Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Miglior modem: quale scegliere per una navigazione veloce

Miglior modem: quale scegliere per una navigazione veloce

di Simone Sala
aggiornato il 7 ottobre 2019
6 utenti hanno trovato utile questa guida
6 utenti hanno trovato utile questa guida
N.B. La guida Miglior modem è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Dicembre 2019.

Questa guida è dedicata al miglior modem router. L’argomento è complicato: ci sono infatti molti fattori da considerare, ed è normale che crei confusione ai non addetti ai lavori. Di seguito spiegheremo in maniera semplificata cosa sia un modem, come funzioni, e come fare per selezionare il migliore. Inseriremo inoltre i migliori modem disponibili all’acquisto online, per offrirti una selezione da cui scegliere. Chiuderemo infine la guida con alcuni extra, e soprattutto una sezione con FAQ. Quest’ultima parte servirà a rispondere preventivamente alle domande più comuni.

Miglior modem router: quale comprare

Innanzitutto, cos’è un modem? Un modem è un apparecchio che permette di creare una rete casalinga che si possa connettere a internet. Il suo compito è prendere il segnale analogico proveniente dai cavi che arrivano a casa tua e “tradurlo” in un segnale digitale, che può essere interpretato da computer, tablet e cellulari. I modelli moderni incorporano un modulo Wi-Fi, in grado di far connettere dispositivi alla rete senza bisogno di collegarli via cavo.

Per poter usare un modem bisogna sottoscrivere un abbonamento a internet con un provider, detto anche operatore. Con questo si intende un’azienda telefonica (Tim, Fastweb, Vodafone eccetera) che si occupa della gestione della rete che arriva a casa tua. Queste aziende consegnano quasi sempre un modem all’installazione della linea. Abbiamo però in Europa la possibilità di scegliere modem diversi da quelli del nostro operatore, ed è a questo che è dedicata questa guida. Di seguito ti forniremo tutte le informazioni per selezionare il miglior modem router per le tue esigenze.

Modem, router o modem router: qual è la differenza?

I modelli di modem che ti vengono consegnati con l’abbonamento a internet, ma anche quelli che puoi comprare online, sono quasi sempre un misto fra modem e router.  Questi prodotti uniscono le caratteristiche dei due modelli per una questione di comodità, e assumono il solo nome di modem. Spiegare la differenza è semplice: un modem consente a un dispositivo di allacciarsi a internet, mentre è il router a creare la vera e propria rete domestica a cui connettere più dispositivi in contemporanea (oltre ad alti vantaggi). Un router deve essere sempre connesso a un modem per poter funzionare, motivo per cui i due dispositivi vengono uniti in moltissimi casi. Non è necessario comprarli separatamente, ma potresti volerlo fare se usi la rete per scopi particolari, come il gioco online. In questo caso ti rimandiamo alla nostra guida al miglior router gaming.

Attenzione inoltre a un altro fattore. In commercio esistono i cosiddetti repeater, apparecchi usati per espandere la portata del segnale Wi-Fi. Questi prodotti sono da non confondere con i modem o i router. Sono estremamente utili per case grandi o segnali Wi-Fi deboli, ma non sono in grado di connettersi a internet da soli. Se il tuo problema è la copertura del collegamento wireless, e ci sono parti della casa in cui non riesci a ottenere un buon segnale, potrebbe valere la pena provare ad espandere l’area coperta usando uno di questi invece di cambiare completamente il modem. Per ora ci dedicheremo a un focus sul miglior modem router a seconda delle varie esigenze. Ai repeater dedicheremo un piccolo spazio più avanti nella guida.

Come installare il modem

Prima di configurare il modem bisogna installarlo. Per fortuna la tecnologia moderna è pensata per essere il più comoda possibile da usare, e questo processo è molto semplice. In molti casi per installare il modem di base non è necessario fare quasi nulla se non collegare i cavi secondo l’ordine indicato. Una volta collegato, il modem infatti seguirà spesso un processo di aggiornamento automatico. Per installare il modem basta quindi collegare i cavi nell’ordine corretto, e si aggiornerà e installerà da solo. Non hai inoltre bisogno di comprare questi cavi a parte. A meno che tu non abbia bisogni particolari, come ad esempio voler collegare il modem a diversi metri di distanza dalle prese, tutti i cavi e gli alimentatori necessari dovrebbero essere inclusi nell’acquisto.

Nel caso tu abbia dubbi ogni provider ti fornisce delle semplici istruzioni da seguire nella scatola. Invece, sapere come configurare il modem è un discorso un po’ più complicato. Ogni produttore ha infatti metodi diversi, e non vogliamo riempire questa guida al miglior modem router di informazioni che potrebbero non esserti utili. Abbiamo deciso quindi di inserire guide nelle FAQ a fondo pagina che spiegano i metodi per configurare il modem a seconda dei principali operatori in Italia, o a seconda del produttore del modem.

Come scegliere il miglior modem router

Ci sono molti fattori da considerare prima di verificare che un modem sia quello che ti serve. In questa sezione andremo a spiegare i principali, e illustreremo quali considerare a seconda dei casi specifici. Bisogna infatti tenere a mente che, a differenza di tablet e cellulari, un modem è principalmente uno strumento per risolvere o migliorare specifiche situazioni. Devi quindi valutare quali extra e quali caratteristiche sono più adatte alla situazione, e di seguito spiegheremo in maniera semplificata i più importanti elementi tramite cui valutare un acquisto. Abbiamo deciso di inserirli immediatamente perché sono gli elementi fondamentali per valutare un acquisto, ma se preferisci puoi saltare direttamente alla sezione successiva per sfogliare i prodotti.

Velocità dell’allacciamento a internet

Innanzitutto c’è da mettere nero su bianco un fattore fondamentale. La velocità del tuo abbonamento a internet è la velocità massima che potrai ottenere, anche con il miglior modem router in assoluto. Un modem è infatti limitato alla velocità della connessione che arriva a casa tua: se il tuo contratto prevede un massimo di 150 Mbit/s, un modem che consente 300 Mbit/s non potrà andare oltre la metà del suo potenziale. Nel cercare un modem, è consigliato tenere a portata di mano il contratto sottoscritto in modo da avere sempre sotto gli occhi quale sia il parametro da usare come punto di riferimento.

Ci sono motivi per cui un modem più veloce potrebbe tornare utile, però. Il primo è se stai guardando al futuro: se un giorno vorrai traslocare, o se allacceranno casa tua alla fibra (che nel nostro paese sta continuando ad espandersi), comprare un modem veloce ti permetterebbe di avere un modem perfettamente funzionante al momento e di non doverne comprare uno nuovo una volta che la velocità internet del tuo contratto aumenterà. Inoltre, se intendi creare una rete domestica per condividere file o streammare contenuti da un device all’altro, ad esempio da un computer a una televisione, in questo caso la velocità a cui i dati vengono trasferiti non dipende da quella della connessione.

Megabit e Megabyte: differenza

Se hai mai scaricato file di dimensioni significative ti sarai reso conto che la velocità dello scaricamento non coincide con quella indicata per la tua connessione. Il motivo non è un problema di linea, ma il modo in cui vengono espresse le due connessioni. Quando si parla della velocità di una linea si usano i megabit al secondo (Mbit/s o Mbps), ed è questo il numero che viene riportato sul tuo contratto. Se poi scarichi un file da internet, invece, la velocità che il tuo computer rileva è una frazione di quanto dovresti ricevere.

Il motivo è che, quando scarichi con un computer o ti connetti con un cellulare, la velocità indicata è solitamente in megabyte al secondo (MB/s), scritto in maiuscolo. Questa è un’unità di misura differente, nonostante l’estrema somiglianza dei due, ma non solo: un megabyte è un multiplo dei megabit, in base a un’equivalenza per cui 1 megabyte (MB) è uguale a 8 megabit (Mbit). Per scoprire la tua velocità di connessione “reale”, quindi, devi prendere la velocità indicata sulla sottoscrizione a cui hai aderito e dividerla per otto. Quella è la velocità reale a cui potrai scaricare. Ricorda comunque che, a meno che tu non abbia una connessione FTTH, la tua velocità dipende anche dalla distanza rispetto al cabinet e che più sei distante più è probabile che sia inferiore a quella effettivamente indicata. Ma che cos’è una connessione FTTH?

Tipo di connessione

Il tipo di connessione è anche questo molto importante, dato che alcuni modem potrebbero garantire velocità diverse rispetto a quelle della connessione che hai disponibile. Infatti anche il miglior modem router è valido solo tanto quanto la connessione a cui è collegato. A prescindere dalla velocità, però, queste connessioni possono essere costruite con metodi e materiali differenti la cui compatibilità con un modem va verificata, altrimenti si rischia di dover acquistare adattatori o usare altre soluzioni di compromesso.

L’ADSL (Asimmetric Digital Subscriber Line, linea asimmetrica di sottoscrizione digitale) è la connessione classica che passa attraverso i cavi del telefono, e per questo motivo è estremamente diffusa. Il suo principale vantaggio è di essere sostanzialmente onnipresente, essendo in grado di appoggiarsi a infrastrutture già esistenti. Lo svantaggio è proprio il dover basarsi su infrastrutture vecchie, spesso con problemi dovuti all’età e con limiti alla velocità di trasferimento dati, che anche nella sua versione ADSL 2+ non supera i 24Mbit/s. Questa connessione è detta asimmetrica perché permette di scaricare e caricare dati a velocità diverse regolabili, a differenza della precedente DSL.

VDSL e fibra

L’Italia ha saltato il passaggio alla VDSL per introdurre direttamente la connessione VDSL2 (Very high speed Digital Subscriber Line, linea di sottoscrizione digitale ad altissima velocità). Questo tipo di connessione supera i 100 Mbit/s per arrivare fino a 300 Mbit/s nella versione VDSL2 V+, significativamente più veloce della precedente ADSL. In questo caso si tratta di un tipo di connessione in grado di interfacciarsi sia con i cavi in rame che con la fibra ottica, permettendo una grande versatilità d’uso. La connessione VDSL2 è utilizzata per per quello che viene chiamato FTTC (Fiber To The Cabinet, fibra fino al cabinet), cioè quel tipo di connessione che usa cavi in fibra fino al cabinet in strada da cui vengono dipanati i cavi in rame. Questa soluzione permette di ottenere velocità di molte volte maggiori rispetto all’ADSL senza dover rimpiazzare tutti i cavi all’interno delle tue pareti.

Bisogna far notare che, in questi casi, la tua velocità di connessione è collegata alla distanza dal cabinet: più il cabinet si trova lontano, meno rapida sarà la tua connessione rispetto alla velocità desiderata, ed è un problema per cui i provider possono fare molto poco. Infine, la soluzione assolutamente più veloce è la cosiddetta FTTH (Fiber To The Home, fibra fino a casa), con cui puoi garantire il miglior modem router più veloce in assoluto. In questo caso il cavo che arriva fino alla presa in casa tua è interamente in fibra ottica, consentendo quindi di arrivare anche fino ai 1.000 Mbit/s. Questa tecnologia richiede però interventi che vadano a sostituire i cavi, ed è la meno diffusa nel nostro paese.

Wi-Fi Ghz: cosa significa?

Se hai già studiato il mercato dei modem saprai che i modem moderni sono in gran parte dual band. Questo significa che offrono due reti separate in grado di sfruttare frequenze diverse per trasmettere dati. Queste reti hanno una frequenza di 5 Ghz e 2,4 Ghz, e risolvono un problema sviluppatosi con l’espansione della tecnologia: la presenza di troppe reti attive in contemporanea, che va a sovraffollare l’area. Questo problema è oggi largamente superato, e non devi avere per forza il miglior modem router per poter sfruttare queste due reti.

Il segnale a 5 Ghz, introdotto nel 2009, permette di avere un segnale separato più veloce e con meno interferenze, in grado di trasmettere dati in maniera più rapida rispetto al precedente 2,4 Ghz. Perchè non usare solo 5 Ghz, allora? Per il semplice motivo che è un segnale relativamente a corto raggio: se il segnale a 2,4 Ghz è meno rapido, è anche più in grado di farsi strada nell’ambiente. Il segnale a 5 Ghz invece, per guadagnare la sua velocità, è meno in grado di essere trasmesso attraverso muri e ostacoli e a grandi distanze. Il segnale a 2,4 Ghz ha quindi una portata maggiore, e i modem moderni sfruttano entrambi i tipi di segnale per poter scegliere il migliore a seconda delle necessità in specifiche situazioni.

Anche se hai comprato il miglior modem router per te, potresti avere problemi di collegamento Wi-Fi. In questo caso puoi andare a cambiare le impostazioni in modo da provare a vedere se la situazione migliora. Per farlo devi accedere alla configurazione del tuo modem, argomento di cui parliamo nelle FAQ a fondo pagina.

Le classi Wi-Fi

Parlando di connessione senza cavo, il tipo di Wi-Fi è diviso in classi. Queste classi sono indicate con una sigla di numeri e lettere che comincia con 802, e che molto probabilmente hai già notato quando hai studiato l’argomento. Nella storia di questo modo di trasmettere i dati sono apparsi molti tipi di classi; ci limiteremo a spiegare le quattro principali più diffuse ad oggi.

La classe b, sigla 802.11b, arriva a un massimo di 11 Mbit/s, mentre la classe g, sigla 802.11g, si spinge fino ai 54 Mbit/s. Queste due classi sono quelle che sfruttano la frequenza a 2,4 Ghz, e tra le classi più diffuse sono quelle dalla velocità minore (da ricordare però, come abbiamo spiegato in precedenza, che godono di un segnale più stabile). Per quanto riguarda la classe n (sigla 802.11n) questa può spingersi fino a 450 Mbit/s, ed è stata la classe che ha introdotto l’utilissima tecnologia MiMo che ogni miglior modem router di fascia medio-alta integra.

Infine la classe ac, rappresentata dalla sigla 802.11acè la più rapida tra tutte le classi arrivando fino a 1300 Mbit/s di velocità. Quest’ultima è sfruttata solamente dai modem dual band, e permette di usare una evoluzione della tecnologia MiMo chiamata MU-MiMo. Questa tecnologia permette di sfruttare questo particolare tipo di manipolazione del segnale per più di un dispositivo alla volta. Spiegare cos’è MiMo e perché è qualcosa di cui tenere conto richiede però un paragrafo a parte.

La tecnologia MiMo: cos’è e perché va considerata

Come abbiamo menzionato, un termine che potresti aver sentito facendo ricerche nell’ambito del Wi-Fi è il cosiddetto MiMo. Il nome, che significa Multiple in/Multiple out (multipli in entrata / multipli in uscita) si riferisce a una tecnologia pensata per risolvere il problema della connessione di più apparecchi in contemporanea. Il problema che risolve è semplice: ogni modem può gestire un massimo di traffico in uscita o in entrata, e se troppi dispositivi sono connessi scaricando molti dati il rischio è che il traffico si “ingolfi”, rallentandosi di molto. Il sistema MiMo è in grado di creare diversi flussi di dati ritardando il segnale.

La tecnica che usa è tanto semplice quanto geniale. Facendo rimbalzare il segnale sulle pareti di casa il segnale si vengono a creare dei ritardi misurabili in millisecondi. Se per i nostri occhi sono impercettibili, per le nostre apparecchiature sono fondamentali. Permettono infatti che i dispositivi ricevano diversi flussi di dati in maniera sfasata, come un gruppo di auto che invece di prendere tutte la stessa uscita dell’autostrada si indirizzano su strade diverse ma vanno verso la stessa destinazione. Questa tecnica sfrutta antenne multiple per gestire i “rimbalzi” del segnale, e se progetti di avere molto traffico Wi-Fi (magari guardando spesso contenuti in streaming) è qualcosa che potrebbe tornarti immensamente utile. Viceversa, se usi solamente un apparecchio alla volta potrebbe non essere tanto rilevante quanto per altri utenti.

I repeater: un’aggiunta da considerare

Anche il miglior modem router ha un problema: il suo campo d’azione in Wi-Fi è limitato, e non può essere esteso all’infinito. Inoltre ogni parete riduce la potenza del segnale, e le case di proprietà spesso hanno grossi problemi a garantire che riesca a coprire tutti i suoi locali. Certo, la soluzione più immediata è semplice: comprare un nuovo modem/router che abbia antenne più potenti. Ci sono però due considerazioni da fare. In primo luogo, restando sempre nella posizione del precedente modem, potrebbe comunque non essere sufficiente a coprire tutto lo spazio che ti serve. E in secondo luogo esistono soluzioni più semplici pensate apposta per risolvere questo problema. Qui parliamo quindi dei repeater.

Questi ripetitori sono pensati per ricevere il segnale del Wi-Fi e amplificarlo ulteriormente, in modo da fornire un nuovo punto da cui estendere la portata del segnale. In particolare questi ripetitori sono estremamente utili se hai un seminterrato dedicato al gaming, in cui custodisci gelosamente la tua collezione di giochi, le tue console e i tuoi computer. In questo caso è molto difficile che il segnale Wi-Fi riesca a raggiungerlo senza vederne ridotta l’intensità, con tutti i problemi che questo comporta. Lag, disconnessioni e scaricamenti eterni rendono il gaming online una vera e propria sofferenza. Poter espandere il segnale (spesso semplicemente attaccando un repeater a una presa di corrente) ti permetterebbe sessioni molto più tranquille.

Per questo motivo abbiamo deciso di dedicare un piccolo spazio alla fine di questa guida dedicato ad aiutarti a trovare il miglior repeater, in modo da offrirti ogni opzione disponibile.

Quale modem scegliere?

Di seguito elencheremo i migliori modem presenti sul mercato. Attenzione: come abbiamo spiegato, la tua velocità di navigazione dipende dal tipo di collegamento a internet che hai effettuato. Di conseguenza abbiamo diviso la guida secondo questo criterio, in modo da non suggerirti modem che non puoi sfruttare pienamente. Ci sarà inoltre una parte dedicata a provider specifici che presentano caratteristiche particolari, e una breve sezione dedicata al miglior repeater alla fine di queste categorie.

Miglior modem router ADSL

In questa sezione andremo ad elencare i migliori modem pensati per le connessioni di tipo ADSL. Essendo connessioni meno performanti si tratta dei modelli più economici, ottimi per chi vuole praticità senza pretese o extra. Come abbiamo menzionato un modem è innanzitutto uno strumento, e il miglior modem router per te è in realtà il miglior modem router per la tua connessione (a meno che non progetti cambiamenti di connessione o traslochi futuri).

In realtà molti modem sono capaci di gestire ben più di un tipo di connessione. Il motivo per cui suggeriamo questi specificatamente è che, evitando di gestire velocità molto alte, il loro costo è una frazione di quello dei loro “fratelli maggiori”. Se però vorresti qualcosa che possa gestire anche una connessione ad alta velocità in futuro, ti invitiamo a controllare anche la sezione seguente. E se hai dubbi sul miglior modem router ti invitiamo a lasciarci un messaggio nei commenti, che teniamo sempre sott’occhio in modo da fornire ogni informazione necessaria a chiarire qualunque domanda.

TP-Link TD-W8961N

Versione ADSL2+ di un modem in realtà disponibile in varianti diverse per quasi ogni tipo di connessione, questo modem di TP-Link fa del rapporto qualità/prezzo il suo punto di forza, rendendolo il miglior modem router della categoria. Con la possibilità di posizionarlo su un mobile o installarlo direttamente sul muro, presenta due antenne rimovibili utilizzate per il suo ottimo segnale Wi-Fi. È infatti questa la sua vera ragione di esistere. Se l’ADSL è limitata per quanto riguarda la velocità di connessione, avere comunque un segnale Wi-Fi forte e in grado di reggere molti dispositivi in contemporanea è estremamente utile. In particolare se fai molto streaming di contenuti, come da un cellulare o computer a una televisione, dopo averli scaricati completamente.

Da questo punto di vista il modello ha una velocità wireless fino a 300 Mbit/s, ottima per qualunque tipo di streaming da dispositivo a dispositivo. Fantastico, semplicissimo da installare e molto apprezzato dagli utenti, si tratta di un prodotto versatile e che, a fronte di un prezzo estremamente ridotto, si rivela incredibilmente ben realizzato e studiato. E se sei in dubbio sull’acquisto di un modem dedicato unicamente all’ADSL, non temere. È disponibile anche una versione compatibile con VDSL a prezzo maggiorato, comunque basso per la fascia ma in grado di gestire anche traffico internet ad alta velocità. Puoi selezionare il tipo di connessione che preferisci nella pagina d’acquisto, accessibile dal box qui sotto.

Puoi acquistare TP-Link TD-W8961N su Amazon.

TP-Link TD-W8961N
Prezzo consigliato: € 19.99Prezzo: € 18.61

Netgear D1500

Anche questo con una velocità W-Fi a 300 Mbit/s per una connessione ADSL2+, questo modello a differenza del precedente non pensato con varianti direttamente per la fibra. Si tratta di un prodotto semplice e senza nessun fronzolo, il miglior modem router per chi ama i prodotti diretti. Non tutti infatti trovano utili o apprezzabili gli extra, soprattutto se non ne hanno alcun bisogno particolare. Di facilissima installazione, questo modello include comunque il software Genie di Netgear, pensato per poter facilmente gestire la rete, visualizzare tutti i dispositivi connessi e trasferire file tra computer e cellulari o tablet in maniera estremamente comoda.

Questo modello è pensato per offrire l’essenziale per appartamenti di dimensioni medie, nulla di più e nulla di meno. Come disse una volta un artista, la perfezione è quando non si può rimuovere più nulla; se cerchi qualcosa di estremamente diretto, estremamente semplice ed estremamente essenziale è difficile trovare un prodotto migliore. Tagliata ogni aggiunta supplementare, quello che resta è un ottimo modem per chi preferisce l’utilità e le soluzioni dirette rispetto alle aggiunte e a tutti quei fattori che tornano utili solo in specifiche situazioni.

Puoi acquistare Netgear D1500 su Amazon.

Netgear D1500
Prezzo consigliato: € 29.9Prezzo: € 19.4

Miglior modem fibra

In questa sezione andiamo invece a studiare cosa offrono i migliori modem per le connessioni ad alta velocità. Anche in questo caso la scelta dipende dal tuo caso particolare, e devi considerare quale scegliere in base alla situazione in cui ti trovi. Facciamo comunque notare che moltissimi dei modem che seguono sono in realtà compatibili con quasi ogni tipo di connessione, e che nel caso ci fossero dubbi ognuno elenca nelle sue specifiche per quali tipi è adatto.

D-Link DSL-3682

Apriamo la sezione con questo modem, scelto per il suo essere a cavallo tra ADSL e fibra. Compatibile con entrambi, si tratta di un modello di quelli cosiddetti entry level, pensati cioè per chi si avvicini a questo tipo di connessione per la prima volta e non abbia né richieste particolari né necessità di connessione ultraveloce. Se sei appena passato o progetti di passare alla fibra, o non hai un contratto al massimo della velocità perché non ne hai bisogno, allora è il miglior modem router che tu possa comprare. Si tratta specificatamente di un modem ADSL con funzionalità VDSL, che permettono una velocità di download fino a 100 Mbit/s.

Dall’aspetto molto spartano e funzionale, questo modem offre un Wi-Fi dual band a 2,4 e 5 Ghz. Questo gli permette di sfruttare i differenti segnali di cui abbiamo parlato in precedenza e lo rende in grado di gestire un traffico teoricamente fino a 1900 Mbit/s tra dispositivi connessi alla rete. Oltre a poter collegare dispositivi USB per condividere file con tutta la rete di casa, questo prodotto offre anche un sistema di configurazione semplificato e tutti i sistemi di cifratura e protezione dei dati necessari all’utente medio. Pratico, ma con una marcia in più rispetto ai modem ADSL visti finora.

Puoi acquistare D-Link DSL-3682 su Amazon.

D-Link DSL-3682
Prezzo consigliato: € 43.9Prezzo: € 43.9

TP-Link Archer VR300

Questo modello di TP-Link è dotato di un Wi-Fi dual band dalla velocità di 300 Mbit/s e 867 Mbit/s. Il segnale trasmesso tramite quattro antenne che garantiscono una copertura ampia e di alto livello, ma soprattutto omogenea. Con 3 porte Ethernet non è un modello pensato per collegare molti apparecchi tramite cavo. Se però sei il tipo di utente che preferisce connettersi via Wi-Fi questo fattore per te non importa, e potresti preferire quindi una costruzione più compatta e con meno spazio dedicato alle prese. Come dicevamo, scegliere il miglior modem router è anche e soprattutto una questione di esigenze personali.

Compatibile con tutte le connessioni (tranne FTTH), TP-Link offre inoltre la possibilità di configurare e gestire la rete tramite la sua app Tether, disponibile sia per Android che per iOS. La comodità è la preoccupazione principale di questo prodotto: collegamenti rapidi, senza dover perdere la testa con le impostazioni, pensati per chi si connette principalmente tramite Wi-Fi e non ha motivo di spendere soldi extra per un prodotto premium. La velocità di download è garantita fino ad attorno ai 100 Mbit/s, ottimo candidato per il miglior modem router per connessioni di questo tipo.

Puoi acquistare TP-Link Archer VR300 su Amazon.

TP-Link Archer VR300
Prezzo consigliato: € 49.9Prezzo: € 47.9

AVM FRITZ!Box 7590

Con 4 porte LAN con connessione a 1 Gbit/s, questo miglior modem router è in grado di offrire connessioni ottime sia per il gioco che per spostare grandi file su postazioni fisse. Ma se non sei un giocatore o non usi molti collegamenti via cavo, è un prodotto che offre moltissime altre qualità. Innanzitutto offre un veloce Wi-Fi a due bande, di cui una a 5GHz con 1.733 Mbit/s di velocità massima e una a 2,4 GHz. Queste bande sono sfruttate per velocità fino a 800Mbit/s, più che sufficiente per la stragrande maggioranza delle connessioni. Presenta inoltre due uscite USB 3.0 per apparecchiature accessorie come stampanti, dispositivi di archiviazione o altri device che tu voglia collegare al modem per condividere dati o utilizzarli dal cellulare.

Pensato per connessioni DSL/ADSL fino a un massimo di 300 Mbit/s, questo modem/router supporta comunque gli standard ADSL, ADSL2, ADSL+, VDSL e VDSL2. È un prodotto di alto livello perfettamente adatto a chi non ha una connessione in fibra che arriva fino a casa, una situazione molto comune nel nostro paese (ma se hai questo tipo di connessione potresti preferire un altro modem). Se hai anche una linea telefonica, questo modem può supportare ingressi per due telefonifino a 6 apparecchi cordless collegati, permettendo di fornire connessioni telefoniche a ben oltre una famiglia di dimensioni normali. Un signor modem, forse il miglior modem router in assoluto.

Puoi acquistare AVM FRITZ!Box 7590 su Amazon.

AVM FRITZ!Box 7590
Prezzo consigliato: € 269.99Prezzo: € 195

Netgear Nighthawk X4S AC2600

Anche in questo caso siamo davanti a un modem con un’ottima offerta dal punto di vista della velocità del Wi-Fi. Questo modello della serie Nighthawk offre infatti anch’esso due band a a 5 GHz per 1.733 Mbit/s 2,4 GHz e 800 Mbit/s. Il segnale è inoltre migliorato ulteriormente dalle 4 antenne rimovibili, dall’estensione della copertura tramite Quad Stream Wave 2 e dal Beamforming+. Questa tecnologia è infatti in grado di modificare le onde del Wi-Fi in modo da concentrarle in certe direzioni, come dice il nome (letteralmente “formare un raggio”). In questo modo è possibile mandare un segnale più preciso e potente senza disperderlo interamente nell’ambiente, indirizzandolo direttamente verso i dispositivi connessi.

Con un processore Dual Core a 1,4 GHz, è un modem particolarmente performante e con molte aggiunte extra. Oltre a software per il backup, nel modem è inclusa la possibilità di essere compatibile sia con fibra che con ADSL, ottimo se progetti un giorno di fare un upgrade della linea o se aspetti che portino la fibra a casa tua. Infine l’interfaccia Genie di Netgear consente di stabilire facilmente quali dispositivi siano connessi alla rete, monitorare il traffico di dati, risolvere ogni problema di connessione e anche trasferire comodamente file da un dispositivo all’altro. Forse il miglior modem router della categoria, con un prezzo che ne riflette le performance estreme.

Puoi acquistare Netgear Nighthawk X4S AC2600 su Amazon.

Netgear Nighthawk X4S AC2600
Prezzo consigliato: € 211.99Prezzo: € 189.99

Asus DSL-AC55U

Azienda più famosa per i suoi portatili, Asus è entrata anche con successo nel campo dei modem. Questo modello con dual band simultaneo permette una connessione che arriva a una velocità di scaricamento dati da internet di 900 Mbit/s. Per quanto invece riguarda il Wi-Fi, offre una velocità combinata di 1200 Mbit/s circa. Si tratta di una velocità definitivamente da fibra, ma Asus non lo ha creato solo per questa. L’azienda ha posto infatti molta attenzione al fare in modo che questo modello sia il più compatibile possibile con i vari tipi di connessione. Per quanto riguarda l’inclusione del Beamforming, per un trasferimento di dati wireless ancora più stabile, questo modello sfrutta la tecnologia AiRadar di Asus. Questa tecnologia altro non è che il nome che Asus ha deciso di utilizzare per la sua interpretazione particolare del Beamforming stesso.

La connettività wireless è infatti il focus di questo prodotto, come si può notare anche dalla scelta di includere due porte USB 2.0 invece che 3.0. Si tratta quindi di un candidato al trono di miglior modem router per le connessioni Wi.Fi nella fascia. La connessione a internet è possibile sia tramite DSL che Ethernet, ma anche attraverso 3G/4G LTE tramite un dongle compatibile. Se sei un utente più esperto è inoltre un modem che permette un’ottima gestione delle impostazioni e degli usi più avanzati, come bridging e port forwarding. Versatile e diretto, ed ottimo sia che tu voglia semplicemente installarlo e dimenticartene sia che tu intenda utilizzarlo per funzioni più complesse all’interno della tua rete o tramite internet.

Puoi acquistare Asus DSL-AC55U su Amazon.

Asus DSL-AC55U
Prezzo consigliato: € 76.55Prezzo: € 71.57

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

Netgear D6400

Compatibile sia con ADSL che con VDSL, questo modem ha un aspetto meno aggressivo rispetto al tradizionale stile di Netgear. Non per questo si tratta però di un prodotto di poco conto. Innanzitutto si fregia di un importante trofeo. È infatti uno dei modem più popolari di tutta Amazon, tra i più popolari in assoluto come sembrano suggerire le oltre 3.000 recensioni degli utenti. Questo, oltre a indicare che si tratta di forse il miglior modem router più venduto, ha un effetto secondario da non dimenticare. Se dovessi avere problemi nell’usare il modem è molto facile che qualcun altro abbia scritto la soluzione su internet, a causa semplicemente dell’enorme numero di persone che l’hanno acquistato.

Capace di sfruttare anch’esso il Beamforming+, questo modello offre 4 porte Gigabit Ethernet per collegare via cavo i tuoi dispositivi, assieme a due ingressi USB per ogni tipo di accessorio o archivio. Modello dalla velocità di 1750 Mbit/s, si tratta di un modem compatto, elegante e minimal. Ha anche un certo valore come oggetto di arredamento, un fattore da considerare se vuoi posizionarlo in salotto. Elegante e popolare, se vuoi un buon prodotto per cui anche l’occhio vuole la sua parte è un’ottima scelta.

Puoi acquistare Netgear D6400 su Amazon.

Netgear D6400
Prezzo consigliato: € 89.99Prezzo: € 89.99

Miglior modem per Fastweb

In questa sezione proporremo una selezione relativa al miglior modem router per Fastweb. L’azienda usa modi particolari per effettuare le connessioni, e non tutti i modem disponibili sul mercato sono compatibili. I modem di seguito sono garantiti per la compatibilità con Fastweb, nel caso avessi dubbi e volessi andare completamente sul sicuro. Ovviamente tutti i modem presentati di seguito funzionano anche per altri operatori, e puoi sceglierli senza problemi.

AVM FRITZ!Box 3490

Compatibile con ADSL, ADSL2+ e VDSL, questo modem è caratterizzato tanto da un design elegante e leggermente aggressivo quanto da un Wi-Fi di ottimo livello per la fascia. Con una velocità wireless fino a 1.300 Mb/s e una velocità di scaricamento da internet superiore ai 100 Mbit/s, è un prodotto dalle ottime capacità. Sfrutta inoltre la tecnologia MiMo di cui abbiamo parlato in precedenza per offrire performance anche maggiori e la possibilità di connettere molti dispositivi in contemporanea. Se hai una connessione di medio livello, potrebbe rivelarsi il miglior modem router per te.

Da segnalare che questo modello non è pensato per chi ha la fibra fino in casa. Non ha infatti il tipo di ingresso adatto, anche se sono disponibili adattatori o la possibilità di collegarlo al precedente modem via bridging. Tolto questo dettaglio, in generale l’intera serie FRITZ!Box di AVM è considerata tra le eccellenze del mondo dei modem, e quasi ogni modello si rivela perfetto per la fascia a cui si rivolge. Il marchio ritornerà di nuovo in questa guida, in modelli diversi, anche se il produttore ci tiene a far sapere agli utenti di controllare che il proprio provider supporti i suoi prodotti.

Puoi acquistare AVM FRITZ! Box 3490 su Amazon.

AVM FRITZ! Box 3490
Prezzo consigliato: € 139.99Prezzo: € 85

Netgear D7000-100PES

Dalla velocità fino a 1.900 Mbit/s, questo modem è pensato per connessioni ultraveloci. Abbiamo già avuto occasione di dare un’occhiata alla serie Nighthawk di Netgear, di cui questo modem fa parte, e si tratta di una serie di tutto rispetto. Questo miglior modem router offre tutto il necessario e oltre, inclusa la tecnologia Beamforming+ per velocizzare la navigazione e un segnale ottimizzato per lo streaming e per il gioco online. Sono anche presenti funzioni dedicate per accedere a stampanti e unità di archiviazione in remoto, oltre alla possibilità di effettuare un backup del computer su un disco rigido connesso attraverso il modem. Alta velocità e molte opzioni, è un modem di tutto rispetto e che si avvicina alla fascia premium.

Puoi acquistare Netgear D7000-100PES su Amazon.

Netgear D7000-100PES
Prezzo consigliato: € 129Prezzo: € 129

Miglior modem: i repeater migliori

Vogliamo aggiungere questa sezione per completezza. Se stai cercando un nuovo modem, infatti, è perché vuoi una connessione migliore. Uno dei motivi abbastanza comuni per questa decisione è che il Wi-Fi non copre perfettamente tutta la casa. Oppure potresti essere in cerca di qualcosa che possa portare il segnale anche in giardino o in altre zone difficili da raggiungere. Ci sono soluzioni che non richiedono di rimpiazzare completamente il modem pensati apposta per queste situazioni. I repeater fanno infatti quello che indica il loro nome: si tratta di apparecchi in grado di “ripetere” il segnale, amplificandolo grazie a potenti antenne in grado di fare da ponte tra una zona e l’altra della casa. Anche il miglior modem router, infatti, ha una portata limitata.

Essendo collegati in wireless, non possono fornire più velocità di trasmissione dati di quanto il tuo modem possa raggiungere. Questo significa che non risolveranno problemi come il traffico lento, o una connessione a bassa velocità. Se però ti capita spesso di far fatica a connetterti, o di notare poche tacche di segnale Wi-Fi in alcuni punti della casa, allora sono i prodotti che fanno al caso tuo. Pratici, efficaci e soprattutto molto potenti, essendo dedicati interamente ad amplificare i segnali wireless, sono una soluzione da valutare. E se stai cercando un modem per la tua casa nuova e hai paura che non basti a coprire tutto lo spazio (soprattutto in caso di seminterrati), abbinare un repeater all’acquisto potrebbe valere la pena.

TP-Link RE200

Come per il miglior modem router, la soluzione migliore non è quella più veloce o più potente. È invece quella che risponde meglio alle tue esigenze. Con questo intendiamo che, per la velocità del tuo modem e per considerazioni sul rapporto qualità/prezzo, il miglior repeater per te potrebbe essere il migliore nella fascia medio-bassa. Questo repeater di TP-Link è un’ottima soluzione. Piccolo e discreto, basta inserirlo in una presa della corrente per ampliare il segnale in maniera semplice e diretta. L’installazione è anch’essa facilissima, dato che è sufficiente premere il pulsante WPS sul repeater e sul modem e la connessione avverrà in automatico.

Dotato di dual band 5 e 2,4 Ghz, garantisce una connessione fino a 750 Mbit/s. Questo modello offre anche una presa Ethernet, permettendoti di collegare i dispositivi che non hanno antenne wireless senza dover stendere cavi per tutta la lunghezza della casa. Con anche di un indicatore led per la potenza del segnale, questo piccolo ripetitore offre praticità, comodità e molte feature a un prezzo decisamente abbordabile. Semplice e diretto, può però garantire un controllo maggiore grazie a Tether. Questa app di TP-Link ti permette di cambiare impostazioni e regolare il Wi-Fi in maniera più precisa a seconda delle tue esigenze.

Puoi acquistare TP-Link RE200 su Amazon.

TP-Link RE200
Prezzo consigliato: € 14.89Prezzo: € 14.89

Netgear EX6120

Questo modello permette di allargare la copertura del tuo Wi-Fi di 60 metri quadri. Pensato per poter coprire circa 2 o 3 stanze in più, il modello di Netgear è in grado di spingere a una velocità di 1200 Mbit/s, ottimo per quasi tutte le reti italiane. Si tratta di un altro prodotto estremamente semplice da utilizzare. Anche questo è infatti installabile con un semplice pulsante e da inserire in una presa elettrica. In questo caso è però possibile effettuare collegamenti via cavo Ethernet in entrambe le direzioni, in modo da scegliere la configurazione più adatta.

In particolare, una soluzione molto pratica se hai pareti spesse che faticano a far passare il segnale è far passare un cavo per collegare diverse parti della casa. Basta collegare questo modello al modem via cavo e usarlo come access point in modo da creare un nuovo campo Wi-Fi senza basarsi su un segnale wireless già debole in partenza. Anche il miglior modem router infatti non riesce a collegare ambienti molto distanti tra loro, ma questa soluzione lo permette.

Dal look molto più industriale rispetto ad altri modelli, la presenza di due antenne esterne ne migliora però la qualità della connessione. Molto popolare, il modello è compatibile con ogni tipo di modem. Se non intendi collegarlo via cavo potrebbe richiedere qualche tentativo per trovare la posizione ideale, dato che comunque richiede di poter essere collegato stabilmente per poter amplificare il segnale. Ti invitiamo a prenderti del tempo per provare posizioni diverse in locali diversi, e testare la connessione in giro per la casa.

Puoi acquistare Netgear EX6120 su Amazon.

Netgear EX6120
Prezzo consigliato: € 49.99Prezzo: € 39.9

Netgear EX8000

Questo repeater di Netgear, che nell’aspetto ricorda il Monolite di 2001: Odissea nello spazio, ha un design particolarmente significativo. Scarno e privo di qualunque tipo di decorazione, indica lo scopo principale del prodotto: concentrarsi solamente sulla potenza d’uso. Siamo davanti a un repeater che fa delle sue caratteristiche il punto di forza. In particolare offre:

  • Fino a 25 dispositivi connessi in contemporeanea
  • 120 metri quadri di copertura
  • Wi-Fi fino a 6 stanze di distanza
  • 3.000 Mbit/s di velocità totale

Se sei un appassionato dei prodotti smart, è il miglior modem router disponibile. Il suo alto numero di dispositivi connessi, assieme alla grande portata del traffico, permette infatti molte configurazioni. Da telecamere a televisori a speaker bluetooth e altri sistemi di smart home, siamo nel pieno della fascia alta. Questo prezzo è però giustificato in ogni suo aspetto dalle sue caratteristiche.

Si tratta quindi di un prodotto premium e dal costo premium, ma incredibilmente efficace. Compatibile con qualunque tipo di modem, è un prodotto che è valido tanto per l’uso da consumer che per quello da professional, permettendo di fornire ottimi risultati sia in ufficio che in salotto e pensato per coprire 5 o 6 stanze. Che tu stia cercando un segnale migliore per partite online, scaricare dati per progetti o per guardare film e serie TV, è difficile non collocarlo al top.

Puoi acquistare Netgear EX8000 su Amazon.

Netgear EX8000
Prezzo consigliato: € 209.9Prezzo: € 153.35

FAQ

La domanda principale degli utenti è come configurare uno specifico modem. Di conseguenza dedichiamo le prime FAQ della guida al miglior modem router a questo argomento. Partiamo col ripetere che, come abbiamo menzionato, i modem standard degli operatori si configurano in maniera praticamente automatica. Se leggi questa guida vuol dire che vorresti sapere come configurare un modem privato che hai comprato a seconda del provider con cui hai un abbonamento. Di seguito spiegheremo che procedure seguire per ogni operatore e per ogni produttore di modem.

Seguendo queste indicazioni puoi accedere al modem ed effettuare tutte le configurazioni necessarie. Ci siamo limitati a indicare come effettuare la prima configurazione. Se hai dubbi su come accedere a certe opzioni, spiegheremo in dettaglio come trovare l’indirizzo IP del modem e cambiare password nelle sezioni successive alle indicazioni su modem specifici, in modo da coprire anche casi generici, oltre a varie domande riguardanti l’uso del miglior modem router. Per quanto riguarda le configurazioni di modem precisi, ci siamo limitati a elencare i principali produttori e provider per motivi di spazio. Se hai dubbi di cui non abbiamo parlato puoi contattarci tramite i commenti a fondo pagina.

Come configurare modem Tim?

Il primo passaggio è accertarsi di aver collegato il modem alla rete via cavo e il PC (o il dispositivo che usi per configurarlo) al modem. Puoi farlo verificando che l’icona del Wi-Fi o della connessione via cavo sia presente. A questo punto apri un browser (Chrome, Firefox o altri) e digita l’indirizzo indicato per la configurazione. Questo indirizzo è solitamente indicato sul modem stesso o sulle istruzioni che ti sono state consegnate, e di solito è attaccato tramite un’etichetta. Se non lo trovi, puoi provare uno di questi indirizzi standard:

  • 192.168.1.1
  • 192.168.0.1

Nel caso anche questi indirizzi non funzionino, puoi provare a trovare l’indirizzo IP del modem manualmente. La procedura richiede un po’ di spazio per essere descritta, dato che cambia a seconda del sistema operativo che tu stai usando. Per questo motivo abbiamo deciso di spostarla in una sezione a sé stante, in modo da evitare di fare un’enorme parentesi in mezzo a questa sezione. Puoi trovarla qualche paragrafo più avanti in questa guida al miglior modem router.

In ogni caso, una volta compiuti questi passaggi potrai accedere al modem tramite una schermata d’ingresso. Qui ti verranno richiesti password e nome utente. Anche questi dovrebbero essere indicati dal produttore, ma se non lo fossero puoi provare queste alternative. Se è il tuo primo accesso  e non trovi i dati, admin/admin, admin/password, numero_telefonico/timadsl o altre variazioni generiche dovrebbero funzionare. Una volta inseriti potrai cambiare le impostazioni a piacere. Raccomandiamo di cambiare utente e password con qualcosa di più sicuro, preferibilmente difficile da indovinare. Ricordiamo che resettare il modem, infilando uno stuzzicadenti o qualunque altra cosa appuntita nell’apposito buchetto, riporta la password alle impostazioni con cui l’hai ricevuto.

Come configurare modem Telecom?

La procedura è sostanzialmente la stessa come per il modem Tim precedente, visto che Tim e Telecom sono la stessa azienda. In questo caso i possibili indirizzi sono:

  • 192.168.1.1
  • 192.168.0.1
  • http://modemtelecom

Per il resto il modo per configurare il modem segue le stesse indicazioni.

Come configurare modem Fastweb?

Per Fastweb, nel caso tu sia un cliente recente con una connessione rapida è molto probabile che il modem che ti abbiano consegnato sia un Fastgate. In questo caso accedere alle impostazioni è semplicissimo: basta digitare l’indirizzo http://myfastgate e ti troverai subito all’interno dei menu per configurare il modem, cambiare impostazioni di rete, bande e verificare lo stato dei dispositivi connessi. Attenzione: se è il tuo primo ingresso il modem ti chiederà di impostare nome utente e password. Li dovrai creare da zero, e raccomandiamo di memorizzarli da qualche parte in modo da non perdere l’accesso al modem.

Se non hai un modem Fastgate e non riesci a trovare l’indirizzo indicato sul dispositivo, dopo aver scelto il miglior modem router che preferisci, ci sono opzioni. Gli indirizzi a cui puoi provare a connetterti sono:

  • 192.168.1.1
  • 192.168.0.1
  • 192.168.1.254

A questo punto anche in questo caso la procedura di configurazione dovrebbe essere automatica. Se non dovesse funzionare da solo o avessi difficoltà a connetterti a internet, puoi verificare questi parametri. Dopo essere entrato nel modem con la password standard, assicurati che la sezione Bridging (o “solo Modem”) sia impostata su No: è la funzione che disattiva il router integrato per un procedimento che non al momento non ci interessa (ma che può tornare utile per specifici modem per il gaming, come ad esempio quelli indicati nella nostra guida miglior modem Nintendo Switch).

Nel caso tu non stia usando un modem dell’azienda, Fastweb richiede a questo punto un passaggio ulteriore. Dopo aver configurato il miglior modem router per le tue necessità, devi dirigerti all’indirizzo http://registrazione.fastweb.it (su un apparecchio connesso al modem) e inserire le informazioni richieste per completare il processo e registrarti.

I seguenti paragrafi sono invece divisi a seconda del produttore del modem.

Come configurare modem TP Link?

Dopo aver collegato il modem ed essere andato agli indirizzi standard (192.168.1.1 o 192.168.0.1) il modem dovrebbe configurarsi automaticamente. Se così non fosse, basta trovare la parte segnata come Quick Setup e cliccarvi sopra. A questo punto dovrai settare la password del modem, che ti permetterà di cambiare tutte le impostazioni. Raccomandiamo di assicurarsi di non dimenticarla, magari scrivendola e conservandola in un posto sicuro – anche il miglior modem router è facile da violare se la password è su un post-it all’ingresso. Dopo aver settato regione (Italy) e fuso orario (GMT+01:00), devi scegliere il provider con cui hai sottoscritto un abbonamento ad internet ed inserire password e username.

Il passaggio successivo è il settaggio del Wi-Fi. Qui puoi impostare il nome della rete a cui altri dispositivi potranno connettersi e la password da digitare. Dopo aver cliccato su Next ed effettuato i test automatici di connessione, il modem dovrebbe resettarsi e dovrebbe funzionare tutto alla perfezione.

Come configurare modem D Link?

Anche in questo caso bisogna digitare l’indirizzo IP standard. Salvo situazioni particolari (da verificare tramite istruzioni) questo indirizzo dovrebbe essere 192.168.1.1. In questo caso nome utente e password dovrebbero essere di default (admin e 1234), e anche qui dovrebbe essere presente la sezione Quick Setup. Una volta cliccato su Run Wizard e impostato fuso orario e nuova password, ci si troverà davanti a una schermata in cui inserire username e password forniti dal provider. Concluso il percorso e cliccato su Save, il modem sarà pronto per la navigazione.

Come configurare modem Netgear?

Dopo aver verificato anche in questo caso di aver inserito correttamente ogni cavo ed essersi connessi all’indirizzo 192.168.1.1 o 192.168.0.1), dovrai inserire anche qui il nome utente e password standard. Selezionata la lingua (suggeriamo italiano), bisogna scegliere il paese di residenza e nel campo ISP il nome del tuo provider (Fastweb, Tim eccetera). A questo punto potrai scegliere se configurare il modem manualmente, ma suggeriamo, se è la tua prima volta, di lasciare spuntato No Configurazione Manuale del Modem. Dopodichè inserisci le informazioni relative al tuo provider, e nella sezione successiva potrai scegliere il nome della tua rete e la password del Wi-Fi. Cliccando su Connettimi a Internet il modem inizierà a settarsi, e il tuo nuovo miglior modem router sarà pronto all’uso.

Come entrare nel modem?

Per poterlo fare puoi o andare a un indirizzo su browser indicato dal tuo provider come l’indirizzo per collegarsi al modem, oppure devi trovare l’indirizzo IP da scrivere sulla barra di navigazione su internet per accedere al dispositivo. L’indirizzo vero e proprio (che, ad esempio, per chi possiede un Fastgate di Fastweb è http://myfastgate) è di sicuro il sistema che funziona nel cento per cento dei casi, ma potrebbe succedere che si siano perse le istruzioni, che le etichette siano state rimosse o che il modem stesso sia stato posizionato in un punto in cui è difficile accedere senza smontare modem o mobili in cui è incastrato.

Il modo alternativo è quindi scrivendo nella barra di navigazione del browser l’indirizzo IP del tuo modem. Questo indirizzo puoi trovarlo solitamente scritto sull’etichetta del modem stesso o su istruzioni e foglietti informativi che ti sono stati consegnati. In alternativa puoi provare a connetterti agli indirizzi indicati nelle sezioni precedenti di questa guida al miglior modem router (192.168.0.1, 192.168.1.1 e 192.168.1.254), che rappresentano i principali indirizzi standard.

Come trovare indirizzo IP del modem?

È possibile che il tuo indirizzo IP non sia presente nei tuoi documenti e non corrisponda a quelli indicati come standard. In questo caso c’è un tentativo finale che è possibile eseguire. È possibile scoprire l’indirizzo IP associato al tuo modem tramite computer. Il procedimento è un po’ complesso e, andando a toccare metodi di ricerca all’interno del sistema, varia a seconda di che tipo di sistema operativo è installato sul tuo dispositivo (e non dal miglior modem router che hai comprato).

Indirizzo IP Windows e indirizzo IP Mac

Per quanto riguarda Windows, bisogna utilizzare il prompt dei comandi per rintracciare velocemente l’indirizzo. Si tratta di una finestrella in cui è possibile digitare direttamente cosa si intende fare, evitando quindi di dover vagare per ore tra menu e opzioni diverse. È possibile richiamarlo premendo contemporaneamente Win e R, dove con Win si intende il pulsante sulla tua tastiera con sopra il logo a “finestra” di Windows. Una volta richiamata questa finestrella (che in italiano si chiama Esegui), bisogna digitare cmd e premere Invio. A questo punto si aprirà una schermata nera, dall’aspetto molto simile ai vecchi computer di una volta. In questa schermata bisogna inserire il comando ipconfig, premere Invio, e il computer presenterà nella finestra tutte le informazioni relative al modem. L’indirizzo che ti interessa sono i numeri (separati da punti) indicati di fianco alla scritta Gateway predefinito.

Nel caso il tuo computer di fiducia fosse un Mac, la procedura è ancora più semplice. La prima cosa che devi fare è cliccare sull’icona che indica la connessione, che si trova nell’angolo in alto a destra, e da qui selezionare Apri preferenze network. Dalla finestra che apparirà basta selezionare la connessione che si sta utilizzando (Wi-Fi se sei connesso in wireless) e cliccare su Avanzate per verificare i dati. Cliccando sul tasto TCP/IP potrai controllare l’indirizzo, indicato dal nome Router.

Indirizzo IP Android e iPhone

Non tutti gli utenti accoppiano al miglior modem router un vero e proprio computer casalingo. Infatti uno smartphone è a tutti gli effetti un computer tascabile, e funziona perfettamente per cercare informazioni e inviare email. I due sistemi più diffusi sono Android (e tutte le sue varianti) e iOS, di Apple. Per trovare l’indirizzo IP da un sistema operativo Android il procedimento è però un po’ complesso. Il modo più semplice è di gran lunga scaricare un’app in grado di farlo automaticamente, in modo da sbrigare la faccenda in maniera rapida. Una delle più suggerite è IP Tools: Network Utilities, che permette di mostrare diverse informazioni sulla tua connessione. Come per Windows, anche in questo caso per trovare l’indirizzo IP devi cercare il campo indicato come Gateway.

Se possiedi un iPhone, puoi sfruttare la comodità del sistema operativo di Apple. In questo caso la procedura è estremamente simile a quella del Mac: basta andare nelle Impostazioni, cliccare su Wi-Fi, e a quel punto cliccare sulla i minuscola di fianco alla rete che stai usando. Questo ti permette di accedere alle informazioni di rete. L’indirizzo IP è anche qui indicato nel campo con il nome di Router.

Come cambiare password modem?

Per cambiare password (al modem o al Wi-Fi) devi entrare nelle configurazioni del modem. Dopo aver eseguito i passi illustrati nel paragrafo qui sopra, devi localizzare la sezione delle opzioni che ti permette di cambiare password. Questa sezione si trova solitamente in una tab legata alla sicurezza. Dopo aver inserito nome utente e password del modem, se vuoi cambiare password al Wi-Fi non è sempre detto che ti trovi davanti dei campi chiaramente marcati con questi nomi. Se fai fatica a trovare il campo relativo, basta tenere a mente che devi modificare la chiave WEP/WPA cambiandola o con WPA2-AES o con WPA-PSK, due tipi di crittografia usati per proteggere i dati.

Una volta identificati questi campi e selezionato il tipo diverso di chiave, puoi inserire la password che preferisci in modo da cambiarla con quello che vuoi. Noi suggeriamo di usare un misto di lettere minuscole, maiuscole, numeri e simboli per le tue password, in modo che siano molto più difficili da craccare, ma la scelta è tua. Attenzione! Cambiare la password al Wi-Fi significa che ogni dispositivo connesso fino a quel momento dovrà reinserire la nuova password prima di potersi connettere automaticamente. È un fattore da considerare, dato che cambiare password a cellulari, console e televisori potrebbe rivelarsi qualcosa che ti porta via una buona quantità di tempo. Va quindi calcolato come sforzo aggiuntivo quando vuoi fare questo tipo di operazioni, soprattutto se sono dispositivi non dotati di tastiera o controllati tramite controller, telecomandi o altri tipi di input molto lenti.

Cos’è il modem libero?

Se hai già avuto occasione di effettuare un allacciamento a internet, sai che il modem è fornito dal provider. Il costo di questo modem è calcolato in maniera diversa a seconda dell’azienda, ma spesso è inserito in comodato d’uso e va restituito alla chiusura dell’abbonamento. Nel 2018 l’AgCom ha dichiarato che un utente non deve essere legato a uno specifico modem, e ha obbligato i provider a fare in modo che si potesse scegliere quale utilizzare. Ciò significa che un operatore non può costringere un utente a connettersi solo con il suo modem, e deve invece permettere che ognuno di noi possa scegliere il miglior modem router che preferisce senza ritrovarsi senza connessione.

La nostra analisi

Perché fidarti di noi

Noi di Ridble siamo il primo sito in Italia con un focus sulle guide all’acquisto. I motivi di questo primato sono tre: Ridble è il sito di guide all’acquisto che esiste da più tempo, compiendo 6 anni a febbraio del 2019. È inoltre il primo sito per numero di guide all’acquisto pubblicate, numero che supera le 2000, costantemente aggiornate e accessibili a ogni utente. Infine, Ridble rappresenta il primo sito nel nostro paese in base al numero di prodotti ordinati: gli utenti del sito hanno compiuto più di 100.000 ordini solo nel 2018.

I lettori che si sono già fidati di noi sono infatti migliaia. Ognuno di essi ha identificato il prodotto migliore per i loro bisogni specifici, e c’è un motivo semplice per questo successo. Il nostro scopo è infatti di tenere d’occhio e osservare costantemente ogni prodotto, con lo scopo di eseguire test, analisi e confronti in modo da suggerire solamente i migliori di ogni settore. A riprova della qualità delle guide che creiamo, vogliamo citare una statistica: il 98% degli utenti che hanno comprato un prodotto dopo aver letto le nostre guide riportano di essere pienamente soddisfatti del prodotto che gli è stato acquistato. Solamente il 2% circa dei nostri lettori ha richiesto di poter restituire il prodotto comprato. Siamo inoltre dedicati a risolvere ogni dubbio sugli acquisti anche in altri paesi, come abbiamo dimostrato con la nostra controparte spagnola.

Il metodo Ridble

In questi anni di attività abbiamo lavorato a creare quello che chiamiamo il “metodo Ridble”, usato per selezionare i prodotti per gli acquisti.

Il primo cardine del modello Ridble è rappresentato dall’insieme di conoscenze e competenze delle figure che lavorano con noi, chiamate Specialist. Questi saperi devono assolutamente essere presenti: per diventare uno Specialist bisogna infatti analizzare e provare più o meno 100 prodotti, con l’obiettivo di dimostrare di saper aiutare gli utenti nello scegliere il più adatto. Ogni Specialist è inoltre dedicato a solo un certo tipo di prodotti, dato che i “tuttologhi” non sono il tipo di persone che ci interessano: il nostro obiettivo non è generare traffico scrivendo di ogni cosa, ma sfruttare competenze specifiche.

In quanto Specialist dedicato alla sezione Tecnologia, scrivo di argomenti che conosco realmente. Ho sviluppato le mie conoscenze attraverso anni di analisi del settore tecnologico e informatico, provando inoltre diversi prodotti di persona per verificarne le caratteristiche. So orientarmi quindi perfettamente tra le varie caratteristiche tecniche e i vantaggi e svantaggi offerti dalle varie fasce di prezzo. Queste conoscenze mi hanno trasformato nello Specialist che sono oggi, e le uso per analizzare ogni prodotto che suggerisco.

Altro importante elemento del nostro modello è l’aggiornamento costante delle guide all’acquisto. Ogni mese infatti mi dedico ad aggiornare di persona ogni guida. Puoi quindi avere la sicurezza che, in ogni guida, i prodotti che vengono consigliati sono i migliori del momento in cui la si sta leggendo.

Per ulteriore conferma del nostro impegno, basta citare che le nostre capacità riguardo le guide all’acquisto viene considerata di alto livello dai più importanti brand del mercato. Per fare un esempio, siamo tra i pochissimi siti in tutto il mondo ad aver realizzato una guida all’acquisto sul sito di Amazon stessa.

Come selezioniamo i prodotti

Il primo momento della selezione avviene quando un prodotto viene ufficializzato, cioè quando la sua esistenza viene svelata dalle aziende. Gli Specialist tengono sempre d’occhio il mercato e sono informati su ogni avvenimento, ma non basano il loro lavoro sui rumor. Il nostro approccio parte dalla rivelazione ufficiale di un prodotto, e non da indiscrezioni o voci di corridoio.

Quando un prodotto come o viene quindi annunciato al pubblico ne valutiamo la qualità per inserirlo nelle guide. C’è a questo punto un altro fattore da considerare: l’eleggibilità, cioè se questo prodotto viene venduto nel nostro paese. Che sia digitale o fisico poco importa: non intendiamo consigliare prodotti che richiedano molta fatica e molte spese per essere importati dall’estero, e possono creare problemi di compatibilità.

A questo punto avviene la fase della prova. Per selezionare il miglior modem router è necessario vedere casistiche diverse, data l’enorme varietà di modelli e connessioni da confrontare. Bisogna quindi cercare di capire quali siano i vantaggi e gli svantaggi per ogni modello, un passaggio fondamentale per ogni Specialist che fa parte di Ridble.

Infine, ogni prodotto che riceve una valutazione positiva e che dimostra di meritare più attenzione degli altri viene selezionato e inserito all’interno di una guida all’acquisto dedicata. Questo processo avviene ogni mese, selezionando nuovi prodotti e rimuovendo quelli superati. L’approccio è imparziale ed è dedicato a fare in modo che ogni guida sia sempre aggiornata.

Nel caso volessi avere più informazioni riguardo al metodo Ridble, puoi visitare la pagina come lavoriamo.

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

6 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Simone Sala tramite i commenti.