per i piccoli e moderni 12″ (vedi MacBook 12), sia per i notebook più tosti e professionali con display ampio.

In questa guida abbiamo selezionato solo modelli che dispongono almeno di un output da 3 Ampere su Type-C, idoneo alla ricarica dei modelli minuti di notebook. Per chi ha dei connettori e una alimentazione particolare però, abbiamo messo a disposizione anche prodotti con alimentazione DC e in di raggiungere wattaggi più elevati.

Autonomia – capacità ideale

 

Capito connettore ed energia, è giusto fare qualche considerazione anche sulla autonomia ideale. Scegliere una batteria esterna notebook non è assolutamente la stessa cosa di una batteria per un dispositivo mobile. Il perché è semplice: il notebook ha un consumo durante l’uso davvero notevole, per niente paragonabile a quello di uno smartphone.

Ciò significa che la batteria esterna, in questo caso, è da considerare più come un supplemento per usare il portatile in mobilità, e non qualcosa che lo porta al 100% di carica in poco tempo. Ovviamente il tutto non vale se il notebook è spento e volete solo ricaricarlo al pieno mentre magari siete in viaggio, in movimento.

Per questo motivo un altro criterio di valutazione essenziale è la capacità della batteria, misurato in mAh. Più la capacità è elevata, più potenzialmente è possibile dare energia al notebook. Ancora una volta sia chiaro però che la cosa non è strettamente proporzionale al tempo aggiuntivo che si ottiene, e questo perché dipende dalle operazioni che si svolgono col notebook durante la ricarica: si guarda un semplice film, si naviga su Internet o si eseguono programmi pesanti? Questo cambia. L’autonomia ideale è dunque da rapportare alla capacità della batteria esterna notebook in questo modo: se vi serve aprire strumenti pesanti in mobilità, scegliete i modelli con capacità maggiore. In questa guida abbiamo selezionato comunque solo batterie esterne dotate di una capacità minima elevata, così da fornire a tutti l’opportunità di avere qualche ora di carica anche se si eseguono molti software.

 

Passiamo dunque a capire su quali modelli puntare approfondendoli singolarmente. Questi sono ordinati con prezzo crescente progressivo, andando non solo incontro a tutte le esigenze di acquisto, ma anche a tutti i budget.

Choetech 20000mAh PD

Iniziamo la nostra guida all’acquisto con una batteria esterna notebook davvero interessante per il rapporto qualità/prezzo. Parliamo della Choetech 20000mAh PD, una powerbank piuttosto recente che ricorda molto quelle che si vedono sul segmento smartphone. E all’atto pratico è così: la Choetech in questione è un blocco rettangolare in policarbonato nero sfruttabile ampiamente anche per rifocillare telefoni e tablet.

Le sue porte sono quattro e si trovano tutte sul lato inferiore: qui sono presenti due USB full size con output fino a 2.4 A, una micro USB per l’input e una USB Type-C a doppio verso. Quest’ultima è l’unica utile per ricaricare notebook, non di taglio esagerato. Tramite lo standard Power Delivery infatti, tale porta riesce a garantire una potenza in uscita fino a 45 Watt, adattandosi automaticamente in base al notebook che vi collegate. Pienamente compatibile con tutti i recenti MacBook e gli altri notebook non particolarmente esosi dal punto di vista energetico, è l’acquisto che dovete fare se volete portare un po’ di carica sempre con voi.

Essa è in grado di ricaricare un MacBook Pro 15 in due ore completamente, e si ricarica con input a 30 Watt in poche ore tramite Type-C. In dotazione arriva con un cavo Type-C doppio. Le dimensioni e il peso sono contenuti: 27,1 x 10,6 x 3,2 cm, per 640 grammi.

Puoi acquistare Choetech 20000mAh PD su Amazon.

Choetech 20000mAh PD
Prezzo consigliato: € 49.99Prezzo: € 49.99

Litionite Tanker Mini 25000mAh

Continuiamo con una batteria esterna notebook che fa sul serio. La Litionite Tanker Mini 25000mAh è una powerbank dotata di corpo molto robusto di colorazione nera e no, sicuramente non punta particolarmente sul design. Tutti gli elementi di interazione si trovano lungo un lato: qui troviamo infatti, oltre al classico tasto di accensione, una serie di porte abbastanza interessante.

Tali porte sono, oltre alle due classiche USB full size dotate di ricarica Quick Charge 3.0, una USB Type-C che supporta dai 5 ai 12 Volt con uscita a 3 Ampere, e due porte DC; una per l’ingresso e una per l’uscita. Tali porte sono assolutamente essenziali, e la particolarità dei prodotti di Litionite praticamente.

Una porta DC può essere sfruttata per ricaricare la batteria esterna stessa tramite l’alimentatore fornito in dotazione, mentre l’altra va utilizzata in tandem con uno dei cavetti forniti in dotazione. Questi sono compatibili con tutti i notebook, andando da Apple a Lenovo, da Acer a HP, Dell, ASUS e simili. Scegliendo il modello più adatto al proprio notebook grazie alla manualistica, è possibile effettuare una pressione del tasto power per incrementare (o diminuire) il voltaggio in uscita, fino a 20 Volt e 90 Watt. Pesa 700 grammi e le dimensioni sono pari a 15 x 12,6 x 2,8 cm.

Adatta un po’ a tutti gli utilizzi, la Litionite Tanker Mini è la batteria esterna notebook più modesta: la sua capacità arriva a 25.000mAh, che non sono tantissimi se consideriamo che potrebbe essere impiegata anche con i notebook più massicci.

Puoi acquistare Litionite Tanker Mini 25000mAh su Amazon o se preferisci su eBay

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

Litionite Tanker 50000mAh

Sorella maggiore della Mini vista poco più su, la Litionite Tanker 50000mAh è la batteria esterna notebook adatta a chi ha bisogno davvero di tanta carica. Questa non è altro che l’edizione maggiorata rispetto alla “Mini”, ma dispone sostanzialmente dello stesso design freddo e molto basic, nonché delle stesse porte: due USB classiche, una Type-C e due porte DC (una in, una out). Le prime sono orientate alla ricarica QC 3.0, mentre la Type-C ha un viraggio dai 5 a 12 Volt e una corrente in uscita fino a 3 Ampere, adatta anche ai nuovi dispositivi che sfruttano questo nuovo standard.

Le porte DC sono invece pensate per sprigionare il massimo della potenza. Una serve a ricaricare la Tanker stessa sfruttando l’alimentatore fornito in dotazione. L’altra può essere impiegata con uno degli innumerevoli connettori DC e proprietari forniti in dotazione. Questi sono davvero tanti, e vanno a coprire praticamente tutte le tipologie di notebook presenti sul mercato, distribuiti dai più disparati brand. Il tutto è in grado di offrire in uscita fino a 20 Volt e 90 Watt.

In questo caso ci troviamo di fronte ad una batteria esterna da ben 50000mAh, e si sente: le dimensioni sono pari a 19 x 2,8 x 15 cm, mentre il peso è di ben 1,2 chilogrammi. Non si tratta di una cosa comodissima da trasportare, è indubbio, ma va anche detto che bisogna a scendere a compromessi se si vuole comunque una sorgente energetica davvero abbondante: con essa sarà possibile portare a termine una serie di operazioni anche impegnative.

Puoi acquistare Litionite Tanker 50000mAh su Amazon.

Litionite Tanker 50000mAh
Prezzo consigliato: € 149.9Prezzo: € 149.9

Litionite Dragon 60000mAh

Arriviamo al podio della batteria esterna notebook trovando un altro capolavoro dell’ingegneria elettronica, sempre di Litionite. Si tratta del modello Dragon 60000mAh, pensato per chi ha bisogno di qualcosa per alimentare anche altro ad un non semplice notebook. In questo caso ci troviamo di fronte ad un concentrato di potenza davvero degno di nota: la struttura possente, nera e massiccia, non fa sicuramente gridare al miracolo per quanto riguarda le linee all’ultimo grido.

La Dragon 60000mAh si presenta con uno spessore più importante rispetto ai modelli citati più su. Il motivo è che, oltre ai vari elementi come display, due porte USB 3.0, la USB Type-C e il DC in, questa presenta addirittura una presa di corrente vera e propria con attacco USA. E cosa farci, direte voi: niente paura, in dotazione è presente anche un adattatore che consente il collegamento sia di prese italiane che di prese del Regno Unito. Questa rende possibile a conti fatti sfruttare un vero e proprio alimentatore esterno.

Se dunque le porte USB classiche possono puntare sulla Quick Charge 3.0 e la Type-C fino a 12 Volt e fino a 3 Ampere in uscita, la presa di corrente funge da semplice fonte per alimentare un trasformatore esterno; proprio quello che solitamente viene venduto con ogni notebook. Collegando l’alimentatore classico ad essa, è possibile raggiungere addirittura fino a 130 Watt, così da poter tenere acceso davvero di tutto: anche cose più impegnative dei notebook.

Dalla sua, questa batteria esterna notebook presenta una serie di celle che conta in totale ben 60000mAh, praticamente adatte ad alimentare un notebook sotto un carico discreto anche per un intero giorno.

Puoi acquistare Litionite Dragon 60000mAh su Amazon.

Litionite Dragon 60000mAh
Prezzo consigliato: € 269.9Prezzo: € 269.9

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

2 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Claudio Carelli tramite i commenti.