Microfono da gaming: come e quale scegliere
Il Black Friday 2021 è iniziato! Sulla nostra pagina Migliori offerte Black Friday 2021 puoi trovare decine di guide dedicate ad ogni tipologia di prodotto. Scopri tutti gli sconti più interessanti assicurandoti di avere un abbonamento Amazon Prime attivo per accedere alle offerte in anticipo!

N.B. Questo contenuto, come tutti gli altri, è sempre il risultato del nostro lavoro costante. Per maggiori dettagli su come realizziamo i nostri contenuti ti invitiamo alla pagina Come lavoriamo.

 

Lo scopo di questo articolo è educarvi sui quali sono i migliori modelli di microfono da gaming per le proprie esigenze di streaming. Per fare questo abbiamo analizzato i modelli attualmente disponibili in commercio, basandoci anche su un’ottica di rapporto qualità/prezzo. Prima di mostrarvi la nostra rassegna di prodotti, andiamo a vedere quali sono stati i nostri criteri di selezione.

Microfono da gaming: quale comprare

Di per sé nell’ambiente videoludico il microfono da gaming è una periferica essenziale, ma lo è solamente per streamer, youtuber o in generale i cosiddetti “content creator”. Come strumento da voice chat scegliere un paio di cuffie da gaming risulterà sicuramente una scelta più saggia, dato che quel tipo di microfoni sono più adatti alla rimozione dei suoni ambientali (contrariamente a quanto accade invece nei microfoni da gaming).

Su un piano puramente qualitativo, però, il microfono da gaming garantisce un livello di bontà di registrazione superiore e quindi risulterà quanto sconsigliabile per la comunicazione online quanto necessario per produrre contenuti audio di qualità. Vediamo quali sono dunque i punti che maggiormente contraddistinguono questi dispositivi e da tenere in considerazione durante il processo di selezione.

Specifiche del microfono

Gli aspetti da guardare quando si vuole valutare la bontà di uno di questi microfoni cardioidi sono tutto sommato analoghi ai criteri usati per valutare i mic integrati degli headset. Nello specifico, si tratta di bit rate, gamma della risposta di frequenza sample rate. Ciascuno di questi fattori, in combinazione con la forma e quantità di microfoni presenti all’interno del case del microfono, stanno ad indicare in maniera direttamente proporzionale sia il range di suoni che possono essere catturati, sia la quantità di dati che viene trasmessa ogni secondo dal mic al PC. Maggiori sono questi valori – o, nel caso della risposta di frequenza, maggiore è il gap tra valore minimo e massimo segnalato – migliore sarà la qualità di registrazione.

Form factor ed accessori

Le dimensioni e la forma/bontà d’isolamento delle vibrazioni della base d’appoggio sono criteri da considerare, specialmente visto e considerato che essendo così sensibile un microfono gaming potrebbe registrare ogni singola vibrazione e rovinare il risultato finale.

Per potenziare questo aspetto, oltre che migliorare la qualità della voce registrata e minimizzare la necessità di editing per correggere eventuali imperfezioni, esistono anche numerosi accessori, anch’essi importanti da valutare per compatibilità ed efficacia. Alcuni, come il Boom Arm, permetteranno ad esempio di porre il mic in una posizione distaccata dalla superficie e negare in toto il rischio di registrare vibrazioni. Altri invece, come il Pop filter, agiranno attivamente per ridurre il rischio di registrazione dei cosiddetti “pop”, o picchi di frequenze solitamente associati alla pronuncia di lettere come “p” o “t”. Non tutti questi accessori sono inclusi con l’acquisto, ma nel caso lo siano è importante valutarne l’efficacia.

Microfono da gaming: i migliori modelli

Blue Microphones Snowball

Questo microfono da gaming ha un sample rate di 44.1 KHz, un bit rate di 16 bit ed una frequenza di risposta di 40 Hz – 18 KHz.

Suggerito a chi desidera provare a lanciarsi nel mondo dello streaming migliorando il proprio set-up senza investire grandi cifre, Blue Microphone Snowball vanta uno dei migliori rapporti qualità/prezzo di questa fascia. Le dimensioni sono relativamente grandi (ha una circonferenza alla base di 32,5 cm) ma nel complesso aiuta assieme alla estetica inusuale a donare un tocco di carisma al design del prodotto. Il salto di qualità rispetto ad un headset è minore rispetto ai prodotti delle fasce più alte ma è comunque presente, grazie alla configurazione cardioide del microfono.

Blue Microphones Yeti

Questo microfono da gaming ha un sample rate di 48 KHz, un bit rate di 24 bit ed una frequenza di risposta di 20 Hz – 20 KHz.

Un’assoluta istituzione nel mondo dei microfoni a condensatore USB, Blue Microphones Yeti è considerato da numerosi streamer il miglior microfono da gaming per rapporto resa qualitativa/prezzo. La bontà del suono, infatti, è davvero ottima per la categoria e risulterebbe sicuramente più che sufficiente per qualsiasi streamer amatoriale e non solo, principalmente grazie alla natura dalla matrice tri-capsule a condensatore del microfono.

Per mezzo di questa intelligente soluzione, infatti, non solo è possibile registrare anche parlando non perfettamente nella parte frontale ma anche scegliere come sfruttare i singoli ricevitori. Yeti si può dunque impiegare tanto come un normale microfono cardioide quanto come un sistema bidirezionale, omnidirezionale o stereo. “Purtroppo” i pulsanti esterni si limitano al minimo indispensabile, dalla regolazione del volume al muto, però nessuna lista di microfoni da gaming sarebbe completa senza questo prodotto.

Lascia un commento