Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Miglior smartwatch con cardiofrequenzimetro: diamo un’occhiata ai migliori del mercato

Miglior smartwatch con cardiofrequenzimetro: diamo un’occhiata ai migliori del mercato

di Giovanni Mattei
Specialist Smartwatch
aggiornato il 9 agosto 2019
2928 utenti hanno trovato utile questa guida

Nasce Amazon Prime Students: tutti i privilegi dell’abbonamento Amazon Prime, ma alla metà del prezzo se siete studenti. Per saperne di più ed eventualmente attivarlo clicca qui. Vi segnaliamo inoltre alcune interessanti promozioni:

  • Accessories Week: dal 21 al 27 una serie impressionante di sconti su prodotti elettronici accessori: approfondite sulla pagina Accessories Week Amazon.
N.B. La guida Smartwatch con cardiofrequenzimetro è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Ottobre 2019.

In questo articolo parliamo del miglior smartwatch con cardiofrequenzimetro. L’obiettivo è offrivi una panoramica completa dei diversi smartwatch con cardiofrequenzimetro presenti sul mercato in modo da aiutarvi nella scelta del dispositivo che meglio soddisfa le vostre esigenze.

Miglior smartwatch con cardiofrequenzimetro: quale comprare

All’interno di questa guida sul miglior smartwatch con cardiofrequenzimetro, andremo a scoprire quali sono i prodotti che meglio soddisfano le esigenze di chi vuole tracciare l’andamento del proprio battito cardiaco durante l’allenamento. Il sensore HR – da noi conosciuto maggiormente come “sensore per il battito cardiaco” – è quell’elemento posto nel lato posteriore di ogni smartwatch adibito proprio a tracciare l’andamento dei nostri battiti cardiaci.

Il funzionamento è molto semplice, anche per noi comuni mortali: il sensore HR è formato da due elementi, una luce LED ed un fotodiodo. Il sangue (rosso) assorbe la luce verde del LED, mentre il fotodiodo registra la variazione di assorbimento della luce in base alla quantità di sangue in transito. La variazione di questo valore viene poi registrata e convertita in quel numero che noi leggiamo sul display come battito cardiaco. Più il battito è accelerato, più il sangue passa attraverso il polso e, conseguentemente, maggiore sarà il numero di battiti al minuto registrati dal proprio smartwatch con cardiofrequenzimetro. Il grado di fedeltà di questi valori dipende molto spesso dal classico connubio hardware & software.

Durante la selezione dei migliori smartwatch con cardiofrequenzimetro, abbiamo operato una distinzione netta fra tutti quei prodotti muniti di sensore HR ma poco precisi. Infatti, dal nostro punto di vista, risulta assolutamente controproducente consigliare un prodotto solo perché monta il sensore HR. Secondo i nostri criteri di valutazione, il sensore HR deve essere preciso in quanto utile non solo per tenere sotto controllo il proprio battito cardiaco, ma anche per offrire importanti spunti di miglioramento agli atleti che vogliono migliorare la propria prestanza fisica o la resistenza sotto sforzo. I primi modelli presenti nella guida sono indirizzati ad utenti che vogliono mantenere bassa la spesa ed avere comunque accesso ai dati registrati dal sensore HR. Però, spendendo poco, bisogna considerare la presenza di sensori HR attivi ad intervalli di 10-15 minuti. Discorso diverso per chi cerca uno smartwatch con un tracking costante. Questo è garantito dai dispositivi presenti in guida come il Charge 3, il Gear Sport e gli altri smartwatch più costosi.

Trattandosi di smartwatch in tutto e per tutto, il display è un altro elemento di assoluta importanza per noi. Proprio come avviene per gli smartphone, anche per gli smartwatch si tratta dell’elemento che viene più utilizzato. Tramite esso è possibile leggere le notifiche in arrivo, l’andamento del proprio allenamento, il proprio battito cardiaco (ovviamente), avviare applicazioni e tanto altro. Per noi un display valido deve avere le seguenti caratteristiche: alta risoluzionebuona luminosità. Abbiamo scartato tutti i modelli di smartwatch con cardiofrequenzimetro muniti di pannelli a bassa risoluzione o con una luminosità troppo bassa, tale da non permettere all’utente un utilizzo appagante sotto la luce del sole. Se non necessiti di smartwatch cardio con display di grandi dimensioni, allora puoi puntare sul Charge 3 oppure il Bip Lite. Se invece stai cercando un wearable con un pannello di grandi dimensioni, il nostro consiglio è quello di volgere lo sguardo verso il Gear Sport o gli altri subito dopo.

L’autonomia è l’ultimo criterio di selezione che abbiamo seguito per la selezione degli smartwatch con cardiofrequenzimetro. Oggigiorno la maggior parte degli smartwatch è in grado di garantire una buona autonomia, ma è pur sempre possibile incappare in modelli che richiedono un ciclo di ricarica molto frequente. Dal nostro punto di vista non conviene investire i propri risparmi in un dispositivo con un’autonomia scadente, pertanto abbiamo inserito wearable in grado di garantire un’autonomia di almeno due giorni. Questo è valido per la maggior parte degli smartwatch presenti nella guida, ma soluzioni come il Charge 3 o il Gear Sport garantiscono di arrivare senza problemi a 5 giorni pieni.

Xiaomi Amazfit Bip Lite

Riprendendo quanto detto poco più su per quanto riguarda gli smartwatch a basso costo, lo Xiaomi Amazfit Bip Lite è sicuramente uno fra i miglior smartwatch con cardiofrequenzimetro presenti in circolazione per la sua fascia di prezzo. Vedendo a quanto viene commercializzato, viene naturale chiedersi come sia possibile, ma le recensioni parlano chiaro: a questo prezzo, l’Amazfit Bip Lite è il miglior compromesso a cui una persona può scendere avendo comunque la certezza di acquistare un prodotto valido.

Il design ricorda in qualche modo l’Apple Watch, ma in questo caso con una cassa in cui è presente solo un piccolo tasto. Frontalmente trova posto un display da 1.28 pollici con tecnologia 2.5D. Questo significa che, mano mano che ci si avvicina ai bordi del pannello, quest’ultimo tende leggermente a curvare in modo da dare una impressione di continuità fra il display e il telaio stesso.

Il piccolo Xiaomi Amazfit Bip Lite integra la stragrande maggioranza dei sensori presenti in prodotti decisamente più costosi. Oltre al classico Bluetooth 4.0 LE, lo smartwatch integra il sensore HR per il battito cardiaco ed il modulo GPS, elemento fondamentale per tracciare con estrema precisione i propri spostamenti mentre si fa un po’ di sport all’aperto. Al prezzo di circa 60€, lo Xiaomi Amazfit Bip Lite offre anche la certificazione IP68 che lo rende adatto anche a chi vuole indossare lo smartwatch in presenza di acqua.

I dati raccolti dal sensore HR vengono immagazzinati e mostrati nell’applicazione proprietaria di Xiaomi (disponibile sia per iOS che per Android). Consigliamo di acquistare questo smartwatch a tutti gli sportivi – ovviamente amatoriali – interessati al tracking della propria attività cardiaca avendo anche cura di spendere una cifra accettabile.

Puoi acquistare Xiaomi Amazfit Bip Lite su Amazon o se preferisci su eBay

Fitbit Charge 3

Dallo smartwatch di Xiaomi a questo di Fitbit c’è una differenza davvero abissale. Non è tanto una questione di prezzo – alla fine i due prodotti possono essere considerati entrambi come “economici” -, ma di ottimizzazione dei sensori presenti sul Fitbit Charge 3. Come abbiamo sottolineato all’interno della recensione Fitbit Charge 3, si tratta dell’ultimo smartwatch (se non consideriamo lo Ionic) prodotto dal colosso statunitense e pensato per aggredire il mercato degli ultimi mesi.

Il punto di forza del Charge 3 è ovviamente la presenza del sensore HR capace di tracciare l’andamento del battito cardiaco 24/7. Nonostante possa far salire qualche dubbio sull’autonomia generale, in realtà il Charge 3 offre interessanti spunti per quanto concerne la durata della batteria. Merito è certamente dell’ottimizzazione hardware ma anche dell’assenza del modulo GPS, forse l’unica vera pecca per un dispositivo smart da polso.

Il Charge 3 di Fitbit è indirizzato allo sportivo che vuole affidare il tracking della propria attività fisica ad un prodotto valido. Fitbit è impegnata in questo settore da diversi anni ed ha raggiunto un livello di perfezione tale da non sfigurare di fronte a mostri sacri del calibro di Apple e Samsung. Inoltre, l’applicazione companion è una delle migliori attualmente presenti in circolazione e l’azienda rilascia spesso piccoli aggiornamenti firmware pensati per migliorare alcuni aspetti dello smartwatch o per risolvere qualche bug.

Puoi acquistare Fitbit Charge 3 su Amazon o se preferisci su eBay In alternativa Fitbit Charge 3 è disponibile nella variante Fitbit Charge 3 Special Edition.

TomTom Spark 3

Il TomTom Spark 3 fa parte della nuova generazione di orologi intelligenti inerenti alla gamma “Spark”. Come abbiamo detto all’interno della nostra recensione TomTom Spark 3, potremmo quasi definirlo come uno “sportwatch” in quanto è profondamente indirizzato a chi intende lo sport a livello amatoriale, oppure per chi svolge lo sport a livello semi-professionale.

Il retro del TomTom Spark 3 vede la presenza di un sensore per il battito cardiaco estremamente preciso ed in grado di iniziare a carpire le informazioni dopo qualche secondo dalla sua attivazione. Per mantenere i consumi della batteria entro determinati livelli, TomTom ha pensato di attivare il sensore HR ad intervalli regolari. Questo permette di tenere traccia del proprio battito cardiaco (magari per avere uno storico del suo andamento) ma anche di non lasciare lo Spark 3 a secco dopo poche ore. Potremo dire la stessa cosa per quanto riguarda il sensore GPS: quest’ultimo si comporta bene, anche in situazioni in cui non è facile agganciare il segnale.

A stretto contatto con il sensore GPS troviamo la nuova funzione sentieri che vi permette di tornare al punto di partenza (magari la vostra abitazione) ma andando ad esplorare nuove vie che diversamente non avreste potuto sperimentare. La batteria con un uso del sensore GPS e HR per un’ora al giorno, permette di fare tranquillamente una settimana completa. Lo consigliamo per la sua robustezza, per la possibilità di caricare mappe in formato .gpx oltre che il tracking di diversi tipi di allenamento, anche al chiuso.

Puoi acquistare TomTom Spark 3 su eBay o se preferisci su ePrice In alternativa TomTom Spark 3 è disponibile nella variante TomTom Spark 3 Cardio.

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

Samsung Gear Sport

Il Samsung Gear Sport l’avevamo visto da vicino durante l’IFA 2017 di Berlino. Dopo qualche mese dalla sua uscita ufficiale sul mercato, si è già meritato il premio come uno dei miglior smartwatch con cardiofrequenzimetro disponibili sul mercato. Dal punto di vista del design, siamo di fronte ad un prodotto che potremmo definire come una sorta di evoluzione del Samsung Gear S2. Come tutti gli smartwatch di Samsung, anche il Gear Sport si rifà a Tizen OS, sistema operativo proprietario che ha preso il posto di Android Wear da ormai qualche tempo.

Come anticipa il nome stesso, il Gear Sport è uno smartwatch pensato per chi ama fare lo sport, anche in piscina. Infatti, questo prodotto è finalmente in grado di tenere traccia della propria attività fisica anche mentre si nuota. La strategia di Samsung è quindi quella di offrire il prodotto migliore per chi è alla ricerca di uno smartwatch pensato per lo sport. I dati relativi al tracking dell’attività fisica vengono immagazzinati all’interno dell’ecosistema Samsung, un po’ come fa Apple con la l’app “Salute”.

Come miglior smartwatch con cardiofrequenzimetro , il Samsung Gear Sport è in grado di tracciare l’andamento del battito cardiaco 24/7, costantemente, e di tirarne fuori un piccolo grafico da controllare rapidamente tramite il display dello smartwatch – una visione più chiara è dettagliata è disponibile all’interno dell’applicazione companion. L’accuratezza dei dati raccolti dal sensore HR è tale da mimare in toto quelli che possono essere carpiti da una fascia di rilevamento toracica, da sempre considerata come soluzione migliore per un tracciamento rigoroso. Questo rende il Samsung Gear Sport come una fra le migliori scelte da prendere in considerazione quando si vuole acquistare uno smartwatch con cardiofrequenzimetro.

Puoi acquistare Samsung Gear Sport su Amazon.

Samsung Gear Sport
Prezzo consigliato: € 349Prezzo: € 335.9

Garmin Vivoactive 3

Proprio come abbiamo visto per il Samsung Gear Sport poco più su, anche il Garmin Vivoactive 3 è l’ultimo smartwatch che la casa ha presentato durante la passata IFA 2017 di Berlino. L’azienda è impegnata da diversi anni all’interno di questa categoria di prodotti, e la sua grande sapienza le ha permesso di mettere sul mercato un prodotto assolutamente valido.

A differenza del Samsung Gear Sport, forse colpevole di avere un aspetto troppo sportivo, il Garmin Vivoactive 3 offre un design che potremmo definire adatto a tutti i giorni. Questo permette a chi lo indossa di avere un tracciamento della propria attività fisica 24/7, compreso l’andamento del proprio battito cardiaco. Il sensore HR offre una precisione tale da essere adatto anche ai corridori, spesso impegnati in sessioni con battiti elevati per diverso tempo. Questo particolare “mix di dati” possono mettere in difficoltà i sensori HR di alcuni smartwatch, spesso piuttosto imprecisi in condizioni di stress cardiaco prolungato.

Il Garmin Vivoactive 3 è un validissimo smartwatch per gli sportivi più incalliti o per chi ama fare un po’ di allenamento per mantenersi in forma. Inoltre, grazie ad un sensore HR di altissimo livello, permette di tracciare con grande precisione l’andamento del proprio cuore durante l’allenamento e non.

Puoi acquistare Garmin Vivoactive 3 su Amazon.

Garmin Vivoactive 3
Prezzo consigliato: € 229.99Prezzo: € 185.99

Apple Watch Series 4

Chiudiamo la nostra guida al miglior smartwatch con cardiofrequenzimetro con l’ultimo smartwatch presentato da Cupertino qualche mese fa. Stiamo ovviamente parlando dell’Apple Watch Series 4. Rispetto alla passata generazione registriamo importanti cambiamenti dal punto di vista del design – il pannello più ampio, la digital crown con un feedback molto migliorato, riposizionamento del microfono e degli speaker – e della componentistica interna.

Da quanto viene comunicato da Apple, l’Apple Watch Series 4 monta una CPU ancora più performante in grado di gestire in maniera più intelligente sia le prestazioni che i consumi. Mettendo da parte i classici sensori che troviamo all’interno dell’Apple Watch Series 4, il sensore HR è ovviamente quello che ci interessa maggiormente. Apple fa parte di quelle aziende che impiegano importanti risorse per lo sviluppo di sensori per il battito cardiaco in grado di garantire un tracciamento molto rigoroso.

Difatti, come si era pensato nei mesi scorsi, Apple ha integrato anche il sensore per praticare l’ECG (elettrocardiogramma). Nonostante la funzione sia ancora nella sua fase iniziale e ancora non attiva (potrà essere sfruttata solo sul suolo americano, con il suo arrivo negli altri paesi a partire dai prossimi mesi), è un importante passo in avanti per quanto riguarda il tracciamento del battito cardiaco.

Puoi acquistare Apple Watch Series 4 su Amazon.

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

2928 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Giovanni Mattei tramite i commenti.