Miglior smartwatch: ecco cosa offre il mercato

Attenzione: sono disponibili interessanti sconti per i seguenti prodotti:

Inoltre, in questo periodo natalizio, abbiamo selezionato le offerte migliori per trovare regali di Natale di diversa fascia di prezzo e categoria. Aggiorneremo le nostre pagine costantemente, intanto, come ogni anno, ti consigliamo anche di dare un’occhiata alle offerte di Natale 2017 di Amazon.

N.B. Questo articolo è monitorato mensilmente e aggiornato con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a dicembre 2017.

 

In questo articolo parliamo del miglior smartwatch. L’obiettivo e offrivi una panoramica completa delle diverse famiglie di smartwatch in modo da aiutarvi nella scelta del dispositivo che meglio soddisfa le vostre esigenze.

Miglior smartwatch quale comprare

Il mondo dei dispositivi elettronici di consumo continua ad espandersi, inesorabilmente. Quest’anno sembra toccare alla tecnologia indossabile, rappresentata da smartwatch, smartband e altri dispositivi più particolari pronti a cambiare un po’ le carte in tavola nell’utilizzo classico che facciamo di smartphone e tablet. Dopo aver visto le migliori smartband, pensate prettamente per il fitness, andiamo ad aiutare tutti coloro che scelgono di ampliare le funzionalità del proprio dispositivo principale acquistando uno di questi orologi di nuova generazione, capendo se è davvero necessario comprare un dispositivo del genere, quale criteri utilizzare per sceglierlo e analizzando poi i singoli modelli.

Il settore degli smartwatch è stato aperto in un primo momento da alcuni nomi indipendenti, giunti sul mercato generando un grosso clamore tra pochissimi utenti. Il primo forse, a dirla tutta, fu iPod nano del 2011, proposto con un cinturino da polso. Il mercato si è poi esteso grazie all’impiego di Android in alcune soluzioni; come non ricordare ad esempio i primi Gear proposti da Samsung. Col tempo però le cose sono cambiate, perché le aziende hanno iniziato a capire che il concetto di dispositivo stand-alone, slegato dai propri smartphone, non funzionava. Nascono infatti numerosi prodotti che svolgono il ruolo di “companion device”, ovvero di accessori da accoppiare ai dispositivi che già ben conosciamo.

Al momento sono davvero tante le soluzioni che possono arrivare tra le mani, anzi, ai polsi degli utenti. Se siete utilizzatori molto attivi del vostro smartphone, se magari lo impiegate per attività lavorative, se andate frequentemente a gestire applicazioni, servizi o operazioni sul Web, forse uno smartwatch è uno strumento che può effettivamente esservi utile nel quotidiano. Esso consente nell’atto pratico di evitare di estrarre costantemente il telefono dal taschino, cosa che magari lavorando o stando spesso in giro è abbastanza interessante. Il binomio smartphone/indossabile estende le possibilità di utilizzo di molte app, che ormai si adattano anche in versione “in miniatura” offrendo interazione tramite swipe e comandi vocali.

Un altro impiego abbastanza interessante degli smartwatch è sicuramente quello di periferiche attive sul lato sportivo. Sono infatti davvero moltissimi gli orologi che sfruttano la possibilità di stare sempre al polso dell’utente per raccogliere una serie di dati utili per il fitness e la salute. Le aziende sembrano voler consolidare molto questo aspetto: lo dimostra la nascita di Health – Salute – di Apple, piattaforma apposita basata sul cloud, del tutto simile a Google Fit o di Microsoft Health, controparti della concorrenza. In questo caso abbiamo però anche le semplici smartband, molto più economiche (quelle senza display per intenderci), quindi valutate la cosa.

Ma quale sistema operativo scegliere per il proprio smartwatch? quali sono le compatibilità con i vari sistemi operativi? scopriamo insieme tutti i migliori smartwatch disponibili sul mercato!

Miglior smartwatch: dai 100€ ai 200€

Partiamo la nostra collezione di migliori smartwatch con le soluzioni più economiche, che possono essere acquistate bene o male da quasi tutti gli utenti che vogliono puntare sull’avere qualche notifica e qualche controllo in remoto del proprio smartphone. Piccola premessa: tenete presente che per garantire il funzionamento corretto di smartwatch e indossabili in genere è richiesta una versione recente del sistema operativo su smartphone. Se siete quindi in possesso di un vecchio device non aggiornabile, fate un pensierino all’acquisto di uno smartphone nuovo mediante le nostre guide dedicate (miglior smartphone Androidmigliore iPhonemiglior smartphone Windows Phone). Avete un dispositivo recente? Allora iniziamo!

Garmin Vívomove

Migliori smartwatch

Chi conosce Garmin e apprezza i prodotti rilasciati dall’azienda svizzera, sa bene che nel portfolio non sono presenti unicamente dispositivi marcatamente sportivi. Ne è la riprova il Garmin Vívomove, ovvero uno smartwatch rilasciato giusto qualche settimana fa che si manifesta come una interessante intersezione fra un orologio classico e uno più “contemporaneo”.

Questo perché guardando con più attenzione il Vívomove, si scopre che il quadrante circolare è animato da lancette a movimento accompagnate lateralmente da due piccoli display LCD. A destra troviamo quello che raffigura la classica barra motivazionale – più si sta seduti più sale – mentre a sinistra trova posto una barra che “segue” l’andamento dei propri obbiettivi.

Ovviamente presente l’impermeabilità fino a 5 ATM e l’autonomia di 1 anno garantita da una economica batteria CR2025 sostituibile. Tutte le informazioni relative all’attività fisica e non solo verranno poi sincronizzate con gli smartphone tramite l’applicazione Garmin Connect (link Play Store, link per l’App Store). Per il Vívomove l’azienda ha previsto diversi cinturini così come tre modelli: abbiamo lo “Sport” pensato con cinturini in silicone e più adatti all’attività all’aperto, il “Classic” ed infine il “Premium” con cinturini in vera pelle e cassa in acciaio – tutte le informazioni aggiuntive sono presenti all’interno della nostra recensione Garmin Vivomove.

Il Garmin Vivomove è disponibile su Amazon nelle diverse versioni.

Fitbit Charge 2

Miglior smartwatch

Come abbiamo sottolineato all’interno della recensione Fitbit Charge 2, si tratta dell’ultimo smartwatch prodotto dal colosso statunitense e pensato per aggredire il mercato di questo fine 2016 ed inizio 2017. Si tratta di un prodotto estremamente interessante, adatto sia a chi vuole tracciare i propri allenamenti che per chi vuole qualche informazione in più ma anche per gli sportivi un po’ più esigenti.

Il punto di forza del Charge 2 è certamente la presenza del sensore HR capace di tracciare l’andamento del battito cardiaco 24/7. Nonostante possa far salire qualche dubbio sull’autonomia generale, in realtà il Charge 2 offre interessanti spunti per quanto concerne la durata della batteria. Merito è certamente dell’ottimizzazione hardware ma anche dell’assenza del modulo GPS, forse l’unica vera pecca per un dispositivo smart da polso.

Il Charge 2 lo consigliamo a chi è affezionato alla serie Charge ma al contempo cerca una soluzione maggiormente ottimizzata rispetto alla passata generazione. L’applicazione companion è una delle migliori attualmente presenti in circolazione e l’azienda rilascia spesso piccoli aggiornamenti firmware pensati per migliorare alcuni aspetti dello smartwatch o per risolvere qualche bug. Il Fitbit Charge 2 è disponibile su Amazon in diverse misure e colorazioni.

TomTom Spark 3

Miglior smartwatch

Il TomTom Spark 3 è il nuovo smartwatch di TomTom pensato per aggredire il mercato di questo fine 2016. Come annuncia il nome stesso, si tratta della nuova generazione di orologio intelligente che fa parte della gamma “Spark”. Come abbiamo detto all’interno della nostra recensione che trovate linkata qui in alto, potremmo quasi definirlo come uno “sportwatch” in quanto è profondamente indirizzato a chi intende lo sport a livello amatoriale (magari però con qualche dettaglio in più per quanto riguarda il tracciamento dell’attività fisica) oppure per chi svolge lo sport a livello semi-professionale.

Il retro del TomTom Spark 3 vede la presenza di un sensore per il battito cardiaco estremamente preciso ed in grado di iniziare a carpire le informazioni dopo qualche secondo dalla sua attivazione. Per mantenere i consumi della batteria entro determinati livelli, TomTom ha pensato di attivare il sensore HR ad intervalli regolari. Questo permette sicuramente di tenere traccia del proprio battito cardiaco (magari per avere uno storico del suo andamento) ma anche di non lasciare lo Spark 3 a secco dopo poche ore. Potremo dire la stessa cosa per quanto riguarda il sensore GPS: quest’ultimo si comporta bene, anche in situazioni in cui non è facile agganciare il segnale. A stretto contatto con il sensore GPS troviamo la nuova funzione sentieri che vi permette di tornare al punto di partenza (magari la vostra abitazione) ma andando ad esplorare nuove vie che diversamente non avreste potuto sperimentare – tutte le specifiche sono presenti all’interno della nostra recensione TomTom Spark 3.

La batteria con un uso del sensore GPS e HR per un’ora al giorno, permette di fare tranquillamente una settimana completa. Lo consigliamo per la sua robustezza, per la possibilità di caricare mappe in formato .gpx oltre che il tracking di diversi tipi di allenamento, anche al chiuso. Il TomTom Spark 3 sbarca su Amazon a questo link.

Fitbit Blaze

miglior smartwatch

Tutti, sportivi e non, conoscono Fitbit e i suoi prodotti. Se alcuni sono prettamente votati al tracking dell’attività fisica, l’azienda californiana ha presentato anche dispositivi leggermente più duttili. Fra questi il migliore è il Fitbit Blaze, il primo vero smartwatch dell’azienda. Blaze integra ovviamente accelerometro, altimetro e cardiofrequenzimetro: tutto ciò che ci aspettiamo in uno smartwatch e in un fitness tracker. Vi è ovviamente la possibilità di ricevere le notifiche dal nostro smartphone, seppur in maniera leggermente più limitata rispetto alle principali piattaforme smartwatch. Il display 1.2 pollici a colori fa però il suo lavoro piuttosto bene. Funzionalità inoltre introdotta in questo Blaze è l’integrazione dei workout di Fitstar. Grazie a questa modalità potremo tracciare  in tempo reale dei brevi workout guidati tramite lo smartwatch stesso.

Unica mancanza di questo smartwatch per sportivi è l’assenza del modulo GPS; il device infatti potrà sfruttare quello dello smartphone collegato via Bluetooth, ma non è dotato di un proprio sensore nel caso voleste lasciare il vostro smartphone a casa. Fitbit Blaze è compatibile con iOS, Android e Windows, diventando di fatto una delle proposte con la migliore integrazione cross-platform. Il prezzo di lancio così contenuto ne fa un prodotto davvero consigliato. Occhio però che il suo punto debole non è subito chiaro: è per lo sport, ma non è idrorepellente, per cui scordate le attività di nuoto o l’esposizione eccessiva ai liquidi (sudore incluso).

Il Fitbit Blaze è disponibile a questo link di Amazon.

Miglior smartwatch: dai 200€ in su

Spostiamoci verso una sezione lievemente differente rispetto a quella precedente. Per tutti gli appassionati di tecnologia che vogliono acquistare uno smartwatch senza badare a spese dedichiamo infatti la proposta di modelli differenti. Vediamo quali sono i migliori smartwatch premium, con funzioni e design unici.

ASUS ZenWatch 3

miglior smartwatch

ASUS non sta certamente a guardare il mercato dei wearable senza proporre la sua personale visione di quello che dovrebbe essere uno smartwatch completo a 360°. ASUS ZenWatch 3 è l’ultima fatica del colosso in tal senso: abbiamo avuto modo di vederlo per la prima volta all’interno della grande fiera di IFA 2016 e. con maggiore calma e attenzione, attraverso la nostra recensione.

Quello che ci è apparso subito lampante è l’estrema cura che ASUS ha instillato nella creazione del suo ZenWatch 3. Per funzioni e qualità costruttiva l’abbiamo etichettato come uno dei miglior smartwatch attualmente presenti sul mercato. Il discorso è ancora valido nonostante siano passati diversi mesi dalla sua messa in commercio.

Sebbene all’interno della nostra recensione abbiamo sollevato i nostri dubbi per quanto riguarda Android Wear, l’azienda ha assicurato che lo smartwatch riceverà la nuova versione di Android Wear 2.0 a partire dal Q2 del 2017. Bisogna aspettare ancora qualche mese, è vero, ma anche così non può non far parte della nostra selezione dei miglior smartwatch per questo 2017. Frontalmente troviamo una cassa circolare in acciaio 316L con tre piccole corone incastonate lateralmente.

L’azienda mette a disposizione due cinturini (acciaio e vera pelle) e tre colorazioni: grigio, nero e oro/rosa. Come abbiamo più volte sottolineato nella recensione, il display AMOLED da 1.39″ è assolutamente sbalorditivo e il comparto hardware animato da uno Snapdragon Wear 2100 e 512 MB di RAM permettono di scorrere lungo Android Wear senza problemi. L’unica pecca è però l’assenza di funzioni fitness, quasi come se ASUS ci volesse indicare che si tratta di uno smartwatch pensato per gli utenti di tutti i giorni escluso gli sportivi.

ASUS ZenWatch 3 è disponibile su Amazon.

Motorola Moto 360 2015

Miglior smartwatchMotorola è arrivato alla seconda generazione del suo famosissimo e apprezzato (più o meno tanto) smartwatch con Android Wear. Questa nuova generazione che si chiama sempre Moto 360 ricalca da alcuni punti di vista le stesse linee e componenti interni ma guadagna alcune nuove colorazioni e versioni. Si parte come sempre da un bellissimo quadrante circolare – presente purtroppo la classica banda nera – caratterizzato da una cassa in acciaio questa volta però distinta in due dimensioni.

Arriva infatti il modello con cassa da 46 mm, pensato per chi ha un polso importante o magari ama orologi grandi, ed uno da 42 mm ideale per le donne o per chi vuole avere al polso un prodotto sì bello ma altrettanto facile da portare in giro. Tali differenze si ripercuotono inevitabilmente con la batteria integrata che parte da 270 mAh per il modello da 42 mm per crescere fino ai 375 mAh per il modello da 46 mm.

Il resto dell’hardware è caratterizzato da uno Snapdragon 400 accompagno da GPU Adreno 305, 512 MB di RAM, 4 GB di memoria interna, Bluetooth 4.0 e Wi-Fi 802.11 b/g, e i classici sensori integrati: accelerometro, sensore di luminosità, giroscopio e vibrazione. La particolarità di quest’anno è però da ricercare in una versione Sport disponibile a 299,00€ che oltre a presentare un comodo cinturino in silicone – più che adatto all’attività fisica -, integra al suo interno un modulo GPS per tenere traccia della distanza percorsa – vi rimandiamo alla scheda tecnica Moto 360 2015 per tutte le informazioni aggiuntive.

Il Moto 360 2015 è disponibile a questo link di Amazon per il modello con cinturino cognac, oro/rosa o nero e ancora a quest’altro link di Amazon per il modello sport.

Garmin Fenix 5

miglior smartwatch

Chi conosce la serie fenix di Garmin, sa benissimo che si tratta della punta di diamante per quanto riguarda la sezione smartwatch. Il Garmin Fenix 5 è al momento il wearable intelligente più completo proposto dalla compagnia, e lo si denota anche dal prezzo di listino. Il design è come sempre di prim’ordine, come si può facilmente intuire dall’immagine del prodotto. La cassa è in acciaio inossidabile, di una certa dimensione (forse più adatto ad un polso maschile), affiancato da un cinturino solido e robusto. Frontalmente è presente un ottimo pannello a colori da 240 x 240 pixel, mentre la UI viene comandata facilmente grazie alla presenza di cinque tasti che ornano la corona. La parte posteriore svela il classico sensore HR per il battito cardiaco ed il PIN per la ricarica con cavetto proprietario.

Per quanto riguarda il tracking dell’attività fisica, il Garmin Fenix 5 prevede il tracciamento di una nutrita selezione di allenamenti. Si parte dalla corsa (all’aperto, al chiuso o in pista), alla bicicletta (al chiuso, in strada e in montagna), al nuoto (piscina o in mare), al golf, allo scii, al triathlon e tanto altro. L’autonomia della batteria è uno dei punti di forza dello smartwatch che riesce a resistere ben 2 settimane. Il valore subisce un drastico calo nel caso di utilizzo continuativo del modulo GPS: in quel caso il Fenix 5 è in grado di offrire 15 ore di autonomia, comunque più che sufficienti per il tracking dell’attività fisica.

Il Garmin Fenix 5 è disponibile a questo link di Amazon oppure al box poco più in alto.

Samsung Gear S3

Miglior smartwatch

Samsung è stata tra le pioniere dell’industria smartwatch con i suoi Gear. Con ormai quindi un po’ di anni di esperienza alle spalle, ecco Gear S3, senza dubbio il modello di smartwatch più convincente dell’azienda che offre una valida alternativa ad Android Wear, Pebble o Apple Watch. Visto nella nostra anteprima ad IFA 2016, Gear S3 è dotato in entrambe le sue versioni di un display Super AMOLED completamente circolare di 360 pixel di diametro. Gear S3 ha un design semplice e pulito, ma allo stesso tempo molto efficace e moderno, e i modelli Classic e Frontier si differenziano per la presenza del modulo LTE nel modello Frontier a cui è associata la nuova eSIM.

Come accennato, Gear S3 anche quest’anno non si affida alla piattaforma Google ma monta TizenOS, il sistema operativo di Samsung: le app sono senza dubbio in numero minore rispetto agli smartwatch Android Wear, ma avere un ecosistema proprio consente una maggiore libertà di scelte per Samsung. Questa libertà si manifesta nella particolare ghiera di Gear S3, che è infatti ruotabile per consentire interazioni con lo smartwatch senza utilizzare il touchscreen. Questo nuovo paradigma di interazione in particolare è una delle caratteristiche più riuscite di S3, rendendo la navigazione tra le applicazioni e le notifiche comoda e anche naturale. Nonostante il sistema proprietario, Gear S3 è compatibile con ogni smartphone Android 4.4+ con almeno 1.5 GB di RAM e presto anche con i device iOS.

Al suo interno Gear S3 è basato su una CPU Exynos 7270 dual-core da 1.0 GHz con 4 GB di memoria interna di cui 1.9 liberi. Sono presenti ovviamente Wi-Fi e Bluetooth ed anche il supporto NFC utilizzabile anche per Samsung Pay, la soluzione dell’azienda coreana per i pagamenti via NFC. Dal punto di vista dei sensori troviamo i classici accelerometro, giroscopio, cardiofrequenzimetro, barometro e sensore di luminosità. Gear S3 è inoltre certificato IP68 e dunque certificato per le polvere e immersioni di brevi periodi. Se non vi convincono le offerte di Android Wear, Pebble o Apple Watch, forse Gear S3 e il suo Tizen fa al caso vostro.

Samsung Gear S3 Classic è disponibile a questo link di Amazon; il modello Frontier è invece disponibile a quest’altro link di Amazon.

Apple Watch series 3

miglior smartwatch

Dopo diversi mesi dal lancio del tanto apprezzato Apple Watch series 2, l’azienda guidata da Tim Cook ha finalmente svelato la nuova versione del wearable Apple di cui trovate le novità all’interno seguendo il link per Apple Watch 3 LTE news. Le novità di questo nuovo modello seguono più o meno tutte le richieste da parte dei tanti utenti che, nonostante tutto, hanno dato fiducia ad Apple acquistando il primo smartwatch mai rilasciato dalla compagnia.

Apple Watch series 3 vede l’arrivo del tanto agognato modulo LTE che permette adesso di utilizzare lo smartwatch anche quando non si ha l’iPhone nei paraggi, un po’ com’è possibile fare da qualche anno con la controparte Android Wear. Purtroppo c’è da dire che il modello LTE non vedrà la luce nel nostro Paese, forse a causa di un mancato accordo con gli operatori telefonici. In Italia arriva però il modello standard, ovvero con modulo GPS e tutte le altre caratteristiche che abbiamo descritto nel link poco più su. Il nuovo Watch series 3 monta watchOS 4 compresa la piena libertà di personalizzare il quadrante dell’orologio.

Apple Watch series 3 è disponibile a questo link di Euronics in tutte le sue varianti. Chi, invece, non ha necessità di avere l’ultimo ritrovato in termini di smartwatch, può acquistare l’Apple Watch series 2 – ancora un ottimo dispositivo – seguendo questo link di Amazon.

Altro

Se non hai trovato quello che stavi cercando, non disperare. Prova a dare un’occhiata agli articoli appartenenti alla collana smartwatch:

 

Avete qualche dubbio nello scegliere un modello che fa al caso vostro, oppure volete suggerire qualche modello da inserire all’interno della collezione? Usate il box dei commenti qui sotto!

Top

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi