Logitech G PowerPlay recensione: funzionamento perfetto, ma a caro prezzo

Da tempo immemore anche il miglior mouse gaming è sempre stato per definizione appartenente ad uno di due grossi sottogruppi: cablati e senza fili. I modelli cablati non sono dipendenti da un modulo batteria per essere alimentati e solitamente hanno una maggiore affidabilità nella trasmissione del segnale, però “condannano” l’utente a dover convivere con tutti i limiti logistici dati dalla presenza di un cavo. Le periferiche senza fili (o wireless) hanno invece come pregio massimo l’assenza del fastidioso cavo, dando molta più libertà di movimento e minor ingombro, risultando però limitate dall’autonomia della batteria. Entrambe le soluzioni vantano quindi pregi e difetti rispetto alla propria controparte, rendendo il processo di selezione non proprio semplicissimo, ed è in questo contesto che nasce Logitech G PowerPlay.

Questa tecnologia, concepita da Logitech per “fondere” il meglio dei due mondi in una soluzione comoda e pratica, risulta davvero intrigante ed è un’interessante finestra su ciò che potrebbe avere in serbo il futuro per l’ambiente delle periferiche da PC Gaming. Andiamo insieme a vedere, quindi, come funziona nel dettaglio il Logitech G Power Play e come ci siamo trovati durante le nostre fasi di prova.

Logitech G PowerPlay: cos’è e come funziona

Nel caso non abbiate mai sentito parlare di Logitech G PowerPlay, o semplicemente desiderate capire in maniera chiara e concisa in cosa consiste, vi basta sapere che è un sistema di ricarica senza fili che funge anche da tappetino del mouse. In poche parole, quindi, Logitech G PowerPlay è un mouse pad che permette di ricaricare uno qualsiasi dei mouse compatibili (al momento solamente il Logitech G903 ed il Logitech G603) senza affidarsi né ad un cavo né ad un cambio di batteria.

Logitech G PowerPlay recensione

Questa tecnologia si chiama PowerPlay Charging e sfrutta un’applicazione innovativa della risonanza elettromagnetica per creare un “campo” che si diffonde per qualche millimetro sopra alla superficie d’appoggio. Questo campo elettromagnetico poi viene sfruttato dal Powercore Module – che viene posizionato all’interno del mouse al posto del pesetto – per ricaricare la batteria integrata della periferica. Questa tecnologia non offre una velocità di ricarica molto rapida, però è più che sufficiente per impedire che il mouse si scarichi.

Logitech G PowerPlay recensioneUno dei primi dubbi che possono saltare alla mente è che il campo elettromagnetico interferisca con la capacità del mouse di trasmettere il segnale al ricevitore, però fortunatamente questo problema non esiste. Il PowerPlay Charging di fatto non interferisce con la connettività Lightspeed wireless di Logitech, tecnologia dalla rapidità della connessione praticamente equiparabile a quella di un mouse cablato. La conferma di questo punto è anche riscontrabile nel fatto che potremo collegare il mouse al computer impiegando lo stesso Logitech G PowerPlay al posto del ricevitore USB venduto con la periferica.

Chiaramente il Logitech G PowerPlay deve essere collegato via USB al proprio PC per ricevere la corrente necessaria per alimentare il mouse, però ciò non inficia con l’abilità del mouse di funzionare su ogni superficie. Il pad serve solo per ricaricare la batteria, quindi nulla ci impedisce di spostare il mouse momentaneamente su una superficie diversa nel caso le circostanze lo richiedano. Non che ce ne siano di motivi, dato che il Logitech G PowerPlay viene venduto con ben due superfici (una rigida, una semi-rigida) per venire incontro alle nostre esigenze. Il mouse di nostra preferenza (sia esso il G903, il G603 o qualsiasi altro supportato che uscirà in futuro) conserverà dunque tutti gli aspetti che rendono estremamente apprezzabili i mouse wireless senza però perdere capacità prestazionale o essere limitati da fatiscenti cavi.

Logitech G PowerPlay: la nostra prova

Il primo aspetto da chiarire che probabilmente sarà nella mente di tutti voi lettori è se il Logitech G PowerPlay funzioni non solo in teoria ma anche in pratica. Ebbene, nella nostra sessione di prova durata più di una settimana abbiamo avuto modo di testare sia l’eccellente Logitech G903 che il Logitech G603 in accoppiata con il Logitech G PowerPlay e sono felice di comunicare che tutto funziona esattamente come promesso.

Logitech G PowerPlay recensione

Il beneficio dato dal PowerPlay Charging è possibile da cogliere anche nel breve termine, perché rende virtualmente infinita l’altrimenti pessima batteria del G603 e del G903, quest’ultimo risultando il prodotto che maggiormente consigliamo fra i due offerti per essere usato in accoppiata con Logitech G PowerPlay. Il G903, infatti, vanta una migliore ergonomia ambidestra, ha una qualità di costruzione superiore ed offre un grandissimo spazio di customizzazione non solo software ma anche hardware. Sarà possibile, infatti, aggiungere e/o spostare i tasti laterali sul lato desto, oppure metterli su entrambi i fianchi del mouse, rendendolo potenzialmente un mouse sia da 6 che da 9 pulsanti. Entrambi i prodotti sono piuttosto costosi, però il rapporto qualità/prezzo gioca decisamente a favore del G903.

Logitech G PowerPlay recensioneDetto questo, bisogna chiarire però che entrambe le periferiche hanno un’autonomia di appena 24 ore (32 se si spegne la retroilluminazione RGB da 16,8 milioni di colori). Di conseguenza, è importantissimo capire un punto: l’acquisto del G903 e del G603 senza PowerPlay è assolutamente sconsigliato. Non stiamo quindi parlando di mouse stand-alone, ma di un bundle obbligatorio per poter impiegare il Logitech G PowerPlay. Questo elemento è assolutamente comprensibile, però ci obbliga infine a parlare dell’elemento che – purtroppo – mi porta in questo preciso momento a sconsigliare l’acquisto del prodotto: il prezzo.

Logitech G PowerPlay recensione: le nostre conclusioni

Il Logitech G PowerPlay è disponibile all’acquisto da questa pagina Amazon a ben 140,99€ al lancio, però bisogna anche considerare che l’acquisto del pad senza il mouse è assolutamente insensato. Considerando che il Logitech G603 lo trovate seguendo questo link ad Amazon a 79,08€ ed il Logitech G903 è disponibile a ben 143,17€ (sempre su Amazon), credo possiate capire perché non ne consiglio così facilmente l’acquisto.

Pro

  • Fusione del mondo cablato e wireless perfettamente riuscita
  • Ogni tecnologia impiegata funziona egregiamente
  • Il Logitech G903 è davvero un ottimo mouse...
Contro

  • Sia il Logitech G PowerPlay che i due mouse sono estremamente sovrapprezzati
  • ...al contrario del mediocre Logitech G603
7

Matteo Gobbi


La tecnologia è stata sfruttata egregiamente ed è davvero comoda, però spendere intorno ai 220€ o 280€ per un mouse è decisamente troppo; se la spesa fosse stata inferiore ai 150€ la mia opinione sarebbe stata opposta. Chiaramente siete liberissimi di spendere i soldi come meglio credete: se desiderate acquistare uno qualsiasi di questi prodotti vi rimandiamo ai link soprastanti o ai due box qui sotto, dove trovate l’accoppiata Logitech G PowerPlay + Logitech G903.

Top

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi