Miglior smartwatch con cardiofrequenzimetro: diamo un’occhiata ai migliori del mercato

Miglior smartwatch con cardiofrequenzimetro: diamo un’occhiata ai migliori del mercato

L'Amazon Prime Day 2021 sta per iniziare! Segui solo le VERE offerte sulla nostra pagina dedicata alle offerte Amazon Prime Day. Ricordati che per aderire alla campagna è necessario attivare un abbonamento Amazon Prime, gratis per i primi 30 giorni.

N.B. Questa guida all'acquisto, proprio come tutte le altre, è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo.

In questo articolo parliamo del miglior smartwatch con cardiofrequenzimetro. L’obiettivo è offrivi una panoramica completa dei diversi smartwatch con cardiofrequenzimetro presenti sul mercato in modo da aiutarvi nella scelta del dispositivo che meglio soddisfa le vostre esigenze.

Miglior smartwatch con cardiofrequenzimetro: quale comprare

All’interno di questa guida sul miglior smartwatch con cardiofrequenzimetro, andremo a scoprire quali sono i prodotti che meglio soddisfano le esigenze di chi vuole tracciare l’andamento del proprio battito cardiaco durante l’allenamento. Il sensore HR – da noi conosciuto maggiormente come “sensore per il battito cardiaco” – è quell’elemento posto nel lato posteriore di ogni smartwatch adibito proprio a tracciare l’andamento dei nostri battiti cardiaci.

Il funzionamento è molto semplice, anche per noi comuni mortali: il sensore HR è formato da due elementi, una luce LED ed un fotodiodo. Il sangue (rosso) assorbe la luce verde del LED, mentre il fotodiodo registra la variazione di assorbimento della luce in base alla quantità di sangue in transito. La variazione di questo valore viene poi registrata e convertita in quel numero che noi leggiamo sul display come battito cardiaco. Più il battito è accelerato, più il sangue passa attraverso il polso e, conseguentemente, maggiore sarà il numero di battiti al minuto registrati dal proprio smartwatch con cardiofrequenzimetro. Il grado di fedeltà di questi valori dipende molto spesso dal classico connubio hardware & software.

Precisione sensore HR

Durante la selezione dei migliori smartwatch con cardiofrequenzimetro, abbiamo operato una distinzione netta fra tutti quei prodotti muniti di sensore HR ma poco precisi. Infatti, dal nostro punto di vista, risulta assolutamente controproducente consigliare un prodotto solo perché monta il sensore HR. Secondo i nostri criteri di valutazione, il sensore HR deve essere preciso in quanto utile non solo per tenere sotto controllo il proprio battito cardiaco, ma anche per offrire importanti spunti di miglioramento agli atleti che vogliono migliorare la propria prestanza fisica o la resistenza sotto sforzo.

I primi modelli presenti nella guida sono indirizzati ad utenti che vogliono mantenere bassa la spesa ed avere comunque accesso ai dati registrati dal sensore HR. Però, spendendo poco, bisogna considerare la presenza di sensori HR attivi ad intervalli di 10-15 minuti.

Display

Trattandosi di smartwatch in tutto e per tutto, il display è un altro elemento di assoluta importanza per noi. Proprio come avviene per gli smartphone, anche per gli smartwatch si tratta dell’elemento che viene più utilizzato. Tramite esso è possibile leggere le notifiche in arrivo, l’andamento del proprio allenamento, il proprio battito cardiaco (ovviamente), avviare applicazioni e tanto altro. Per noi un display valido deve avere le seguenti caratteristiche: alta risoluzione e buona luminosità.

Abbiamo scartato tutti i modelli di smartwatch con cardiofrequenzimetro muniti di pannelli a bassa risoluzione o con una luminosità troppo bassa, tale da non permettere all’utente un utilizzo appagante sotto la luce del sole.

Autonomia

L’autonomia è l’ultimo criterio di selezione che abbiamo seguito per la selezione degli smartwatch con cardiofrequenzimetro. Oggigiorno la maggior parte degli smartwatch è in grado di garantire una buona autonomia, ma è pur sempre possibile incappare in modelli che richiedono un ciclo di ricarica molto frequente. Dal nostro punto di vista non conviene investire i propri risparmi in un dispositivo con un’autonomia scadente, pertanto abbiamo inserito wearable in grado di garantire un’autonomia di almeno due giorni.

Miglior smartwatch con cardiofrequenzimetro: i modelli su cui puntare

Amazfit GTS 2 Mini

Fitbit Charge 4

Huawei Watch GT 2

Samsung Galaxy Watch Active 2

Apple Watch Series 6

Lascia un commento