Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Miglior smartwatch economico: dispositivi smart a prezzi contenuti

Miglior smartwatch economico: dispositivi smart a prezzi contenuti

di Giovanni Mattei
Specialist Smartwatch
aggiornato il 9 agosto 2019
9480 utenti hanno trovato utile questa guida

Nasce Amazon Prime Students: tutti i privilegi dell’abbonamento Amazon Prime, ma alla metà del prezzo se siete studenti. Per saperne di più ed eventualmente attivarlo clicca qui.

Portiamo inoltre all’attenzione alcune promozioni attive:

  • eBay Tech Week: fino al 50% di sconto su prodotti di elettronica dal 14 al 20 ottobre;
  • Wacom Days: dal 10 al 20% di sconto sui prodotti Wacom, dal 14 fino al 20 ottobre.
N.B. La guida Miglior smartwatch economico è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Ottobre 2019.

In questo articolo ci tuffiamo alla ricerca del miglior smartwatch economico. L’obiettivo è offrivi una panoramica completa dei diversi prodotti presenti sul mercato in modo da aiutarvi nella scelta dello smartwatch adatto per il vostro allenamento, avendo un occhio di riguardo al portafoglio.

Miglior smartwatch economico: quale comprare

Da quando sono apparsi per la prima volta sul mercato, gli smartwatch sono sempre stati visti come dei prodotti di dubbia utilità. Ci si potrebbe chiedere che senso ha avere un oggetto al proprio polso che non fa altro che inviare notifiche presenti sullo smartphone. Su questo importante quesito le più grandi aziende hi-tech hanno basato la loro strategia, la loro contromossa. Effettivamente gli smartwatch servono per avere rapida visione delle notifiche in arrivo, è vero, ma offrono tanto, molto di più.

Questo è possibile grazie alla complessità dei sistemi operativi che permette agli smartwatch di essere adoperati anche per usare applicazioni, rispondere a notifiche direttamente con la propria voce (o con la tastiera), chiedere informazioni ad Assistente Google, Siri o Bixby, ed offrire consigli per quanto riguarda il mantenimento della forma fisica. Su quest’ultimo punto, la forma fisica, da diversi mesi si sta combattendo una battaglia fra i big del settore.

Se hai intenzione di acquistare uno smartwatch ma non vuoi spendere troppo, allora sei capitato nel posto giusto. All’interno della guida sul miglior smartwatch economico ti mostriamo quelli che per noi sono gli smartwatch che ha senso acquistare, senza spendere un capitale. Ma quali sono le caratteristiche essenziali che un dispositivo del genere deve avere per essere consigliato?

Mi sono posto queste domande durante la selezione dei miglior smartwatch economici, ed è ho seguito una serie di criteri di selezione che mi hanno permesso di scegliere prodotti che vedete qui sotto. Il primo aspetto che considero essenziale è la presenza di un display in grado di offrire informazioni utili all’utente. In questo caso ho scelto prodotti pensati per essere utilizzati senza problemi al chiuso ma, soprattutto, all’aperto, sotto il sole, cosa che mette a dura prova pannelli anche di smartwatch estremamente costosi. Ho quindi preferito smartwatch con display di buona qualità a quelli invece poco adatti ad un utilizzo all’aperto. All’interno della guida troverai prodotti estremamente economici con display di piccole dimensioni e smartwatch un po’ più costosi con pannelli più generosi. I primi sono ideali se stai cercando un prodotto poco ingombrante, leggero e adatto anche al polso di una donna; i secondi, invece, tendono ad essere preferiti da chi è alla ricerca di un wearable tramite cui leggere facilmente le notifiche in arrivo, lanciare molte applicazioni o controllare le informazioni relative al tracking dell’attività fisica.

La presenza di sensori per il tracking dell’attività fisica è un ulteriore criterio di selezione a noi molto caro. Ma non basta averli per essere automaticamente inseriti nella nostra guida. Ho focalizzato la mia attenzione nel selezionare smartwatch i cui sensori siano non solo di qualità, ma soprattutto precisi nel misurare aspetti legati all’attività fisica e non solo. È un discorso molto importante per gli smartwatch, soprattutto quando ci si pone l’obbiettivo di non spendere una cifra importante. I modelli più economici sono provvisti di una serie di sensori piuttosto basilari in grado di tracciare informazioni come i passi, la distanza percorsa, le calorie bruciate e poco altro. Sono quindi indirizzati per utenti che non sono alla ricerca di soluzioni con una grande capacità di tracking, cosa invece completamente diversa per gli smartwatch più in fondo. Oltre ad avere un numero maggiore di sensori, questi wearable sono spesso muniti di tecnologie proprietarie sviluppate per un tracking preciso e, molto spesso, in grado di attivarsi automaticamente dopo appena 15 minuti di attività fisica.

Se un tempo gli smartwatch impermeabili erano a disposizione solo di utenti in grado di spendere una cifra importante, oggigiorno anche i miglior smartwatch economico possono essere utilizzati in presenza di acqua. L’impermeabilità si presenta quindi come un aspetto da considerare durante la selezione dei migliori modelli. All’interno della nostra guida troverai smartwatch con certificazione IP67 e IP68. Entrambi ti permettono di indossare il fitness tracker in presenza di acqua ma per un lasso di tempo diverso. La certificazione IP67 è in grado di garantire piena funzionalità fino a mezz’ora ad un metro di profondità; la IP68 per un’ora sempre fino ad un metro di profondità. Valuta bene il tipo di utilizzo che farai dello smartwatch prima di acquistarlo.

Infine l’autonomia è un elemento che non potevo non valutare per la scelta dei giusti prodotti da consigliare. Lo smartwatch, per definizione, non è un dispositivo munito di una batteria di lunga durata. Spesso i sensori e i display ad alta risoluzione sono un grosso peso per la batteria, cosa che costringono l’utente a ricaricare lo smartwatch almeno una volta ogni giorno. Per questa guida sui miglior smartwatch economico ho deciso di consigliarvi dispositivi la cui batteria fosse in grado di garantirvi almeno un giorno intero di utilizzo. Bada bene però che nelle guida trovi anche smartwatch con un’autonomia maggiore, a patto di essere disposto a spendere una cifra maggiore.

Xiaomi Amazfit Bip Lite

Davvero difficile non iniziare la nostra selezione dei miglior smartwatch economico con lo Xiaomi Amazfit Bip Lite. Si tratta di uno smartwatch estremamente economico, che è il fulcro di questa nostra guida all’acquisto. Come si può vedere dall’immagine poco più sopra, il suo aspetto è estremamente sobrio e particolarmente piacevole. Il design ricorda in qualche modo l’Apple Watch, ma in questo caso con una cassa in cui è presente solo un piccolo tasto. Frontalmente trova posto un display da 1.28 pollici con tecnologia 2.5D. Questo significa che, mano mano che ci si avvicina ai bordi del pannello, quest’ultimo tende leggermente a curvare in modo da dare una impressione di continuità fra il display e il telaio stesso.

Con un prezzo estremamente contenuto, il piccolo Xiaomi Amazfit Bip Lite integra la stragrande maggioranza dei sensori presenti in prodotti decisamente più costosi. Oltre al classico Bluetooth 4.0 LE, lo smartwatch integra il sensore HR per il battito cardiaco ed il modulo GPS, elemento fondamentale per tracciare con estrema precisione i propri spostamenti mentre si fa un po’ di sport all’aperto. Il Bip Lite è inoltre in grado di immagazzinare dati sulla qualità del sonno, la distanza percorsa, i passi, e presenta una interessante funzione che ci ricorda di fare un po’ di movimento a seguito di una lunga sessione di inattività – un po’ come la barra motivazionale presente in tutti i prodotti Garmin.

Ad un prezzo di molto inferiore ai 100€, lo Xiaomi Amazfit Bip Lite offre anche la certificazione IP68 che lo rende adatto anche a chi vuole indossare lo smartwatch in presenza di acqua.

Puoi acquistare Xiaomi Amazfit Bip Lite su Amazon o se preferisci su eBay

Garmin Vivomove HR

Un altro interessante player della nostra guida sul miglior smartwatch economico è il Garmin Vivomove HR, uno smartwatch molto particolare che è stato presentato poco più di un anno fa. Rispetto a tutti gli altri prodotti che vedremo all’interno di questa guida, il Vivomove HR è l’unico smartwatch a non avere un display di grandi dimensioni. Questo perché Garmin, con qualche anticipo rispetto ad altre aziende, ha pensato di sviluppare uno smartwatch ibrido, adesso decisamente più in voga rispetto a qualche mese fa.

Qual è la differenza principale con gli smartwatch veri e propri? Ovviamente il display, in questo leggermente messo da parte in favore delle classiche lancette fisiche dei minuti, ore e secondi. Questo, però, non impedisce all’orologio di offrire un “aiuto smart”, se così lo vogliamo definire. Come si può vedere dalla foto del prodotto, la porzione inferiore della cassa presenta un piccolo display touch da 64 x 128 pixel che permette di tenere traccia di alcuni parametri.

Le altre funzioni smart del Vivomove HR prevedono pattern di respirazione per scaricare lo stress, la stima della VO2 Max, ovvero il valore che indica il volume massimo di ossigeno consumato dai muscoli, e la tecnologia Move IQ 2.0per il tracking automatico dell’attività fisica.

Garmin Vivomove HR: la nostra prova

Il Garmin Vivomove HR è l’ultimo smartwatch ibrido in linea di successione rilasciato dal colosso statunitense. Il precedente modello, il Vivomove, mi aveva conquistato per il suo design e la semplicità con cui univa due mondi apparentemente distanti: quello degli orologi classici con quello degli smartwatch veri e propri. L’unione di questi due concetti ha dato vita ad un dispositivo capace di fare più o meno le stesse cose di un comune smartwatch, ma senza violare il desiderio di chi vuole un orologio vero e proprio al proprio polso.

Il Vivomove HR prende quanto fatto di buono dal suo predecessore e lo porta ad un altro livello. Innanzitutto è finalmente in grado di tracciare il battito cardiaco grazie al sensore HR. Questo si rifà alla tecnologie Garmin Elevate, il che dona allo smartwatch una precisione invidiabile nel tracciare i bpm del cuore. Durante la mia prova, ho apprezzato tantissimo notare quanto il sensore fosse in grado di misurare cambi repentini del battito cardiaco.

Il display è un altro aspetto del dispositivo che cambia in meglio. Si passa dalle piccole lunette del Vivomove ad un vero e proprio pannello OLED da 64 x 128 pixel. È piccino ma in grado di dare il giusto significato alle informazioni mostrate, senza incastrare l’utente in eccessivi tap e swipe. L’applicazione mobile resta una delle più complete sul mercato – apprezzo il livello di dettaglio delle informazioni carpite dallo smartwatch – ma ho notato qualche complicazione di troppo girando nei vari menu; potrebbe essere un po’ troppo complessa per un neofita.

Infine, l’autonomia è quella che ci si aspetta da uno smartwatch ibrido. Essendo orfano del modulo GPS, la batteria è chiamata a rispondere solo del sensore HR e del piccolo display. Riesce a garantire più di una settimana di carica anche con un uso intenso.

Puoi acquistare Garmin Vivomove HR su Amazon.

Garmin Vivomove HR
Prezzo consigliato: € 199.99Prezzo: € 151.35

TomTom Spark 3

Passando ad un’altra importantissima azienda nel campo dei wearable, non possiamo certamente dimenticarci dell’ottimo TomTom Spark 3. Presentato poco più di un anno fa durante l’IFA 2016 di Berlino, lo smartwatch della compagnia è pensato sia per gli atleti (incalliti e non), sia a chi vuole uno smartwatch completo senza spendere un patrimonio. Dal punto di vista del design, il TomTom Spark 3 offre un display monocromatico molto luminoso, perfetto anche per leggere le notifiche mentre si è all’aperto anche sotto il sole di mezzogiorno. Poco più in basso è presente un grande joystick che permette di controllare l’interfaccia dell’orologio – questo funziona perfettamente e sopperisce alla mancanza di un pannello touch.

Posteriormente troviamo il sensore HR per il battito cardiaco, estremamente preciso e capace di captare le informazioni relative all’andamento del nostro cuore 24/7. Troviamo il TomTom Spark 3 all’interno della nostra guida sul miglior smartwatch economico anche per la presenza del sensore GPS e la funzione sentieri. Il primo, come si sa, permette di tracciare con discreta precisione la propria posizione quando si è all’aperto. Può essere estremamente interessante per chi ama fare sport all’aperto, o semplicemente per chi non vuole portare il proprio smartphone per poter sfruttare la funzione di “GPS assistito”, molto comune per i prodotti da polso che non sono muniti di modulo GPS.

La funzione sentieri, invece, permette di sperimentare tragitti differenti dati i punti A e B (partenza e arrivo). Si tratta di un qualcosa che è ovviamente adatto e pensato per chi ama l’esplorazione degli spazi aperti, ed è molto interessante poterla sfruttare all’interno di un prodotto ad un prezzo decisamente interessante. Se volete maggiori informazioni sullo smartwatch, vi consigliamo di leggere la nostra recensione TomTom Spark 3.

Puoi acquistare TomTom Spark 3 su eBay o se preferisci su ePrice In alternativa TomTom Spark 3 è disponibile nella variante TomTom Spark 3 Cardio.

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

LG Watch Style

Abbandonando le linee marcate e decise dei primi due smartwatch che abbiamo visto, l’LG Watch Style è quello che potremmo definire uno fra i miglior smartwatch economico per chi ama linee morbide. Ricordiamo che lo smartwatch è nato con Android Wear 2.0 (ora rinominato in Wear OS), quindi perfettamente in grado di offrire il massimo della piattaforma mobile di Google.

Per via del suo aspetto l’LG Watch Style potrebbe essere perfetto per una ragazza, decisamente più a suo agio con una cassa “morbida” senza però sacrificare la qualità dei materiali. La cassa è in plastica, di buona qualità, ed ospita un display con tecnologia P-OLED da 1.2 pollici con risoluzione 360 x 360 pixel, perfetto per essere sfruttato in qualsiasi condizione di illuminazione. L’unico elemento fisico è il piccolo tasto incastonato al lato destro della corona; questo, alla pressione, serve per attivare l’app drawer, per scorrere lungo una lista oppure per richiamare Google Assistant.

Visto il target ed il prezzo dello smartwatch, l’LG Watch Style vede l’assenza di alcuni sensori/moduli. Sul retro, ad esempio, non troviamo il sensore HR per il battito cardiaco, così come non è presente il modulo GPS. Nonostante questo, lo smartwatch può essere indossato per tenere traccia della distanza percorsa, delle calorie bruciate, i passi, la qualità del sonno e tanto altro. La batteria da 240 mAh è poi in grado di garantire un utilizzo continuativo di un paio di giorni, all’occorrenza.

Puoi acquistare LG Watch Style su eBay.

La nostra analisi

Ridble è il primo sito in Italia dedicato alle guide all’acquisto per tre motivi: è, innanzitutto, il sito dedicato alle guide all’acquisto più longevo, avendo compiuto 6 anni il 18 febbraio 2019. Inoltre è il primo sito di guide all’acquisto per numero di guide a disposizione: ne offriamo oltre 2000, sempre accessibili per gli utenti. Ridble è, infine, il primo sito in Italia di guide all’acquisto per numero di ordini online generati: sono stati oltre 100.000 quelli effettuati nel 2018.

Sono infatti migliaia i lettori che si sono già fidati di noi per trovare il miglior prodotto per le loro esigenze, ed il perché è semplice: il nostro compito è quello di monitorare e seguire costantemente i prodotti al fine di testarli, analizzarli e confrontarli fra loro per suggerire solo i più degni di nota. La qualità del nostro lavoro è testimoniata dal fatto che il 98% degli utenti che hanno fatto un acquisto attraverso le nostre guide hanno dichiarato di essere rimasti pienamente soddisfatti del prodotto consigliato. Infatti solo il 2% degli utenti ha richiesto il reso del prodotto acquistato tramite una nostra guida. Nel corso di questi anni abbiamo risolto i più disparati dubbi sugli acquisti non solo in Italia, ma affermandoci anche in mercati più complessi e sensibilmente diversi, come quello spagnolo. Possiamo quindi dire che in questi anni abbiamo creato un vero e proprio “metodo Ridble” per consigliare i prodotti da acquistare.

Uno dei cardini di questo modello è rappresentato dalle competenze e conoscenze che i nostri Specialist devono necessariamente arrivare ad avere anche solo per realizzare una guida all’acquisto. Difatti, per diventare Specialist di Ridble è necessario studiare e testare circa 100 prodotti, al fine di dimostrare di essere realmente degni di aiutarvi nelle scelte più difficili. Inoltre ogni Specialist si dedica interamente ad una specifica categoria merceologica, perché non crediamo nei “tuttologhi”: ognuno ha delle aree di competenza, e non scrive di tutto solo per generare traffico.

​Ad esempio, come responsabile su Ridble dei wearable intesi anche come smartwatch, testo, valuto e confronto centinaia di smartwatch al fine di selezionare solo i migliori. Questo modus operandi non solo mi permette di accrescere la mia conoscenza sul settore degli smartwatch, ma mi mantiene costantemente aggiornato su tutte le novità presenti sul mercato. È un lavoro che va avanti da così tanto tempo che sto finendo la spazio a disposizione nei cassetti dove riporre le dozzine di smartwatch in mio possesso.

Un altro importante fattore del nostro modello è che le nostre guide all’acquisto sono sempre aggiornate. Infatti ogni mese aggiorno personalmente tutte le guide di mia competenza. Potete quindi essere certi che ogni volta che consulterete una nostra guida troverete i migliori prodotti da comprare in quello specifico momento.

A conferma del nostro impegno, vi basti pensare che la nostra competenza in materia di guide all’acquisto è riconosciuta dai brand più importanti al mondo. Siamo, ad esempio, tra i pochi siti al mondo ad aver realizzato una guida all’acquisto direttamente su Amazon Italia.

Come selezioniamo i prodotti

Il miglior smartwatch economico all’interno delle nostre guide agli acquisti sono stati selezionati attraverso una serie di step che definiamo come “metodo Ridble”. Si tratta di un modus operandi che abbiamo sviluppato e perfezionato nel corso del tempo e che si compone di 4 fasi.

Qualsiasi smartwatch entra nei nostri radar a seguito della sua ufficializzazione da parte dell’azienda. Elementi come rumors, indiscrezioni, fughe di notizie e quant’altro non trovano riscontro nel metodo Ridble. Tramite l’utilizzo di varie fonti (comunicati stampa, inviti ad eventi ecc..) ogni Specialist di Ridble raccoglie l’ufficialità di annuncio dei prodotti appartenenti alla sua categoria di competenza.

L’annuncio non è però di per sé un requisito valido per poter essere preso in considerazione per l’inserimento nelle nostre guide all’acquisto. I dispositivi di turno, in questo caso il miglior smartwatch economico, devono raggiungere un requisito necessario: l’eleggibilità. Ciò significa che soltanto i prodotti realmente acquistabili in Italia (online o offline) sono eleggibili di poter essere inseriti nelle guide all’acquisto.

Se i primi tue principi sono stati rispettati, allora si può passare alla terza fase, quella della prova. I prodotti in vendita vengono infatti testati affinché lo Specialist possa conoscerne da vicino punti di forza e debolezza, al fine di esprime un giudizio generale. Inoltre, in questa fase, lo Specialist si fa un’idea di quali esigenze di acquisto il prodotto è in grado o meno di soddisfare, in modo da consigliare in maniera precisa il tipo di smartwatch che l’utente sta cercando.

Infine, i prodotti che ottengono un giudizio positivo sono selezionati per essere inseriti nelle guide all’acquisto. Questa fase è ripetuta almeno una volta al mese visto l’aggiornamento mensile delle guide all’acquisto. Quindi lo Specialist almeno una volta al mese mette in discussione tutti i prodotti che ha precedentemente selezionato e decide se inserire o meno i nuovi prodotti che nel frattempo ha testato.

Se vuoi saperne di più del metodo Ridble visita la nostra pagina come lavoriamo.

Test tecnici

I test tecnici che mi hanno portato alla selezione dei miglior smartwatch economico fanno riferimento a tre aree che reputo estremamente importanti: la qualità dei sensori, del display e l’autonomia generale. Per andare a testare la precisione dei sensori, indosso lo smartwatch di turno per tutto il giorno, tutti i giorni, 24/7, per tutto il tempo necessario alla conclusione dei vari test.

La mia valutazione prende in considerazione diverse modalità di utilizzo degli smartwatch, che vanno dal tracking dell’attività fisica durante una corsa all’aperto o magari al chiuso sul tapis roulant, fino alla misurazione di una giornata di lavoro alla scrivania. Presto particolare attenzione nel controllare che lo smartwatch in esame sia in grado di registrare informazioni che reputo essenziali per uno smartwatch: passi, distanza percorsa, calorie bruciate e qualità del sonno. Una volta appurato che i sensori funzionano e che quindi non sono presenti danni alla componente hardware, testo come lo smartwatch raccoglie questi dati.

Ogni dispositivo ha il suo grado di “sensibilità” nel registrare questi dati, ma tengo sempre bene a mente quanto questi numeri siano essenziali per tenere sotto controllo la propria forma fisica o semplicemente per portare avanti un programma di allenamento. Ecco perché inserisco nelle guide solo i dispositivi che superano questa fase di test. Tutte le informazioni vengono confrontate con quelle rilevate dal Samsung Galaxy Watch Active di mio possesso, uno degli smartwatch più precisi per quanto riguarda la misurazione dell’attività fisica e non.

Per quanto riguarda i test relativi al display, in questo caso giudico come il pannello si comporta in diverse condizioni, soprattutto quando mi trovo all’aperto. Un display di buona qualità è pensato per essere facilmente utilizzabile anche sotto la luce del sole.Uscendo in strada per una camminata, controllo che le notifiche, l’ora e le altre informazioni sia effettivamente visibili.

Per quanto riguarda l’autonomia, invece, carico lo smartwatch in esame fino al 100% ed inizio ad utilizzarlo mimando una giornata tipo fatta di notifiche, avvio di applicazioni, tracking dell’attività fisica e altro. A fine giornata, quando mi accingo a ricaricare lo smartwatch, segno quante ore di utilizzo ho fatto con una singola carica. Svolgo questo test 3/4 volte di fila in modo da ricavare una media dell’autonomia standard dello smartwatch in esame. Utilizzo questo dato per scartare tutti gli smartwatch con un’autonomia di basso livello, che costringe l’utente ad avere sempre a portata di mano il cavo di ricarica.

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

9480 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Giovanni Mattei tramite i commenti.