Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Logitech G Pro Wireless recensione: il nuovo Re dei mouse da gaming senza fili?

Logitech G Pro Wireless recensione: il nuovo Re dei mouse da gaming senza fili?

Logitech negli ultimi anni ha investito molto nel produrre mouse wireless competenti e versatili per cercare di rimuovere alle soluzioni cablate il monopolio del suffisso "da gaming", e Logitech G Pro Wireless rappresenta il culmine di questo approccio. / Ultima modifica il

Noi di Ridble ci teniamo spesso a ricordare che i mouse nel mondo degli accessori PC gaming vantano una posizione di particolare rilievo. Dotarsi del miglior mouse possibile in relazione alle proprie necessità è infatti una scelta che porta ad un miglioramento tangibile (letteralmente) della propria esperienza di gioco. Un buon sensore ottico offrirà un maggiore livello di precisione, ed un ampio range di DPI verrà incontro alle varie situazioni in cui ci si potrebbe imbattere. Anche avere una buona ergonomia è essenziale, così da muovere comodamente e rapidamente il mouse. Infine, avere accesso ad un buon livello di feature di customizzazione (hardware o software) permetterà di espandere le proprie possibilità.

Ebbene, Logitech G Pro Wireless non solo si è rivelato in grado di soddisfare ampiamente in ciascuno degli ambiti sopracitati, ma è riuscito anche ad eccellere pur facendo parte di una categoria di mouse solitamente meno consona all’ambito gaming. Le soluzioni senza fili, infatti, vantano alcuni lati positivi (nessun effetto “cable drag”) ma si portano appresso anche sfaccettature negative impossibili da bypassare. Nello specifico, stiamo parlando ovviamente dell’autonomia e della latenza nella trasmissione degli input. Detto questo, però, Logitech G Pro Wireless riesce a compensare in un modo o nell’altro entrambi questi aspetti, rendendolo un prodotto a dir poco notevole. Andiamo a vedere insieme nel dettaglio cosa lo rende a nostro avviso così meritevole.

Logitech G Pro Wireless recensione: hardware e design

Similmente a ciò che incontriamo in numerosi prodotti Logitech, anche G Pro Wireless vanta ergonomia e design nettamente improntati alla semplicità e bontà della fruizione. Dando uno sguardo al mouse, infatti, è facile notare sin da subito che – esteticamente parlando – non vi è nulla di scioccante o che urli al mondo la sua natura “da gaming”.

Il colore nero dei materiali, le linee dolci della scocca e persino l’illuminazione RGB sono infatti ben calibrate per offrire al consumatore la tipica “esperienza Logitech”: ottima fruibilità, qualità e numero di feature aggiuntive pur conservando un’estetica sobria. La più importante componente da valutare per giudicare la bontà di un mouse, però, è il sensore ottico e fortunatamente su questo frangente Logitech G Pro Wireless riesce non solo a non deludere, ma addirittura a sorprendere.

Il sensore ottico è a dir poco eccellente

Ogni buon mouse gaming oriented è dotato di un sensore che si rispetti, e Logitech su questo frangente non ha mai deluso; vi basta leggere la nostra recensione di Logitech G403 Prodigy per farvi un’idea. Detto questo, però, Logitech G Pro Wireless monta al suo interno il nuovo sensore ottico HERO 16.

Questo sensore ha un range del DPI semplicemente fantastico, partendo da un bassissimo 100 DPI – valore raramente offerto dalla competizione – arrivando fino ad addirittura 16.000 DPI. Un’altra cosa molto importante da segnalare è in ciascuno di questi settaggi il livello di tracking è fenomenale. Anche a velocità di 400 IPS (Inches Per Second, che in centimetri equivale a più di un metro al secondo di accelerazione) vi è una totale assenza di qualsivoglia perdita di precisione nei movimenti. Infine, se non vi bastasse ciò che ho appena detto, HERO 16 consuma ben dieci volte meno rispetto a quello impiegato nella scorsa generazione. Davvero notevole, soprattutto visto i benefici di autonomia che porta ad prodotto senza fili.

I materiali e soprattutto l’ergonomia soddisfano appieno

Prima di andare a parlare dell’aspetto più “controverso” del mouse, ovvero la sua natura wireless, è importante fare una piccola parentesi sull’altro aspetto essenziale da valutare in un qualsiasi mouse da gaming. A livello ergonomico il prodotto segue la filosofia semplicistica già proposta in altri mouse, come G403, G603 o G203.

La bombatura è infatti lieve e ben si adatta a chi favorisce l’uso del mouse a palmo disteso, ed i materiali delle superfici (specialmente quelle lievemente gommate sui fianchi) sono davvero molto piacevoli al tatto. In aggiunta, la sua natura ambidestra dona un livello di versatilità aggiuntiva al mouse, ulteriormente potenziata dall’inclusione di quattro tasti laterali (due per lato).

Altro aspetto che ho notato con gran piacere sin dal momento in cui ho preso in mano Logitech G Pro Wireless per la prima volta è che si tratta di un mouse da gaming estremamente leggero, pesando appena 80 grammi. L’endoscheletro del prodotto, la batteria, gli switch meccanici dei tasti e le tecniche impiegate per costruire la scocca (spessa appena 1 mm ma robusta come quella di un qualsiasi altro mouse Logitech) rendono infatti il prodotto incredibilmente facile da muovere.

Nel caso preferiate avere un filo di peso in più non temete, è pur sempre possibile inserire un peso di piombo dentro allo slot posto sotto il mouse (quello che funge da storage per l’antenna USB). Detto questo, però, sono rimasto un po’ perplesso dal fatto che nonostante sia presente lo spazio apposito, all’interno della confezione non è incluso un pesetto. Questo fatto è leggermente fastidioso, soprattutto visto il costo esorbitante a cui è proposto il mouse. Logitech G Pro Wireless, infatti, costa la bellezza di 150€, che è innegabilmente una cifra non indifferente ma se non altro giustificata dalla qualità ben superiore alla media di questo prodotto.

Connettività wireless ed autonomia sono semplicemente ottime

Visto il prezzo di listino a dir poco considerevole è a dir poco lecito aspettarsi che Logitech G Pro Wireless porti in campo qualcosa di sensazionale quando si parla di batteria e connettività. Fortunatamente è proprio questo il caso, ed all’atto pratico (dopo aver testato ampiamente il prodotto) posso dire che se si considera ogni singolo fattore Logitech G Pro Wireless è considerabile il miglior mouse senza fili in commercio. Anzi, non solo è un meraviglioso prodotto wireless, ma è talmente valido che è tranquillamente in grado di dare del filo da torcere persino ai migliori prodotti cablati.

Oltre alla fantastica ergonomia, leggerezza e precisione del sensore, anche la connettività senza fili e la batteria sono degne di lode. Grazie alla tecnologia Lightspeed proprietaria di Logitech, infatti, questo mouse vanta una latenza pressoché identica a quella di un prodotto cablato. Il report rate è regolabile via software fino ad appena 1 ms e grazie ad un fantastico livello di ottimizzazione del flusso dei dati la trasmissione del segnale è molto stabile ed essenzialmente lag-free.

Parlando ora dell’autonomia, la fantastica batteria Li-Po ed i consumi ben ottimizzati delle componenti hardware conferisce a Logitech G Pro Wireless un’autonomia sensazionale per la categoria. La durata dipende chiaramente dalle impostazioni, ma oscilla da ben 50 ore di autonomia effettive lasciando accesi l’RGB e conservando 1.000 Hz di polling rate a 110 ore se si opta per spegnere la retroilluminazione e passare a 125 Hz di polling rate. Davvero notevole, essendo un raddoppiamento della durata rispetto alla precedente generazione, ed ancor più degno di lode se si considera che la batteria si carica in pochissimo tempo (un paio d’ore). Inoltre, se siete dotati del pad di ricarica proprietario Logitech (di cui vi parliamo nella nostra recensione di Logitech G Powerplay) avrete di fatto autonomia infinita; l’unico limite è legato al vostro portafogli.

Logitech G Pro Wireless recensione: come personalizzare l’esperienza

Gli ultimi aspetti che vogliamo trattare in questa recensione di Logitech G Pro Wireless riguardano le feature aggiuntive offerte hardware e software. Come vi abbiamo detto poco sopra, il mouse vanta un design ambidestro e due tasti laterali su ogni fianco. Questi risultano non solo ben posizionati, dotati di una buona forma e facilmente premibili, ma sono anche sostituibili con dei copri-tasto nel caso volessimo evitare di premerli erroneamente. Questa opzione consente di personalizzare in maniere interessanti il mouse, lasciando all’utente la scelta di quanti tasti avere e dove posizionarli.

RGB e Logitech Gaming Software

In aggiunta, è inclusa anche la tecnologia di retroilluminazione RGB da 16,7 milioni di colori, la cui utilità sul campo pratico è chiaramente nulla ma da anni ormai è parte integrante del mondo degli accessori PC gaming. Chiaramente è possibile personalizzare il tutto tramite Logitech Gaming Software, il programma proprietario di Logitech che consente di customizzare numerosi aspetti del mouse, creare macro e monitorare la cosiddetta “heat map” della pressione dei tasti.

Tutto funziona egregiamente e risulta estremamente intuitivo, però devo segnalare che nel caso specifico di Logitech G Pro Wireless ho notato un piccolo bug nella sezione di caricamento della batteria del Logitech Gaming Software. Nulla di drammatico, sia chiaro, ma ho notato che durante il caricamento della batteria (anche mentre non stavo impiegando il mouse) l’andamento della barra percentuale era a dir poco inusuale. Nello specifico, ho notato che – stando a quanto segnalava Logitech Gaming Software – il tempo di carica dallo 0% al 99% equivaleva grossomodo al tempo richiesto per andare dal 99% al 100%. Solitamente questa cosa è riscontrabile mentre si sta utilizzando il prodotto, essendo pensata per preservare la longevità della batteria, ma non quando non si usa il prodotto. Un piccolo bug che non implica nessun problema all’atto pratico, ma assolutamente da sistemare in futuri update del programma per donare maggiore credibilità al tool di monitoraggio dell’autonomia.

Logitech G Pro Wireless recensione: le nostre conclusioni

In chiusura, Logitech G Pro Wireless è indiscutibilmente un fantastico mouse da gaming, grazie ad un eccellente combinazione di funzionalità, design ed ottime specifiche da un punto di vista tecnico. Le performance sono davvero ottime, essendo di fatto un mouse senza fili che eguaglia le potenzialità di una soluzione cablata. L'autonomia è davvero notevole, raggiungendo facilmente le 50 ore senza dover sacrificare né il polling rate da 1.000 Hz ne l'illuminazione RGB. La possibilità di customizzare sia fisicamente i quattro pulsanti laterali che via software ogni aspetto del mouse dona eccellente versatilità al prodotto. In aggiunta, grazie al supporto della tecnologia Powerplay è tecnicamente possibile avere carica infinita pur conservando i benefici del wireless. Da un punto di vista prettamente analitico, quindi, il mouse non presenta assolutamente nessun difetto. L'unico vero neo - oltre al fatto che è possibile inserire un pesetto nella scocca ma questo non è incluso con l'acquisto - è il prezzo. Costando circa 150€, infatti, Logitech G Pro Wireless risulta un prodotto tecnicamente lodevole ma con un rapporto qualità/prezzo non proprio entusiasmante, fatto che mi porta a consigliarlo caldamente, ma solo a chi desidera a tutti i costi dotarsi del miglior mouse wireless da gaming senza fili.

Pro
Sensore ottico fantastico
Buona longevità della batteria integrata
Ergonomia e feature aggiuntive valide
Latenza pressoché inesistente
Contro
Prezzo di listino considerevolmente alto
valutazione finale8.5