Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa

Scopriamo meglio Injustice 2 alla Gamescom 2016

di Federico Parraviciniaggiornato il 17 agosto 2016

Torna anche alla Gamescom 2016 Injustice 2, seguito del picchiaduro frenetico dedicato ai grandi eroi della DC Comics. Dopo la presentazione di qualche settimana fa a Los Angeles, è giunto finalmente il momento di provare con mano le nuove rocambolesche sfide tra supereroi e nemesi.

La natura stessa di Injustice 2 non si avvicina molto ai picchiaduro più tecnici come Street Fighter o Virtua Fighter, ma cerca di dare maggior risalto all’immediatezza e, soprattutto, alla spettacolarità. Permettendoci di impersonare i grandi supereroi firmati DC, come Superman, Batman, Aquaman, Wonder Woman e tanti altri tra eroi e nemici, il titolo mette subito in luce le sue meccaniche decisamente cinematografiche. Con mosse, contrattacchi e finisher davvero epiche, ogni eroe sarà caratterizzato da alcune abilità specifiche che potrà sfruttare in diversi modi all’interno delle arene. Sarà possibile, ad esempio, effettuare degli spostamenti rapidi tra diverse arene all’interno dello stesso combattimento.

L’interazione con l’ambiente di gioco non si limita a questo, ma incorpora anche diversi oggetti presenti nelle arene da utilizzare per delle mosse immediate. Nei panni di Harley Quinn, ad esempio, abbiamo raccolto dei barili esplosivi dallo sfondo della mappa per lanciarli contro il nostro nemico. Queste possibilità si estendono a tante altre cose nelle diverse mappe, dalle insegne del cinema di Gotham City su cui potremi scagliare i nostri avversari, fino alle acque di Atlantide per sommergere in batter d’occhio tutti i nemici.

Se, tuttavia, le meccaniche di base appaiono invariate dal punto di vista del puro gameplay, le novità più grandi le abbiamo riscontrate nel sistema di potenziamento dei diversi personaggi. Avvicinandosi alle dinamiche proprie dei giochi di ruolo, ogni personaggio partirà da un livello base e sarà nostro compito potenziarlo e aumentare le diverse statistiche di attacco e difesa. L’aspetto più interessante di questa nuova meccanica è senza dubbio quello legato al loot: al termine di ogni sfida riceveremo degli equipaggiamenti speciali che potremo utilizzare negli scontri successivi, fino ad un massimo di 1000 oggetti. Il risultato è, naturalmente, maggiore spettacolarità nell’utilizzo di nuove, devastanti combinazioni, che ci faranno vivere ogni combattimento esattamente come dalle pagine di un fumetto vero e proprio.

Rimane l’incognita più grande, vale a dire come questi equipaggiamenti speciali influenzeranno il bilanciamento degli eroi disponibili nel roster. Se prendessimo ad esempio un eroe come Batman, con i suoi mille e più gadget, il rischio è che, ancora una volta dopo il primo capitolo, ci troveremo ad affrontare degli scontri decisamente sbilanciati. Speriamo che il nuovo sistema di livellamento ponga fine alla questione.

Injustice 2, dunque, sembra ereditare buona parte del lavoro effettuato nel primo capitolo, nel tentativo di restituire le atmosfere dei fumetti DC Comics in un prodotto videoludico spettacolare, immediato e che potrà fare gola ad ogni appassionato di questi celebri supereroi. Le novità non mancano e non vediamo l’ora di provarle nella loro versione definitiva.

Il lancio di Injustice 2, infine, è fissato nel prossimo 2017 su PlayStation 4 e Xbox One.