Dormire tranquilli: ecco il miglior bracciale monitoraggio sonno

Dormire tranquilli: ecco il miglior bracciale monitoraggio sonno

N.B. Questo contenuto, come tutti gli altri, è sempre il risultato del nostro lavoro costante. Per maggiori dettagli su come realizziamo i nostri contenuti ti invitiamo alla pagina Come lavoriamo.

 

In questo articolo ci tuffiamo alla ricerca del migliore bracciale monitoraggio sonno. L’obiettivo è offrivi una panoramica completa dei diversi prodotti presenti sul mercato in modo da aiutarvi nella scelta del miglior prodotto che meglio soddisfa le vostre esigenze.

Bracciale monitoraggio sonno: quale comprare

Con il passare del tempo ci si sta rendendo sempre più conto che, oltre alla qualità della vita intesa come mangiar sano e fare attività fisica, la qualità del sonno svolge un ruolo fondamentale per l’uomo (per chi volesse approfondire consigliamo di dare un’occhiata qui). Lo sanno bene gli specialisti del settore ma anche le aziende hi-tech che, chi più chi meno, rilasciano sul mercato smartband e smartwatch pensati proprio per tenere traccia delle ore di riposo.

Sebbene numerosi studiosi usufruiscano di dispositivi collegati a speciali cuscini (e non solo) per tracciare un profilo estremamente accurato della qualità del sonno dei proprio pazienti, nella nostra guida ai consigli per gli acquisti sul miglior bracciale monitoraggio sonno, scegliamo prodotti secondo due criteri di selezione: la precisione dei sensori e le applicazioni mobile.

Il display non è da noi considerato come un vero e proprio criterio di selezione. I bracciale monitoraggio sonno viene inteso come un prodotto da utilizzare espressamente durante il riposo e, volendo, anche come fitness tracker per tracciare passi, calorie bruciate e quant’altro. Alcuni prodotti di seguito potrebbero infatti anche non averlo.

Sensori

La precisione dei sensori separa nettamente smartband di qualità da prodotti che sarebbe meglio lasciare sullo scaffale. Alcune smartband qui presenti permettono di tenere traccia dell’andamento generale del sonno – quello che la maggior parte delle persone richiedono -, altre come il Fitbit offrono un punto di vista ancora più dettagliato nel tipo di rappresentazione di questi dati. Questa distinzione è doverosa in quanto fornisce informazioni utili per diverse fasce di utenti.

Chi cerca un fitness tracker con funzione di tracciamento basilare può fare affidamento ai primi prodotti qui sotto mostrati, chi, invece, cerca qualcosa di più preciso e completo, dovrebbe considerare l’acquisto di modelli più costosi come appunto il Fitbit.

App mobile

Come già detto, anche la qualità delle applicazioni mobile viene per noi inteso come criterio di selezione. Alcuni prodotti qui presenti sono sprovvisti di display, cosa che inevitabilmente porta l’utente a fare affidamento solo sull’applicazione mobile installata sul proprio smartphone. La qualità delle app companion è per tutti di buon livello, ma è inevitabilmente legata alla qualità dei sensori presenti nel bracciale monitoraggio sonno. Alcune offrono una visione piuttosto basilare ma esaustiva, altre come l’app di Fitbit è addirittura in grado di mostrare grafici, suddivisioni in fasce di sonno, consigli per migliorare la qualità del sonno e molto altro.

L’autonomia potrebbe essere un ulteriore criterio di selezione ma per noi non è così. Trattando i migliori bracciale monitoraggio sonno, stiamo parlando di prodotti fondamentalmente pensati per svolgere un compito preciso: tracciare la qualità del sonno. Evidentemente possono essere facilmente indossati durante tutto il giorno anche per il tracking dell’attività fisica, ma non è il loro scopo principale. Per questo motivo non abbiamo inteso la durata della batteria come un criterio a cui confrontarci durante la fase di selezione. Nonostante questo, però, i prodotti qui presenti sono in grado di garantirvi diverse settimane di utilizzo, soprattutto se utilizzati solo per il tracking del sonno.

Capiti i nostri criteri selettivi, procediamo con la scelta del miglior bracciale monitoraggio sonno.

Bracciale monitoraggio sonno: i modelli su cui puntare

Honor Band 5

Iniziamo la nostra guida con un prodotto fatto per chi sta cercando qualcosa col minimo indispensabile per tracciare il proprio sonno senza spendere troppo. Eccoci subito a considerare Honor Band 5, prodotto che condividere lo scettro di regina con Xiaomi Mi Band 4 per quanto riguarda la fascia bassa. Sì, perché con meno di 35€ è possibile portare con sé un bracciale dotato di un display da 0.95″ AMOLED e a colori, ben visibile alla luce del sole, con risoluzione da 240 x 120 pixel.

Di questo bracciale monitoraggio sonno è necessario, come è ovvio che sia, citare le funzioni dedicati a tenere traccia delle proprie ore notturne. Qui l’applicazione di Honor è sviluppata in modo piuttosto buono: con una interfaccia grafica comoda e pulita è possibile apprendere tutte le informazioni sulla fase REM, il sonno leggero e quello pesante. Questo è rapportabile ad altri dati fisici, come quelli del battito cardiaco disponibile grazie ad un cardiofrequenzimetro h24, oppure a quelli degli allenamenti. Fra le discipline troviamo la corsa, il nuoto, il corpo libero e tanto altro.

Presenza del tutto poco scontata è quella del sensore per la misurazione VO2, ovvero la saturazione dell’ossigeno all’interno del sangue. La personalizzazione e la gestione dell’interfaccia è concessa grazie all’app mobile. Chiude il cerchio una ottima autonomia, pari a 7 giorni sfruttando il cardiofrequenzimetro, oppure a 14 giorni se disattivato. Senza dubbio un bracciale monitoraggio sonno per chi vuole spendere davvero poco ma non vuole rinunciare al tracking personale.

Fitbit Inspire 2

Garmin Vivosmart 4

Proseguiamo la nostra guida incontrando un prodotto di un altro brand: Garmin. Ecco infatti che alla ricerca del miglior bracciale monitoraggio sonno troviamo Garmin Vivosmart 4, una smartband molto semplice che mette a disposizione davvero tutto. Non mancano infatti la tecnologia Move IQ per il riconoscimento automatico dell’attività fisica, oppure il sensore dedicato che consente di tracciare l’0ssigenazione del sangue tramite il sensore Pulse Ox.

Dal punto di vista del design abbiamo ormai la squadra vincente: smartband con display a colori. Trattandosi di un pannello touch, tutte le informazioni su notifiche e attività fisiche possono essere visualizzate tramite comodi swipe; un tap, poi, offre una visualizzazione più dettagliata. Ma come si relaziona col sonno? Semplice, l’app di Garmin riesce ad offrire dettagli molto accurati in merito: Vivosmart 4 riesce a tracciare infatti tutti gli stage del sonno, passando dalle fasi leggere a quelle profonde, evidenziando anche la fase REM. Tramite i suoi sensori riesce inoltre ad individuare quanto il sonno è stato disturbato.

Non lasciatevela scappare dunque, soprattutto se volete un prodotto di una fascia leggermente superiore. Buone notizie: non manca il cardiofrequenzimetro!

Fitbit Charge 4

Lascia un commento