Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Apple iPhone XR

Apple iPhone XR

di Luca Pierattiniaggiornato il 21 marzo 2019
attesaelevata
La storia del prodotto
Questa pagina raccoglie tutte le news a tema iPhone XR ed è costantemente aggiornata. Il contenuto in cima è il più recente e l'ultimo aggiornamento risale al 16 Luglio 2019.
iPhone XR, cosa dicono le prime recensioni

iPhone XR opinioni

A livello internazionale, iPhone XR è stato eletto come il miglior iPhone del 2018 per due ragioni: per il rapporto tra qualità e prezzo e per la mancanza di enormi differenze con gli altri due modelli che gli fanno vincere la sfida ampiamente. Dello stesso avviso anche i colleghi di HDBlog, MobileWorld e Tom’s Hardware che hanno riscontrato una distanza davvero minima rispetto ad iPhone XS e XS Max, partendo però da un prezzo di partenza più basso.

Per MobileWorld si tratta dell’“iPhone migliore di sempre” perché riesce ad offrire la stessa esperienza d’uso degli altri modelli, permettendoti di risparmiare almeno 300€ al momento dell’acquisto. Per questo motivo, iPhone XR si becca una valutazione più che positiva: 8,6. Difetti? Le cornici intorno al display sono troppo spesse e non va giù la mancanza dell’alimentatore rapido in confezione, oltre alla scomparsa dell’adattore Lightning – jack da 3,5 mm.

Dello stesso avviso anche HDBlog e Tom’s Hardware, che però sono più critici con lo smartphone di Cupertino. Per i primi, si avverte la mancanza del 3D Touch mentre si critica la dotazione LTE non Gigabit che frena la velocità in download; i secondi puntano il dito contro la risoluzione dello schermo, considerata non all’altezza per un dispositivo da 889€, ma alla fine entrambi danno un’ottima valutazione al telefono, rispettivamente 8,4 e 8 su un massimo di dieci punti.

iPhone XR vs iPhone XS

Per cui alla fine, se vogliamo acquistare un iPhone, quale acquistiamo? Rispetto ai due modelli più costosi, iPhone XR ha una sola fotocamera da 12 megapixel, i bordi in alluminio invece che in acciaio inossidabile e un grado inferiore di impermeabilità (certificazione IP67 contro la IP68 di XS), oltre all’assenza del 3D Touch. Adesso prendi queste informazioni e quantifica quanto saresti disposto a spendere per colmare le distanze: se quella cifra è inferiore ai 300 euro, significa che iPhone XR è lo smartphone giusto per te.

Dal punto di vista del design, iPhone XR riprende lo schema già visto su XS e XS Max, ma ha uno schermo meno luminoso, con bordi più pronunciati e una risoluzione inferiore. Il display LCD da 6,1 pollici non può competere con la qualità dell’OLED, ma non per questo si può definire uno schermo da buttare. C’è lo stesso processore (l’A12 Bionic, seppur con 1 GB di RAM in meno), la stessa fotocamera principale – se non usi spesso lo zoom, non ci sono differenze grazie alle magie di Apple a livello software – mentre può garantire un pizzico di autonomia in più.

Insomma, complessivamente, è meglio scegliere iPhone XR per avere più autonomia e un maggior risparmio – oltre alla possibilità di accedere alle 6 colorazioni: bianco, nero, blu, giallo, corallo e rosso; se invece non puoi fare a meno dello zoom quando scatti una foto e vuoi soltanto il miglior display in circolazione, allora ti conviene acquistare iPhone XS o XS Max.

iPhone XR vs Samsung Galaxy S9

Se un tempo la sfida tra iPhone e Galaxy era ristretta a una competizione tra top di gamma, ora la moltiplicazione degli smartphone in casa Apple e Samsung ha aumentato le battaglie tra le aziende rivali. In questo caso, ci troviamo di fronte ai modelli “meno prestazionali” all’interno della fascia alta di mercato, ma che, probabilmente, sono in grado di offrire il miglior rapporto tra qualità e prezzo.

Confrontandoli, l’enorme differenza che salta agli occhi è la differenza di schermo: 6,1 pollici LCD Full HD (1792 x 828 pixel) per iPhone XR, Super AMOLED da 5,8 pollici Quad HD+ (2960 x 1440 pixel) per il Samsung Galaxy S9. È tutta qui la partita tra i due telefoni, che riassume anni di lotta tra iPhone e Galaxy: in termini di prestazioni, fotocamera e autonomia le scelte si equivalgono ed è davvero difficile dire quale possa prevalere senza farne una questione di gusto personale. Ma è in termini di luminosità dello schermo e di design che può fare la differenza e prevalere Galaxy S9.

Certo, iPhone XR ha dalla sua tutta la potenza del chip A12 Bionic, l’infrastruttura basata su iOS 12 e un pizzico di autonomia in più – il tallone d’Achille di Samsung – però se guardiamo al prezzo di vendita queste caratteristiche non bastano a vincere i 400€ di distanza tra i due dispositivi. Il Samsung Galaxy S9 – che è uscito sei mesi prima di iPhone XR, precisiamolo – si può trovare in offerta su Amazon a meno di 500€, mentre iPhone parte da un prezzo di listino di 889€.

9 novembre 2018
iPhone XR è disponibile all'acquisto in Italia

iPhone XR prezzo e uscita in Italia

A meno di un mese di distanza dall’uscita dei nuovi iPhone XS e iPhone XS Max, Apple lancia oggi sul mercato italiano il suo terzo smartphone del 2018: iPhone XR. Rispettate le aspettative della vigilia, pre-annunciate da Apple nel corso dell’evento di presentazione: il prezzo è più contenuto, essendo nato appunto con l’idea di avere un modello più economico ed accessibile ma che abbia tutte le principali caratteristiche tecniche dei modelli di punta.

Il nuovo iPhone XR è disponibile all’acquisto in Italia nei colori bianco, nero, blu, giallo, corallo e PRODUCT(RED) ad un prezzo di partenza di 889€ per il modello base con 64 GB di memoria. Servono invece 949€ per la versione da 128 GB, fino ai 1059€ se vuoi portarti a casa l’iPhone XR da 256 GB. Considerando le (poche) differenze tecniche e i 300€ di differenza rispetto al costo di listino di iPhone XS, ci sentiamo di dire che questo è sicuramente l’iPhone da acquistare nel 2018. Rimane un prezzo elevato se guardiamo all’intero panorama di smartphone in circolazione, per cui non ci sentiamo di etichettarlo come economico, ma se sei indeciso su quale iPhone scegliere, quest’anno diremmo che puoi buttarti su iPhone XR.

iPhone XR offerte operatori telefonici

Il nuovo iPhone XR è offerto anche dai principali operatori telefonici nazionali, in abbonamenti legati a un contratto che mette insieme, oltre al dispositivo, anche chiamate, sms e GB di Internet. Vediamo quali sono le offerte nel dettaglio.

iPhone XR Tim

Se stai cercando l’offerta iPhone XR Tim, è possibile acquistarlo nello store online al prezzo di 899,99€: nel costo riceverai una SIM (del valore di 5€) con 60 GB gratis di Internet 4G per 30 giorni.

iPhone XR Vodafone

Quello che vuoi è l’offerta iPhone XR Vodafone? Se hai già una ricaricabile, puoi averlo aggiungendo alla tua offerta un costo di 19,99€ al mese per 30 mesi, con un contributo iniziale di 299,99€; altrimenti puoi scegliere di attivare il piano Unlimited x2 che ti dà minuti illimitati e 4 GB di internet (illimitato per mappe e social) al costo di 29,98 euro al mese per almeno 30 rinnovi con un contributo iniziale di 299,99€.

iPhone XR Wind

L’offerta iPhone XR Wind prevede un anticipo iniziale di 199,90€ e un canone da 20€ mensili per un vincolo di almeno 30 rinnovi in abbonamento con una qualsiasi delle offerte legate alla tua SIM.

iPhone XR Tre

Il piano iPhone XR Tre è attivabile aderendo all’offerta ALL-IN Power Smart, che ti dà accesso a 60 GB di Internet in 4G e minuti illimitati pagando 29,99€ per 30 mesi, con un contributo iniziale di 99€.

iPhone XR
Prezzo consigliato: € 889Prezzo: € 849
26 ottobre 2018
Tutto quello che sappiamo sul nuovissimo iPhone XR

iPhone XR caratteristiche: tutto quello che c’è da sapere

Apple conferma le indiscrezioni della vigilia e presenta tre nuovi iPhone: iPhone XS, iPhone XS Max e iPhone XR, tre modelli che puntano a convincere tre pubblici diversi ma che partono da un unico denominatore comune, il design a tutto schermo. Vediamo tutte le caratteristiche tecniche, il prezzo e la data di uscita di iPhone XR nella nostra pagina dedicata.

Design

A livello estetico, iPhone XR non si discosta molto da iPhone X riprendendone il design a tutto schermo privo di bordi e cornici, compreso il notch in alto sullo schermo. Ma soprattutto viene confermato l’addio al pulsante Home che scompare completamente dall’offerta Apple, insieme al Touch ID, sostituito definitivamente dalla seconda generazione di Face ID, il complesso sistema di riconoscimento facciale che è diventato ancora più veloce. Il sistema fotografico TrueDepth usa una tecnologia di rilevamento della profondità ad alta precisione che va ben oltre le capacità e la sicurezza degli scanner facciali bidimensionali e permette agli utenti di sbloccare il proprio iPhone, usare Apple Pay, accedere ad app sicure e molte altre funzioni con un semplice sguardo.

Il vetro frontale è super-resistente (Apple afferma che sia il migliore mai visto su uno smartphone) ed è elegantemente abbinato a un profilo anodizzato realizzato in robusto alluminio spaziale serie 7000, mentre il vetro posteriore permette la ricarica wireless. iPhone XR è disponibile in sei nuovi colori: bianco, nero, blu, giallo, corallo e rosso – nella variante (PRODUCT)RED. La verniciatura a sette strati permette di conferire al vetro posteriore sfumature precise, mentre il profilo in alluminio e quello della fotocamera sono dello stesso colore, per aggiungere un tocco di raffinatezza. Il nuovo design è resistente agli schizzi e all’acqua con un rating di grado IP67, ed è impermeabile ai comuni schizzi di caffè, tè e bibite.

Display

Apple sceglie di montare uno schermo LCD da 6,1 pollici Full HD (1792 x 828 pixel) e una risoluzione da 326 PPI: sicuramente il peggiore del trio di nuovi iPhone 2018, ma il migliore in assoluto se restringiamo il campo ai display LCD dei vecchi smartphone della Mela. Il nuovo Liquid Retina garantisce una buona accuratezza dei colori e supporta un’ampia gamma cromatica e True Tone per colori più naturali. Il vetro lavorato con la massima precisione, l’evoluto mascheramento dei pixel e l’antialiasing dei sub-pixel permettono al display di seguire le curve del dispositivo, mentre il nuovo design del sistema di retroilluminazione consente al display di arrivare fino agli angoli.

Essendo scomparso il tasto Home, il nuovo iPhone XR supporta le nuove gesture introdotte un anno fa: sblocchi il telefono con il nuovo Face ID e poi navighi con un tap. Per esempio basta un tap per riattivare il dispositivo e si può scorrere verso l’alto per accedere alla schermata Home o verso il basso per far apparire le notifiche e il Centro di Controllo. La nuove funzione tattile permette di premere sulla schermata Home per attivare all’istante la fotocamera o il flash.

Prestazioni

Sotto la scocca troviamo uno dei punti di forza del nuovo iPhone XR: il chip A12 Bionic di Apple, il primo della storia a 7 nanometri con performance leader nel settore in termini di efficienza energetica e di potenza pura. A12 Bionic ha un’architettura Fusion a sei core con due core ad alte prestazioni fino al 15% più scattanti, quattro core ad alta efficienza fino al 50% più efficienti, una GPU a quattro core fino al 50% più veloce, un potente processore ISP (Image Signal Processor) progettato da Apple, un encoder video e tanto altro. A questi si aggiungono le potenzialità di 3 GB di RAM e 64/128/256 GB di memoria interna, a seconda della configurazione.

Il Neural Engine di nuova generazione utilizza un evoluto modello di apprendimento automatico per qualsiasi cosa, dalla fotografia alla realtà aumentata. Grazie al nuovo design a otto core, può completare fino a 50 trilioni di operazioni al secondo rispetto ai 600 miliardi del chip A11 Bionic, velocizzando le operazioni di plane detection per ARKit e rendendo possibili nuove funzioni che utilizzano l’apprendimento automatico in tempo reale.

Batteria

Come al solito, Apple non dichiara la dimensione della batteria di iPhone XR, ma si limita ad annunciare che l’alimentatore sarà uno dei suoi punti di forza. Non dovendo sostenere la mole di energia per un display OLED, iPhone XR sarà l’iPhone ad avere la migliore autonomia in senso assoluto, considerando che può vantare un’ora e mezzo in più rispetto al vecchio iPhone 8 Plus che andava avanti tranquillamente per tutta la giornata.

Ottima la conferma della ricarica wireless attraverso lo standard più diffuso, il QI, che richiede il contatto tra dispositivo e stazione di ricarica e alimenta il telefono sfruttando una tecnologia induttiva risonante. In questo modo potrai utilizzare qualsiasi pad per la ricarica wireless che sia disponibile in commercio, in attesa che Air Power – la dock station per caricare insieme smartphone e smartwatch – sia finalmente disponibile.

Fotocamera

Oltre al display, l’altra grande differenza rispetto ad iPhone XS e XS Max è nella fotocamera. Su iPhone XR c’è una sola camera posteriore da 12 megapixel con lente grandangolare e apertura f/1.8 ma è lo stesso sensore principale degli altri due telefoni. Quindi, anche qui, garantisce una messa a fuoco più veloce, mentre i pixel più larghi e profondi migliorano la fedeltà dell’immagine e la resa con poca luce nelle foto e nei video.

I miglioramenti al processore ISP, al Neural Engine e agli algoritmi software permettono di realizzare ritratti con uno splendido effetto bokeh. La tecnologia Smart HDR definisce ulteriormente gli effetti di luce e ombra nelle foto. Grazie al nuovo Controllo profondità, gli utenti possono regolare la profondità di campo durante e dopo lo scatto per creare ritratti mozzafiato con un bellissimo effetto bokeh. I selfie saranno ancora più belli grazie alla modalità Ritratto migliorata per la fotocamera frontale TrueDepth e alla modalità Illuminazione ritratto che permette di giocare con la luce come in un vero studio fotografico.

Multimedia

Buono il doppio speaker audio che deve riuscire a far dimenticare il jack audio dalla testa degli utenti. Se non c’è stato il paventato passaggio alla porta USB Type-C, è comunque ancora l’ingresso Lightning l’unica porta per collegare i tuoi auricolari – a meno che tu non voglia sfruttare il modulo Bluetooth 5.0 – e dovrai dire addio anche all’adattatore Lightning – jack da 3,5 mm in confezione.

Completano la dotazione multimediale, la connettività Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, il chip NFC e il modulo LTE Advanced che garantisce elevate velocità di download. La grande novità è l’introduzione della modalità dual-SIM attraverso l’uso di una nano-SIM e una eSIM digitale – che però non arriverà fin da subito in Italia.

Apple ha annunciato che iPhone XR dovrebbe essere disponibile dal 26 ottobre ad un prezzo di listino che parte da 889€.

12 settembre 2018
Come si chiamerà lo smartphone economico di Apple?

iPhone XR rumors

Apple presenterà tre nuovi smartphone nel corso del keynote autunnale in programma il 12 settembre. Ma, al contrario dello scorso anno, nel 2018 ci sarà il passaggio di tutta la line-up al design a tutto schermo (notch compreso) con due modelli destinati a prendere il testimone di iPhone X – probabilmente si chiameranno XS e XS Plus – e un terzo modello che punta invece ad essere una via di mezzo tra questi e il “vecchio” iPhone 8.

Un modello più economico che verrà privato delle caratteristiche più costose dei nuovi iPhone ma che resterà comunque uno smartphone con l’anima e le prestazioni premium. Per questo dovrebbe avere una dimensione contenuta (intorno ai 5,7 pollici), non monterà il display OLED – probabilmente il componente che costa di più ad Apple in assoluto – e avrà una singola fotocamera posteriore. Per il resto non dovrebbe essere molto diverso dagli altri due modelli: stesso processore (il nuovo A12 Bionic?) e stesso design, ma con più colorazioni della scocca – ben 6: bianco, nero, blu, giallo, corallo e rosso almeno stando alle ultime indiscrezioni raccolte in Rete.

Vedremo se saranno confermate la ricarica wireless, la dotazione fotografica, la certificazione di impermeabilità e la presenza di una fantomatica modalità Dual SIM che testimonierebbe l’ingresso della Mela nell’ambito di un supporto fino ad ora rifiutato a priori dalle parti di Cupertino.

23 agosto 2018