Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Miglior console retrogaming: le migliori per tuffarsi nel passato

Miglior console retrogaming: le migliori per tuffarsi nel passato

di Stefano Zocchi
Specialist Migliore console
aggiornato il 27 marzo 2020
2 utenti hanno trovato utile questa guida

Amazon ama gli studenti: avete infatti 10€ a disposizione sul prossimo acquisto se attivate il servizio Amazon Prime Students. Questo mette a disposizione tutti i vantaggi di Amazon Prime, ma alla metà del prezzo solo se siete studenti. Fino al 31 luglio potete approfittare per attivare il servizio, in prova gratuita per ben 90 giorni di tempo, e sfruttare il codice “STUDENT10” che andrà a scontare il vostro primo ordine con Prime attivo di ben 10€. Che state aspettando? Potete avere maggiori informazioni e aderire all’offerta alla seguente pagina Amazon dedicata.

N.B. La guida Miglior console retrogaming è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Luglio 2020.

In questa guida andremo ad identificare la migliore console retrogaming. Con questo nome intendiamo quelle console che rimettono sul mercato i giochi del passato, permettendo anche ai giocatori più giovani di scoprire un pezzo di storia del genere. Qual è la miglior retro console disponibile sul mercato al momento?

Miglior console retrogaming: quale comprare

Che cos’è il retrogaming? Il termine inglese è molto vago, e va a indicare quel tipo di gioco che usa giochi e console del passato. Il movimento esiste da molto tempo, e si tratta di un gruppo di appassionati che giocano a giochi di decenni passati, spesso su hardware dell’epoca. Attenti alla storia, questi giocatori sono dei puristi, amanti dell’archeologia tecnologica, del design e con forti opinioni su quale sia la miglior retro console. Il mondo dei videogiochi è infatti molto attento al presente, e molti dei giochi del passato sono impossibili da giocare oggi senza un grande lavoro di riesumazione.

Questi appassionati collezionano vecchie console e schermi a tubo catodico, e spesso sono dei veri e propri esperti del settore, in grado anche di ripararli senza difficoltà e riuscendo a recuperare parti di ricambio.

Il retrogaming moderno

Da qualche anno, le aziende del mondo dei videogiochi si sono fatte una domanda: perché lasciare che i giochi dell’epoca siano così difficili da giocare? Oltre a reboot, remaster e virtual console, i produttori hanno deciso di creare nuove versioni delle vecchie console, includendo i giochi come erano all’epoca. Perfetti per i nostalgici della propria infanzia, questi “pacchetti” di giochi offrono un modo di rivivere gli anni d’oro dei videogiochi senza dover districarsi tra emulatori e proprietà intellettuali o spendere centinaia di euro acquistando una miglior console retrogaming di trent’anni fa su eBay. Con tutti i problemi che questo comporta: rarità, componenti impossibili da riparare, ma soprattutto compatibilità.

Le vecchie miglior retro console infatti non si collegavano ai televisori con le stesse prese HDMI ormai standard per ogni schermo. Questo aveva alcuni vantaggi: i vecchi schermi a tubo catodico con cui erano usate avevano colori più accesi e tempi di risposta più rapida. Per questo motivo sono ancora oggi usati in tornei di giochi di combattimento, ma la stragrande maggioranza dei giocatori non li possiede. Utilizzare adattatori per risolvere il problema significa complicarsi la vita dal punto di vista della risoluzione, e aggiungere un ritardo all’immagine che può anche essere notevole.

Giocare a vecchi giochi è quindi molto difficile e non possibile a tutti; serve un modo completamente diverso per poterci giocare, al di là degli emulatori e delle questioni che sollevano riguardo alla legalità e alla fedeltà dell’usare controller ed altro hardware di una volta.

La comodità

È proprio questo il problema che ha spinto le aziende a cercare di creare una miglior console retrogaming per il mercato moderno. Permettendo di giocare vecchi giochi su sistemi moderni con controller il più possibile fedele a quelli dell’epoca, l’obiettivo è di cercare di riproporre quelle stesse esperienze che hanno reso queste console un successo. Invece di usare connettori particolari per i controller spesso usano direttamente USB, rendendoli anche disponibili quindi per altre piattaforme, e sono collegate a un televisore tramite HDMI direttamente. Questo significa aumentare la risoluzione, scalando i pixel del gioco originale. Ogni modello offre sistema di menu per selezionare i giochi, e spesso anche dei riquadri decorati in cui giocare – in modo da non lasciare grosse barre nere sui lati dello schermo.

Comodità al centro della scena, quindi, e anche nel software. La miglior retro console deve includere anche save states, cioè la possibilità di salvare direttamente il “momento” in cui ci si trova – perfetto per chi adora i vecchi giochi ultra-difficili ma non ha il tempo o la pazienza per riprovare un livello per interi pomeriggi. Il modo in cui vengono sviluppati i videogiochi è cambiato, infatti: in origine la difficoltà era pensata per far spendere quante più monete possibili negli arcade. Una volta passati alle console, divenne un modo per far durare i giochi comprati il più a lungo possibile.

Oggi questi giochi non si rivolgono più a dei bambini con interi pomeriggi liberi a disposizione. Molte di queste console sanno che verranno comprate da adulti, con lavoro di cui preoccuparsi e poco tempo libero, e offrono quindi modi per aggirare queste scelte di design. I puristi possono però certamente ignorarle!

Quale miglior retro console scegliere?

La risposta non è facile. Da un lato, non tutte le console sul mercato hanno la stessa qualità. Ci sono console molto più curate di altre, sia dal punto di vista della qualità del software che della selezione di giochi, e in teoria questo rende molto facile assegnare il trofeo di miglior console retrogaming. Il problema è che è il tipo di console a contare veramente: a un nostalgico dell’epoca la cosa che interessa di più è rigiocare a un certo tipo di giochi, e la possibilità dell’acquisto è solo una. Di conseguenza di seguito elencheremo i principali rappresentanti del settore, e i più importanti giochi che ogni console include. Segnaleremo inoltre le console più curate, sia dal punto di vista della programmazione che del design e di come richiama la console originale.

Un fattore molto importante è infatti il brand: se non è affatto difficile trovare un modello di 99 Giochi In Uno che includa i titoli che ti interessano, la qualità sarà spesso molto bassa. Ma un mini NES prodotto direttamente da Nintendo ha un valore completamente diverso. La qualità di costruzione sarà molto più curata, la selezione di giochi migliore e soprattutto sarà la miglior retro console ufficiale, con un forte valore collezionistico e che si inserisce perfettamente nel resto del tuo parco console.

Per riassumere, se sei in cerca di giochi dell’era Atari, o di giochi dell’era PlayStation, l’opzione disponibile è praticamente una sola. Se invece vuoi esplorare il retrogaming senza acquistare vecchie console di seconda mano, di seguito elencheremo le migliori opzioni per chi preferisce un semplice e comodo acquisto.

Migliore console giochi vintage

Andando in ordine cronologico, partiamo con le miglior retro console con giochi più antichi. Siamo nel periodo sperimentale degli anni 70, in cui i pixel erano pochi e gli sviluppatori esperti pochissimi. Sono state comunque create importanti perle del genere, che hanno permesso di tracciare il sentiero di tutti i giochi che sono venuti dopo. Queste console offrono grafica estremamente semplice. Stiamo infatti parlando di un periodo prima di Mario e Zelda, un periodo in cui la fantasia faceva quasi tutto il lavoro rispetto allo schermo.

Risoluzione bassissima e giochi molto semplici erano le caratteristiche principali, ma ciò non vuol dire che si tratti di qualcosa di minuscolo. Anche in questo periodo ci sono stati giochi che moltissimi ricordano con affetto, e che ancora oggi vengono considerati speciali.

Vediamo quindi la miglior console retrogaming dei primordi.

Atari Flashback 8 Gold HD

  • Data di uscita originale: 1977

Questa console è una versione modernizzata dell’Atari 2600, una tra le miglior retro console della storia. Siamo nel periodo prima ancora di Sony e Nintendo: questo prodotto è quasi archeologia, e grazie alle minuscole dimensioni dei giochi dell’epoca può includere 120 giochi della console, tra cui l’immancabile Pac-Man e Pitfall. Bisogna segnalare che non si tratta di un prodotto di Atari (l’azienda al giorno d’oggi sopravvive in una forma molto diversa dal passato), ma su licenza. Che si tratti di un regalo, di un oggetto di arredamento o di motivi collezionistici, è impossibile però negare una cosa. Si tratta della console con di gran lunga il maggior numero di giochi inclusi, e anche se offre qualche piccolo screzio tecnico, è impossibile non raccomandarla solo per il grandissimo valore d’acquisto che rappresenta.

La risoluzione in uscita dalla console è di 720p. La console include alimentatore e cavo HDMI per collegarla senza bisogno di ulteriori acquisti, oltre a due controller in modo da poter facilmente giocare con amici senza dover comprare in controller in aggiunta.

Puoi acquistare Atari Flashback 8 Gold HD su Amazon.

Console giochi anni 80

Gli anni 80 hanno segnato uno spartiacque nella storia dei videogiochi. Sono stati il periodo in cui Nintendo è entrata prepotentemente in America, il periodo del crash dell’industria che cambiò completamente gli equilibri, e dell’innalzarsi enorme della qualità dei giochi. Questo periodo ha messo le basi per alcuni dei franchise più famosi della storia, e ha segnato il momento in cui il Giappone ha invaso il mercato americano. Oggi è impossibile immaginare un mondo dei videogiochi senza il Giappone, ma all’epoca lo shock fu grande, e il cambiamento epocale. Per alcuni la risposta alla domanda “qual è la miglior retro console?” è abbastanza ovvia, ma il periodo potrebbe riservare sorprese.

Non solo Nintendo, infatti: ci sono stati giochi leggendari anche nel campo dei computer, e alcuni produttori hanno deciso di esplorare anche questo settore per fornire moltissime opzioni. Qual è la miglior console retrogaming di questo periodo? La risposta per molti fan può essere ovvia, ma ci sono anche altre opzioni rispetto alla Grande N.

C64 Mini

  • Data di lancio originale: 1982

Non tutti i giochi del passato venivano giocati su una miglior retro console in senso stretto. Il Commodore 64 è stato uno dei computer più famosi del mondo, usato per moltissimi scopi, ma ha comunque un ruolo importante nel cuore dei giocatori. Questo C64 Mini ne vuole proprio riproporre quella parte: dotato di tastiera e joystick, permette di rivivere i giochi dell’epoca senza i vari problemi di compatibilità moderni. I giochi disponibili sono, intenzionalmente 64 – tra cui il famoso e ricordato California Games.

A differenza di molte altre console in questa guida, però, il C64 Mini offre una marcia in più: innanzitutto la tastiera funziona davvero, rendendolo una replica estremamente fedele all’originale e dandogli qualche punto in più per la classifica miglior console retrogaming. Inoltre l’ingresso dischi è rimpiazzato da un accesso per caricare i propri giochi, per la gioia dei collezionisti e di chi abbia vecchi ricordi a portata di mano. Per chi volesse inoltre un secondo joystick per partite con amici o per collezionismo, è disponibile anch’esso all’acquisto separato.

Anche in questo caso l’output è a 720p, con incluso un caricatore e un cavo HDMI da 1,5 metri.

In alternativa C64 Mini è disponibile nella variante Solo joystick.

Nintendo Classics Mini: NES

  • Data di lancio originale: 1983

La miglior retro console che ha trasformato Nintendo da una azienda giapponese dal successo relativo in un pilastro del mondo dei videogiochi. Design superlativo, stile inconfondibile, un gioiello per ogni appassionato che si rispetti andato a ruba sin dal lancio. A parte il design, il motivo per cui tutti la voglio è uno solo: 30 dei migliori giochi della storia. Oltre ai quattro giochi dell’inizio della saga di Mario, i grandi nomi abbondano: Bubble Bobble, Castlevania, The Legend of Zelda 1 e 2, Pac-Man, Final Fantasy, Donkey Kong e chi più ne ha più ne metta.

Più che una console è un volume di storia dei videogiochi, e un acquisto quasi obbligato per chi ama l’azienda giapponese sin dalla sua nascita. Miglior console retrogaming istantanea? Molti direbbero di si solo per questo fatto.

La risoluzione di questa versione aggiornata è 720p, molto più alta dei 240p originari. A differenza dei precedenti, non è incluso un alimentatore ma solo un cavo USB. Dovrai quindi accertarti di avere un alimentatore disponibile per poterlo usare, oppure puoi acquistare l’alimentatore ufficiale prodotto da Nintendo che includiamo qui sotto.

Puoi acquistare Nintendo Classics Mini: NES su Amazon su eBay o su Gamestop In alternativa Nintendo Classics Mini: NES è disponibile nella variante Alimentatore per Mini NES .

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

Console giochi anni 90

Arriviamo all’era di PlayStation, e qui diventa più complicato stabilire la miglior retro console. Siamo già in tempi più recenti, infatti, e molti produttori ancora non hanno sfruttato il periodo come si deve. Gli anni 90 hanno segnato un passo avanti enorme per il settore: l’arrivo della grafica 3D. Questo ha cambiato interamente il modo di fare videogiochi, aprendo moltissimi spazi a serie storiche. Non tutti i giochi dell’epoca furono 3D, però: molti (come Castlevania: Symphony of the Night) scelsero di sfruttare la potenza disponibile per creare giochi 2D dalla grafica incredibilmente curata, invece di cercare di sfruttare tecnologie all’epoca ancora poco sviluppate. In entrambi i casi il salto in avanti fu però notevole, e si tratta di un settore a cui moltissimi guardano con adorazione.

Detto ciò, le console retrogaming che offrono la grafica 3D sono poche – è passato ancora troppo poco tempo perchè si possano considerare pienamente retro per questi scopi. Di conseguenza molti dei giochi disponibili saranno comunque in 2D, anche visto come l’inizio del decennio si è comunque concentrato su questo tipo di tecnologia. Vediamo qual è la miglior console retrogaming per questo decennio.

Nintendo Classics Mini: SNES

  • Data di lancio originale: 1990

Seguito del NES, anche questa console ha contribuito a scrivere pagine e pagine di storia del mondo dei videogiochi. Il numero di giochi inclusi in questo caso è 21, e anche qui parliamo di pietre miliari del genere: Donkey Kong Country, F-Zero, The Legend of Zelda: A Link to the Past, Super Mario Kart e Super Mario World sono alcuni di questi titoli. Quest’ultimo in particolare ha trasformato la serie di Mario, dandogli una impostazione seguita ancora oggi e introducendo importanti novità nel genere. Parlando però di novità, c’è qualcosa di davvero speciale: il NES Mini include per la prima volta nella storia Star Fox 2. Creato nel 1995 ma mai rilasciato, questo gioco è diventato una leggenda per i fan della Grande N ed è un’attrattiva molto forte per chi stesse cercando qualcosa di particolare, dal valore sia nostalgico che collezionistico, e volesse ottenerlo separatamente dal servizio di abbonamento online.

Anch’esso con joystick ricreati con molta cura, è una perfetta continuazione del lavoro effettuato con il NES Classic Mini. Se per alcuni quest’ultimo è il vincitore istantaneo, per altri leggermente più giovani la miglior retro console non può che essere questa.

Come per il NES, la risoluzione è di 720p e in questo caso sono inclusi 2 controller, per giocare a Mario Kart con amici d’infanzia senza nessun problema.

Puoi acquistare Nintendo Classics Mini: SNES su Amazon o se preferisci su eBay

Sega Mega Drive Mini

  • Data di uscita originale: 1990

Sonic! Questo è il motivo principale per cui ancora molti ricordano il Sega Mega Drive come la miglior retro console. Il riccio blu si contrapponeva al rivale Mario sfruttando la sua velocità e le capacità tecniche enormi della console. Ora che la tecnologia è enormemente avanti, Sega sa che il riccio stesso resta il punto di forza e lo posiziona in primo piano. Oltre però a Sonic The Hedgehog la console include 42 giochi dell’epoca, tra cui classici come Earthworm Jim Ecco the Dolphin, oltre a Street Fighter 2: Special Champion Edition.

Anche se non tanto famosi come Mario e amici, questi giochi sono comunque estremamente importanti, e hanno enormi quantità di fan che li ricordano con amore – soprattutto la storia del verme fantascientifico Jim, con i suoi disegni incredibilmente fantasiosi e i suoi scenari allucinati, immancabile per la miglior console retrogaming.

Visto come l’offerta include due controller USB, sfidare altri amici nostalgici sarà un piacere. Risoluzione di 720p a 60 Hz come da norma, per le specifiche tecniche, con caricatore incluso.

Puoi acquistare Sega Mega Drive Mini su Amazon o se preferisci su eBay

Sony PlayStation Classic

  • Data di uscita originale: 1994

La prima PlayStation fu un terremoto nel mondo dei videogiochi, popolarizzando il 3D. Questa versione rilasciata da Sony vuole celebrarne l’eredità, anche se la lista dei giochi è abbastanza scarna rispetto all’immenso catalogo di successi planetari della generazione. Possiamo però ritrovare Final Fantasy 7 (di cui presto vedremo il remake per PS4), Tekken 3, l’originale Grand Theft Auto e il primo Metal Gear Solid tra i grandi classici, inclusi in un totale di 20 giochi. L’attrattiva principale resta il design: ricreando una PlayStation in miniatura è estremamente fedele al look originale, decisamente appropriato per chi è cresciuto negli anni 90 in cui sono nati molti di quei franchise che hanno poi generato i migliori giochi PS4 moderni.

Un ottimo oggetto anche di arredamento, quindi, oltre al riproporre alcuni giochi che ancora oggi attirano milioni di fan. Miglior retro console per i fan di Sony, moltissimi nel nostro paese. Attenzione, anche in questo caso dovrai fornire tu l’alimentatore – la custodia include solo un cavo USB Micro. Niente sorprese per quanto riguarda la risoluzione, sempre a 720p.

Puoi acquistare Sony PlayStation Classic su Amazon o se preferisci su eBay

NEO GEO Mini

  • Data di uscita originale: 1990-2005

Per chiudere, scegliamo qualcosa di più particolare. Non si parla infatti di una miglior console retrogaming in senso stretto: il NEO GEO è un sistema per creare cabinati. Se sei un nostalgico delle sale giochi degli anni ’90, di Metal Slug, di King of Fighters, di Fatal Fury e di tutti gli altri classici dell’epoca, si tratta di qualcosa di unico. Non solo per la selezione: a differenza delle precedenti questo è un vero e proprio mini cabinato. Schermo, joystick, pulsanti bene in vista: una versione condensata di tutte quelle estati al mare, a sfidare altra gente in costume di fianco alla spiaggia o a cercare di finire interi livelli con un solo gettone.

Lo schermo è di ottima qualità, i tasti hanno una risposta eccellente e il joystick non perde mai la precisione. Che tu lo voglia usare per arredare uno scaffale o come compagno da scrivania durante i periodi di noia, è qualcosa che non si può non raccomandare. La miglior retro console per chi vuole qualcosa di ancora più particolare.

Puoi acquistare NEO GEO Mini su Amazon o se preferisci su eBay

NEO GEO Mini
Prezzo consigliato: € 149.99Prezzo: € 67.67

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

2 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Stefano Zocchi tramite i commenti.