Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Miglior cavalletto fotografico: guida alla scelta

Miglior cavalletto fotografico: guida alla scelta

di Carlo Carlino
Specialist Accessori fotografia
aggiornato il 17 luglio 2019
4788 utenti hanno trovato utile questa guida
4788 utenti hanno trovato utile questa guida
N.B. La guida Miglior cavalletto fotografico è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Luglio 2019.

Prima o poi arriva per tutti quel momento in cui, comprata una fotocamera, si sente la necessità di passare all’apprendimento iniziale di nuove tecniche. Subito dopo si passa ad un interrogativo imprescindibile: quali sono i potenziali migliori accessori che potrebbero essere utili per affinare e portare avanti tali tecniche? A meno che abbiate le braccia ferme come quelle di un manichino (improbabile) prima o poi vi servirà un cavalletto per reggere la vostra fotocamera e, al contrario di quello che molti pensano, non solo nelle lunghe esposizioni: fotografia ritrattistica, fotografia macro, fotografia still-life e molti altri generi necessitano sempre di un cavalletto stabile per creare un risultato privo di micromossi. Ma come sceglierne uno? Qual è il miglior cavalletto fotografico per le nostre esigenze?

Miglior cavalletto fotografico: quale comprare

Per quanto possiate essere immobili e trattenere il fiato nel momento dello scatto è molto improbabile che riusciate a stare completamente immobili tanto da evitare il micromosso, soprattutto scattando con tempi sempre più brevi. Il cavalletto infatti può non essere necessario negli scatti da reportage o in particolari foto (che possono includere anche alcuni tipi di ritratto) dove l’esposizione è talmente rapida che non ci saranno sicuramente problemi (vedi 1/4000 e simili). In moltissimi altri casi avrete però bisogno di stabilizzare la fotocamera e, se possibile, utilizzare anche un telecomando esterno al fine di evitare il tocco per lo scatto che potrebbe comunque compromettere la foto.

In questa guida all’acquisto vogliamo proporvi una selezione di prodotti per aiutarvi a scegliere il miglior cavalletto fotografico per le vostre esigenze. Per praticità abbiamo deciso di dividere i prodotti in quattro categorie: “modelli base“, “modelli professionali“, “modelli per video” e “monopiedi“. I cavalletti che sono stati inseriti nella categoria “modelli base” sono molto economici e sono ottimi per chi è all’inizio e vuole sperimentare nuove tecniche. Nella categoria “modelli professionali” al contrario dei precedenti, sono presenti cavalletti che hanno costi importanti e che sono pensati per usi professionali sia in studio che in viaggio. La terza categoria “modelli per video” integra i modelli di cavalletti che sono stati sviluppati principalmente per registrare filmati, quindi sono consigliati perlopiù ai videomaker. Infine, nella categoria “monopiedi”abbiamo inserito i migliori modelli che presentano una sola gamba e che solitamente vengono utilizzati per fotografia naturalistica o sportiva, ma anche per realizzare filmati in alcuni casi.

Quando si cerca il miglior cavalletto fotografico per le proprie esigenze si devono tenere in considerazione alcune caratteristiche fondamentali, caratteristiche che noi abbiamo tenuto in considerazione durante la selezione dei prodotti che troverete all’interno di questa guida all’acquisto.

Peso

Il primo criterio da valutare per riuscire a trovare il miglior cavalletto fotografico riguarda il peso. Trattandosi di accessori che molto spesso devono essere trasportati in uno zaino o in una borsa, considerare il peso totale del cavalletto è fondamentale. Il peso ovviamente varia da cavalletto a cavalletto e può essere determinato da vari fattori. Il primo è sicuramente il materiale che è stato utilizzato per la costruzione: solitamente i cavalletti fotografici sono costruiti in alluminio o in carbonio. Il primo è più economico, più pesante e meno resistente del secondo, per questo motivo viene utilizzato soprattutto per i cavalletti meno costosi. Anche la robustezza generale del cavalletto determina il peso totale, in quanto ogni cavalletto ha delle gambe più o meno spesse. Il peso del cavalletto va ovviamente rapportato all’utilizzo che bisogna farne: un cavalletto da viaggio che deve essere trasportato in giro deve essere leggero in modo da evitare sforzi da parte del fotografo, mentre un cavalletto da studio o per video può anche essere molto pesante, perché si utilizza in maniera più stabile e raramente viene trasportato.

Altezza massima e minima

Il secondo criterio a cui bisogna portare molta attenzione è l’altezza massima e minima del cavalletto fotografico. Il cavalletto si utilizza per stabilizzare la fotocamera in modo da evitare il micromosso, specialmente quando si scattano foto con tempi molto lenti. In base alle proprie esigenze però, si potrebbe avere il bisogno di un’altezza massima molto estesa, oppure se si viaggia molto di un’altezza minima molto ridotta. Questi due aspetti dipendono innanzitutto dalla tipologia di cavalletto, e poi anche dalle sezioni che compongono le gambe. Le sezioni non sono altro che il numero di parti estendibili presenti in un cavalletto, le quali possono variare. Un cavalletto con più sezioni può risultare più alto quando è completamente esteso, ma allo stesso tempo potrebbe risultare meno stabile in situazioni di forte vento. Un’altezza massima molto estesa può essere utile in quanto consente di scattare foto di qualunque genere in qualunque situazione. Un’altezza minima molto contenuta è invece importante per quando si è soliti spostarsi molto, perché consente di trasportare il cavalletto nello zaino o in una borsa.

Portata massima

Il terzo criterio da valutare per scegliere il miglior cavalletto fotografico per le proprie esigenze è la portata massima. Questa caratteristica indica qual è il peso massimo che un cavalletto può supportare, quindi è importante perché deve reggere l’attrezzatura che si ha intenzione di utilizzare. Se per esempio si utilizzano reflex professionali con obiettivi super-tele molto pesanti non si può acquistare un cavalletto che supporta pochi chilogrammi, altrimenti si rischia di far cadere la propria attrezzatura. Inoltre la funzione principale di un cavalletto, come già detto, è quella di stabilizzare al meglio la fotocamera, in modo da poter scattare foto con tempi anche molto lunghi. Se l’attrezzatura che si monta sul cavalletto è troppo pesante si rischia di non avere stabilità, quindi il cavalletto risulterà inutile.

Testa e piastra a sgancio rapido

Come quarto ed ultimo criterio bisogna considerare la testa del treppiede e la presenza della piastra a sgancio rapido. Per chi non lo sapesse, i cavalletti fotografici sono composti da due parti: gambe e testa. La testa solitamente può essere rimossa, in quanto esistono varie tipologie di teste per cavalletti. I modelli professionali spesso vengono venduti senza la presenza della testa, ma in questa guida troverete soltanto cavalletti completi, in modo da essere subito pronti ad un corretto utilizzo. Le tipologie di testa per cavalletto sono solitamente di due tipi: a sfera e a 3 vie. Il primo tipo integra al suo interno una sfera, quindi è possibile muovere la fotocamera in qualsiasi direzione senza impedimenti, mentre il secondo tipo costringe dei movimenti sui tre assi principali. Entrambe le tipologie di teste vanno bene sia per chi deve scattare foto, sia per chi deve registrare video, anche se quella a sfera è più indicata per le foto, mentre quella a 3 vie per i video. Per quanto riguarda la piastra a sgancio rapido invece, si tratta di un elemento che consente di agganciare/sganciare la fotocamera al cavalletto. Si trova sulla testa e non è altro che una vera e propria piastra che grazie alla presenza di una vite viene agganciata alla fotocamera. Una volta agganciata è possibile bloccarla sul cavalletto oppure sganciarla in modo molto veloce e pratico. In questo modo basterà lasciare la piastra sempre attaccata alla fotocamera, in modo da agganciarla rapidamente al cavalletto solo quando se ne ha il bisogno.

Miglior cavalletto fotografico: modelli base

Manfrotto Pixi Evo

La guida al miglior cavalletto fotografico si apre con un prodotto abbastanza particolare, il Manfrotto Pixi Evo. Questo treppiede è molto economico e compatto, in quanto è pensato per chi possiede fotocamere di piccole dimensioni e cerca un prodotto da portare sempre nello zaino quando viaggia. Da chiuso può essere utilizzato come un selfie stick, ottimo per vlog o autoscatti. Le tre gambe possono essere aperte con diverse estensioni, in modo da avere un altezza variabile. Inoltre sono estendibili, quindi possono essere adattate a terreni sconnessi e permettono di avere una distanza minima dal terreno molto bassa. La testa è a sfera, ma non presenta una piastra a sgancio rapido vista la tipologia di fotocamere a cui è dedicato questo cavalletto. Supporta attrezzatura per un peso massimo di 2,5 kg e riesce a tenere stabili fotocamere con obiettivi fino a 200mm.

Il Manfrotto Pixi Evo è un treppiede molto particolare, perfetto se possedete una fotocamera compatta o una macchina fotografica con lenti intercambiabile di piccole dimensioni e se amate viaggiare e registrare vlog.

Puoi acquistare Manfrotto Pixi Evo su Amazon o se preferisci su eBay

K&F Concept TM2324

Nonostante il nome non spiri molta fiducia, il cavalletto K&F Concept può essere il vostro punto di partenza per iniziare a capire il funzionamento di questo prezioso accessorio. È dotato di tutto ciò che serve per iniziare e ha caratteristiche che lo avvicinano molto ad un cavalletto professionale. Integra infatti tre manopole di regolazione sulla testa (che è a sfera per uno spostamento più preciso e comodo), e permette una regolazione precisa dell’angolo di scatto. Questo ha inoltre una piastra a sgancio rapido, una funzione per invertire la colonna centrale al fine di effettuare riprese a livello del terreno. Degne di nota sono la struttura in alluminio anti-corrosione e la possibilità di smontare la colonna centrale. Le tre gambe a quattro sezioni per permettere un’altezza fino a 1,5 m, e riesce a caricare ben 10 kg di attrezzatura (una compatta classica pesa circa 200-300 grammi, una reflex basilare con kit 18-55 difficilmente supera 1.2 kg). Esso include una borsa da trasporto e integra un blocco a torsione per facilitare l’estensione delle gambe. Non potevamo non inserirlo all’interno della guida al miglior cavalletto fotografico.

Puoi acquistare K&F Concept TM2324 su Amazon o se preferisci su eBay

Manfrotto Compact Advanced

Il Manfrotto Compact Advanced non poteva mancare all’interno della guida al miglior cavalletto fotografico, in quanto è uno dei più acquistati da chi si avvicina alla fotografia. È prodotto da una delle migliori aziende del settore, quindi la qualità costruttiva e i dettagli non sono di certo di bassa qualità. Le tre gambe sono composte da 5 sezioni con chiusura a clip, questo permette di regolare l’altezza del cavalletto in modo preciso e semplice. L’altezza massima che è possibile raggiungere è pari a 165 cm, mentre quando è completamente chiuso si ha una lunghezza di soli 44 cm. Questa caratteristica lo rende molto portatile, quindi è perfetto per chi ha bisogno di un cavalletto da portare sempre in giro, magari in viaggio. Il peso complessivo del Compact Advanced è di 1,4 kg, mentre il peso massimo che riesce a sopportare è di 3 kg, quindi non si hanno problemi con kit fotografici base. Per quanto riguarda la testa è a 3 vie ed è dotata di piastra a sgancio rapido. Questa testa è pensata prevalentemente per chi scatta foto e vuole avere uno strumento preciso e semplice. Infine in confezione è anche presente una custodia che permette di trasportare il cavalletto in modo ancora più sicuro.

Il Manfrotto Compact Advanced è il cavalletto da acquistare se state cercando il vostro primo treppiede e volete un prodotto che offra un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Puoi acquistare Manfrotto Compact Advanced su Amazon o se preferisci su eBay

Rollei C5i

Rollei è uno storico produttore di fotocamere che negli ultimi tempi ha introdotto nuovi prodotto quali accessori per la fotografia, action cam e cavalletti. C5i è un interessante treppiedi in alluminio che pesa 1,66 kg, ha un’altezza massima di 159 cm (con un minimo di 21,5 cm) e riesce a caricare fino a 8 kg. Anche questo modello include una colonna centrale che può essere smontata e diventare un classico monopiede. C5i integra inoltre una testa a sfera con una livella per allineamento orizzontale e verticale, ha un freno per bloccare rapidamente la colonna centrale e la piastra ad aggancio rapido. Nel kit è inclusa anche una custodia per il cavalletto corredata di chiave a brugola per lo smontaggio dei singoli componenti (come la colonna centrale). Una particolarità interessante di questo prodotto è la possibilità di estendere le gambe al fine di renderle orizzontali al terreno ed effettuare scatti da una visuale molto bassa. Consigliamo l’acquisto di questo Rollei C5i a chi cerca un prodotto di buona qualità che permette di “trasformarsi” in modo da adattarsi a qualsiasi utilizzo, forse potrebbe trattarsi del miglior cavalletto fotografico per i vostri bisogni.

Puoi acquistare Rollei C5i su Amazon o se preferisci su eBay

Rollei C5i
Prezzo consigliato: € 125.67Prezzo: € 125.67

Joby Gorillapod 5K

Joby è un noto produttore di cavalletti “flexible”, cioè quegli accessori che possono essere snodati e adattati a più superfici. Joby Gorillapod 5K è sicuramente uno dei treppiedi più strani presenti in questa guida al miglior cavalletto fotografico ed è perfetto per chi vuole fare riprese da punti difficilmente accessibili. Può infatti essere montato su tubi, ringhiere, colonne, pali e molto altro. Il merito di questa versatilità è delle gambe costituite da delle sfere che permettono di assumere qualunque forma. Integra una testa a sfera per orientare la fotocamera a piacere e con rapidità ed è adatto anche al montaggio di obiettivi zoom dal peso massimo di 5 kg. Una particolarità interessante di questo cavalletto è che, oltre a poter essere montato su moltissime superfici, può anche essere appoggiato a terra come se fosse un classico cavalletto per fare foto e video a livello terreno. È molto portatile grazie alla sua altezza di 38.5 cm e il suo peso di soli 739 grammi. Inoltre può essere utilizzato come selfie stick per registrare vlog di alta qualità con fotocamere professionali. Il Joby Gorillapod 5K è il miglior cavalletto flessibile presente sul mercato. Si adatta a qualunque situazione e permette di dare sfogo alla propria fantasia.

Puoi acquistare Joby Gorillapod 5K su Amazon o se preferisci su eBay

Manfrotto BeFree One

Manfrotto BeFree One è quel classico treppiedi che pur avendo un form factor simile a molti altri sul mercato, riesce a convincere fin da subito per l’ottimo rapporto qualità prezzo, la cura nei dettagli, gli ottimi materiali e soprattutto la resistenza. Non poteva quindi mancare all’interno della categoria dedicata ai modelli base di questa guida al miglior cavalletto fotografico. Abbiamo avuto modo di utilizzare più volte questo cavalletto e soprattutto in tanti ambiti, come in fotografia paesaggistica, fotografia ritrattistica e fotografia macro: mai avuto un singolo problema. Questa nuova versione integra una testa a sfera realizzata con materiali molto resistenti che non perdono presa nel corso del tempo. La struttura è in alluminio, caratteristica che lo rende di facile trasporto, viene fornito con una borsa a tracolla imbottita per proteggerlo, può essere ripiegato intorno alla testa e diventare alto solo 40 cm (per una trasportabilità massima). Tra le altre caratteristiche troviamo un supporto fino a 4 kg di peso, 144cm di altezza massima, 1,1 kg di peso complessivo e tre tipi di apertura delle gambe per fare in modo che possa arrivare praticamente a livello del terreno. Manfrotto BeFree One è la miglior risposta alla richiesta degli utenti per un treppiedi facile da utilizzare, resistente, facilmente trasportabile, curato, bello da vedere e soprattutto con un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Puoi acquistare Manfrotto BeFree su Amazon o se preferisci su eBay

Miglior cavalletto fotografico: modelli professionali

Manfrotto MK055XPRO3

Apriamo la categoria dei modelli professionali di questa guida al miglior cavalletto fotografico con il Manfrotto MK055XPRO3. Si tratta di un kit cavalletto con testa a tre vie che ha come caratteristica principale un meccanismo a 90° della colonna centrale che permette alla stessa di estendersi in verticale (come normalmente succede) oppure in orizzontale permettendo una vasta gamma di inquadrature per lo scatto, il tutto rimane nascosto nella crociera se non utilizzato. La testa a tre vie X-PRO è precisa, affidabile e compatta e integra leve pieghevoli che si possono estendere in caso di necessità. Sulla testa sono inoltre incluse tre bolle di livellamento per assicurare un’inquadratura precisa, riducendo il lavoro di sistemazione in post-produzione. Oltre a questo, Manfrotto MK055 include un attacco “easy link” che permette di collegare facilmente aste e supporti softbox al fine di trasformare il cavalletto in un piccolo studio portatile. Tutte queste caratteristica hanno però come contro il peso totale del cavalletto: 3,5 kg. Questa specifica, unita ad una lunghezza minima di 74 cm, fa capire che non si tratta di un treppiede pensato per chi viaggia e ha bisogno di trasportare un cavalletto. Il Manfrotto MK055XPRO3 è un cavalletto da studio, quindi è perfetto per chi pratica fotografia macro o still-life e cerca un prodotto versatile e di ottima qualità.

Puoi acquistare Manfrotto MK055 XPRO3 su Amazon o se preferisci su eBay

MeFOTO GlobeTrotter

Proseguendo con la guida al miglior cavalletto fotografico troviamo il MeFOTO GlobeTrotter, un prodotto costruito in lega di carbonio che rimane molto compatto da chiuso (circa 40 cm) e pesa solo 1.6 kg. Integra inoltre un sistema di sblocco delle gambe rapido a torsione ed una testa a sfera per movimenti rapidi ed efficaci che garantiscono molte possibilità di inquadratura. Riesce a tenere un peso pari a 12 kg evitando quindi perfettamente vibrazioni per attrezzature complete (contando che una reflex di fascia alta con battery pack e ottica 70-200 mm difficilmente supera i 5 kg). Compreso nell’acquisto troverete la borsa per trasportarlo e i piedini di ricambio in metallo che possono sostituire quelli in gomma presenti al momento del primo unboxing. Anche in questo modello è possibile sbloccare la colonna centrale e trasformarla in monopiede. Oltre a questo, nella parte inferiore della colonna centrale è presente un aggancio per pesi al fine di stabilizzare ulteriormente il cavalletto in presenza di forte vento o condizioni climatiche avverse, un vero must-have per chi scatta in montagna o in luoghi con un meteo particolare.

Puoi acquistare MeFOTO GlobeTrotter su Amazon o se preferisci su eBay

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

Gitzo GK1555T

Il cavalletto più costoso e prestante di questa guida al miglior cavalletto fotografico è il Gitzo GK1555T. Questo treppiede vanta di una perfetta costruzione in lega di carbonio, gambe regolabili a torsione a 5 sezioni e un sistema di piegatura gambe a 180° introdotta da Gitzo che fa un uso più efficiente dello spazio accogliendo la colonna centrale e la testa all’interno delle gambe piegate. Le gambe sono costruite con tubi “Carbon eXact” più efficaci, leggere e facilmente trasportabili grazie anche alla tracolla in dotazione. È incluso anche uno speciale blocco di sicurezza per quanto concerne la stabilità chiamato “Traveler G-Lock“. Le meraviglie però non finiscono qui e si concentrano nella testa GH1382TQD, la più sottile tra tutte quelle prodotte in questa gamma ed è progettata per adattarsi a treppiedi della serie Traveler e dispositivi con aggancio standard come slider motorizzati e non. Sebbene non abbia un controllo di frazionamento, dispone di un meccanismo di serraggio completamente rinnovato ed un controllo panoramico indipendente. Si tratta di una scorrevolezza della sfera (rivestita in disolfuro di tungsteno) ed una solidità dei componenti esterni e interni unici nel loro genere. Un’altra caratteristica fondamentale dei cavalletti Gitzo è che possono essere smontati con un solo dito, senza attrezzi, grazie a precisi meccanismi studiati dal produttore per garantire la massima efficienza in ogni situazione. Riesce a caricare un peso fino a 9 kg e alzarsi fino a 150 cm.

Puoi acquistare Gitzo GK1555T su Amazon o se preferisci su eBay

Gitzo GK1555T
Prezzo consigliato: € 1047.07Prezzo: € 1103.45

Miglior cavalletto fotografico: i modelli per video

Manfrotto Compact Action

Il Manfrotto Compact Action è un treppiede economico e adatto per i videomaker principianti, anche se, a dirla tutta, la sua testa lo rende un buon prodotto anche per la fotografia. Ha una testa a joystick ergonomica con meccanismo di bloccaggio a rotella, piastra di sgancio rapido con fissaggio a mano senza cacciaviti o monete, compatibile con qualsiasi dispositivo fino a 1,5 kg e dotato di borsa per il trasporto. Da chiuso misura soltanto 44 cm e pesa circa 1,2 kg, quindi è perfetto per chi ha bisogno di muoversi spesso per realizzare video in diverse location. Le tre gambe composte da 5 sezioni possono essere estese sganciando le chiusure a clip, permettendo di arrivare ad un’altezza massima di 155 cm. Come detto sopra, la testa è molto particolare, in quanto è dotata di uno switch che consente di passare dalla modalità video (fluida e frizionata) alla modalità foto (libera e precisa). Il Manfrotto Compact Action è quindi il miglior cavalletto fotografico per video da acquistare se siete degli aspiranti videomaker e avete un budget limitato.

Puoi acquistare Manfrotto Compact Action su Amazon o se preferisci su eBay

Manfrotto 290 Light

Il Manfrotto 290Light è una soluzione estremamente compatta e portatile per i videomaker in erba che necessitano di ridurre il peso e lo spazio occupato dalla loro attrezzatura. È un cavalletto agile, comodo e soprattutto stabile, parte fondamentale di un prodotto del genere. La testa integra un sistema chiamato “Fluid Drag” in grado di garantire carrellate stabili e fluide come succede analogamente su altri cavalletti video più professionali. Integra dei selettori di angolazione per le gambe al fine di garantire una presa salda in ogni posizione e su varie superfici, ha le chiusure delle gambe in solido alluminio, permette una presa salda grazie alle impugnature in gomma ed è compreso di borsa da trasporto in cui può essere riposto piegandolo al minimo della larghezza prevista. Ovviamente non manca la piastra a sgancio rapido, molto utile quando si è in giro a registrare video. Il peso di questo prodotto è di soli 1,8 kg e da chiuso misura appena 59.5 cm, ma può arrivare ad un’altezza massima di 146 cm e sopporta attrezzatura per un massimo di 4 kg. Il Manfrotto 290 Light è il miglior cavalletto fotografico per chi cerca un prodotto per registrare video di buona qualità e che permette di essere trasportato senza grandi sforzi.

Puoi acquistare Manfrotto 290 Light su eBay o se preferisci su Amazon

Manfrotto MVK502AM

L’ultimo cavalletto per video di questa guida al miglior cavalletto fotografico è il Manfrotto MVK502AM, un cavalletto per video che non è di certo portatile. Pesa ben 3,8 kg e quando è completamente chiuso misura 70 cm. Queste caratteristiche esagerate sono dovute alla sua struttura molto resistente e stabile. Le tre gambe sono infatti composte in doppio tubo gemellato, in modo da garantire la massima stabilità anche con attrezzatura che pesa dino a 7 kg. L’altezza massima che è in grado di raggiungere è di 156 cm, perfetta per un utilizzo da studio. Inoltre le tre gambe sono collegate tra di loro da un giunto, in modo da evitare spostamenti accidentali durante le riprese. La testa è però la parte più importante di questo Manfrotto, perché si tratta di una testa pensata esclusivamente per i video, la quale può essere orientata in qualunque direzione ed offrire diversi metodi di fluidità. Infine non manca l’attacco Easy Link il quale consente di avvitare strumenti esterni direttamente al cavalletto (ad esempio luci LED o monitor esterni) e una pratica custodia che permette un trasporto più semplice e sicuro del cavalletto. Il Manfrotto MVK502AM non è di certo un treppiede per tutti: viene venduto ad un prezzo molto alto ed è pensato per i professionisti che hanno bisogno di un cavalletto di ottima qualità nel proprio studio.

Puoi acquistare Manfrotto MVK502AM su Amazon o se preferisci su eBay

Miglior cavalletto fotografico: monopiedi

Manfrotto MMCOMPACT

Manfrotto MMCOMPACT è uno dei monopiedi di buona qualità migliori sul mercato. Non viene venduto con una testa, in quanto per il lavoro che deve svolgere può essere agganciato direttamente alla fotocamera tramite l’attacco a vite. Ovviamente è possibile acquistare una testa a propria scelta a parte e montarla sul monopiede qual’ora ci fosse la necessità. Il blocco di questo cavalletto è composto da 5 sezioni che possono essere regolate tramite degli agganci a clip. Quando è chiuso misura soltanto 39 cm, ma da esteso arriva a ben 145 cm. Inoltre, nonostante il suo peso di soli 330 grammi, è in grado di sorreggere attrezzatura fino a 1,5 kg. La sua compattezza permette di trasportarlo senza problemi in praticamente qualunque zaino o borsa e tirarlo fuori quando se ne ha il bisogno. Infine è presente una comoda impugnatura in gomma e una pratica cinghia per il trasporto. Il Manfrotto MMCOMPACT si merita un posto all’interno della nostra guida al miglior cavalletto fotografico in quanto è perfetto per chi vuole cimentarsi in generi fotografici in cui si ha bisogno soltanto di un appoggio (ad esempio la fotografia sportiva o naturalistica) e non si vuole spendere molto.

Puoi acquistare Manfrotto MMCOMPACT su Amazon o se preferisci su eBay

Manfrotto MVMXPRO500

Il prodotto che chiude questa guida al miglior cavalletto fotografico è il Manfrotto MVMXPRO500, un cavalletto molto particolare. Si tratta di un monopiede, ma anche di un treppiede, ed è pensato per i video, ma è perfetto anche per le foto. Questo cavalletto è un monopiede di fascia alta e comprende un’impugnatura in gomma nella parte superiore, una cinghia per il trasporto e delle chiusure delle 4 sezioni Quick Power. Nella parte inferiore è però dotato di una vite che consente di collegarlo ad una base composta da tre piccoli piedini. In pratica, collegando il monopiede a questa speciale base, è possibile stabilizzare la propria attrezzatura (con un peso massimo di ben 5 kg) come se si stesse utilizzando un comune treppiede. Inoltre la base comprende una sfera che una volta sbloccata consente di effettuare movimenti molto fluidi, ottimi per i video. Anche la testa è di ottima qualità, in quanto presenta una grande piastra a sgancio rapido e una fluidità ottima per i filmati. L’altezza massima che è possibile raggiungere è di 203 cm e se si sgancia la testa è possibile collegare qualunque fotocamera direttamente alla struttura. Il Manfrotto MVMXPRO500 è un prodotto molto versatile e particolare, pensato per chi cerca un monopiede perfetto per registrare video in giro. Ovviamente non è stabile come un treppiede in caso di vento, ma occupa sicuramente molto meno spazio.

Puoi acquistare Manfrotto MVMXPRO500 su Amazon o se preferisci su eBay

La nostra analisi

Perché fidarti di noi

Ridble è il primo sito in Italia dedicato alle guide all’acquisto per tre motivi: è, innanzitutto, il sito dedicato alle guide all’acquisto più longevo, avendo compiuto 6 anni il 18 febbraio 2019. Inoltre è il primo sito di guide all’acquisto per numero di guide a disposizione: ne offriamo oltre 2000, sempre accessibili per gli utenti. Ridble è, infine, il primo sito in Italia di guide all’acquisto per numero di ordini online generati: sono stati oltre 100.000 quelli effettuati nel 2018.

Sono infatti migliaia i lettori che si sono già fidati di noi per trovare il miglior prodotto per le loro esigenze, ed il perché è semplice: il nostro compito è quello di monitorare e seguire costantemente i prodotti al fine di testarli, analizzarli e confrontarli fra loro per suggerire solo i più degni di nota. La qualità del nostro lavoro è testimoniata dal fatto che il 98% degli utenti che hanno fatto un acquisto attraverso le nostre guide hanno dichiarato di essere rimasti pienamente soddisfatti del prodotto consigliato. Infatti solo il 2% degli utenti ha richiesto il reso del prodotto acquistato tramite una nostra guida. Nel corso di questi anni abbiamo risolto i più disparati dubbi sugli acquisti non solo in Italia, ma affermandoci anche in mercati più complessi e sensibilmente diversi, come quello spagnolo. Possiamo quindi dire che in questi anni abbiamo creato un vero e proprio “metodo Ridble” per consigliare i prodotti da acquistare.

Uno dei cardini di questo modello è rappresentato dalle competenze e conoscenze che i nostri Specialist devono necessariamente arrivare ad avere anche solo per realizzare una guida all’acquisto. Difatti, per diventare Specialist di Ridble è necessario studiare e testare circa 100 prodotti, al fine di dimostrare di essere realmente degni di aiutarvi nelle scelte più difficili. Inoltre ogni Specialist si dedica interamente ad una specifica categoria merceologica, perché non crediamo nei “tuttologhi”: ognuno ha delle aree di competenza, e non scrive di tutto solo per generare traffico.

Io sono Carlo e sono lo Specialist degli accessori fotografici. La mia grande passione per la fotografia e per gli accessori mi ha portato nel corso degli anni a scoprire tutto su questa categoria. Amo tutti i tipi di accessori, dagli zaini alle borse, dai cavalletti ai flash, non c’è categoria che io non segua giornalmente. La mia passione per la fotografia unita a quella per i viaggi mi ha fatto capire quanto gli accessori siano fondamentali per un fotografo, soprattutto quando i generi fotografici che si amano sono molteplici.

Un altro importante fattore del nostro modello è che le nostre guide all’acquisto sono sempre aggiornate. Infatti ogni mese aggiorno personalmente tutte le guide di mia competenza. Potete quindi essere certi che ogni volta che consulterete una nostra guida troverete i migliori prodotti da comprare in quello specifico momento.

A conferma del nostro impegno, vi basti pensare che la nostra competenza in materia di guide all’acquisto è riconosciuta dai brand più importanti al mondo. Siamo, ad esempio, tra i pochi siti al mondo ad aver realizzato una guida all’acquisto direttamente su Amazon Italia.

Come selezioniamo i prodotti

I cavalletti fotografici che selezioniamo e inseriamo nella guida all’acquisto al miglior cavalletto fotografico sono selezionate attraverso il metodo Ridble, cioè un metodo che è stato sviluppato e perfezionato nel corso degli anni. Si tratta di un modus operandi che si compone di 4 fasi:

Veniamo a conoscenza dei nuovi cavalletti fotografici attraverso comunicati stampa, inviti ad eventi e molto altro. Non appena uno specifico modello che fa parte di questa categoria viene ufficializzato inizia il nostro interesse. I rumors, le indiscrezioni e le “voci di corridoio” non rientrano nel metodo Ridble.

Non tutti i cavalletti vengono però presi in considerazione per essere inserite nella nostra guida all’acquisto dedicata al miglior cavalletto fotografico. Ogni cavalletto deve infatti avere un requisito fondamentale: l’eleggibilità. Questo vuol dire che solo i cavalletti fotografici realmente acquistabili in Italia (online o offline) sono considerate eleggibili per essere inserite nelle guide all’acquisto.

La terza fase che fa parte del metodo Ridble è la prova. Cerchiamo di testare il maggior numero di cavalletti fotografici presenti sul mercato, in modo da poter dare un giudizio generale sui punti di forza e le debolezze di ogni prodotto. Grazie a questa fase riusciamo a capire quali sono le esigenze di acquisto che ogni cavalletto riesce a soddisfare.

L’ultima fase riguarda la selezione dei prodotti da inserire all’interno delle guide all’acquisto. Ripetiamo questa fase ogni mese durante gli aggiornamenti delle nostre guide all’acquisto, quindi ogni mese mettiamo in discussione le fotocamere precedentemente selezionate e decidiamo se aggiungere, rimuovere o sostituire i vari prodotti in base alle prove che nel frattempo abbiamo effettuato.

Se vuoi saperne di più del metodo Ridble visita la nostra pagina come lavoriamo.

Test tecnici

Per realizzare questa guida all’acquisto che cerca di aiutarvi a scegliere il miglior cavalletto fotografico per le vostre esigenze, sono stati eseguiti dei test per quanto riguarda le caratteristiche principali di tutti i prodotti.

Il primo test da effettuare riguarda il peso del cavalletto, una caratteristica molto importante. In base alla tipologia di cavalletto che ho sotto mano devo valutare se il peso è adeguato. Ad esempio, se sto testando un cavalletto da viaggio il peso non deve essere esagerato, perché si tratta di un accessorio che ci si porta sempre dietro. In questo caso porto con me il cavalletto durante qualche uscita fotografica, inserendolo in uno zaino o una borsa, in quanto credo sia il miglior modo per capire se il peso è eccessivo e può dare fastidio alle spalle. Per quanto riguarda i cavalletti che invece hanno un peso maggiore, in quanto sono pensati per utilizzi in studio, faccio qualche prova di spostamento proprio utilizzandoli per fotografia still life.

Il mio secondo test si concentra invece sull’altezza massima minima del cavalletto. L’altezza minima è molto importante per quando riguarda il trasporto, quindi provo ad inserire il cavalletto in zaini o borse, anche di piccole dimensioni. L’altezza massima è invece utile per quando si ha bisogno di scattare foto da una prospettiva più alta. I test consistono nel valutare la stabilità del cavalletto quando tutte le gambe sono estese al massimo. Quello che mi aspetto è una buona stabilità, la quale consenta di mantenere la fotocamera perfettamente ferma anche se si impugna la camera o se ci si trova in situazioni esterne con molto vento. Durante questi test valuto anche la qualità delle varie sezioni e dei tipi di agganci che presentano, in quanto sui modelli più economici potrebbe succedere che gli agganci non blocchino del tutto l’estensione delle gambe, una cosa che potrebbe compromettere la stabilità della fotocamera.

Il penultimo test che vado ad effettuare riguarda la portata massima del cavalletto. Con portata massima si intende il peso che il cavalletto riesce a sostenere ed è sempre espresso dalle aziende. Quello che vado a fare è montare attrezzatura molto pesante sul cavalletto, cercando, dove posso, di raggiungere il peso massimo che dovrebbe sostenere il cavalletto. Quello che potrebbe succedere quando si oltrepassa il limite è un cedimento delle gambe che pian piano perdono la propria estensione andando a richiudersi. Questo va a compromettere la stabilità del cavalletto e non permetterebbe di avere delle foto perfettamente ferme.

Infine effettuo qualche test per quanto riguarda la testa e la piastra a sgancio rapido. Per quest’ultima valuto la qualità costruttiva e la semplicità di utilizzo: deve essere semplice avvitare la piastra ad una fotocamera e lo sgancio non deve essere troppo macchinoso in modo da non perdere troppo tempo. I test che effettuo sulla testa riguardano invece la fluidità della testa stessa e la semplicità di utilizzo. Una testa fluida, soprattutto per quanto riguarda le teste per video, deve offrire la possibilità di effettuare dei movimenti appunto fluidi, senza scatti dovuti alla frizione che si sta utilizzando. A questo si collega il test che riguarda la semplicità di utilizzo. Tutte le teste sono provviste di manopole per regolare i movimenti e la frizione. Oltre a constatare che siano costruiti bene, cerco di capire se sono intuitivi.

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

4788 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Carlo Carlino tramite i commenti.