Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Metroid Samus Returns

Metroid Samus Returns

di Stefano Zocchiaggiornato il 11 maggio 2018
attesabassa
La storia del prodotto
Questo articolo raccoglie tutte le news su Metroid Samus Returns presentate o in arrivo nelle prossime settimane e sarà costantemente aggiornato per non farvi perdere nulla sui nuovi dispositivi. L’ultimo aggiornamento risale al 16 Febbraio 2019.
Metroid Samus Returns, disponibile ora

Metroid Samus Returns prezzo, edizioni e data d’uscita

Metroid Samus Returns è disponibile in esclusiva su Nintendo 3DS, ed è stato rilasciato il 15 settembre del 2017; per acquistarlo, vi è sufficiente selezionare il bottone dedicato ad Amazon sottostante.

15 settembre 2017
Metroid Samus Return, ecco gli Amiibo che sbloccano ricompense

Una delle ultime novità è che non solo sono disponibili degli Amiibo dedicati a Metroid Samus Returns ma anche che gli Amiibo a tema Metroid di Super Smash Bros saranno compatibili con il titolo. Gli Amiibo offrono ricompense e modalità di gioco; in questa lista, che linka alla pagina Amazon dove potete ottenere le statue, spieghiamo i loro vari effetti.

  • Samus Aran: questa statuetta sblocca 500 unità di energia Aeion nella nostra partita; se la usiamo dopo aver completato il gioco, possiamo sbloccare una galleria di arte dall’originale Metroid II: Return of Samus per il Game Boy.
  • Metroid: usandola vedremo la posizione del Metroid più vicino sulla mappa. Usandola dopo aver concluso il gioco, potremo sbloccare la modalità Fusion, ancora più difficile della modalità Difficile che si sblocca alla fine del gioco.
  • Zero Suit Samus: la Tuta Zero sblocca 299 unità di energia e – dopo aver finito il gioco – il Sound Test, che permette di ascoltare tracce della colonna sonora.
  • Samus: sblocca 50 missili o 10 super missili; dopo aver finito il gioco, permette di ottenere una galleria di disegni del gioco.
19 gennaio 2018
Metroid Samus Return annunciato da Nintendo

Metroid Samus Returns caratteristiche, storia e rumor

Metroid Samus Returns, essendo il primo capitolo della saga a porre Samus Aran nel ruolo di protagonista dopo il disprezzatissimo Metroid Other M, manda ai fan un importante segnale che stavano aspettando da tempo. Nintendo ha intenzione di rivitalizzare questo brand, lasciato in standby troppo a lungo, e prima di passare ai titoli AAA hanno deciso di rilasciare un progetto come questo, più “semplice e sicuro” a livello commerciale.

La scelta di rendere Metroid Samus Returns una riedizione (oppure, come lo definisce Nintendo, un re-imagining) è facilmente comprensibile, vista la delicata situazione del franchise. Inoltre, il fatto che questo titolo sia un remake di Metroid II: Return of Samus (titolo uscito originariamente nel 1991 su Game Boy) significa che moltissimi giocatori avranno modo di esplorare ciò che ha da offrire il titolo senza soffrire della sindrome del “già visto” che solitamente affligge questa tipologia di riedizioni.

Una delle maggiori novità del gioco è che in Metroid Samus Returns è possibile mirare liberamente a 360°. Naturalmente non è una scelta obbligatoria, però risulta comunque un elemento piuttosto interessante per espandere ulteriormente le meccaniche di gameplay, soprattutto perché grazie al laser di puntamento potremo anche identificare la posizione dei nemici fuori dallo schermo. In accoppiata a questa nuova meccanica, è presente anche un sistema di contrattacco che permette di tirare un colpo corpo a corpo al nemico che si lancia addosso a noi e stordirlo per lasciarlo vulnerabile ai nostri colpi.

Non è solo il sistema di combattimento ad essere stato ammodernato: in Metroid Samus Returns anche la navigazione e la progressione tra i livelli è più fluida che mai. Come sempre potremo sfruttare la nostra abilità di morph per navigare nei cunicoli ed impiegare le nostre armi per aprire le porte (tratti essenziali in ogni Metroid che si rispetti) ma ora sono anche state introdotte quattro nuove abilità – denominate abilità Aeion – ed una di queste si chiama Scan Pulse. Questo nuovo potere permette di scansionare zone della mappa vicino a noi, rivelando pareti distruttibili e luoghi altrimenti nascosti alla vista dove potremo trovare potenziamenti e non solo.

Per il resto Metroid Samus Returns rimane pur sempre un Metroid, quindi aspettatevi di vedere sia vecchie ricorrenze – come le stazioni di ricarica dei missili e dell’energia – che qualche piccola novità, come la possibilità di aggrapparsi alle sporgenze. I nemici principali saranno ovviamente i Metroid, e questa volta noteremo ancor più varietà nelle loro mutazioni genetiche. Raccogliere il loro DNA è importantissimo, essendo l’elemento chiave necessario per aprire nuove aree di gioco (in sostituzione ai terremoti del gioco originale).

15 giugno 2017